Articolo
30 gen 2020

Mondello | Collocati i nuovi arredi

di Fabio Nicolosi

Sono iniziati ieri i lavori di sistemazione di nuovi arredi nella piazza di Mondello, coordinati dall'Assessorato al decoro urbano guidato dal Vicesindaco Fabio Giambrone. "In attesa che gli uffici portino a compimento la progettazione della riqualificazione complessiva della piazza- afferma il Sindaco - è importante che da parte dell'Assessorato si sia dato il via ad un primo intervento, con l'installazione di nuove panchine e fioriere cui si aggiungeranno altri piccoli miglioramenti prima dell'estate." L'iniziativa è commentata anche dal Presidente della Commissione consiliare per le attività produttive Ottavio Zacco che sottolinea l'importanza di "avviare un dialogo con i commercianti e i residenti per programmare la pedonalizzazione in vista della prossima stagione, strumento fondamentale per il rilancio economico e turistico della borgata."

Leggi tutto    Commenti 5
Segnalazione
14 mar 2018

Il futuro “nebuloso” della costa sud e di mondello

di belfagor

Qualche mese fa è accaduto un fatto “storico”. La famiglia Castellucci da sempre legata alla Società Italo Belga ,che gestisce dal 1909 la spiaggia di Mondello, non è più rappresentata nel nuovo Consiglio di Amministrazione , anche se continua ad avere un consistente pacchetto azionario della società. La Società italo belga,nata nel 1909 con il nome di Les Tramways de Palerme Societé Anonyme, ha avuto un ruolo fondamentale nella nascita di Mondello. Infatti oltre  alla bonifica  (ad inizio secolo Mondello  era una vera e propria palude malsana), ha realizzato collegamenti stradali e tramviari, servizi idrici, fognari, d'illuminazione, ed ha costruito anche  l’antico stabilimento balneare. Cosa c’è dietro tale storica decisione? Con le dimissioni di Gianni Castellucci, non ci sarebbe solo un semplice rimescolamento dei vertici azionari. Il posto di Gianni Castellucci è stato preso da Giovanni Tomasello, ex segretario generale dell'Ars andato in pensione a 57 anni con una buonuscita milionaria. Gli altri componenti  del CdA sono espressione degli azionisti napoletani della Italo-Belga, esponenti del mondo delle professioni (avvocati e commercialisti) che  detengono la maggioranza delle quote societarie. Sotto la gestione Castellucci, la  Società Italo-Belga ha vissuto anni di conflitto con l'amministrazione comunale . Qualcuno sostiene che tale “colpo di mano”  sarebbe stato “ispirato” da Palazzo delle Aquile ma tale ipotesi non è mai stata confermata. Quello che è certo e che fino al 31 dicembre 2020 la “nuova” Società  Italo-Belga, senza i Castellucci, continuerà a gestire la spiaggia di Mondello. Dopo scadranno le proroghe ai concessionari e, in base alla direttiva Bolkestein, dovranno celebrarsi , eventualmente, nuove gare. Il Comune di Palermo, attraverso il PUDM (Piano di utilizzo del demanio marittimo), ha previsto sostanzialmente una maggiore presenza di spiagge pubbliche nella Costa Nord  ( Mondello, Addaura, Sferracavallo ecc. ecc.) destinando ai privati la Costa Sud.  In parole povere,  dal 2021 il Comune vorrebbe gestire ( direttamente o indirettamente) le spiagge della Costa Nord ( soprattutto Mondello e  Addaura ) e lascerebbe ai privati la gestione della Costa Sud.  Ciò comporterà una profonda trasformazione della Società Italo-Belga ( con sede a Bruxelles), che  da “società che gestisce  cabine” si dovrà trasformare in un'azienda di servizi che dovrà confrontarsi con la concorrenza,  il territorio e con la politica. Che faranno i Castellucci ? La famiglia Castellucci, ormai soci di minoranza,  nel passare ad altri  la gestione della Società sembra  voglia gettare "uno sguardo interessato alla pianificazione del litorale della Costa Sud". A rivelarlo fu qualche mese fà lo stesso Giuseppe Castellucci - ex componente del Cda, nonché uno dei figli  di  Gianni ( ex amministratore delegato) - che però in una intervista   fu  molto cauto: ” Un investimento a Romagnolo? "Non lo escludiamo - rispose Castellucci - ma allo stato attuale non c'è ancora l'intenzione di sviluppare altri affari nel settore del turismo balneare. Abbiamo tuttavia dimostrato di saperlo fare questo lavoro e soprattutto riteniamo da privati di aver contribuito allo sviluppo della città…..Ci sono tante analogie tra la Mondello d'inizio '900 e la Romagnolo di oggi .Non si possono però commettere errori fatti in passato, se si vuole arrivare allo sviluppo della Costa Sud". Effettivamente le perplessità di Giuseppe Castellucci sono fondate. Una cosa è bonificare e costruire in una zona deserta, come era Mondello all’inizio del  900, un'altra cosa è “ bonificare” e rilanciare una zona abitata e con tanti problemi. La viabilità della Costa sud  è un disastro, mancano parcheggi , servizi decenti e alberghi. Inoltre l’abusivismo e un certo degrado sociale sono un freno per qualunque investimento privato. Per non parlare dell’annoso problema dell’inquinamento del Fiume Oreto. Però appare evidente che gli interessi e lo sviluppo turistico si stanno spostando verso questa direzione . La Costa Sud, senza gli errori , gli orrori e le strumentalizzazioni politiche  fatte nel passato, può diventare il volano, forse l’unico, per il rilancio e  lo sviluppo di una città da anni agonizzante. La Costa Sud può diventare “ una nuova Mondello”, però ci vogliono i capitali e la volontà politica. Peccato che attualmente tutto questo manca. Di progetti ce ne sono tanti, per esempio, nel giugno 2017 è stato presentato un interessante  proposta dall’associazione  BALAD . Si trattava di un progetto per la riqualificazione di un tratto della Costa Sud, di circa 2 chilometri, precisamente quella che va dalla foce del fiume Oreto al vecchio pontile abbandonato di via Messina Marine . Tale progetto si limita a prospettare il recupero di una parte della Costa sud,  quella dove il “risanamento” non comporterebbe espropri massicci di edifici abusivi. Inoltre la vicinanza con il Foro Italico ( da risanare dopo l’abbandono di questi anni ) , il Porticciolo di Sant’Erasmo ( che  il nuovo presidente dell’Autorità portuale ha promesso di recuperare) e il restauro quasi ultimato dello Stand Florio ,certamente potrebbe aiutare tale progetto. In quella occasione  il  sindaco Orlando  dichiarò :“Entro dicembre ( 2017) avremo completamente balneabile la Costa Sud, ben 7 km di costa per il quale abbiamo approvato il Pudm (Piano di utilizzo del Demanio marittimo ), prevedendo che 4,4 km saranno concessi ai privati con benefici e investimenti di lavoro».  Dall’ estate 2018, quindi, Palermo, secondo il sindaco Orlando, dovrebbe avere una “ nuova Mondello”. Bello, peccato che tale dichiarazione è stata fatta durante l’ultima campagna elettorale amministrativa e da allora tutto tace, o quasi.. Il 20/02/2018 su “Blog Sicilia” è stata pubblicata una notizia “ sconvolgente”. Si sarebbe svolta una riunione riservata fra amministrazione comunale, costruttori e investitori privati per riprendere il famoso progetto dell’acquario (di cui si era parlato nel lontano 2014). La possibilità di una simile realizzazione ,sembra, nascerebbe da una cordata di finanziatori rappresentata dall’imprenditore Flavio Mazza. Il progetto sarebbe notevolmente ridimensionato rispetto all’idea originale del grande acquario da 50 milioni di euro che si pensava di realizzare alla Cala..  . Il nuovo progetto, sempre secondo le indiscrezioni, sarebbe stato illustrato, nelle linee generali, dal dott.  Mazza nel corso di un incontro al quale avrebbero preso parte, oltre ad altri imprenditori della cordata, l’architetto Piras, i consulenti dello studio legale Gallo, il presidente del collegio dei Costruttori ANCE di Palermo, Fabio Sanfratello , l’ assessore Emilio Arcuri  e Lorenzo Ceraulo ,per il Comune di Palermo. La nuova idea prevede un investimento di soli 10 milioni di euro (contro i 50 del primo progetto). L’acquario, notevolmente ridimensionato, dovrebbe sorgere  non più alla Cala ma  nell’area del ‘mammellone’ alla Bandita. Il progetto sarebbe ancora in embrione ma le perplessità sono tante. Il limite fondamentale di tale progetto è, come al solito, la viabilità e i parcheggi  della zona.  A proposito qualcuno fa notare che insieme all’assessore Emilio Arcuri non era presente  l’attuale assessore alla viabilità ma Lorenzo Ceraulo  ( ex assessore al traffico della giunta Cammarata) in qualità di esperto. Forse per questo motivo sembra che il Comune vorrebbe “ riesumare”,  il vecchio progetto dello Svincolo di Brancaccio). Speriamo che non sia la solita promessa pre-elettorale. P.S.  Siamo ormai  quasi alle porte della nuova stagione balnearia e francamente non ci sembra che la promesse fatta dal nostro sindaco  :“Entro dicembre (2017 ) avremo  completamente balneabile la Costa Sud”  sia stata mantenuta. Come anche la promessa che :“4,4 km saranno concessi ai privati con benefici e investimenti di lavoro». Eppure qualcosa sembra muoversi . Speriamo che finalmente alle promesse si passi ai fatti concreti  Inoltre siamo un po’ preoccupati per il futuro della Costa Nord. Fino al 31 dicembre 2020 la “nuova” Società  Italo-Belga, senza i Castellucci, continuerà a gestire la spiaggia di Mondello. Dopo scadranno le proroghe ai concessionari e, in base alla direttiva Bolkestein, dovranno celebrarsi nuove gare. Ma ancora siamo in alto mare e il futuro appare nebuloso. Non vorremmo che dal 2021 Mondello diventerà una “nuova Costa sud”.    

Leggi tutto    Commenti 3    Proposte 0
Articolo
18 mar 2010

Il porticciolo di Sant’Erasmo

di Paco

Da molti anni si parla di questo recupero ma sempre con troppa poca attenzione, adesso finalmente sembra essere definitivamente partito l'iter per il ripristino e rivisitazione in chiave turistica del porticciolo di Sant'Erasmo. Il progetto prevede la trasformazione dell'attuale porto, che si sviluppa per circa 5.000 mq fino ad arrivare a quasi 30.000 mq, facendo posto a circa 270 imbarcazioni da diporto. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 15
Articolo
21 dic 2009

Un progetto straniero per la nostra costa

di Paco

Un interessante progetto di un'università straniera per la sostituzione del mercato ittico con una struttura dedicata al leisure. Il progetto è sviluppato dall'architetto Hussam Elkhrraz con il quale sono stato lieto di collaborare fornendo fotografie, spunti, informazioni e i progetti del comune per la zona. Purtroppo ha deciso di non eliminare nel progetto l'edificio della Brancagel. In ogni caso per il momento rimarrà soltanto un bel progetto, ma speriamo che qualcuno al comune lo noti e provi a realizzarlo. Pavilion Design In Palermo,Siciliy from Hussam Elkhrraz on Vimeo. ...Guarda i rendering

Leggi tutto    Commenti 47
Articolo
05 nov 2008

Psp|Ambiente: proposte sul problema dei “IL MARE E LA COSTA”

di Paco

In occasione del “Piano Strategico Palermo” è stato formato un laboratorio di discussione inerente il problema dei il mare e la costa, nella giornata dedicata all'Ambiente. ARGOMENTI DISCUSSI Durante la discussione abbiamo diviso le aree di discussione in tre parti: le problematiche, le risorse e le soluzioni. Per quanto riguarda le problematiche si sono evidenziati i difetti della costa palermitana, in particolare si è affrontato il tema dell'inquinamento ambientale e biologico della costa in particolare della costa Sud, la presenza di immobili lungo la stessa costa, la scarsa possibilità di fruizione dell'intera costa palermitana (a parte pochi esempi), il problema del traffico che in alcuni punti separa la costa dalla città. L'inquinamento biologico è dovuto ai molti scarichi abusivi presenti ma anche ad alcuni accumuli di materiali (come il mammellone) che a causa delle maree vanno liberando materiali nel mare. SOLUZIONI PROPOSTE  Moltissime le proposte avanzate in questo gruppo perchè ampio era l'area d'interesse, tra le principali troviamo: ...Continua a leggere

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 giu 2008

Riqualificazione lungomare via Messina Marine

di Paco

Da oltre un anno sono in corso i lavori di riqualificazione del lungomare costeggiato da via Messina Marine, in particolare è in corso la piantumazione di palme e piccoli arbusti, la creazione di una zolla di terra per il prato, il rifacimento del lungomare tramite percorsi protetti e la costruzione di pontili di legno e edifici che ospitino piccoli locali. Ecco alcuni scatti dei lavori. ...GUARDA LE FOTO

Leggi tutto    Commenti 5