09 apr 2021

Traffico, nuove limitazioni veicolari sul ponte Oreto-Stazione


Palermo – Il servizio Mobilità urbana ha emanato dei provvedimenti inerenti alla circolazione ul ponte Oreto-Stazione e disposti dall’Amministrazione dopo il sopralluogo tecnico avvenuto stamani ed a seguito del quale lunedì sarà stabilito un primo calendario di lavoro.

Nel dettaglio, con l’Ordinanza dirigenziale n.343 del 9/4/2021 si dispone la revoca dell’O.S. n. 4013 del 07/12/1996 (con la quale era stato già istituito il divieto di transito ai veicoli di peso superiori a 24 tonnellate nell’intero tratto del Ponte Oreto); inoltre,  vengono disposti il divieto di transito per i soli veicoli di massa superiore a 35 quintali e la chiusura al transito pedonale di entrambi i marciapiedi esistenti.

Vengono istituiti, altresì, il divieto di sorpasso ed il limite di velocità a 30 chilometri orari ed è disposta, infine, la realizzazione di un percorso pedonale protetto di m. 1,20 di larghezza nonché l’apposizione di segnaletica di preavviso da posizionare: prima dell’intersezione con via Guadagna, per i mezzi provenienti dalla A/19 e dalla Stazione Centrale; nelle vie Bergamo, Manfredi Luigi e via Stazzone, in mezzi con peso superiore a 35 quintali avranno l’obbligo di svolta a sinistra, in direzione stazione Centrale.

L’ordinanza entrerà in vigore dopo che l’Amat avrà apposto la relativa segnaletica.

 

Come abbiamo avuto modo di evidenziare alcune settimane fa, appare sempre più improcrastinabile la realizzazione di un nuovo attraversamento sull’Oreto fra piazza Scaffa e Ponte Corleone.

Un senso unico alternato, regolato da semaforo, presso il ponte Guadagna potrebbe alleggerire il traffico lungo l’asse di via Oreto.

 


amatmanutenzione pontiponte oretoSegnalativia oreto

3 commenti per “Traffico, nuove limitazioni veicolari sul ponte Oreto-Stazione
  • loggico 590
    09 apr 2021 alle 19:40

    A me non stupisce che il ponte usato da migliaia di palermitani e che da 18 anni é in condizioni precarie non viene curato…

    Questa si chiama coerenza

  • belfagor 896
    10 apr 2021 alle 5:44

    Il servizio Mobilità urbana racconta una storia non vera.
    Il provvedimento è stato preso dopo una relazione preoccupante dei tecnici comunali.
    I tecnici avrebbero consigliato addirittura la CHIUSURA TOTALE del ponte.
    Nell’ultimo sopraluogo l’assessore “all’ immobilità”, come scrive l’associazione ESC, non ha partecipato facendo dire alla sua segretaria che aveva ……“pregressi impegni” ( sob!!!!)
    Dopo la riduzione del transito al ponte Corleone, l’impossibilità di passaggio di mezzi pesanti sul ponte in via Messina Marine, i lavori infiniti in via Roma, i lavori mai iniziati nel sottopassaggio di via Crispi ,la chiusura di viale Regione all’altezza di via Principe di Paternò ecc.ecc. ormai Palermo e la Sicilia ….. sono tagliati in due”.
    Non possono transitare ne autobus ne ….pedoni
    I percorsi alternativi sono quasi inesistenti.
    L’ipotesi di utilizzare il cosi detto“ ponte della Guadagna” in senso unico alternato, regolato da semaforo è impraticabile ( tra l’altro la strada, tanto per cambiare, è parzialmente interrotta).
    il capogruppo di Italia Viva, Dario Chinnici ha dichiarato:
    “Un disastro annunciato e ampiamente evitabile, di cui questa amministrazione dovrà rendere conto alla città”.
    Ora Chinnici tragga le conseguenze e ritiri l’appoggio a questa maggioranza e chieda le dimissioni del sindaco, dell’assessore Catania e dell’assessora Prestiigiacomo per……evidente e conclamata incapacità ad amministrare la città.
    E la prefettura , invece di far togliere le fioriere che i cittadini realizzano al posto delle discariche dell’immondizia, chieda al Governo il………… commissariamento della città.

  • peppe2994 3583
    15 apr 2021 alle 18:49

    Ed ovviamente hanno deviato anche i bus, quindi via Oreto resta senza autobus.
    Tutto normale…

    Quand’è così qui come altrove, ci vorrebbe un bel crollo, di notte, senza che nessuno si faccia male. Pare non esistere altro modo affinché i progetti possano iniziare.


Lascia un Commento