30 gen 2020

Mondello | Collocati i nuovi arredi


Sono iniziati ieri i lavori di sistemazione di nuovi arredi nella piazza di Mondello, coordinati dall’Assessorato al decoro urbano guidato dal Vicesindaco Fabio Giambrone.

“In attesa che gli uffici portino a compimento la progettazione della riqualificazione complessiva della piazza- afferma il Sindaco – è importante che da parte dell’Assessorato si sia dato il via ad un primo intervento, con l’installazione di nuove panchine e fioriere cui si aggiungeranno altri piccoli miglioramenti prima dell’estate.”

L’iniziativa è commentata anche dal Presidente della Commissione consiliare per le attività produttive Ottavio Zacco che sottolinea l’importanza di “avviare un dialogo con i commercianti e i residenti per programmare la pedonalizzazione in vista della prossima stagione, strumento fondamentale per il rilancio economico e turistico della borgata.”


arredoarredo urbanoborgatagiambronemaremare palermomarinaramobilita palermomondellomondello palermopalermo mondellopanchineSegnalati

5 commenti per “Mondello | Collocati i nuovi arredi
  • punteruolorosso 2296
    30 gen 2020 alle 10:15

    sono arredi removibili, ma mi chiedo che senso abbia piazzarli se è vero che presto partirà il cantiere per la nuova pavimentazione. la piazza dovrà chiudere.

  • se68 459
    30 gen 2020 alle 23:37

    Questi ‘arredi’ posati sull’asfalto, così, quasi a caso….
    E’ incredibile che, ancora oggi, si concepiscano tali obbrobri.
    E’ una vera e propria mancanza di cultura architettonico-paesaggistica. E’ puro dilettantismo, così come quello dei giornalisti locali che continuano a definire e qualificare questi ‘interventi’ come un… ‘rifarsi il look’…
    Amministratori e giornalisti, fatevi un bel viaggetto in giro per l’Europa. Capirete cosa vuol dire decoro, arredo, ma soprattutto PROGETTAZIONE di luoghi pubblici, affidata a professionisti esterni o tecnici comunali competenti.
    Ma, del resto Palermo è la città del mitico ‘roseto’ di viale Campania, vero monumento allo squallore contemporaneo e all’imbarbarimento di questa città.


Lascia un Commento