21 gen 2019

Passante Ferroviario | Dal 27 Gennaio cambiano gli orari, accolte le richieste dei comitati pendolari


A seguito di una riunione avvenuta presso l’assessorato regionale infrastrutture e mobilità dov’erano presenti i Comitato Pendolari Sicilia, Trenitalia e la Regione Sicilia sono state esposte alcune variazioni d’orario che entreranno in vigore già dal 27 Gennaio.

  • I Punta Raisi – Palermo arriveranno 6 minuti prima a Palermo Centrale, assorbendo parte delle lunghe attese a Orleans e altre stazioni (complice anche l’attivazione del raddoppio tra Orleans e Pa Centrale)

  • I Palermo – Punta Raisi partiranno 3 minuti dopo, quindi al minuto 08 e al minuti 38.

  • I treni per Termini Imerese partiranno al minuto 58

Si sono cosi garantite le coincidenze di molti treni con gli orari del passante, in particolare si è di fatto messo fine all’assurdità dei Termini che partivano al minuto 47, costringendo quindi numerosi pendolari a non riuscire a prendere la coincidenza, costringendo quindi ad attendere il treno successivo.

Quindi dal 27 Gennaio il treno del passante ferroviario arriverà al minuto 47 e il treno per Termini partirà al minuto 58, ad esclusione del treno 26498.

Notizia che reputiamo ancora più importante è:

Entro il 2022 arriveranno 43 treni nuovi, forse addirittura 48. Avremo quindi la flotta completamente nuova.


comitato pendolari siciliaorari Trenitalia stazione centrale palermoorario termini imereseorario treniorario trenitaliapalermo centralepassante ferroviariopassante ferroviario palermopunta raisitermini imeresetrenitaliatreno

11 commenti per “Passante Ferroviario | Dal 27 Gennaio cambiano gli orari, accolte le richieste dei comitati pendolari
  • peppe2994 3320
    21 gen 2019 alle 9:56

    Bene, a proposito della flotta, i minuetto sono ottimi. Certo, non tanto capienti, ma perfetti per la lunga percorrenza.

    Piuttosto che sostituzione dell’intera flotta, certo, eliminate le 668, qui serve un potenziamento della flotta. In primis il Termini Imerese – Punta Raisi che richiede un impegno importante dal punto di vista del materiale rotabile, ad oggi assente.

    • Ignazio Lo Presti 182
      22 gen 2019 alle 14:09

      In effetti sia i Minuetti che i Jazz sono ottimi treni, sopratutto per queste tratte. Ma il 668 che viaggia sull’anello, va eliminato al più presto

    • Orazio 1164
      22 gen 2019 alle 15:17

      I Minuetto danno il meglio sulle tratte tortuose perchè la cassa oscilla tanto. essendo pensati per le tratte a bassa frequentazione sono comodi con tanto spazio per le gambe tra i sedili. E’ il treno che ci vuole per quasi tutte le tratte siciliane.

    • Metropolitano 3509
      23 gen 2019 alle 10:09

      Non avremo più Minuetto. Avremo treni Jazz e Pop. E sarebbe altresì logico istituire pure treni Notarbatolo-Cefalù o Termini Imerese-Punta Raisi e vice versa, alcuni non passanti per PA Centrale.

      • peppe2994 3320
        23 gen 2019 alle 14:35

        E’ previsto….quando arriveranno nuovi treni.
        Non ci saranno più i minuetto è una parola grossa. Nel senso che non li producono più, ma ancora hanno una vita lunghissima. Per i tempi dei treni, sono praticamente nuovi.

  • filotramviaria 315
    21 gen 2019 alle 10:20

    Devono mettere in vendita un biglietto da poter utilizzare QUANDO SERVE E NON il solo giorno di emissione! Come nei tram e autobus : si possono tenere i biglietti in tasca e TIMBRARLI quando si viggia.Non solo NON FARANNO MAI IL BIGLIETTO INTEGRATO, ma hanno tolto pure una comodita’ esistente da sempre.Tanto chi non vuole pagare e vuole viaggiare gratis LO CONTINUA A FARE; pertanto hanno realizzato solo una ROTTURA DI SCATOLE per il viaggiatore onesto e corretto.
    Questo lo facciano SUBITO! ANCHE DA DOMANI MATTINA ! tutto il resto ci sara’ quando si potra’.Gia’ si parla del 2022 come se fosse domani………perche’ ancora e’ lontano.DITEMI ISTERICO,MA SONO QUESTE COSE (biglietto che si fa al momento) che fanno diventare isterici tutti!!!!!

    • janmaris 13
      22 gen 2019 alle 18:55

      Ma per quale intricata ragione antropologica molti di noi palermitani leggendo una notizia negativa ci lamentiamo, aggiungendo pure la nostra, mentre quando leggiamo una notizia comunque complessivamente positiva …ci lamentiamo ugualmente, non parlando per nulla della notizia, ma di tutt’altro??? Misteri.
      Comunque, nel merito, un dirigente mio conosccente mi ha detto che, al di là del disagio -comunque mitigabile acquistando il biglietto in anticipo per per la data che serve e che può essere specificata, o acquistandolo online- ha fatto ridurre di oltre il 70% l’evasione dei “non convalidatori”! Sono certo che nè lei nè io non convalidiamo, ma purtroppo salendo su un qualsiasi mezzo AMAT la quantità di non timbratori è sotto gli occhi di tutti (e non penso siano tutti abbonati…). Il fastidio per certi provvedimenti penso sia da addebitare non tanto a Trenitalia quanto ma ad un’altra caratteristica di molti di noi palermitani (presenti esclusi)!

  • saverioragusa 96
    21 gen 2019 alle 10:52

    Speriamo che diminuisca anche l’attesa per il treno per giacchetta, attendere 11 minuti ogni volta è proprio una seccatura

  • markeros 5
    24 gen 2019 alle 22:11

    Non so se accadrà, magari al completamento del doppio binario della tratta Francia-Nortarbatolo, se aumentassero le frequenze dei treni in periferia (1 treno ogni mezz’ora), sarebbe fantastico. A prescindere da ciò, mi sto trovando abbastanza bene con il passante.


Lascia un Commento