Articolo
25 mar 2017

Domenica 26 Marzo la prima “Domenica in Favorita”

di Fabio Nicolosi

Sboccia la primavera al parco della Favorita con sport e cultura all’aria aperta la domenica mattina. Cinque appuntamenti per far rinascere il parco alle pendici di Monte Pellegrino e renderlo finalmente fruibile ai palermitani. Il primo di cinque appuntamenti della manifestazione “La domenica Favorita”, un contenitore di iniziative sportive e culturali che avrà come palcoscenico i 400 ettari del parco, suddivisi in 15 aree tematiche. Dalle 8 alle 14 il più grande polmone verde di Palermo verrà chiuso al traffico e “consegnato” ai palermitani. Ci sarà l’imbarazzo della scelta per chi vuole trascorrere una mattinata all’insegna del vivere salutare: dalle corse a piedi o in sella alle mountain bike, alle passeggiate, ma anche musica, pattinaggio, spazi attrezzati per bambini, aree picnic con tavoli e panchine, momenti culturali dedicati ai ragazzi e agli adulti, letture ad alta voce e spettacoli di danza. Niente smog per sei ore e navette gratis per spostarsi all’interno del parco. Dopo l’esordio del 26 marzo, la kermesse verrà riproposta le domeniche mattina del 9 e 23 aprile, 7 e 21 maggio. E se da un lato l'iniziativa porterà tanti benefici, sicuramente ci sarà chi criticherà il provvedimento e allora ecco un consiglio per raggiungere Mondello senza incappare nel traffico Ecco infine il palinsesto completo delle attività che si svolgeranno:

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 feb 2017

Il parco della FAVORITA sarà chiuso al traffico le domeniche di primavera, l’amministrazione ci riprova

di Fabio Nicolosi

La giunta comunale ha approvato la delibera che dà il via al protocollo di intesa fra l'amministrazione e l'associazione "La domenica Favorita" che prevede un calendario di 8 domeniche chiuse al traffico dalle 8 alle 14 per attività ricreative, ludiche e sportive. La Favorita diventerà il parco giochi dei palermitani. Si parte il 26 marzo e si va avanti fino alla fine di maggio. Delle 11 domeniche previste fino a fine maggio verranno escluse sicuramente quelle di Pasqua e il fine settimana del primo maggio, tradizionale appuntamento per migliaia di palermitani amanti delle grigliate all’aria aperta. Il Comune si occuperà della chiusura al traffico della Favorita (via Diana, viale Ercole e via La Rocca) la domenica mattina. Le attività cominceranno verso le 9, ma la chiusura al traffico avverrà già dalle 8. Le domeniche in Favorita si concluderanno comunque non oltre le 14 con la riapertura al traffico. I parcheggi disponibili saranno quelli della Fiera, via Del Fante e viale Regina Margherita. Otto le aree tematiche in cui verranno divisi gli oltre 400 ettari di verde sotto Monte Pellegrino. Le attività sportive saranno il cuore del progetto con percorsi sterrati per chi ama correre a piedi o in mountain bike, con aree attrezzate per il fitness che ricreeranno una sorta di palestra all’aria aperta dove poter “faticare” respirando la migliore aria di Palermo. Non mancheranno le zone per i più piccoli con uno spazio attrezzato a parco giochi e uno dove imparare a pattinare. Verrà creata anche una zona olistica dove praticare yoga, pilates e meditazione immersi nel verde. Non poteva mancare un’ampia area per riposarsi e mangiare. La zona picnic sarà dotata di bagni chimici, tavoli in legno e panchine oltre che di centinaia di cestini. Accanto allo sport ci sarà spazio anche per e attività culturali con concerti di musica classica al mattino. L’area sarà quella attorno a Casa Natura nelle ex Scuderie reali. Verrà allestito un palco dove si esibiranno le orchestre. La Sinfonica siciliana, il conservatorio Bellini e il Teatro Massimo hanno già avanzato proposte per concerti e spettacoli. Articolo tratto da: Repubblica.it Non mancano però i contrari: Non si comprende - dice il presidente della Settima circoscrizione, Pietro Gottuso intervistato da LiveSicilia - perchè mai questa Amministrazione, in modo periodico, si ostina a voler isolare la periferia nord della città e a discriminare i cittadini di intere borgate Pallavicino, Vergine Maria e Arenella, rendendole infernali con la chiusura della Favorita. La chiusura degli assi viari della Favorita determina l’isolamento di Partanna e di Mondello, con ripercussioni negative sulla già debole economia delle due borgate, mentre Pallavicino, Vergine Maria e Arenella sono rese invivibili dagli ingorghi che inevitabilmente si creano, bloccando e isolando, nei fatti, decine di migliaia di cittadini palermitani. I due assi viari della Favorita - continua il presidente - sono basilari e fondamentali per la mobilità di tutta la zona nord di Palermo e non bisogna dimenticare che la progettualià dell'asse Olimpo-Venere è stata pensata e realizzata per collegare più velocemente l’autostrada, e quindi l'aeroporto, col porto e col centro città passando per la Favorita, e viceversa. Quello che però vogliamo sottileare è come si avanzi sempre a tentoni, siamo d'accordo ad iniziative simili, ma si è fatto uno studio alle spalle? Si sono analizzati i punti critici in caso di chiusura? Si è tenuto conto che proprio nel periodo primaverile e nelle domeniche gran parte dei palermitani si reca a Mondello per godersi le belle giornate?

Leggi tutto    Commenti 5
Segnalazione
19 gen 2017

La storia del Tram di Palermo

di belfagor

La storia, lunga e travagliata, del tram a Palermo inizia nella seconda metà dell’ottocento.   Fino ad allora  il trasporto pubblico  delle principali città era affidato agli Omnibus a cavalli.                                                                                                                                                                      Il 23 aprile 1874 a Palermo venne costituita la Società Sicula Tramways e Omnibus (SSTO) con lo scopo di costruire alcune linee di Tram e di omnibus a cavalli. Ma solo Il 27 gennaio 1887 la società otteneva una concessione di 30 anni per l'esercizio degli omnibus cittadini e solo il 16 aprile del 1888 venne autorizzato l'esercizio di tranvie a trazione elettrica a corrente continua.                                                 La prima linea tranviaria elettrica collegava Piazza Bologni a Rocca di Monreale. Nel mese di settembre dello stesso anno vennero inaugurate altre due linee: la Romagnolo-piazza Marina lunga 3 km e la Piazza Indipendenza- Porta Reale o Carolina ( non più esistente, che sorgeva in Via Lincon, di fronte l’Orto botanico) di 2,5 km. Successivamente alla costruzione della Tranvia di Monreale la linea proveniente da piazza Bologni venne allacciata ad essa e le stesse vetture tranviarie proseguivano fino a Monreale spinte da appositi carri elettrici di trazione e freno. Perciò da Piazza Bologni si poteva raggiungere Monreale e viceversa Negli anni seguenti vennero attivate altre sei linee tranviarie elettriche  mentre altre tre, di minore importanza, rimasero con la trazione a cavalli. Nel 1911 il comune di Palermo firmò una convenzione con la società belga Les Tramways de Palerme  per costruire ed esercitare linee a trazione elettrica fino a Mondello: tali linee furono inaugurate  nel 1912                                                                                                                                   Nel 1929, durante il regime fascista, le due reti (quella della "belga" e quella già della SSTO) furono unificate sotto la gestione dell'Unione Trazione Elettrica e Trasporti della Sicilia (UTETS). Nel frattempo si era sviluppato anche un servizio di autobus, infatti, agli inizi degli anni 30, alle 19 linee tramviarie si affiancano ben 14 linee  con autobus ( gestite dalla S.A.I.A.). Poichè gli itinerari delle linee  degli autobus interferivano con quelli tramviari  UTETS e SAIA  l'11 dicembre 1931 trovarono un accordo per rendere il servizio tramviario e quello di autobus l'uno integrativo dell'altro. Per tale motivo il 26 maggio 1932 vennero soppresse le seguenti linee tranviarie: linea 2: Porrazzi – Romagnolo linea 3: Stazione Centrale – Noce linea 4: Piazza Marina – Uditore linea 5: Piazza Marina – S.Lorenzo linea 11: Politeama – Sferracavallo linea 12: Circolare Est Tali soppressioni, oltre che per motivi di razionalizzazione, servivano a ridurre le spese. Infatti, intorno agli  anni 30’ la crisi dei trasporti investì tutte le aziende di trasporto pubblico d'Italia. Dal 1935 la SAIA dovette sopprimere alcune linee a causa della limitazione nell'uso della benzina imposta dalle vicende politiche internazionali ( l’embargo a causa della guerra d’Etiopia). Anche il servizio tranviario subì gli influssi della politica: nel 1939 la dirigenza dell’ allora Società Tranvie di Palermo (STP) optò per la completa trasformazione della rete tranviaria  in filoviaria. Nel dicembre 1940 i servizi vennero dunque unificati e nacque la Società Anonima Siciliana Trasporti (SAST).    Il primo servizio sperimentale filoviario, cioè con Filibus, a Palermo nasce nel 1939. I motivi della scelta del Filobus furono più d'uno, in particolare la necessità di sostituire l'obsoleta rete tranviaria (operazione conclusasi solo nel dopoguerra) e la spinta del regime fascista che cercava di diffondere il sistema di trasporti filoviario in tutto il Paese .  Il regime infatti vedeva nel filobus il trasporto pubblico fascista per eccellenza e il futuro del trasporto pubblico italiano, mentre il tram veniva visto come un mezzo di trasporto superato e costoso. I veri motivi di tale scelta erano chiaramente l’economicità di esercizio e il ridotto inquinamento, in realtà si cercava di non legare il trasporto pubblico al petrolio vista la dipendenza da altri paesi. Fra il 1942 e il 1943 la città venne colpita da numerosi bombardamenti che distrussero la rete filotranviaria e i depositi aziendali, pur non arrivando alla completa interruzione del servizio. Dopo la guerra, dovendo ricostruire l’intero servizio pubblico si decise di sopprimere definitivamente la rete tranviaria e puntare sui filibus e sul trasporto gommato ( autobus), gestite rispettivamente dalla S.A.S.T. e dalla S.A.I.A.( società a capitale privato). Sembrava la fine dei tram a Palermo ma nel 2000 la Banca europea degli investimenti, stanziò 88milioni di euro per un progetto, presentato dal Comune ( giunta Orlando), che prevedeva  la costruzione di tre linee tranviarie: una sull'asse via Leonardo da Vinci, una sull'asse corso Calatafimi e una sull'asse corso dei Mille.   Il progetto originario però presentava alcune criticità, tanto che Il 13 agosto del 2001  venne rivisto e parzialmente bloccato dall'allora commissario straordinario del Comune di Palermo, Guglielmo Serio a causa di un'osservazione del GENIO CIVILE che prescriveva di individuare delle aree di sosta per le auto nelle prossimità della linea tranviaria.    Per l’asse di Via Leonardo da Vinci, non c’erano problemi, per quella di Corso dei Mille i problemi esistevano ma, con qualche modifica, si riuscì a superare ( con molte perplessità) tale ostacolo, mentre per Corso Calatafimi, a causa delle ridotte dimensioni della carreggiata il progetto fu bocciato e sostituito con un altro. Nel maggio del 2002  il Comune di Palermo ( giunta Cammarata) approvò definitivamente il  progetto modificato, con nuove linee tranviarie. Per il completamento dei lavori vennero preventivati quarantaquattro mesi per la linea 1, quarantotto mesi per la linea 2 e cinquantadue mesi per la linea 3. Ma chiaramente tali previsioni furono ampiamente superate. Infatti solo nel 2015 saranno inaugurate le 3-4 linee tranviarie, ma questa è cronaca. P.S. In occasione della presentazione del PRG Palermo 2025 il sindaco Leoluca Orlando Cascio ha annunciato l'avvio della progettazione di 3 ulteriori linee tranviarie. La linea 5 che dovrebbe collegare la stazione Centrale con la Stazione Notarbartolo, cioè  le  attuali stazioni tranviarie terminali, attraverso il Foro Italico e Via Notarbartolo.                                                                                                                                                                            La linea 6 come prosecuzione della linea 4 , che raggiungerebbe la stazione Orleans per proseguire attraverso il quartiere Falsomiele fino a Bonagia utilizzando un nuovo ponte intermodale sul Fiume Oreto( chiaramente da costruire ex novo).                                       Infine la linea 7 che collegherebbe il terminal della Stazione Centrale a Mondello. Progetti,  chiaramente ancora in fase di elaborazione, certamente interessanti ma che presentano diverse criticità. Inoltre quanto tempo ci vorrà prima che queste nuove linee possano essere completate? Ricordiamo che ci sono voluti ben 15 anni per completare le prime 3-4 linee tranviarie.  Ma qui stiamo parlando di futuro, non tanto prossimo, e credo proprio che forse saranno i nostri figli e nipoti che potranno vedere e godere tali nuove linee ( sempre che continueranno a funzionare quelle già esistenti).

Leggi tutto    Commenti 3    Proposte 0
Articolo
19 dic 2016

Un nuovo collegamento fra Palermo e Mondello per l’estate è possibile

di Antony Passalacqua

Mare, sole, spiaggia, mancano solamente poco più di 6 mesi all'avvio della nuova stagione estiva. Vi chiederete, semplice nostalgia dell'estate? Niente affatto, ma vogliamo fin da adesso affrontare l'annoso problema del collegamento fra la città e la borgata marinara di Mondello durante la stagione estiva. Mondello è servita dalle linee 544, 603, 614, e 606 che si alterna stagionalmente con la linea 806. Ed è proprio su quest'ultimo collegamento, il principale dato che sfrutta tanti utenti provenienti dalla parte Sud della città attraverso la linea 101, che vogliamo lanciare una proposta concreta da attuare durante i mesi estivi. La 806 durante i mesi estivi presenta determinate criticità che si ripercuotono soprattutto sulla linea 101. Essendo una linea stagionale, ha bisogno di una maggiore capacità di trasporto e per questo vediamo i bus autosnodati che vengono inevitabilmente sottratti dalla linea 101. Col risultato che durante l'orario estivo,  proprio la linea 101 diventa quasi impossibile da poter prendere lungo via Roma: tanti utenti che devono raggiungere la 806 e che si aggiungono agli utenti abitudinari ma a bordo di un bus da 12m. In sostanza si riduce la capacità di trasporto del 101 a fronte di una maggiore domanda. E allora ci vogliamo soffermare su questo aspetto proprio per alleggerire la 101 nel tragitto fra la Stazione C.le e piazza Sturzo (capolinea 806) ed anche la 806 fino a Mondello al fine di evitare di vedere "carri bestiame" e/o utenti costretti a rimanere a terra. Sembra che a Giugno verrà riaperto il Passante Ferroviario e che permetterà di ripristinare il collegamento fino a Punta Raisi. E lo auspichiamo tutti in quanto darebbe un notevole contributo all'intero sistema di trasporti cittadino. Con esso anche la nuova fermata interrata di Tommaso Natale. E allora immaginate il collegamento ferroviario ripristinato, il treno che dalla Stazione Centrale ferma a Tommaso Natale, e una navetta che dal nuovo parcheggio esterno alla fermata (può ospitare auto e pullman) faccia da spola con Mondello in corrispondenza degli orari di arrivo dei treni. I vantaggi sarebbero non indifferenti: il comfort di poter viaggiare seduti comodamente e con aria condizionata, tempi certi di arrivo, alleggerimento traffico utenti lungo gli assi via Roma-viale della Libertà e tempi sicuramente inferiori rispetto a quelli impiegati dal 101 e 806 messi assieme dalla Stazione Centrale a Mondello, e pari a poco più di un'ora. Oggi un treno impiega già 18' da Centrale fino a Notarbartolo con fermate a Guadagna, Vespri, Orleans, Lolli, Notarbartolo. A Passante Ferroviario aperto aggiungiamo le fermate Francia, San Lorenzo Colli e Tommaso Natale per un ulteriore tempo di percorrenza "entro" i 15'; che sommato ai 18' del primo tratto sono 33'. Aggiungiamo poi ulteriori 12' fra tempo di trasbordo sulla navetta e tragitto dalla fermata Tommaso Natale fino a Mondello. In 45' circa si arriverebbe ad un collegamento dal pieno centro città fino a Mondello. Senza problemi di parcheggio, senza stress da traffico, senza la preoccupazione di vedersi arrivare bus sovraffollati e rimanere alla fermata. Condizione primaria dovrà essere la presenza del biglietto unico fra Amat e Trenitalia. Non ci sono costi esorbitanti a carico dell'Amministrazione Comunale che dovrà semplicemente istituire una nuova navetta senza fermate fra Tommaso Natale e Mondello oppure ancora potrà anche prolungare il percorso della navetta stagionale 87 fino a Tommaso Natale, ma con vetture da 12m. Ce la faranno i nostri eroi a tenere conto di questa proposta?  

Leggi tutto    Commenti 13
Articolo
19 nov 2016

AMAP | Lunedì 21 Novembre interruzione idrica nella zona nord della città

di Fabio Nicolosi

Riportiamo questo comunicato di AMAP circa l'interruzione idrica prevista per la prossima settimana. Prendete nota. L'AMAP informa che, per lavori di manutenzione all'adduttore "Jato", dalle ore 8,00 alle ore 20,00 di lunedì 21/11/2016, si potranno verificare disservizi nell'erogazione idrica, nella zona Nord della città di Palermo, dall'asse via Notarbartolo fino a Mondello compreso.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 ott 2016

Viabilità | Domenica 2 Ottobre numerose le strade chiuse per il Triathlon “Città di Palermo”

di Fabio Nicolosi

La Polizia Municipale rende noto che domenica 2 ottobre si svolgerà la 3° edizione del Triathlon "Città di Palermo"con partenza alle ore 9.30 da piazza Valdesi. E' prevista la chiusura al transito veicolare di viale Margherita di Savoia, piazza Caboto, viale Regina Elena, (dal circolo Lauria fino all'incrocio con Via Anadiomene), del parco della Favorita (viale Ercole e viale Diana) e di via della Favorita. Secondo gli organizzatori, la manifestazione che prevede tre discipline sportive (nuoto, ciclismo e corsa) inizierà alle ore 9,30 per concludersi intorno alle ore 15,30. Si consiglia all'utenza di contemperare le proprie esigenze di mobilità, in considerazione dello svolgersi della manifestazione. Trenta agenti ed ufficiali del Corpo presiederanno la zona per disciplinare la viabilità e la necessaria assistenza agli utenti. E' previsto da parte dell'organizzazione l'impiego di proprio personale per presidiare i varchi. Nello specchio d'acqua antistante piazza Valdesi, si svolgerà la prova di nuoto e a seguire, la gara ciclistica che partirà da piazza Valdesi, attraverso il viale Margherita di Savoia, in direzione centro città, nella semi carreggiata lato monte,chiusa al traffico e delimitata da transenne nella linea di mezzeria della carreggiata, poco prima dello sparti traffico di Viale Venere. I ciclisti continueranno sul viale Margherita di Savoia, procedendo per il parco della Favorita in direzione di viale Ercole fino a poco prima del piazzale Matrimoni. Ritorno con svolta a sinistra su viale Diana, proseguendo per viale Margherita di Savoia fino all'altezza di piazza Caboto, per reimmettersi sul viale Margherita di Savoia in direzione Favorita fino al compimento dei quattro giri previsti. Infine, la gara podistica articolata su tutto il tratto di lungomare di viale Regina Elena fino all'Antico stabilimento, poco prima dell'incrocio con Via Anadiomene. Ordinanza Dirigenziale n. 1147 del 28.09.2016 01 OTTOBRE 2016 PIAZZA VALDESI Tratto compreso tra viale Regina Elena e l'intersezione con viale Margherita di Savoia (esclusa quest'ultimaintersezione), lato monte (emiciclo lato "Club Canottieri Roggero di Lauria"): Chiusura al transito veicolare, dalle ore 8.00 alle ore 24.00, per consentire all'Organizzazione il posizionamentodella base logistica della manifestazione sportiva di Triathlon; Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 0.00 alle ore 24.00; Tratto compreso tra viale Principe di Scalea e viale Margherita di Savoia: "Doppio senso di circolazione" dalle ore 08.00 fino alle ore 24.00; Limite massimo di velocità 30 Km/h e Divieto di sorpasso. La suddetta carreggiata dovrà essere delimitata con elementi idonei ad impedire qualsiasi interferenza tra le corsiesopra menzionate. Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati. dalle ore 0.00 alle ore 24.00. Tratto compreso tra il viale Principe di Scalea e viale Regina Elena, (emiciclo lato Snai):Istituzione del senso unico di marcia, nel senso e nel tratto; Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati. dalle ore 0.00 alle ore 24.00. 02 OTTOBRE 2016 VIALE REGINA ELENA: Tratto compreso tra l'inizio del viale Regina Elena (all'altezza del "Club Canottieri Roggero di Lauria") e viaAnadiomene (esclusa l'intersezione di viale Regina Elena con la suddetta via): Chiusura (intera carreggiata) al transito veicolare, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 0.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine ditutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); VIALE PRINCIPE DI SCALEA Tratto compreso tra piaiza Valdesi e via Anadiomene: "Doppio senso di circolazione" che verrà adottato dalla Polizia Municipale non appena avrà conclusione la faseciclistica dell'evento. per cui potrà essere aperto del tutto il viale Margherita di Savoia; il segnale verticale temporaneo mobile "Doppio senso di circolazione", relativo ad ogni estremità del suddetto tratto, deve essere collocato dalla Organizzazione poco prima dell'intersezione con via Anadiomene, nel senso di marcia in direzione di piazza Valdesi ed all'intersezione di piazza Valdesi nel senso di marcia in direzione Mondello; Divieto di sosta con rimozione coatta. su entrambi i lati dalle ore 0.00 alle ore 8.00. mentre sul lato dx per ogni sensodi marcia dalle ore 8.00 e fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessateesigenze che saranno valutate dalla P.M.), eccetto nei posti riservati ai mezzi di Soccorso e di pronto intervento; le suddette intersezioni. comunque, dovranno essere costantemente presidiate dal personale di cui all'art.] 2 del Codicedella Strada (C.d.S.) e/o dal personale dell'organizzazione; Transennare lungo l'asse della mezzeria della strada con elementi idonei ad impedire qualsiasi interferenza. VIA GLAUCO: All'imbocco della strada, con accesso da viale Principe di Scalea: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poichè la strada non ha sbocco su vialeRegina Elena, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva diTriathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmenteautorizzati) ai quali è consentito il transito "a passo d'uomo" (con accesso/uscita, soltanto, da/su viale Principe diScalea) in entrambi i sensi di marcia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la di Triathlon (ovvero. fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 00.00 alle ore 15.00 e comunque fino al terminedi tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); PIAZZA VALDESI Chiusura al transito veicolare dell'intera piazza, ad eccezione della semicarreggiata lato monte del tratto compreso tra viale Principe di Scalea ed il viale Margherita di Savoia, dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica, mentre l'altra semicarreggiata (lato valle) sarà aperta al transito veicolare dalla Polizia Municipale. non appena avrà conclusione la gara ciclistica, per consentire il doppio senso di circolazione nel suddetto tratto; Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 0.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la Manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero. fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); Limite massimo di velocità 30 Km/h e Divieto di sorpasso; La suddetta semicarreggiata dovrà essere delimitata con elementi idonei ad impedire qualsiasi interferenza. VIALE MARGHERITA DI SAVOIA Tratto compreso tra piazza Valdesi e la rotatoria di viale Venere (esclusa l'intersezione tra viale Margherita di Savoia e la suddetta rotatoria di viale Venere; Chiusura al transito veicolare (eccetto i velocipedi dei ciclisti partecipanti alla gara) dellasemicarreggiata lato monte (ovvero della semicarreggiata il cui senso di marcia dei veicoli è in direzione di piazza Valdesi), dalle ore 8.00 fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla Polizia Municipale); Transennare lungo l'asse della mezzeria della strada, sino al 1° varco (escluso) della rotatoria con viale Venere, al fine di separare la semicarreggiata aperta al transito veicolare (in direzione del parco della Favorita) dalla semicarreggiata chiusa in cui si svolge la gara ciclistica (per il suddetto intervallo di tempo, e cioè dalle ore 8.00 fino al termine della gara ciclistica ovvero fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta sul lato dx per ogni senso di marcia dei veicoli, dalle ore 0.00 alle ore15.00 e comunque fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze); Tratto compreso tra la rotatoria di viale Venere e la tenuta Real Favorita (Cancello Giusino): Chiusura al transito veicolare (eccetto i velocipétli dei ciclisti partecipanti alla gara) di entrambe le carreggiate, dalle ore 8.00 fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); Divieto di sosta con rimozione coatta su lato dx di entrambe le carreggiate. nel senso di marcia dei veicoli, dalle ore 0.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze): PIAZZA CABOTO Chiusura al transito veicolare dell'intera piazza, ad eccezione dei velocipedi dei ciclisti partecipanti alla gara, dalle ore 8.00 fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati delle carreggiate, dalle ore 0.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze); VIALE VENERE Tratto compreso tra piazza Castelforte e la rotatoria di viale Margherita di Savoia: Chiusura al transito veicolare della semicarreggiata, nel senso e nel tratto, dalle ore 8,00 e fino al terminedella gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.), eccetto i veicoli dei residenti e dei titolari dei passi carrabili regolarmente autorizzati di viale Venere e delle strade che confluiscono su viale Venere: Collocazione di segnaletica (li preavviso dalla quale si evinca che, proseguendo su viale Venere nel suddetto senso di marcia, non si potrà accedere sul viale Margherita di Savoia, dalle ore 8.00 fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su lato dx per ogni senso di marcia dei veicoli, dalle ore 0.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze ); VIA MARINAI ALLIATA Sulle soglie dell'intersezione di ciascun ramo di via Marinai Alliata - che sbocca su viale Venere - con lo stesso viale Venere: collocazione di segnaletica di preavviso dalla quale si evinca che, immettendosi e proseguendo su viale Venere nel senso di marcia in direzione di viale Margherita di Savoia, non si potrà accedere sul viale Margherita di Savoia, dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); VIA CAMARINA Sulla soglia dell' intersezione con via Mater Dolorosa: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Direzione obbligatoria a sinistra", dalle ore 8.00 fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); VIA MATER DOLOROSA Immediatamente dopo (nel senso di marcia verso viale Margherita di Savoia) l'intersezione tra via Mater Dolorosa ed il breve tratto di strada (prima della via Marinai Alliata) che collega la via Dietro la Parrocchia con la stessa via Mater Dolorosa: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poiché da via Mater Dolorosa non si può accedere su viale Margherita di Savoia, dalle ore 8.00 fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); la suddetta intersezione, comunque. dovrà essere costantemente presidiata dal personale dell'organizzazioneal fine di fornire ai conducenti le opportune indicazioni su itinerari alternativi; Sulla soglia dell' intersezione con via Camarina, prima della stessa via Camarina (nel senso di marcia in direzione di viale Margherita di Savoia): collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Direzione obbligatoria a destra", per immettersi su via Camarina, dalle ore 8.00 fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze); Immediatamente dopo (nel senso di marcia in direzione di viale Margherita di Savoia) l'intersezione con via Camarina :collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Senso vietato" (in direzione di viale Margherita di Savoia), dalle ore 8.00 fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); la suddetta intersezione, comunque, dovrà essere costantemente presidiata dal personale di cui all' art. 12 del Codice della Strada (C.d.S.) e/o dal personale dell'organizzazione; VIA CASE ROCCA Intero tratto, compreso tra viale del Fante e viale Ercole: all'imbocco della strada, con accesso da viale del Fante: "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i residenti nel suddetto tratto ed eccetto, inoltre, i mezzi (comunali e/o privati) del personale del Ufficio della Protezione Civile, che il 02/10/2016 risulta di "reperibilità", per recarsi alla sede dell'Ufficio Autonomo Protezione Civile sita,ig viale Ercole, dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); il varco d'accesso su viale Ercole. da via c.d. Case Rocca, dovrà essere transennato e presidiatocostantemente da personale dell'Organizzazione; VIA DELLA FAVORITA Intero tratto, compreso tra il largo Willy Brandt ed il "cancello Est della Favorita" ("cancello" che costituisce l'accesso al viale Diana da via della Favorita): all'imbocco della strada, con accesso dal largo Willy Brandt: "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmente autorizzati) ed eccetto, inoltre, per veicoli di militari che devono recarsi nelle aree laterali di "zona militare", dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); il varco d'accesso su viale Diana, da via della Favorita, dovrà essere transennato e presidiatocostantemente da personale dell'Organizzazione; LARGO WILLY BRANDT All'imbocco della area (delimitata da via della Favorita e da via Martin Luther King), con accesso dalla stessa via Martin Luther King: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poiché la strada (ovvero l'area) non ha sbocco su viale della Favorita (ove vige temporaneamente, ai sensi del presente provvedimento, il Divieto di Transito), dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); l'intersezione tra il largo Willy Brandt e la via Martin Luther King. comunque, dovrà essere costantementepresidiata dal personale di cui all' art. 12 del Codice della Strada (C.d.S.) e/o dal personale dell'organizzazione; VIA PAOLO GIACCONE All'imbocco della strada, con accesso da via Camarina: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poiché la strada non ha sbocco su viale Margherita di Savoia, dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze); Intero tratto: all'imbocco della strada, con accesso da vía Camarina: "Divieto di transito" veicolare. eccetto per iveicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili regolarmente autorizzati (con accesso/uscita, soltanto, da/su via Camarina), dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); VIA SEBASTIANO BOSIO All'imbocco della strada, con accesso da via Camarina: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poichè la strada non ha sbocco su vialeMargherita di Savoia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze): Intero tratto: all'imbocco della strada, con accesso da via Camarina: "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili regolarmenteautorizzati (con accesso/uscita, soltanto, da/su via Camarina), dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); VIALE PRINCIPESSA MAFALDA Tratto compreso tra viale delle Palme e viale Regina Elena: all'imbocco della strada, con accesso da viale delle Palme: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poichè la strada non ha sbocco su vialeRegina Elena, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva diTriathlon (ovvero. fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmenteautorizzati) ai quali è consentito il transito (con accesso/uscita, soltanto, da/su viale delle Palme) in entrambi i sensi di marcia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 00.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); VIALE PRINCIPESSA IOLANDA Tratto compreso tra viale delle Palme e viale Regina Elena: All'imbocco della strada, con accesso da viale delle Palme: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poichè la strada non ha sbocco su vialeRegina Elena, dalle ore 8.00 e fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmente autorizzati) ai quali è consentito il transito (con accesso/uscita, soltanto, da/su viale delle Palme) in entrambi i sensi di marcia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 00.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); VIALE PRINCIPE UMBERTO Tratto compreso tra le due carreggiate di piazza Caboto: Chiusura (intera carreggiata) al transito veicolare (eccetto i velocipedi dei ciclisti partecipanti alla gara). dalle ore8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine della gara ciclistica (ovvero. fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 0.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine ditutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); Tratto compreso tra viale delle Palme e viale Regina Elena: All'imbocco della strada, con accesso da viale delle Palme: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poiché la strada non ha sbocco su vialeRegina Elena, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva diTriathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); all'imbocco della strada, con accesso da viale delle Palme: "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli deiresidenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmente autorizzati) ai quali è consentito il transito (con accesso/uscita,soltanto, da/su viale delle Palme) in entrambi i sensi di marcia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino altermine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati. dalle ore 00.00 alle ore 15.00 e comunque fino al terminedi tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); VIALE DELLE PALME Tratto compreso tra viale Principe Umberto e viale Margherita di Savoia: All'imbocco della strada, sulla soglia dell'intersezione con viale Principe Umberto: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poichè la strada non ha sbocco su viale Margherita di Savoia, dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmente autorizzati) ai quali è consentito il transito (con accesso/uscita, soltanto, da/su viale Principe Umberto) in entrambi i sensi di marcia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 00.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); VIALE ORFEO Tratto compreso tra viale Principe Umberto e viale Margherita di Savoia: All'imbocco della strada, sulla soglia dell'intersezione con viale Principe Umberto: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita". poichè la strada non ha sbocco su viale Margherita di Savoia. dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmente autorizzati) ai quali è consentito il transito (con accesso/uscita, soltanto, da/su viale Principe Umberto) in entrambi i sensi di marcia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i Iati, dalle ore 00.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); VIALE CERERE Tratto compreso tra viale Principe Umberto e viale Margherita di Savoia: All'imbocco della strada, sulla soglia dell'intersezione con viale Principe Umberto: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poichè la strada non ha sbocco su viale Margherita di Savoia. dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmente autorizzati) ai quali è consentito il transito (con accesso/uscita, soltanto, da/su viale Principe Umberto) in entrambi i sensi di marcia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 00.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triatfilon (ovvero, fino a cessate esigenze); VIALE COLONIA MARINA Tratto compreso tra viale Principessa Iolanda e viale Principe Umberto: All'imbocco della strada, sulla soglia dell'intersezione con viale Principessa Iolanda: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poichè la strada non ha sbocco su viale Principe Umberto. dalle ore 8.00 e fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmente autorizzati) ai quali è consentito il transito (con accesso/uscita, soltanto, da/su viale Principessa Iolanda) in entrambi i sensi di marcia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 00.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); VIALE DEI PIOPPI Sulla soglia dell'intersezione con viale Principe di Scalea, prima di immettersi su quest'ultimo viale: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Doppio senso di circolazione", dal momento in cui avrà conclusione la fase ciclistica della manifestazione sportiva di Triathlon; VIA DEGLI OLEANDRI All'imbocco della strada. con accesso da viale Principe di Scalea: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poichè la strada non hasbocco su viale Regina Elena. dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); Intero tratto (compreso tra viale Principe di Scalea e viale Regina Elena): bocco della strada, con accesso da viale Principe di Scalea: "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmente autorizzati) ai quali è consentito il transito (conaccesso/uscita, soltanto, da/su viale Principe di Scalea) in entrambi i sensi di marcia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero. fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 00.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); Sulla soglia dell'intersezione con viale Principe di Scalea, prima di immettersi su quest'ultimo viale: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Doppio senso di circolazione", dal momento in cui avràconclusione la fase ciclistica della manifestazione sportiva di Triathlon; VIALE IRIS All'imbocco della strada, con accesso da viale Principe di Scalea: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poichè la strada non ha sbocco su viale Regina Elena, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmenteautorizzati) ai quali è consentito il transito (con accesso/uscita, soltanto, da/su viale Principe di Scalea) in entrambi i sensi di marcia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero. fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati. dalle ore 00.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); Sulla soglia dell'intersezione con viale Principe di Scalea, prima di immettersi su quest'ultimo viale: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Doppio senso di circolazione", dal momento in cui avràconclusione la fase ciclistica della manifestazione sportiva di Triathlon; VIALE DELLE ROSE Tratto compreso tra viale Principe di Scalea e viale Regina Elena: All'imbocco della strada, con accesso da viale Principe di Scalea: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Strada senza uscita", poichè la strada non ha sbocco su viale Regina Elena. dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero. fino a cessate esigenze); "Divieto di transito" veicolare, eccetto per i veicoli dei residenti e dei titolari di passi carrabili (regolarmenteautorizzati) ai quali è consentito il transito (con accesso/uscita, soltanto, da/su viale Principe di Scalea) in entrambi i sensi di marcia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze); Divieto di sosta con rimozione coatta su entrambi i lati, dalle ore 00.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine di tutta la manifestazione sportiva di Triathlon (ovvero, fino a cessate esigenze): Sulla soglia dell'intersezione con viale Principe di Scalea, prima di immettersi su quest'ultimo viale: collocazione del segnale verticale temporaneo mobile "Doppio senso di circolazione", dal momento in cui avràconclusione la fase ciclistica della manifestazione sportiva di Triathlon; VIA BORDONARO Immediatamente prima dell'intersezione con piazza Vergine Maria (nel senso di marcia in direzione de lungomare Cristoforo Colombo): Collocazione di segnaletica di preavviso dalla quale si evinca che, immettendosi e proseguendo sul lungomare Cristoforo Colombo. non si potrà accedere (al termine dello stesso lungomare) su viale Margherita di Savoia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze); LUNGOMARE CRISTOFORO COLOMBO All'altezza dell'ex istituto "Roosvelt" (nel senso di marcia in direzione di viale Margherita di Savoia): Collocazione di segnaletica di preavviso dalla quale si evinca che, proseguendo sul lungomare Cristoforo Colombo. non si potrà accedere (al termine dello stesso lungomare) su viale Margherita di Savoia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze); Nelle STRADE (eccetto via Mater Dolorosa) che SBOCCANO su PIAZZA PALLAVICINO Sulle sogliedell'intersezione di ciascuna strada con piazza Pallavicino: Collocazione di segnaletica di preavviso dalla quale si evinca che, immettendosi e proseguendo su via MaterDolorosa non si potrà accedere su viale Margherita di Savoia. dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al terminedella gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.): VIA ANNONE All'imbocco della strada (provenendo dal lungomare Cristoforo Colombo): Collocazione di segnaletica di preavviso dalla quale si evinca che, proseguendo su via Annone, non si potrà accedere su viale Margherita di Savoia, dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.); CHIUSURA AL TRANSITO veicolare delle intere carreggiate (eccetto i velocipedi dei ciclisti partecipanti alla gara), dalle ore 8.00 fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze), e DIVIETO DI SOSTA CON RIMOZIONE COATTA su entrambi i lati. dalle ore 0.00 alle ore 15.00 e comunque fino al termine della gara ciclistica (ovvero, fino a cessate esigenze che saranno valutate dalla P.M.), nelle sotto specificate strade (o tratti di esse): VIALE ERCOLE, intero tratto compreso tra il cancello Giusino e il piazzale dei Matrimoni (esclusa la stradina di collegamento con viale Diana); VIALE DIANA, intero tratto compreso tra la stradina di collegamento con viale Ercole (all'altezza del piazzale dei Matrimoni) e viale Margherita di Savoia/cancello Giusino): all'interno del parco della Favorita, TRATTO DI STRADA COMPRESO TRA VIALE ERCOLE (all'altezza,pressochè, della c.d. fontana d'Ercole) ED IL VIALE DUCA DEGLI ABRUZZI; SEGNALE DI "STRADA SENZA USCITA", IN TUTTE LE STRADE (di cui ne sono state sopra indicatealcune di esse) O TRATTI DI ESSE - PRESEGNALATE A MONTE - CHE SBOCCANO SIA SULLACARREGGIATA CHE SULLA SEMICARREGGIATA, DI VIALE MARGHERITA DI SAVOIA, CHIUSE ALTRANSITO VEICOLARE SECONDO IL PRESENTE PROVVEDIMENTO, DURANTE L'INTERVALLO DI TEMPO DI CHIUSURA DELLO STESSO VIALE NEI SOPRA SPECIFICATI, RELATIVI, TRATTI; GLI ORGANIZZATORI PROVVEDERANNO ALL' INSTALLAZIONE DELLA SEGNALETICA DI PREAVVISO, DELLE suddette CHIUSURE AL TRANSITO (di cui al presente provvedimento), DACOLLOCARE NEI SITI PIU' OPPORTUNI (di cui, nella presente 0.D., ne sono stati specificati alcuni);TALI SITI DOVRANNO ESSERE PRESIDIATI DAL PERSONALE DELL'ORGANIZZAZIONE IN MODOTALE DA FORNIRE AI CONDUCENTI DEI VEICOLI LE OPPORTUNE INDICAZIONI SUGLIITINERARI ALTERNATIVI (INDIVIDUATI DAGLI STESSI ORGANIZZATORI).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 set 2016

PROPOSTA | Una linea ferroviaria per la zona di Mondello – Partanna – Zen – Strasburgo?

di Marko Taormina

Ho visionato la nuova proposta dell'Amat per il potenziamento del TRAM che dovrebbe portare sia a Sferracavallo che a Mondello, ho visto anche la proposta per la MAL che dovrebbe portare anch'essa a Mondello e vedo molte criticità. La linea del tram che porterebbe a Sferracavallo non arriverebbe in piazza (dove sarebbe davvero impossibile) ma in una zona del quartiere poco abitata passando dall'ingresso per l'autostrada che penso che dovrebbe rimanere più scorrevole possibile, mentre la linea che porterebbe a Mondello passerebbe anch'essa da zone poco abitate fermandosi alla punta di Valdesi, inoltre queste linee porterebbero alle linee 614 e 616 ad essere abbastanza modificate se non soppresse a discapito di zone come Pallavicino e Partanna che sarebbero abbandonate completamente. Abitando in zona ho voluto fare una proposta con delle mappe un pò spartane ma che penso rendano l'idea. Piccola premessa prima di cominciare, il biglietto unico e l'abbonamento unico per tutti i mezzi di trasporto sarebbe fondamentale per far funzionare tale proposta. La linea del Tram proposta non la prolungherei ne a Mondello ne a Sferracavallo, ma la arresterei all'ultima rotonda di via Lanza di Scalea, questo permetterebbe la soppressione della linea AMAT 614 che diventerebbe utile solo per unire Tommaso Natale a Mondello, rinforzerei piuttosto la linea 616 che attualmente collega Pallavicino a Barcarello. La linea ferroviaria attualmente esistente (linea rossa) dovrebbe avere un punto di scambio a Tommaso Natale creando una nuova linea (linea gialla), che si colloegherebbe direttamente al nuovo anello ferroviario in costruzione. La linea ferroviaria insieme alla linea tramviaria servirebbe il quartiere S.Filippo Neri così da poter sopprimere la linea 619 che puntualmente è pienissima. Le fermate della nuova metropolitana potrebbero essere Partanna, Mondello, Charleston, Valdesi, S.Filippo Neri, Pallavicino, Palazzina Cinese, Del Fante e Leoni. In questa immagine si vede interessata la zona tra viale Strasbrugo, San Lorenzo e Stadio, in viale Strasburgo come proposto dall'Amat sarà posizionato il Tram, la zona centrale e la strada abbastanza larga permetterebbe facilmente la realizzazione e la fluizione del traffico, molte linee che passano in quella via come 704, 544 e 614 potrebbero essere soppresse mentre la linea 628 potrebbe essere modificata partendo da Pallavicino salendo via della Resurrezione per poi arrivare a Isola delle Femmine (trovo assurdo far arrivare qualche 628 a Sferracavallo e altre a Isola). Per chiudere la linea da me proposta ci sono 3 opzioni segnata nella mappa in blu. 1. La più semplice ed economina, dalla fermata di piazza Leoni si riunisce alla linea in costruzione (linea verde). 2. Una linea che taglia la Favorita per andare a creare una nuova fermata "Falde Montepellegrino" che trovo assurdo escludere vista l'importanza per la città per poi riunirsi alla linea che porta ad Imperatore Federico. 3. Mantenere l'idea 1 per chiudere la linea da me proposta ma creando una tratta dalla Fiera alla nuova stazione Falde Montepellegrino da me proposta per poi riunirsi alla stazione Imperatore Federico ma questo renderebbe inutile la tratta diretta Fiera-Imperatore Federico.

Leggi tutto    Commenti 4