Articolo
13 apr 2019

Viale Regione Siciliana da due a tre corsie. È un provvedimento necessario?

di Fabio Nicolosi

Viale Regione Siciliana ai sensi della classificazione funzionale di Palermo (d.d. n° 19 del 08/03/2016) viene definita come strada urbana di scorrimento, categoria D per il C.d.S. La strada è composta da due carreggiate centrali per senso di marcia a loro volta divise in due corsie con una larghezza totale di 4,5 metri circa, con una banchina pavimentata di 3 metri circa. Il provvedimento in via sperimentale è stato emanato dall’ufficio traffico il 28 Aprile 2017 con numerazione 609, e autorizzava la realizzazione della terza corsia di marcia, dallo svincolo Belgio allo svincolo Bonagia (tranne ponte Corleone e in alcuni punti all’altezza delle uscite o entrate). L’ordinanza non è mai stata applicata perché l'assessore Riolo non ha ritenuto fosse prioritaria, adesso torna nuovamente in voga proprio per mano dall'autore della stessa, l'assessore Catania. Col nuovo assetto, la corsia d’emergenza passerà da quattro a 2,5 metri, poi ce ne sarà una limitrofa (quindi a destra) da 3,5 metri per i mezzi pesanti, gli autobus e i taxi e infine due ordinarie, da tre metri l’una, per tutti gli altri veicoli. Ma è legale? Secondo il C.d.S. la larghezza minima della corsia di marcia è di 3,25m, mentre qui si parla di due corsie da 3m l'una che non rispetterebbero i requisiti minimi di legge. Inoltre sempre il C.d.S. non prevede alcuna corsia d'emergenza. È chiaro che non è accettabile che per due anni si siano trascurate la segnaletica verticale e orizzontale, lasciando al libero arbitro l'interpretazione delle corsie e autorizzando la totale anarchia di chi ha utilizzato la strada. Ma siamo sicuri che tale provvedimento sia necessario? La realizzazione di un'ulteriore corsia potrebbe anche non portare i benefici sperati. Gli uffici comunali sono dotati di un programma per simulare i flussi di traffico e ci piacerebbe conoscere le analisi effettuate che rispecchino i vantaggi del passaggio da due a tre corsie. Tra le misure prioritarie invece vi sarebbero l'eliminazione dei due semafori di via Perpignano e piazzale Giotto, migliorati gli svincoli di ingresso e uscita dalla corsia centrale, installati dei pannelli a messaggio variabile per migliorare la comunicazione di eventuale incidenti o rallentamenti. Visti i tempi che si prospettano per la realizzazione dei lavori (4 mesi), sarebbe necessario chiedere se è giusto ripristinare la strada allo stato pre-ordinanza ed effettuare un'approfondita analisi per capire se la nuova ordinanza sia valida, non violi articoli del C.d.S. e sia realmente necessaria.

Leggi tutto    Commenti 31
Articolo
26 ott 2018

Sicurezza stradale | 17 sanzioni dai controlli sui Tir

di Fabio Nicolosi

La Polizia Municipale ha effettuato controlli su strada dei mezzi pesanti, Tir ed autoarticolati, che in transito su viale Regione Siciliana sono stati convogliati per le opportune verifiche presso il Centro Mobile di Revisione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed il Comitato Albo Trasportatori nello stand allestito in piazza John Lennon. Alla fine degli accertamenti sono state elevate 17 sanzioni. L’attività, organizzata con cadenza ciclica, è finalizzata a verificare la regolarità amministrativa della documentazione delle merci, le condizioni di trasporto eseguite secondo la normativa Adr per il trasporto su strada di merci pericolose e la normativa Atp sul trasporto refrigerato a temperatura controllata di derrate alimentari, i tempi di guida e di riposo dei conducenti e la regolarità tecnica. Dagli accertamenti compiuti, solo tre autotreni sono risultati regolari. Sei sono stati sanzionati per dispositivi di equipaggiamento inefficienti, due conducenti per rapporto di lavoro in conto terzi, uno per irregolarità nei fogli di registrazione del cronotachigrafo, uno per non aver inserito la carta del conducente nel cronotachigrafo, un mezzo d’opera per la circolazione senza contrassegno di pagamento indennizzo di usura. Inoltre nel corso delle verifiche sono state rilevate altre violazioni: 5 per mancanza di documenti di circolazione e una carta di qualificazione del conducente scaduta. Nel 2018 il gruppo di lavoro “controllo mezzi pesanti” della Polizia Municipale, nell’ambito degli interventi programmati dal Comandante Gabriele Marchese per la tutela della sicurezza stradale, ha controllato 850 veicoli ed elevato 594 sanzioni, di cui riguardanti irregolarità delle caratteristiche tecniche dei mezzi pesanti, per esempio le ruote di dimensioni diverse oppure le sponde caricatrici idrauliche non annotate nella carta di circolazione e il rispetto dei tempi di riposo dei conducenti. Ha effettuato inoltre 107 controlli su autobus, soprattutto in occasione di gite scolastiche.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
17 mag 2018

Ma che ci fanno i tir lì?…

di Salvatore Galati

La borgata di Ciaculli è purtroppo caratterizzata da strade particolarmente strette, dove paradossalmente passano giornalmente molti tir, di lunghezza massima 18 metri (per fare un confronto, tipo l'autosnodato della linea 101 di Amat). Solitamente questi tir passano da Ciaculli per raggiungere il comune di Belmonte Mezzagno. Molti autisti ignorano il cartello di divieto di accesso, transitando comunque da questa via, rendendola trafficata e pericolosa. Questa borgata, come molte altre, non ha i marciapiedi e i bambini e tutti i pedoni sono costretti a camminare per strada, mischiandosi con le auto. Inoltre lungo la strada ci sono anche vari divieti di sosta, non rispettata dagli automobilisti. In questa zona sono molto diffusi i box auto per posteggiare l'auto all'interno, quindi mi domando: ma perché i residenti non posteggiano l'auto dentro?  Problemi che si riflettono anche sul trasporto pubblico, come le vetture della linea 212 che rimangono spesso "incastrate" con altri tir portando ritardi. I tir potrebbero raggiungere il comune limitrofo tranquillamente dalla strada statale 121, la Palermo - Agrigento, come potete vedere da questo video. Insomma le soluzioni ci sono, ma i controlli dove sono?

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
23 feb 2018

FOTO| Tir sfonda guard-rail e traffico in tilt alle gallerie di Isola delle Femmine

di Mobilita Palermo

Da diverse ore il traffico è paralizzato in entrambe le direzioni di marcia sulla A29 Palermo - Mazara del Vallo a causa di un grave incidente che ha visto coinvolto un tir. Come visibile dall'immagine inviata da Paolo Spinnato (che ringraziamo), il mezzo pesante ha perso il controllo ed ha invaso il guard-rail, invadendo anche la corsia opposta. Alcuni mezzi sono stati coinvolti nell'incidente e ovviamente tale episodio si sta ripercuotendo su tutta la viabilità del circondario. Al momento le code iniziano già dall'imbocco della A29 all'altezza di via Belgio e addirittura dallo svincolo di Carini in direzione Palermo. Consigliamo percorsi alternativi anche nelle prossime ore.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
05 mag 2017

Viale Regione Siciliana: ecco come si passerà da due a tre corsie

di Fabio Nicolosi

Qualche giorno fa, era stata annunciata l'ennesima rivoluzione alla viabilità cittadina: la terza corsia in Viale Regione Siciliana Dopo avervi illustrato le nostre riflessioni in merito oggi vi spiegheremo come avverrà. Viale Regione Siciliana ai sensi della classificazione funzionale di Palermo (d.d. n° 19 del 08/03/2016) viene definita come strada urbana di scorrimento, categoria D per il C.d.S. La strada è composta da due carreggiate centrali per senso di marcia a loro volta divise in due corsie con una larghezza totale di 4,5 metri circa, con una banchina pavimentata di 3 metri circa. Il provvedimento in via sperimentale che viene emanato dall'ufficio traffico il 28 Aprile 2017 con numerazione 609, autorizza la realizzazione della terza corsia di marcia, dallo svincolo Belgio allo svincolo Bonagia. L'ordinanza diverrà esecutiva allorquando verranno garantite le condizione sicurezza della pavimentazione stradale tramite esplicita attestazione a cura dell'ufficio comunale anche in riferimento agli interventi previsti nell'ordinanza n° 1047 del 05/09/2016. Risulta complesso immaginare la terza corsia anche sul Ponte Corleone, struttura già fortemente danneggiata, che da anni rischia il collasso e che adesso sarà costretta a supportare un flusso veicolare del 30% maggiore rispetto a quello previsto. Chissà se dall'ufficio traffico ne hanno tenuto conto. Ecco l'ordinanza e alcune tavole esplicative Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 31
Articolo
20 apr 2017

Viale Regione | La terza corsia per i mezzi pesanti? Qualche riflessione

di Giulio Di Chiara

L'idea è quella di convertire la corsia di emergenza in una corsia riservata ai mezzi pesanti, con l'obiettivo di fluidificare il traffico sull'intero asse di viale Regione Siciliana. E' una soluzione sperimentale annunciata dall'assessore Giusto Catania, il quale ha affermato che l'ufficio traffico è al lavoro per presentare un progetto definitivo di modifica entro la fine di Aprile. Cosa prevede dunque questo probabile cambiamento? Quella che oggi è la corsia d'emergenza potrebbe ben presto essere destinata ai mezzi pesanti, ai bus e ai mezzi del servizio pubblico, lasciando di fatto inalterate le due corsie dedicate alle auto private. Nell'attesa di capire se e quali integrazioni potrebbero essere apportate a questa disposizione, vogliamo fare qualche riflessione sull'argomento. Chi percorre abitualmente Viale Regione Siciliana sa benissimo che ci sono alcuni orari critici in cui i flussi veicolari sono decisamente maggiori, come le prime ore mattutine e quelle a ridosso del tardo pomeriggio. In concomitanza di queste due segmenti della giornata probabilmente si manifesta il massimo picco del pendolarismo. A nostro avviso, le principali cause di queste congestioni sono da attribuire ai due tappi che ancora oggi persistono sull'asse, ovvero i semafori in corrispondenza di Piazzale J. Lennon e di via Perpignano. Sebbene siano stati temporizzati e ottimizzati, non scongiurano lunghe code nei momenti di maggiore flusso. Su via Perpignano attenderemo la realizzazione del sottopasso. I mezzi Amat non transitano più nella corsia preferenziale, mentre non sappiamo se i bus turistici hanno l'autorizzazione a farlo (crediamo e speriamo di si). A prescindere dalla futura ordinanza, ci sembra che qualcosa avvenga già in tal senso. Sicuramente riservare ai mezzi pesanti una corsia dedicata potrebbe agevolare un deflusso più ordinato delle auto che non sarebbero ulteriormente rallentate da tir e camion di grossa stazza. Al contrario, c'è da dire che spesso le corsie riservate sono occupate impunemente dalle auto, le quali vanificano l'utilità della corsia stessa. Dunque, il concetto è che qualsiasi provvedimento di razionalizzazione dei flussi veicolari debba fare i conti con il rispetto delle regole, che oggi non avviene di certo con frequenza. Per cui, al netto di nuove modifiche e disposizioni, questo possibile cambiamento ci sembra un tentativo sicuramente non risolutivo, ma migliorativo. In che misura potrebbe essere migliorativo non lo sappiamo, perchè non possediamo informazioni ufficiali sui flussi attuali, sulla percentuale di incidenza dei mezzi pesanti sul traffico e sugli obiettivi che al Comune si prefiggono di raggiungere. All'ufficio traffico ci stanno lavorando, dunque aspettiamo che l'ordinanza prenda forma e che ci sia comunicato qualche numero in più. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 38