11 nov 2020

PUMS | Il Ministero dell’Infrastrutture e Trasporti da il via libera al Piano Urbano della Mobilità Sostenibile


A fine Maggio era uscito, su una testata locale, un articolo titolato: Il Ministero delle Infrastrutture boccia il Pums, a rischio i finanziamenti per Palermo.

Non si era fatta attendere la replica dell’assessore alla mobilità Giusto Catania:

Quante bugie sul PUMS!!! Nessuna bocciatura da parte del Ministero, come qualcuno tenta di raccontare in queste ore. Evidentemente si confondono i propri desideri con la realtà dei fatti.
La giunta comunale ha integrato, qualche giorno fa, il PUMS con il piano di monitoraggio e i relativi indicatori; il quadro conoscitivo del Trasporto pubblico ed ha avviato la fase partecipativa del monitoraggio, mettendo sul sito istituzionale un questionario di consultazione.

Riportiamo il comunicato stampa del Comune di Palermo che rimuove ogni dubbio sul PUMS e sul superamento della soglia minima

Il Ministero dell’Infrastrutture e Trasporti ha trasmesso la seconda valutazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) della città di Palermo. Il monitoraggio sancisce che la pianificazione della città di Palermo ha già superato la soglia della conformità minima,
attestandosi al 2,47% e superando l’asticella in ben 5/6 degli criteri che contribuiscono al raggiungimento del risultato finale.

Per il sindaco Leoluca Orlando, “Si conferma che il lavoro svolto dalla Giunta e dagli Uffici è stato corretto, così come si conferma che molte polemiche dei mesi scorsi erano del tutto infondate e strumentali. Prosegue il nostro lavoro per dotare Palermo di strumenti
di programmazione moderni ed efficaci perché la città possa essere più sostenibile, a partire proprio dal mobilità che ha un così grande rilievo sulla vivibilità”.

Mentre l’assessore alla Mobilità, Giusto Catania, sottolinea che l’approvazione del Piano “È un riconoscimento al lavoro fatto dai tecnici dell’amministrazione comunale ed inoltre vengono sconfessati tutti i profeti di sventura che avevano scommesso sul fallimento del PUMS, con la consequenziale perdita dei finanziamenti pubblici per le infrastrutture sulla mobilità. Gli uffici della mobilità urbana continueranno ad aggiornare i dati con l’obiettivo di intervenire sulle aree del PUMS che potrebbero ancora essere soggette a miglioramenti. Il Pums è un piano strategico per la città e contribuirà al raggiungimento di obiettivi fondamentali per migliorare la mobilità urbana e della qualità dell’aria.”

Manca, adesso, l’ultimo passaggio: la Valutazione Strategica Ambientale (VAS), calendarizzata per la prossima in Commissione regionale, e il PUMS sarà inviato al Consiglio comunale per la sua approvazione definitiva, nel pieno rispetto dei tempi previsti dal Decreto Ministeriale.

Si allega la comunicazione del Ministero


comune palermogiusto cataniamobilita palermopiano urbano mobilita sostenibilepumsSegnalati

10 commenti per “PUMS | Il Ministero dell’Infrastrutture e Trasporti da il via libera al Piano Urbano della Mobilità Sostenibile
  • Orazio 1534
    11 nov 2020 alle 15:10

    Non vi era alcun dubbio, ad onta di quelli che Antony ha definito politici tafazzi. Per Ferrandelli e Spallitta é l’ennesima sconfitta. Per qualche commentatore tafazzo pure. Per Palermo una vittoria. A firma Orlando e Catania.

  • loggico 530
    11 nov 2020 alle 20:39

    mio nonno prendeva il tram…
    cose obsolete, altro che vittoria!!
    dove c’è il.tram ci sono sempre ingorghi, viale regione siciliana rovinata, non parliamo di via leonardo da vinci..

    invece di andare avanti andiamo indietro..
    resisti palermo!!

  • punteruolorosso 2575
    11 nov 2020 alle 21:03

    e quali linee del tram?
    fra l’altro dovrebbero spicciarsi, alla gara non s’è presentato nessuno. se i lavori non cominciano prima della prossima sindacatura, non cominceranno mai

  • friz 1342
    11 nov 2020 alle 23:48

    Qualcuno potrebbe dire “Wow, che bello! Orlando e giusto catania sono fortunati!”… no… non sono fortunati… ed ora vi spiego il motivo…
    Per il governo centrale (mi riferisco al governo di Roma) non cambia molto se si finanzia un progetto o un’altro progetto… per loro è uguale… a Torino hanno chiesto una metropolitana automatica ed avranno quella… a Catania hanno chiesto un’ampliamento della metropolitana, ed avranno quello… a Roma hanno chiesto un’ampliamento della Metropolitana, e anche a Roma avranno quello… a Milano hanno chiesto un’ampliamento della metropolitana, ed avranno quello…. a Napoli hanno chiesto soldi per la metropolitana, ed avranno quello…. a Palermo avremmo potuto chiedere per via Roma e per via Libertà la metropolitana automatica, ma dopo 8 anni non c’era un progetto definitivo, ed alla fine a Palermo Orlando e company si sono accontentati di chiedere il tram per via Roma e via Liberta… quindi…
    …orlando e giusto catania non sono fortunati, sono stupidi, sono fessi…. hanno dimenticato di chiedere la cosa più importante, ovvero la metropolitana che sarebbe dovuta passare sotto via Roma e via Libertà… perchè… perchè giustamente in 8 anni non hanno avuto il tempo di creare un progetto definitivo per la metropolitana… perchè loro pensavano solo alle briciole, cioè pensavano solo al tram…. ripeto…
    No, non sono fortunati… e non sono neanche cattivi… sono fessi….
    P.S. Quando per una società di trasporto pubblico si decide se finanziare un progetto o un’altro, si valutano soprattutto i costi di gestione, presenti e futuri…. attualmente, l’Amat, per colpa del Tram, rischia di fallire ogni anno…. aggiungendo altre linee tram sarà sempre più improbabile che in futuro verrà ripresa e finanziata la linea della metropolitana automatica…. e questo non lo dico io, lo dicono la razionalità, la matematica e l’economia… questo lo dice e lo comprenderebbe chiunque…
    P.S2 Palermo, dopo essere stata governata per decenni in maniera ridicola e folle, avrebbe bisogni di milioni di investimenti pubblici, in ogni settore…. l’ultima cosa di cui avrebbe bisogno è il tram…. a mio avviso una linea tram in più basterebbe ed avanzerebbe, ad esempio sarebbe utile il prolungamento del tram fino all’università, per il resto lascerei perdere la lentezza del tram e punterei piuttosto sulla velocità della Metropolitana……. in fondo il concetto è semplice, visti gli altissimi costi di gestione del tram, e visto che non mi sembra il caso di portare al fallimento l’Amat, sarebbe meglio lasciar perdere…. sarebbe molto più razionale invece cercare di iniziare ad investire sulla metropolitana… e non mi riferisco all’anelletto ferroviario a binario unico…. mi riferisco a quella linea della metropolitana che in teoria avrebbe dovuto unire Mondello ad Altavilla, passando per via Roma e via Libertà…
    P.S3 ….storicamente parlando questo sarebbe stato il momento propizio per farsi finanziare la metropolitana, infatti, grazie ai soldi del recovery found, non sarebbe stato difficile….. ma purtroppo al governo della nostra amata Palermo abbiamo giusto catania orlando arcuri…. ecc….
    P.S4 No… non sono fortunati… sono stupidi….

    • matteo O. 187
      12 nov 2020 alle 9:49

      Concordo pienamente! Se non ora quando? Era il momento perfetto per far finanziare la metropolitana. Gli unici 2 interventi fondamentali sul tram sono il prolungamento fino all’università e fino alla stazione centrale, in modo da creare un’unica linea, aumentando certamente l’utenza e rendendolo più appetibile

      • danyel 717
        12 nov 2020 alle 16:48

        Non sono capaci e non sono interessati .. ormai Orlando ha pochi mesi di mandato … Bisogna aspettare il prossimo sindaco per cominciare a riparlarne …


Lascia un Commento