Articolo
09 feb 2018

Adesso è ufficiale: i vigili potranno sanzionare tre infrazioni in qualsiasi momento del loro servizio

di Giulio Di Chiara

Da Repubblica di oggi apprendiamo: Contrastare i comportamenti degli automobilisti che possano mettere a rischio prima di tutto le persone con disabilità e in generale tutti i pedoni. È la nuova missione dei vigili urbani che da oggi, come priorità tra le “disposizioni di servizio”, troveranno tre mandati: multare chi parcheggia nei posti riservati ai disabili, chi blocca con la propria auto gli scivoli dei marciapiedi e chi intralcia in qualche modo con la vettura gli attraversamenti pedonali. In altre parole tutte le pattuglie in strada, anche se sono in giro per altre tipologie di servizi, dovranno fermarsi se noteranno queste infrazioni. La multa è di 85 euro, e due punti in meno sulla patente se si parcheggia in un posto H. Per anni ci siamo chiesti il perchè le pattuglie spesso non si fermano davanti a una irregolarità e per altrettanto tempo ci è stato spiegato che comandano gli ordini di servizio, ovvero ogni pattuglia ha assegnato dei "compiti giornalieri" da cui non può discostarsi ripetutamente. Sebbene si possano nutrire dei dubbi su questa metodologia, oggi sappiamo che in qualsiasi momento potremo richiedere e pretendere l'intervento di un vigile per le tre sanzioni menzionate sopra (salvo casi di emergenza ovviamente). Raccontateci nei prossimi giorni le vostre esperienze.

Leggi tutto    Commenti 15
Articolo
03 mar 2017

Monreale | Vita dura per i “furbetti” della strada: arriva lo Street Control

di Fabio Nicolosi

Anche la polizia municipale di Monreale da Mercoledì 1 Marzo si è dotata di “Street Control”: l’incubo degli automobilisti indisciplinati. L’apparecchiatura che sarà montata sulle automobili bianco e blu del Corpo dei vigili urbani e che consentirà di rilevare in tempo reale tutte le infrazioni al codice della strada con rilevamento immediato delle targhe anche con la pattuglia in movimento. Sarà quindi tolleranza zero per le strade di Monreale e del comprensorio. Una sorta di Grande Fratello che monitorerà in modo silenzioso il traffico veicolare e che farà multe “a strascico” a tutti i mezzi che risulteranno non in regola. Attraverso lo speciale apparecchio sarà garantito quindi ordine e disciplina nonché la sicurezza lungo le strade della città. In particolare il sistema non perdonerà proprio nessuna trasgressione al codice della strada; saranno rilevate e multate infatti le auto in doppia fila e in sosta vietata. Ma non finisce certo qui. Ad essere rilevate dallo Street Control che è collegato con banche dati assicurative e registri di automobili, saranno tutti i mezzi non in regola con gli obblighi assicurativi, privi di revisione e di tassa di circolazione. L’apparecchio rileverà, grazie al collegamento diretto con i database delle forze dell’ordine, anche tutte le auto rubate che passeranno sotto l’attento obiettivo che può rilevare fino a 100 targhe contemporaneamente. Tutto ciò faciliterà l’attività sanzionatoria, renderà più omogenei gli interventi delle pattuglie e velocizzerà la procedura. Considerato che, secondo le statistiche, 10 automobili su 100 sono sprovviste di assicurazione si prevede che il parco auto circolante nelle strade, grazie alla presenza costante dello Street Control, diminuisca di almeno il 10%. Arriveranno anche dei tablet con collegamento con banche dati ANIA e che avranno la stessa funzione dello Street Control, grazie allo scatto di una fotografia si potranno controllare e multare i mezzi in circolazione. Anche sugli smartphone in dotazione alla polizia municipale sarà installata un’applicazione che consentirà il controllo in real time dei veicoli. Durante le prossime settimane, in sinergia con i Carabinieri di Monreale e al fine di aumentare la sicurezza lungo le strade monrealesi, saranno organizzati posti di controllo nei pressi delle via d’accesso alla città. Articolo tratto da: MonrealeNews e Filodiretto Monreale

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
09 feb 2017

Altro che 8000 multe per doppia fila: ecco i dati reali forniti dalla Polizia Municipale

di Fabio Nicolosi

Venerdì scorso avevamo pubblicato un articolo dove, riprendendo un articolo di Repubblica, citavamo alcuni dati circa le multe elevate dal servizio street control. Molti di voi ci hanno fatto notare che il numero delle sanzioni sembrava essere troppo contenuto e quindi abbiamo chiesto chiarimenti proprio al comando di Via Dogali che ci ha risposto: Lo Street Control nel 2016 ha rilevato le seguenti violazioni: 31.176 "soste irregolari" (e fra queste circa 8.000 doppie file e 369 soste su pista ciclabile) e 7.288 "circolazione su corsie riservate/emergenza", per un totale di 38.464 violazioni Abbiamo posto in evidenza le 369 sanzioni su piste ciclabili perchè, contrariamente a ciò che si pensa, è un aspetto che curiamo particolarmente perchè volto alla tutela dell'utenza debole Le vetture utilizzate dal servizio sono, in media, due per turno (mattina e pomeriggio dal lunedì al venerdì). Le sanzioni totali per sosta risultano essere: 161.164 di cui 38.464 con street control Le cifre più corpose riguardano le seguenti violazioni: 18.487 per divieto di sosta con rimozione veicolo 17.598 in prossimità incrocio 12.859 sul marciapiedi 12.077 doppia fila 11.965 strisce pedonali 10.428 (sosta in aree pedonali, passo carrabile , non vicino margine dx carreggiata in corrispondenza scivolo disabili, piste ciclabili) Adesso, i numeri sembrano essere più chiari e più adatti al caos giornaliero che tutti abbiamo sotto gli occhi. Aiutandoci con la matematica facciamo qualche calcolo: Considerando che il servizio è attivo dal lunedì al venerdì ed escludendo i festivi il servizio è stato attivo per 253 giorni Se il numero delle violazioni è 38464 e il numero dei giorni è 253, il numero di contravvenzioni giornaliere elevate da questo servizio è pari a 152,03. BEN 152 MULTE AL GIORNO! Un numero da brividi che fa proprio riflettere, come in città ci sia proprio bisogno di una maggiore educazione civica e un maggior rispetto del codice della strada. Dati su cui il futuro candidato sindaco dovrà riflettere, perchè se da un lato questi sono soldi che l'amministrazione intasca, dall'altro sono un grosso segnale di come la città sia infestata di auto in perenne violazione del codice della strada. Sarebbe anche interessante sapere quante di queste multe vengono pagate e a quanto ammonta l'incasso.

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
03 feb 2017

Il palermitano adora la doppia fila: 8000 multe rilevate dallo street-control

di Fabio Nicolosi

I numeri sono da brividi: ottomila multe nel 2016 con lo "Street control", novecento sono state elevate soltanto nel mese di dicembre. Ogni giorno l'occhio elettronico pesca 22 furbetti del parcheggio selvaggio. Cos'è lo Street-Control? E' un sistema con una telecamera montata su alcune auto della polizia municipale che fotografano le vetture ferme in doppia fila, ma non solo. Solo nel mese di dicembre, complice il periodo natalizio con la corsa allo shopping, sono stati quasi 900 i verbali inviati a casa con la foto dell'auto parcheggiata in doppia e spesso anche in terza fila. Il comando della polizia municipale ha suddiviso il servizio Street control in città in tre zone: la nord che va da Sferracavallo fino a via Notarbartolo, quella centrale da via Notarbartolo a via Cavour e quella sud da via Cavour fino a Brancaccio. Le vie dove i vigili urbani fanno il pieno di multe sono sempre le stesse: a nord via Ausonia, via del Fante hanno il record di vetture lasciate in doppia fila entrambe sfiorano le duecento sanzioni in un anno. Nella zona centrale a contendersi il primato sono Corso Finocchiaro Aprile, via Ammiraglio Gravina e via Parlatore divise da una manciata di multe e tutte ab bondantemente sopra i duecento verbali annui. Nella parte Sud corso Tukory ha perso il primato del girone in favore di via Tricomi, all'ospedale Civico che ha anche il record negativo di parcheggi sui marciapiedi. «Rispetto al 2012 quando iniziammo ad usare lo Street control il fenomeno della sosta in doppia fila è leggermente diminuito se si guarda il numero complessivo di multe - commenta il vice comandante della polizia municipale Luigi Galatioto ma in realtà l'automobilista indisciplinato ha solo preso qualche contromisura. Prima abbandonava l'auto lasciando un biglietto, ora invece se può si muove in coppia, si ferma lo stesso in doppia fila ma almeno rimane in auto e quando vede la pattuglia si allontana». Ad attrarre gli aficionados della sosta in doppia fila sono soprattutto le scuole e i supermercati. Le zone attorno alle scuole vengono prese di mira negli orari d'entrata e di uscita degli studenti, mentre soprattutto la sera dalle 19 alle 20.30 le aree attorno ai supermercati diventano un far-west del posteggio. Complessivamente le multe per divieto di sosta nel 2016 sono state 31 mila ( 8mila quelle con lo Street control ), mentre nel 2015 sono state 38 mila. Sembra però che la moda in aumento sia quello del parcheggio sui marciapiedi, perchè forse la doppia fila è ormai un fenomeno classico. Articolo tratto da Repubblica Palermo

Leggi tutto    Commenti 17
Articolo
29 giu 2016

Teatro Massimo: da piazza pedonale a parcheggio per scooter

di Andrea Baio

Questa foto è stata scattata sabato sera. Come le segnalazioni che abbiamo effettuato su piazza San Domenico, dimostriamo ulteriormente l'assoluta reversibilità delle pedonalizzazioni portate avanti dall'amministrazione comunale. Un piano attuato in questo modo non ha assolutamente credibilità. Finché non si spenderanno due lire per installare dissasuori adeguati a scoraggiare i trasgressori, e non si rafforzeranno i controlli, con multe a tappeto per tutti quelli che utilizzano il centro storico come se fosse il proprio orticello personale, non potremo decantare alcun risultato utile. Non si può certo pretendere di tenere a bada l'automobilista palermitano o - ancora peggio - il ragazzino con lo scooter, mettendo a terra due vasi di piante stile "balcone ra zia Pippina". Basta poco per chiudere veramente una strada o una piazza al traffico. Lungi da noi voler pensare male, ma non riusciamo a credere che chi decida per questa città non riesca a individuare soluzioni elementari come questa ad esempio. Perché quindi non utilizzare soluzioni del genere, dai costi sicuramente non proibitivi?

Leggi tutto    Commenti 12
Articolo
12 ott 2015

A piazza Indipendenza la casta regionale si ritaglia il parcheggio selvaggio?

di Antony Passalacqua

Dopo i parcheggi riservati che l'Ars si è ritagliata a piazza Indipendenza, davanti alla Presidenza della Regione affiorano i parcheggi selvaggi. Un'insana abitudine che ogni giorno si presenta agli occhi di automobilisti, passanti e turisti che transitano lungo quel tratto. Sembra che le auto siano quasi sempre le stesse. E fa altrettanto clamore il fatto che gli agenti di presidio all'ingresso della presidenza, acconsentano il parcheggio nonostante il divieto dovuto anche a motivi di sicurezza. Taciti accordi di Palazzo? Non vogliamo pernsar male anche se il sabato stranamente il marciapiede è libero da auto e moto. Foto: A.M.D'Amico

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
02 feb 2015

Piazza Giulio Cesare: le compagnie bus fanno quello che gli pare

di Andrea Baio

Nonostante il divieto di parcheggio, emanato tramite ordinanza dell'ufficio traffico, piazza Giulio Cesare continua ad essere interpretato come parcheggio a libera discrezione delle compagnie di bus. Non è bastato il raid di multe e controlli voluti dalla Regione per rimediare al caos che diverse autolinee senza autorizzazione per la sosta continuavano a creare, nonostante i divieti dovuti al cantiere del tram. Ecco alcune foto di Samir Fenech che testimoniano come, in barba alle ordinanze, certe compagnie facciano quello che gli pare, sostando a motori spenti laddove non si può più. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 9