17 feb 2016

Ztl, ecco chi pagherà e chi potrà entrare


E’ stato presentatato oggi durante la conferenza stampa a Palazzo delle Aquile, il disciplinare tecnico che regolamenterà l’attuazione delle ztl in città.

Provvedimento che è stato approvato lo scorso dicembre dal Consiglio Comunale assieme al contratto di servizio Amat, anche se ad onor del vero le ztl erano già state “deliberate” a ottobre 2013 a maggioranza bulgara dall’intero Consiglio Comunale tramite il Piano Generale del Traffico Urbano.

Sarà esente dalla ZTL l’ospedale dei bambini che sarà raggiungibile sia da Via E. Basile sia da Corso Tukory che si trova proprio al perimetro della Zona a Traffico Limitato.

Verrà predisposto un apposito corridoio interno alla ztl centrale e che consentirà di percorrerlo senza pass, al fine di facilitare il raggiungimento dei parcheggi Tribubale, Ungheria, Spinuzza, Porto.

Rispetto al provvedimento originale, le limitazioni al traffico potrebbero interessare anche le auto euro 3.

La previsione è quella di limitare l’accesso ad almeno 100 mila autoveicoli dato che attualmente, il traffico in entrata nella ztl rappresenta il 30% dell’intero parco auto circolante in città.

Il provvedimento non sarà valido né il sabato (dalle 13 in poi) né la domenica e all’attivazione della ztl, verrà abrogato il provvedimento sulle targhe alterne, tutt’ora in vigore, anche se non rispettato da gran parte della cittadinanza.

I disabili saranno ammessi ad entrare purché la loro auto venga registrata in un apposita “lista bianca”, bisognerà comunicare in anticipo il numero di targa dei veicoli.

I bus extraurbani sono invitati a non entrare nella ztl e dovranno seguire degli appositi percorsi, ma pagando sarà permesso il loro transito fino ad un massimo di dieci mezzi per ogni ditta, sarà una loro scelta se percorrere il centro città o passare dal mare.

Attivazione entro marzo, sarà l’Amat che comunicherà modalità di rilascio pass.
Non c è ancora una data certa, ma ribadiscono entro fine marzo.
Sarà possibile pagare online con possibilità di spedizione pass al domicilio sempre a cura di amat che sarà responsabile del rilascio.
Si sta definendo un accordo con Poste per rilascio elettronico dei pass

I veicoli elettrici dovranno essere necessariamente iscritti alla lista bianca, altrimenti saranno passibili di multa, mentre quelli ibridi elettrici, a gas e a metano pagheranno 50 euro l’anno. Sono esclusi i mezzi Euro 0, 1 e 2.

Il Pass zone blu sarà gratuito per i residenti e sarà compreso l’utilizzo di una linea amat gratuita (eccetto il 101)

La ZTL sarà attiva dalle 08 alle 20 con una fascia oraria di libero transito all’interno della ZTL dalle 14.30 alle 15.30 per tutti i veicoli compresi i non ammessi. Una sorta di compromesso per limitare i disagi.

Verra istituita una navetta gratuita per tutti e che girerà per tutto il centro storico che incrocerà per 2 volte il percorso del 101

E’ possibile richiedere un pass anche per titolati di autofficine e b&b nella misura massima delle stanze che hanno disponibili

Ecco il disciplinare che regola la ZTL: Discliplinare ZTL


amatcomune di palermomobilitaPiano urbano trafficoSegnalatiZTL

20 commenti per “Ztl, ecco chi pagherà e chi potrà entrare
  • Guarino1 175
    17 feb 2016 alle 13:16

    “I bus extraurbani sono INVITATI a non entrare nella ztl e dovranno seguire degli appositi percorsi, ma pagando sarà permesso il loro transito fino ad un massimo di dieci mezzi per ogni ditta”.
    Siamo ad una commedia? Che razza di decisione è?

    • Fabio Nicolosi 48064
      17 feb 2016 alle 15:15

      Assurdo, ma questo è stato detto in conferenza stampa e questo riportiamo.
      Inizialmente non dovevano entrare, ma sicuramente si saranno opposti e quindi hanno acconsentito al transito versando tanti soldi al comune che ringrazia

  • fabio77 632
    17 feb 2016 alle 13:32

    Io penso che l’assurdo abbia raggiunto l’abisso. La giunta mesi fa approva il piano dei bus extraurbani, stabilendo che gli stessi non possono più entrare all’interno delle ztl. Si veda al riguardo l’allegato comunicato stampa del Comune del 16 novembre 2015 ove, fra le altre cose, a chiare lettere è scritto: “per i bus extra-urbani … sarà interdetto l’accesso all’interno dell’area delimitata come Zona a Traffico Limitata (ZTL) nel PGTU”.
    Oggi viene fuori che PAGANDO gli autobus possono entrare nelle ztl, fino a dieci mezzi per ditta!!!!
    E la validità del piano dei bus extraurbani che fine ha fatto?
    E lo spostamento degli autobus da via Balsamo, DOVE ANCORA OGGI STAZIONANO, al parcheggio Basile che fine ha fatto?
    Senza parole.

  • renard 204
    17 feb 2016 alle 15:50

    Almeno finché non riapre la linea fino all’aeroporto, mi sembra giusto che gli autobus per Punta Raisi passino dal centro.

    • fabio77 632
      17 feb 2016 alle 16:52

      Prestia e Comande’ era già autorizzato. Ora sono tutti gli altri che possono passare, PAGANDO!!!

  • La Maglia Rosanero 53
    17 feb 2016 alle 16:59

    é stato ribadito più volte ma, questo essendo una sorta di articolo “ufficiale” delle caratteristiche delle ZTL , non leggo se i ciclomotori hanno libero accesso….
    Grazie

  • Lio Settantasei 171
    17 feb 2016 alle 17:16

    ho letto che i residenti che nn pagano nn poranno tenere neppure l’auto posteggiata su suolo pubblico pena multa x mancato pass, cioè se uno pensa “vabbè uso l’auto solo la sera e nei fine settimana” nn piò deve pagare lo stesso!!! abbonamento x gli autobus compreso nel pass ma nn x il 101 (che è il bus che attraversa la ZTL) del genere ti aggiungo un servizio ma nn completamente, c’è anche una sfilza di vessazioni varie x le ditte che lavorano dentro la ZTL che porterà solo a un risultato o ti trasferisci o chiudi, questa ZTL è una insieme infinito di assurdità!!!

    • peppe2994 2698
      17 feb 2016 alle 23:20

      Questo deve ancora essere valutato, perché in caso di ricorso sarebbe vinto a tavolino dai cittadini.

  • rainon69 28
    17 feb 2016 alle 17:19

    l’orario a pausa pranzo potrebbero modificarlo ulteriormente dalle 13.30 alle 15.30, non ha senso dalle 14.30, chi esce alle 13 dal lavoro e ritorna alle 16, non potrà mai tornare a casa a pranzo

  • augustedupin 73
    17 feb 2016 alle 17:52

    Gli autobus extraurbani sono euro 5 o euro 6, ben altra cosa rispetto a certi mezzi Amat o Ast. Ma si capisce, loro sono “privati”, capitalisti. Il fatto che svolgano un servizio pubblico, trasportando ogni giorno migliaia di persone dalla provincia, non conta.

    • fabio77 632
      17 feb 2016 alle 18:39

      Il problema non sono gli autobus e le ditte che li gestiscono, ma riguarda l’applicazione del piano dei bus extraurbani, che continua a essere carta straccia, con conseguente credibilità dell’Amministrazione comunale finita – per questo caso specifico – sotto la suola delle scarpe.

  • moscerino 245
    17 feb 2016 alle 21:04

    n effetti mimancava dover cercare di sapere dove iscrivere UN SOLO MEZZO per trasportare mio figlio che è disabile, ma …. (puntini dove potete mettere tutte le parolacce e imprecazioni che vi passano per la testa) i signori hanno una vaga idea di quello che passiamo noi per trasportare mio figlio fra le varie residenze terapiche, mi devo anche cercare io dove a chi portare copia in autodichiarazione del pass disabili, con copia del document di un minore, copia documentale dell’auto che lo trasporta CHE NON SEMPRE E’ LA STESSA PER ORGANIZZAZIONE FAMILIARE, con assicurazione e revisioni fatte (altri puntini di sospensione) …. ma nell’era tecnologica in cui viviamo collegarsi con i dati della motorizzazione è così difficile, collegarsi con i dati aggiornati INPS è come raggiungere la luna. Signori consiglieri vi auguro di passare quello che passo io con mio figlio!!!!!!!!!!!

  • peppe2994 2698
    17 feb 2016 alle 23:25

    Il provvedimento è al limite del ridicolo.
    -Autolinee private in centro? Hanno sbattuto la testa, molto forte.
    -ZTL libera un’ora per tutti? E se uno transita alle 14:31? Prevedo ricorsi e casini vari
    -Discriminazione diversamente abili. Una sola auto registrabile non ha senso, a maggior ragione se parliamo di un disabile che non può guidare e quindi gioco forza deve transitare sempre con macchine diverse, di chi in quel momento lo accompagna.

    E’ un provvedimento imbarazzante, e non si fa menzione delle telecamere…

  • Enrico57 108
    18 feb 2016 alle 6:41

    Il tutto è veramente troppo cervellotico. Le esperienze del passato fanno temere come andrà a finire: incassati i soldi dei pass, nessuno controllerà più niente (come per le targhe alterne), le telecamere, se ci saranno, non funzioneranno , e “vivranno tutti felici e contenti”.

  • monchey 89
    18 feb 2016 alle 9:03

    DIRE AUTO A GAS E A METANO equivale a dire la stessa cosa! Il metano è un gas (non derivato dal petrolio), ma è pure gas il GPL (derivato dal petrolio). Quindi le auto a gas sono: GPL e Metano. Mi pare assurdo che le auto alimentate con carburanti alternativi siano soggetti al pagamento del Pass (anche se in misura ridotta).

  • byron 6
    18 feb 2016 alle 11:22

    Il metano è un gas naturale, il GPL no. Ragazzi -Ne Sabato ne Domenica- va indicato l’accento grafico in ne per distinguerlo dal pronome o dall’avverbio: ci troviamo di fronte, in questo caso, a una congiunzione copulativa che significa non. I nomi delle settimane vanno riportati in minuscolo, come i mesi. Mi fermo qui: a ogni modo, fate un buon lavoro e occhio a grammatica e sintassi.

  • Orazio 610
    20 feb 2016 alle 16:04

    Personalmente trovo insnsate tutte le deroghe che si stanno apportando, sia in termini di fascie orarie, sia in termini di corridoi.

    Se ZTL deve essere, ZTL sia.

  • gnazzino70 72
    20 feb 2016 alle 20:52

    Signori, se siete contrari alla ZTL intanto fate come me, non pagate; per quanto riguarda i residenti invece spero tanto che vincano il ricorso


Lascia un Commento