30 apr 2020

La corsia ciclabile di viale Del Fante perde pezzi


Ebbene si, avete letto bene: la corsia ciclabile di viale Del Fante perde pezzi.

Installata nell’estate 2017, appena 3 anni fa, la corsia è stata al centro di grandi polemiche.
Oggi però, tramite le foto che ci sono state inviate da Marco B. vogliamo segnalare i problemi che la stessa presenta.

Non sappiamo i motivi, ma sembra che il cordolo di delimitazione tra la corsia e la porzione di strada destinata agli autoveicoli abbia ceduto o per meglio definire si siano “svitati”.

Potrebbero non essere un problema se dovessero rimanere più o meno nella loro posizione come nella foto di copertina, diverso é il caso della foto sotto, dove dopo essersi staccati sono stati spostati quasi al centro della corsia mettendo a repentaglio l’incolumità di chi vi transita.

Non sappiamo se si tratta di atti vandalici o di un sistema di fissaggio poco adeguato, ma occorre porre rimedio per evitare che qualcuno si possa fare male cadendo rovinosamente.

95417841_164807621546745_8569824374004121600_n


Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:

 Sito internet: http://palermo.mobilita.org
 Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/
 Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/
 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA
 Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo
 Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/


comune di palermomobilità sostenibilepalermo ciclabilepista ciclabile viale del fantepiste ciclabili palermospazi pubblici

9 commenti per “La corsia ciclabile di viale Del Fante perde pezzi
  • punteruolorosso 2475
    30 apr 2020 alle 9:08

    le piste di plastica sono brutte. secondo me andrebbero fatte sui marciapiedi allargati, e andrebbe tolto il parcheggio. tutti i palazzi della zona hanno i loro box, quindi i residenti possono posteggiare nel proprio palazzo.

  • sicciaroto 46
    30 apr 2020 alle 14:39

    Facendo riferimento al commento di punteruolorosso,vorrei aggiungere che la città di Palermo,nel corso dei decenni si è sempre “distinta” per il fatto che quasi tutti gli edifici residenziali sono stati costruiti vicinissimi gli uni agli altri,senza spazi verdi, senza prevedere posteggi per le automobili dei residenti e, soprattutto ,senza box.
    O, per meglio dire, i box sono sempre stati destinati ad attività commerciali o artigianali o utilizzati come depositi e mai per ricoverare le automobili che vengono lasciate,allegramente , sulla strada pubblica.
    Tutto ciò in barba alla normativa che prevede che ,per ogni nuovo appartamento che si costruisce, deve essere costituito, davanti al notaio o al segretario comunale, un vincolo a parcheggio riservando uno spazio adeguato per la macchina del proprietario dell’appartamento.
    Questa normativa in molti comuni viene applicata, ve lo assicuro per esperienza diretta .
    A Palermo MAI.

    • Irexia 896
      30 apr 2020 alle 16:35

      Esiste in Italia questa norma? Sapevo fosse in Giappone! È legge nazionale, potresti indicarmi gli estremi? Grazie :)

      • sicciaroto 46
        30 apr 2020 alle 19:06

        Il vincolo a parcheggio è stato introdotto dalla legge n. 765 del 6 agosto 1967 la quale ha stabilito che, a partire dal 1° settembre dello stesso anno , nella costruzione di nuovi edifici dovevano essere obbligatoriamente riservati appositi spazi da destinare a parcheggio nella misura di almeno un metro quadrato ogni dieci metri cubi di costruzione.
        Questi parcheggi ,infatti,vennero definiti “obbligatori”.
        Il periodo temporale è proprio quello degli anni sessanta…quelli durante i quali si è perpetrato il c.d. “sacco di Palermo”!!

    • Orazio 1468
      30 apr 2020 alle 19:51

      Non credo che questo Ufficio abbia competenza per le manutenzioni. Qui basta una squadra di manutentori e in un’ora è tutto fatto.


Lascia un Commento