06 apr 2016

ZTL | Il Tar accoglie il ricorso, SOSPESA la ZTL


I giudici della Terza Sezione del Tar di Palermo, presieduta da Giovanni Tulumello, (relatore Maria Lucia Brancatelli, consigliere Aurora Lenzo) hanno sospeso il provvedimento del Comune sulla Zona a Traffico Limitato.

Il ricorso era stato presentato da 200 cittadini e promosso dalle associazioni Bispensiero e Vivocivile per chiedere l’annullamento dei provvedimenti sulla Ztl.

La tanto attesa decisione del Tar sulle due grandi zone a traffico limitato della città è arrivata.

La decisione di merito verrà discussa il 6 novembre prossimo. In questa data infatti sarà definitivamente deciso se i cittadini andranno rimborsati.

Ecco alcuni motivi della sospensione:

- illogica la scelta di introdurre contestualmente le due ZTL 1 e 2, – si legge nell’ordinanza – dove nel Piano generale del traffico era prevista l’implementazione progressiva di tali zone (in particolare, quanto alla ZTL2, se ne subordinava la sua attivazione al “consolidamento dell’assetto del sistema di trasporto pubblico urbano”)”.

- non è dimostrata la necessità di introdurre il sistema di tariffazione per il raggiungimento degli obiettivi Piano del traffico visto che “si possono curare le esigenze di controllo della circolazione e di tutela ambientale – prosegue l’ordinanza – con misure limitative della circolazione prive di carattere oneroso”.

- l’insussistenza di concrete misure di potenziamento del trasporto pubblico – aggiungono i giudici – tali da compensare il prevedibile aumento del fabbisogno di ricorso a mezzi alternativi di spostamento.

- i princìpi, in tema di priorità della tutela della qualità dell’aria, non appaiono garantiti dal provvedimento impugnato che in argomento appare contraddittorio ed illogico, nella parte in cui, pur giustificando l’esercizio del potere con finalità di tutela ambientale, privilegia tuttavia il disincentivo di natura economica (dal quale peraltro esclude tutti i motoveicoli), e la corrispondente entrata per l’ente, rispetto a forme di limitazione più efficaci sotto il profilo del contenimento delle emissioni, e prive di onere economico per i cittadini.

Ecco il comunicato stampa del comune:
“In attesa che la rituale pubblicazione e comunicazione ai legali del Comune permetta di leggere le motivazioni dell’odierno provvedimento del TAR, non possiamo che confermare che resta immutata la volontà politica dell’Amministrazione comunale di portare avanti interventi e provvedimenti per la mobilità sostenibile e la vibilità di Palermo, attraverso il miglioramento del servizio pubblico e la lotta all’inquinamento con tutti gli strumenti possibili”. Lo ha detto il sindaco Leoluca Orlando.”

Ecco l’ordinanza:

Seguono Aggiornamenti


amatcomune di palermopass ztlSegnalatitar siciliatrafficoZTL

46 commenti per “ZTL | Il Tar accoglie il ricorso, SOSPESA la ZTL

Comment navigation

  • r302 197
    06 apr 2016 alle 15:57

    Sospeso non vuol dire accolto, vuol dire che in attesa della decisione il TAR ha ritenuto che l’esecuzione del provvedimento impugnato possa arrecare danno ai ricorrenti. Quando è stata fissata l’udienza per la decisione nel merito?

      • PIETRO95 11
        06 apr 2016 alle 16:08

        In realtà il provvedimento è si sospeso ma fino al 6 NOVEMBRE, giorno in cui ci sarà la l’udienza vera e propria, almeno secondo quanto dice la Repubblica online…

  • peppe2994 3594
    06 apr 2016 alle 16:12

    Non è il caso di fare i raffinati. 8 mesi di rinvio significa un fallimento totale. Un disastro economico e tutta la regolamentazione ed i documenti da rivedere.

    Io sono contentissimo, perché al comune la devono smettere di fare le cose a cavolo. Non dimentico quella sottospecie di contratto di servizio osceno dell’AMAT approvato a Natale senza neanche l’odore del piano industriale.

    Lo stesso discorso vale per la ZTL approvata in barba a qualsivoglia regola burocratica e senza la minima organizzazione amministrativa.

    Ora ci sarà da ridere e piangere. AMAT in profondo rosso e cittadini che rischiano di non essere rimborsati.

    Troppo facile paventare riduzione dell’inquinamento colpendo le tasche dei contribuenti. Che raddoppino Ponte Corleone e sopprimano i semafori, quello sì che dimezzerebbe l’inquinamento.

    • fabio77 769
      06 apr 2016 alle 16:56

      Concordo pienamente. Oggi si è consumata una vera e propria Caporetto per l’attuale amministrazione.

  • Fulippo1 1358
    06 apr 2016 alle 17:28

    Sono d’accordo con molti punti. La ztl2 secondo me adesso, aveva molto poco senso.
    Si sarebbe dovuto puntare solamente sulla Ztl1, magari allungandola un pò fino al politeama e basta, attuare i sistemi di controllo per tempo, avere un serio piano di investimenti per il trasporto pubblico, insomma fare le cose a modo.

    Adesso l’unica cosa ottenuta, è la perdita di una occasione per salvaguardare la salute e la vivibilità di noi tutti. Chissà quanto tempo bisognerà adesso aspettare per vedere finalmente un centro storico vivibile.
    A questo punto anche io sono per le dimissioni, dei responsabili “tecnici”, che hanno permesso questo genere di speculazioni di pseudoassociazioni politicanti. Un provvedimento del genere doveva essere stilato in maniera perfetta.

  • Giuseppe Palazzolo 5
    06 apr 2016 alle 17:48

    Ho acquistato il pass e ora chi e quando mi rimborsersà ? L’abbonamento alla linea Amat annuale non sarà più valido ? Capisco che è troppo presto per le risposte,ma i cittadini che hanno rispettato l’ordinanza del comune si trovano adesso in una situazione di attesa….

  • r302 197
    06 apr 2016 alle 18:05

    Dalla lettura dell’ordinanza del TAR emerge come siano stati sospesi anche gli aumenti delle tariffe di sosta nelle zone blu (da 0,50 e 0,75 ad 1,00€).

  • drigo 404
    06 apr 2016 alle 18:08

    Al momento non hai diritto al rimborso, perchè il Tar ha accolto un’istanza di sospensione del proveddimento che istituisce e regola il funzionamento della ZTL. Il 6 Novembre il TAR si pronuncerà nel merito della questione, quindi sentenzierà sulla legittimità o l’illegittimità della ZTL così concepità. In pratica, fino al 6 Novembre, la ZTL non sarà operativa ed i pass già emessi saranno “congelati” fino a tale data. Con la sentenza del 6 Novembre, nel caso in cui la ZTL sia dichiarata illegittima in diritto, l’amministrazione dovrà rimborsare i pass.
    In tutta questa vicenda sono da sottolineare due cose: l’approssimazione della Giunta Comunale nell’adottare provvedimenti senza capo nè coda, e l’opportunismo dell’opposizione che preferisce demolire senza proporre.
    Qualcuno pensa che chi oggi ricorre al TAR contro questa ZTL, al posto dell’attuale giunta non avrebbe fatto lo stesso? Qui non è neanche una questione di bassa politica: è una questione di vuotezza delle persone che siedono in quel Consiglio Comunale.

  • punteruolorosso 2682
    06 apr 2016 alle 18:17

    giudici del cacchio. il messaggio politico che passa, è ancora una volta che ognuno può fare i propri comodi.
    c’è da preoccuparsi per la tenuta finanziaria del tram, delle navette per il centro storico ecc., del progetto di estensione delle piste ciclabili.
    ci si può forse rallegrare?

    • belfagor 928
      06 apr 2016 alle 20:31

      Le sentenze si rispettano anche quando non siamo d’accordo. Definire i giudici ” giudici del cacchio” è la dimostrazione di una deriva illegalitaria di una parte di questa citta e di questa giunta. Se ora anche i giudici sono “mafiosi”, allora forse la mafia è ormai entrata nel nostro DNA.

    • fabio77 769
      06 apr 2016 alle 23:04

      Secondo Lei, i Dott. Tulumello, Brancatelli e Lenzo sono tre giudici del cacchio?
      A mio avviso sono tre Magistrati della Repubblica Italiana, le cui sentenze e le cui persone vanno in ogni caso rispettate.

    • mdm 346
      07 apr 2016 alle 13:21

      Quindi secondo te la magistratura è “del cacchio”, quelli del TAR degli “imbecilli”, la Guardia di Finanza che indaga sull’aumento dei costi di un appalto pubblico dovrebbe pensare ad altro mentre il Sindaco Orlando è il “migliore sindaco che Palermo possa avere”… Non so perchè ricordo bene molti tuoi commenti, sarà perchè sono uno più sconcertante di un altro.

    • Alessandro Baol 248
      07 apr 2016 alle 13:24

      sarebbero del cacchio perchè analizzato un provvedimento hanno riscontrato che è inapplicabile e senza presupposti? Cosa tra l’ altro già palese….

  • peppe2994 3594
    06 apr 2016 alle 18:44

    I giudici non sono del cacchio. Hanno fatto una cosa bellissima e giustissima. Leggo solo adesso l’ordinanza e sbattono in faccia palesemente al comune come manchi un piano decente di trasporto pubblico.
    Dovrebbero fargli una statua solo per questo.

    Ricordo a tutti che a Palermo girano meno di 200 bus giornalmente che nel pomeriggio diventano 150. Se questo è trasporto pubblico. Meno male che il tribunale ha compreso quanto sia grave la carenza di trasporto pubblico.

    Rimane il fatto che andare in auto in centro almeno per me rimane una follia. Non essendo residente ci sono sempre andato con il 101 che è l’unico mezzo appena decente e funzionante dell’intera città oltre il tram (anche su questo c’è da discutere comunque).

    • Templare 486
      06 apr 2016 alle 19:02

      No, no, se vanno contro Orlando sono giudici quantomeno del cacchio. Io al posto di San Leoluca chiamerei i Caschi Blu ONU. E una lettera alla sua amica Hillary Clinton la manderei pure.

      p.s. chiarimento del mio pensiero: non si promettono mari e monti in campagna elettorale sapendo che il tempo delle vacche magre è finito da un pezzo, che i conti del Comune sono in rosso, che lo Stato non dà più un euro come ai bei tempi dei primi mandati, che la crisi economica è globale e le zone più svantaggiate, leggi Sud del mondo a cui noi per svariati motivi apparteniamo, sono quelle ancora più colpite da essa. E invece promesse inmantenibili in campagna elettorale e solito atteggiamento megalomane e sprezzante della realtà durante questi tristi anni di sindacatura, una serie di passerelle per inaugurare il nulla o celebrare l’intervento straordinario e isolato. Fermo restando che uno che si salvi nella politica locale non c’è, rieleggetelo nuovamente questo paladino del vuoto, così si diventa più europei di quanto già ci abbia fatto diventare.

  • katet 149
    06 apr 2016 alle 18:54

    A questo punto da domani tram fermi, stazioni bike sharing smantellate, navette gratuite sospese e tt a piedi, come nuova iniziativa del comune per una mobilità sostenibile (per mascherare la mancanza di soldi nelle casse del comune) =(.
    Il comune aveva dichiarata esplicitamente che le ztl erano per finanziare il tram: ma ha mai pensato che se facesse le multe per bene a tutti gli incivili palermitani le casse del comuse sarebbero strapiene da qua alla fine dei giorni? che poi decantano la mobilità sostenibile e sindaco, consiglieri e assessori vari si muovono con auto blu e mezzi inquinanti e il primo assessore Catania lascia la macchina in divieto di sosta.

    • basilea 594
      06 apr 2016 alle 19:00

      Non si fermera’ niente ! il servizio pubblico ha la PRIORITA’ sulle dannate automobili maledette! AUMENTERANNO del doppio altre tasse ! ma i soldi li troveranno; cominceranno a multare a raffica gli automobilisti ,e cosi’ via.

    • Alessandro Baol 248
      07 apr 2016 alle 13:26

      Far lavorare la Polizia Municipale di Palermo? La stessa alla quale segnali innumerevoli volte diversi illeciti e che neppure risponde? Scherzi?

  • basilea 594
    06 apr 2016 alle 18:57

    Adesso AUMENTERA’ la tassa spazzatura (forse del doppio) e speriamo che il Sindaco faccia in modo che la paghino TUTTI e non solo pochi cretini. Aumenteranno le tasse comunali, le trattenute in busta paga e cosi’ via. Se servono soldi se li prenderanno comunque. Pero’ non si pagano 90 € annui di ZTL ( 7,50 € al mese ) in compenso altre tasse RADDOPPIATE ! godi popolo…….

  • Athon 879
    06 apr 2016 alle 18:58

    Fermo restando che le due Ztl dovranno prima o poi essere attivate, con buona pace dei 200 cittadini e delle associazioni Bispensiero e Vivocivile che hanno fatto ostruzionismo, la discutibile sospensione del Tar può essere un’ottima occasione per pianificare meglio il tutto.

    Ha fa bene l’Amministrazione a rispondere perentoriamente che resta immutata la volontà di introdurre le Ztl a Palermo.

    Le motivazioni fornite dal Tar che chiamano in causa la presunta “illogicità” delle Ztl sono soltanto frutto di opinioni personali. La legge infatti stabilisce che i Comuni in Italia hanno sempre il potere di attivare le Zone a traffico limitato, purchè si siano dotati del Put (Piano generale del traffico), che Palermo possiede, nonché dei Pgtu (Piani Particolareggiati del Traffico Urbano), che Palermo deve ancora elaborare.

    L’unica motivazione plausibile che il Tar, a norma di legge, avrebbe potuto fornire, è che Palermo non ha ancora i Pgtu, e che per attivare le Ztl deve prima elaborarli. Punto.
    Le motivazioni finora fornite dal Tar sono solo chiacchiere.

    Nel momento in cui Palermo si doterà anche dei Pgtu, né cittadini, né associazioni, e nemmeno il Tar, potranno impedire che le Ztl vengano finalmente attivate. Spero che l’Amministrazione si muova velocemente in tal senso perchè siamo in tanti a volere le Ztl a Palermo, così come già esistono da tempo, a pagamento, in parecchie altre città italiane.

    • Lio Settantasei 224
      07 apr 2016 alle 0:46

      cito “Le motivazioni finora fornite dal Tar sono solo chiacchiere.”
      miii è arrivato Perry Mason!!!
      come diceva quello??? Ribaltamento totale della realtà!!!
      lo so io cosa vi meritate, Berlusconi e Renzi vi meritate!!!

  • katet 149
    06 apr 2016 alle 19:26

    Forse però per alcuni nn è chiara una cosa: il concetto delle ztl di per se non è male se li approvi come forma per combattere l’inquinamento dell’aria e quindi per lasciare la macchina a casa!!!penso che tutti siamo d’accordo che possono fare altro che bene. Io sono il primo a sostenere che tutto il centro storico, via roma, via libertà etc dovrebbero essere chiusi al traffico, in primis per l’inquinamento, ma soprattutto ne gioverebbe l’intera città in termini di turismo e quindi rendere tutto aree pedonabile. Infatti se l’obiettivo è ridurre l’inquinamento nn vedo differenza tra il concetto di ztl e area pedonabile (si veda via maqueda e corso vittorio).
    Il problemi sono altri:
    1) in primisi nn può dire che la ztl serve per finanziare il tram perchè allora non è per ridurre l’inquinamento, e poi scusate sono io lo scemo che pago il biglietto del tram per un servizio e in più ti devo dare altri solti per la ztl per finanziare il tram?
    2) poi il comune mi dice che le ztl servono ANCHE per ridurre soglie di inquinamento (anche se i dati della RAP sul sito giornalieri dicono altro) però se pago posso inquinare???
    3) i ciclomotori possono entrare nelle ztl: quindi se paradossalmente tutti i palermitani si comprassero ciclomotori ed entrano nella ztl nessuno inquina e nessuno pagherebbe la ztl.
    4) poi mi mette la ztl per incentifare anche i mezzi pubblici: ma quali??? a palermo da quando c’è il tram funziona solo il tram (cn con area della ztl nn c’entra nulla) e la 101. e chi viene da altre parti??? quali autobus?

    Dico solo che sono favorevole al concetto di ztl per ridurre inquinamento, e quindi ne consegue che basta allargare le aree pedonabili e permettere senza pagamento l’ingresso ai residenti e titolari di attività commerciali dentro le stesse. E per finanziare il tram basta fare le giuste multe agli incivili palermitani, fare pagare biglietto bus/tram a tutti e soprattutto diminuire leggermete lo stipendio a chi ci governa.

  • friz 1350
    06 apr 2016 alle 19:47

    ….premetto che in una condizione di normalità non ho nulla contro la ZTL….ma non siamo in una condizione normale…. generalmente nelle città dotate di un buon servizio di trasporto pubblico si cerca di incoraggiare i cittadini a non usare la macchina inserendo la ZTL…. e a Londra o a Milano il cittadino con piacere rinuncia alla macchina ed usa i mezzi pubblici…. ma in certe periferie di Palermo per arrivare in centro occorrono 2 ore all’andata e due ore al ritorno….. quando va bene 4 ore in totale…. aspettare l’autobus in certe periferie è un pò come aspettare Godot nell’opera di Beckett…..non si sa mai se e quando verrà…. Voglio dire che la ZTL dovrebbe essere il punto di arrivo del trasporto pubblico, non il punto di partenza…. oltretutto trovo ridicolo che si incoraggia il privato a comprare auto a gas (perchè inquinano meno) e poi si scopre che la quasi totalità degli autobus cittadini sono a diesel….

  • belfagor 928
    06 apr 2016 alle 20:21

    Orlando ha ormai dimostrato che non è più in grado di governare questa città. Quello che ci lascia perplessi è l’ostinazione ottusa. Errare è umano ma perseverare nell’errore è diabolico. Un buon amministratore deve capire che certe scelte impopolari si prendono dopo aver convinto i cittadini della bontà di tali scelte. Il dialogo , l’onestà intellettuale e il coraggio di tornare indietro ammettendo di avere sbagliato sono alla base di un buon politico. Orlando ha scelto invece lo scontro e le offese. Se un sindaco disprezza la propria città e i propri concittadini , perché vuole continuare a governarla? C’è qualcosa di poco chiaro in tutto ciò.

  • Orazio 1656
    06 apr 2016 alle 22:09

    Qui molti commentatori sono bravi a fare i buoni cittadini, poi quando si vedono toccato l’orticello reagiscono in perfetto stile palermosauro.

  • gloria 1
    06 apr 2016 alle 22:36

    La ztl 1 riguarda il vero e proprio centro storico, zona di Palermo notoriamente economicamente svantaggiata, dove ci sono una prevalenza di quartieri e negozi miseri, con la maggioranza della popolazione di bassissimo reddito e scolarizzazione. Questa zona dovrebbe essere potenziata e non depressa, cosa che il provvedimento dell’attuale ztl favorirebbe rendendone difficile l’accesso; il quartiere è già penalizzatissimo dalla chiusura di Via Maqueda e Via Vittorio Emanuele. Le misure di limitazione veicolare sono molto delicate da approvare, non sono solo provvedimenti di valenza tecnica, ma economica e sociale. Questo fatto non viene valutato da molti concittadini che semplicisticamente pensano ai vantaggi della chiusura di un asse stradale o di un’intera zona , pedonalizzando, come una misura per favorire il godimento turistico della città. Non siamo a Firenze col suo ricco centro storico e le passeggiate sui lungarni, nè a Ferrara con la sua pianura dolce folta di biciclette, nè a Torino o Genova: siamo a Palermo zona Capo, Vucciria, Ballarò.

  • Metropolitano 3971
    07 apr 2016 alle 2:38

    C’era da aspettarselo dal momento in cui le moto non hanno divieti. Dite al sindaco per favore di far realizzare la nuova tangenziale, di raddoppiare il ponte corleone e di rimuovere il semaforo di via Perpica-zzo. Solo così si ridurrà l’inquinamento invee di tentare di far cassa, e senza criterio per la salvaguardia dell’aria.

    • punteruolorosso 2682
      07 apr 2016 alle 7:27

      ma quale tangenziale? per carità…
      ancora cemento, ancora traffico.
      bisogna raddoppiare i trasporti ferroviari in sicilia, non le autostrade

      • bobpa 6
        07 apr 2016 alle 15:32

        Dici bene quando affermi che in Sicilia bisogna raddoppiare i trasporti ferroviari (metropolitana compresa), dici male quando affermi che non occorre raddoppiare le autostrade. La Sicilia, e l’area metropolitana di Palermo in particolare, hanno assoluto bisogno di nuove arterie stradali e dell’ampliamento delle esistenti (come ad esempio la terza corsia nelle autostrade nei pressi del capoluogo). Se non si opta per una tangenziale si dovrebbe adeguare la circonvallazione e renderla una vera superstrada. Orlando ha ritenuto inutile la tangenziale, avrebbe però dovuto fare qualcosa per la circonvallazione mentre NULLA di NULLA è stato fatto (svincolo Brancaccio, completato al 90% e mai aperto, sovrappassi pedonali, eliminazione semafori pedonali, adeguamento carreggiate, segnaletica di tipo autostradale con numerazione degli svincoli, guard rail in condizioni disastrose, manto stradale degno di Beirut).

      • Metropolitano 3971
        08 apr 2016 alle 14:57

        eh bhe caro mio cosa possiamo fare se la maggior parte del traffico è stradale? dopotutto cemento e traffico coesistono a prescindere in città. Non si fa nulla e poi guarda un po quali risultati senza infrastrutture.


Lascia un Commento