Articolo
18 apr 2019

Avviati i lavori di realizzazione del Centro Comunale Raccolta di “Borgo Vecchio”

di Fabio Nicolosi

Il Sindaco Leoluca Orlando ha avuto lunedì pomeriggio un incontro con gli Assessori Catania e Giambrone e con l’Amministratore Unico di Rap Norata per fare il punto sulle azioni messe in campo per l’incremento della raccolta differenziata e per il contrasto degli illeciti e delle irregolarità connessi allo smaltimento dei rifiuti di utenze domestiche e commerciali. I dati forniti dalla RAP hanno mostrato il costante aumento nell’ultimo biennio della percentuale di raccolta differenziata (giunta al 20% nel mese di marzo del 2019) con un trend che fa prevedere il superamento di almeno il 35% entro gli ultimi mesi dell'anno. [...] Un risultato estremamente positivo viene considerato quello del CCR – Centro comunale di raccolta attivato a Brancaccio, nel quale si registra una crescita continua del numero di utenti (18.000 solo quelli che hanno conferito frazioni riciclabili di rifiuti domestici e 15.000 quelli che hanno conferito altre frazioni) e di quantitativi di rifiuti conferiti, in particolare ingombranti, elettrodomestici, inquinanti, legno e ferro. Sono iniziati i lavori di allestimento del secondo CCR, quello di piazzetta della Pace nel quartiere di Borgo Vecchio che andrà a servire tutta la zona centrale della città, mentre sono in fase di individuazione le aree per l’allestimento progressivo di almeno altri 15 Centri in tutta la città. Per il Sindaco “è indispensabile che la RAP, in collaborazione con SRR e con tutte le Aree del Comune interessate, metta in atto le strategie già programmate per l’ulteriore accelerazione della raccolta differenziata, in particolare con l’ampliamento delle aree del “porta a porta”, l’efficientamento degli interventi della raccolta nelle aree non servite e con l’avvio di piani di raccolta mirati alle utenze con produzione specifica, quali l’organico anche per ottimizzare l’impianto in house di Bellolampo o gli uffici ad alta produzione di rifiuti cartacei.” Sul fronte del contrasto agli illeciti, dall’inizio dell’anno sono state circa 450 le sanzioni elevate a singoli cittadini (erano state poco più di 2.000 nell’anno 2018) e sono stati 13 i mezzi adibiti al trasporto illecito o irregolare di rifiuti che sono stati posti sotto sequestro. Anche su questo fronte, il Sindaco ha sottolineato la necessità di una intensificazione dei controlli, cui il Comando della Polizia Municipale adempierà con un incremento della dotazione organica dell’apposito Nucleo con altre 10 unità di personale, oltre le 35 già impegnate. [...]

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
15 mar 2019

RAP | Un nuovo centro comunale di raccolta in piazza della Pace

di Fabio Nicolosi

L'annuncio proviene dalla pagina facebook del neo assessore Catania che scrive: Il mio primo atto da assessore all'Ambiente: oggi ho firmato, insieme a Leoluca Orlando, l'ordinanza per l'istituzione del Centro comunale di raccolta differenziata a Piazza della Pace. Entro il mese di Aprile l'area sarà attiva. È il secondo centro, dopo viale dei Picciotti, e contribuirà a rendere più sostenibile la nostra città. L'obiettivo a medio termine è quello di individuare un'area per ogni quartiere di #Palermo. Prossima tappa: Mondello, prima dell'inizio della stagione estiva... Restiamo dunque in attesa dei dettagli sui tempi di realizzazione. Ricordiamo che i rifiuti conferibili nel Centro di raccolta sono i seguenti: toner per stampanti esauriti imballaggi in carta e cartone imballaggi in plastica imballaggi in metalli imballaggi in materiali misti (plastica e metalli) imballaggi in vetro carta e cartone abbigliamento oli e grassi commestibili medicinali batterie e accumulatori apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso legno plastica rifiuti ingombranti rifiuti biodegradabili di cucine e mense Vi terremo aggiornati

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
26 ott 2017

TARI | Il comune risponde alla campagna “Pago di paga la TARI”

di Mobilita Palermo

Era il 19 Settembre quando lanciavamo ufficialmente la campagna "Pago chi paga la TARI" La campagna ha da subito riscosso grande successo, sopratutto sui social network e oggi raccogliamo i frutti. E' stato proprio in queste ore rilasciato un comunicato stampa del comune che ha risposto positivamente alla nostra campagna. Abbiamo ottenuto quello che era il risultato che ci aspettavamo e quindi che il comune desse la possibilità a tutti i commercianti che sono in regola con il pagamento delle tasse di farlo presente e di metterlo in bella vista in vetrina o all'ingresso dell'esercizio commerciale. Adesso però tocca a voi valorizzare il commerciante in regola rispetto a quello che ancora non lo è. Quindi passate parola e cercate di convincere chi non paga a farlo nel minor tempo possibile. Perché bisogna sempre ricordare che le tasse e le imposte sarebbero decisamente più basse se tutti le pagassero. Vi lasciamo al comunicato stampa: Il logo personalizzato sarà rilasciato annualmente e inviato al cassetto tributi virtuale di cui ogni esercente è sollecitato a richiedere l'apertura, registrandosi al Portale dei servizi online del Comune di Palermo servizionline.comune.palermo.it. Registrarsi è semplice e utile per trasmettere istanze di rimborso, richieste di agevolazioni o di annullamento accertamenti, accedere ai servizi digitali e per dialogare digitalmente e semplicemente con il Comune. Per il solo anno 2016, da lunedì 30 ottobre, in aggiunta al cassetto tributi, sarà attivato un apposito link "Io pago la TARI 2016" sull'home page del Comune. Ciascun esercente, inserendo la partita iva, potrà ricevere il proprio logo nella casella di posta elettronica che sarà indicata. E' poi in fase di studio un'iniziativa congiunta con le associazioni di categoria per premiare le imprese che sono in regola fin dall'istituzione della TARI e cioè per l'intero triennio 2014-2016. "Questa iniziativa è anomala – dichiara il Sindaco Leoluca Orlando - perché è anomalo che l'eccezione sia costituita da chi è in regola con il pagamento delle tasse. Le tasse, soprattutto una tassa come la TARI, servono per pagare servizi indispensabili ed indifferibili. Chi paga le tasse non soltanto quindi rispetta le regole ma, soprattutto, rende un servizio a tutta la comunità. Vogliamo dare la giusta visibilità a quegli imprenditori che interpretano il proprio ruolo non solo come persone d'affari ma anche come cittadini che sono parte attiva e viva della propria comunità." L'Assessore ai Tributi, Antonino Gentile sottolinea che "in un contesto di diffusa morosità, è giusto che i titolari di aziende che hanno mostrato la loro lealtà fiscale al Comune siano indicati come esempio da seguire. E' venuto il tempo dei virtuosi. Ogni cittadino che fa il suo dovere deve sentirsi orgoglioso di contribuire al bene comune. I tempi siamo noi, come siamo noi così sono i tempi". Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo  

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
19 set 2017

La città è sporca? Lanciamo la campagna “Pago chi paga la TARI”

di Fabio Nicolosi

Al momento il problema principale di Palermo è la spazzatura e l'immondizia. Se a pochi giorni dalle elezioni la città era magicamente pulita, a tre mesi dalle stesse la città sembra aver fatto un balzo indietro di 10 anni dove ogni angolo trovi spazzatura, dove i marciapiedi sono pieni di ingombranti e dove il palermitano non fa nulla per migliorare la situazione incendiando i cassonetti. Ci siamo quindi chiesti, ma com'è possibile? Quanti di voi sanno che il regolamento comunale impone i conferimenti dell’indifferenziato nei cassonetti soltanto nelle ore pomeridiane / prima serata, nonché il divieto assoluto durante i giorni festivi, compreso la domenica? E ancora che la Rap ha attivato il ritiro GRATUITO degli imgombranti? Clicca qui Ma c'è qualcosa che manca all'appello... Se gli strumenti ci sono, se l'azienda gode di buona salute economica com'è possibile? Il Sindaco Leoluca Orlando e l'Assessore al Bilancio, Antonino Gentile, hanno illustrato a Palazzo delle Aquile i dati di uno studio dettagliato sull'evasione da record delle tasse comunali a Palermo con riferimento alle attività non domestiche e le iniziative legate al contrasto di tale fenomeno di evasione. Una “operazione verità” che ha portato alla luce punte di evasione record, fino al 90% ed un ingentissimo danno alle casse comunali. “Questo studio evidenzia, in maniera dettagliata – ha dichiarato Orlando - il quadro dei mancati pagamenti. Anche per evitare che con l'avvio delle procedure esecutive da parte di Riscossione Sicilia, con l’evidente maggiore aggravio e l’evidente esposizione a procedure espropriative, stiamo mandando 225.000 solleciti di pagamento, invitando il cittadino a pagare utilizzando le possibilità di rateizzare fino a 4 rate per il corrente anno e fino a 36 rate per il pregresso. Vogliamo migliorare l’efficienza dei servizi e diminuire la TARI, ma per fare ciò, è necessario che tutti paghino, secondo il principio del <>. Per legge non possiamo destinare alla pulizia e al decoro della città e altre risorse oltre la TARI e quindi se non c’è un incasso, il servizio non potrà realizzarsi al meglio, ad esempio con l’acquisto dei nuovi mezzi, con la copertura del lavoro domenicale e straordinario e con tutte quelle caratteristiche che sono proprie del piano industriale della RAP. Oggi facciamo una operazione-verità, nell’interesse dei Palermitani e della città di Palermo. Il Comune non può affrontare la spesa per la Rap senza il contributo dei cittadini ed è per questo che li esortiamo a collaborare, a mettersi in regola e a non aspettare che si concretizzino, con notevole aggravio di costi, le procedure di riscossione coattiva, che spettano a Riscossione Sicilia”. “La morosità – ha sottolineato Gentile - va da un minimo del 60% ad oltre l’80% perfino nelle zone più centrali e commerciali della città. E’ evidente l’impatto fortemente negativo sugli equilibri finanziari ma anche e soprattutto sulla qualità dei servizi. L'evasione è indice dello scollamento del senso di appartenenza ad una comunità. I palermitani devono capire che è nel loro interesse concorrere al mantenimento del servizio di nettezza urbana e alla salvaguardia del decoro della città. LE CIFRE A Palermo il 37% dei cittadini e il 67% delle imprese non ha pagato la Tari nel 2016. Si tratta di un danno alle casse del comune di 50 milioni di euro. Insieme al recupero degli omessi versamenti Tari, sono stati individuati oltre 600.000 mq totalmente sconosciuti al fisco e 10.000 immobili che non hanno pagato l’imu. Dal 15 settembre inizierà la notifica di oltre 250 mila avvisi di accertamento e liquidazione. Saranno trasmessi anche 2600 avvisi di accertamento per omesso pagamento della Tosap. (slide 2,3,4) LE BANCHE DATI E’ grazie ad un innovativo software realizzato dalla Sispi che sono stati individuati i singoli contribuenti che non hanno pagato quanto dovuto. Si tratta di un’elaborazione che incrocia più banche dati (catasto, cartografia, immagini satellitari, aerofotogrammetria, toponomastica, utenze, contratti di locazione, bonifici ecc..) Slide 5,6,7,8,9,10 ALCUNE ZONE DELLA CITTA’ IL CENTRO STORICO In media nei quattro mandamenti del centro storico 4 imprese su cinque e 2 cittadini su 3 non hanno pagato la tari 2016. Complessivamente nei quattro mandamenti non sono stati pagati 3,9 milioni di euro (slide 12) LUNGO VIA LIBERTA’ In media il 60% delle imprese non ha pagato la Tari e 1 cittadino su 4. Complessivamente non sono stati pagati 4,2 milioni di euro (slide 13) NELL’AREA CENTRO-NORD DELLA CITTA’ In media il 64% delle imprese non ha pagato la Tari e 1cittadino su 3. Complessivamente non sono stati pagati 6,7 milioni di euro (slide 14) NELL’AREA MONDELLO E SFERRACAVALLO In media il 70% delle imprese non ha pagato la Tari e 1cittadino su 3. Complessivamente non sono stati pagati 2 milioni di euro (slide 15) NELL’AREA COSTA SUD In media il 70% delle imprese non ha pagato la Tari e 2 cittadini su 4. Complessivamente non sono stati pagati 3,6 milioni di euro (slide 16) ALCUNE CATEGORIE COMMERCIALI Nelle zone più frequentate della città non ha pagato il 98% dei ristoranti, l’86% dei bar e l’85% dei supermercati e negozi alimentari. (slide 17,18,19,20) LE FACILITAZIONI PER I PAGAMENTI Dal 1 gennaio 2018 la tari sarà pagata in quattro rate rispetto alle due attuali. Per tutti i tributi, da quando il Consiglio approverà il regolamento, sarà possibile presentare un piano di rateazione per chi deve pagare carichi arretrati. Sarà poi ampliato il ravvedimento operoso. Ciò vuol dire che fino a quando non si è ricevuto un avviso di accertamento o di liquidazione, il contribuente può ravvedersi pagando spontaneamente il tributo e una sanzione ridotta. LE AZIONI ESECUTIVE Per coloro che non vogliono mettersi in regola sono pronti gli elenchi da inviare a Riscossione Sicilia per i pignoramenti. Si tratta di proprietari di immobili che percepiscono fitti attivi di cui saranno comunicati inquilini, estremi dei contratti di locazione, durata e importi e di soggetti che hanno la disponibilità di conti correnti bancari e postali. Vogliamo supportare la proposta lanciata da Ciro S. Entro in una pizzeria, ristorante, birreria con gli amici, con la famiglia. Prima di sedermi, prima di verificare se c’è il wifi, prima di verificare le stelle su Trip Advisor dalle recensioni dei clienti, chiedo di farmi vedere il bollettino di avvenuto pagamento della TARI dell’anno in corso o almeno di quello dell’anno precedente. Tu esercente non me lo mostri, bene…., cambio pizzeria proprio per questo motivo. Semplice. Io pago la TARI e pago solo i beni e i servizi di quelle attività commerciali che mi mostrano di aver pagato la TARI. La Tax Advisor! E’ una scelta, civica, culturale. E’ innovazione sociale, attraverso la quale si veicola un messaggio chiaro: io pago la TARI e tutti la dobbiamo pagare se vogliamo vivere in una città dove viene assicurato un ottimale servizio di igiene urbana per una città decorosa e di cui andare fieri. Oltre al network contro il pizzo di AddioPizzo “Pago chi non paga”, visibile dal logo affisso in molte vetrine dei negozi in città, si può avere quello di “Io pago la TARI per una città pulita”! Se l’iniziativa prende piede, le attività commerciali esporranno spontaneamente il bollettino di avvenuto pagamento della TARI come attestazione di esercente che contribuisce a rendere efficiente i servizi pubblici di igiene urbana della città. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 12
Articolo
23 ott 2015

FOTO | Rap: Ecco i nuovi compattatori

di Fabio Nicolosi

Sono arrivati in città già da qualche giorno, ma tra collaudi, procedure di immatricolazione e assicurazione non entreranno in servizio prima di domenica prossima. Saranno 10 i nuovi mezzi che verranno utilizzati in città, i primi sono già pronti, gli altri entro fine mese. I nuovi compattatori ci auguriamo possano dare una grossa mano ad evitare l’accumulo di rifiuti e l’emergenza che spesso ha caratterizzato la città specialmente nel periodo delle festività natalizie. Ricordiamo che in città è presente il servizio gratuito di raccolta degli ingombranti e che presto (almeno così ci hanno detto) partirà anche il secondo step di Palermo Differenzia che consentirà a 130.000 abitanti di usufruire del servizio di raccolta porta a porta migliorando la raccolta differenziata e diminuendo i rifiuti che giornalmente vengono scaricati nella discarica di Bellolampo.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
15 mag 2013

Immondizia che va, immondizia che viene

di Paco

Alcune settimane fa scioperi ed assemblee sindacali hanno riempito, per l'ennesima volta, la città d'immondizia. Ovunque si sono registrati incendi ed accumuli incontrollati, addirittura strade quasi chiuse al traffico per la presenza di rifiuti sulla carreggiata. Poi finalmente l'AMIA ha ricominciato a raccogliere con regolarità ed a eliminare l'eccesso accumulato, anche nelle periferie più estreme. Quando sembrava tutto finalmente risolto in alcune zone si è, inizlamente riscontrato una raccolta ad intermittenza (una sera si ed una sera no) fino a quando si è proprio interrotta la raccolta. A seguire alcune foto della zona Uditore (in particolare via Bernini) dove la raccolta è ferma da ben 6 giorni. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 2