29 gen 2018

Collegamenti marittimi: ecco la Mykonos Palace per raggiungere Livorno


Importanti novità giungono da Grimaldi Lines: dal 24 Gennaio, nei collegamenti tra Palermo e Livorno, verrà impiegata la nuova “Mykonos Palace” ex Amsicora, tornata da pochi giorni dal noleggio a Tirrenia, con la gemella Bonaria (che ha preso il nome di “Cruise Bonaria”).

La Mykonos Palace, arrivata direttamente da Messina, dove è stata un paio di giorni in cantiere per il cambio nome, andrà a sostituire l’Europalink, nave che è stata in servizio poco più di due anni: era infatti il 29 settembre del 2015 quando la compagnia con sede a Napoli, introdusse i collegamenti da e per Livorno sia per gli automezzi commerciali che per i passeggeri.

Non hanno trovato conferma, invece, le voci che auspicavano un raddoppio della linea, con partenze giornaliere. I collegamenti infatti avranno sempre frequenza trisettimanale, con i medesimi orari dei mesi precedenti.

Le partenze da Livorno saranno:

  • Lunedì ore 23.30;
  • Giovedi ore 01.00;
  • Sabato ore 01.30

Le partenze da Palermo saranno il:

  • Mercoledì ore 00.00;
  • Venerdì ore 01.00;
  • Domenica 01.30

Cosa comporterà questo cambio nave?

Gli aspetti da analizzare sono principalmente due: uno inerente il trasporto dei passeggeri ed un altro che riguarda il trasporto dei mezzi rotabili.

La Mykonos Palace è un moderno cruise/ferry, può trasportare circa 2000 passeggeri e può raggiungere una velocità massima di poco più di 29 nodi. Dispone di cabine di lusso e standard, sala poltrone, self-service, ristorante, tre bar e anche di una piscina all’aperto.

L’Europalink invece, è un ro/pax che può raggiungere 25 nodi di velocità e trasporta poco meno di 1000 passeggeri.

Questo primo confronto, delinea chiaramente che ci troviamo di fronte ad una nave predisposta al trasporto passeggeri.

Ma non bisogna tralasciare un importante aspetto (e qui ci colleghiamo al secondo punto): la linea Palermo – Livorno è molto redditizia nel traffico commerciale rotabile, semirimorchi, articolati, autocarri ecc. e l’Europalink dall’alto dei suoi 4200 metri lineari di carico, suddivisi su 4 ponti (stiva, main deck, upper deck e weather deck) riusciva a soddisfare a pieno le esigenze del mercato, soprattutto il martedì e il sabato, giorni di maggior carico.

La Mykonos Palace, invece, ha capacità di carico di circa 2000 metri lineari (siamo a quasi la metà di Europalink).

Riuscirà quindi a soddisfare le esigenze del mercato?

Il tanto auspicato raddoppio dei collegamenti lasciava pochi dubbi, in quanto con partenze giornaliere anche con navi con meno capacità di carico rispetto all’Europalink, si sarebbe colmato il gap tra le due navi.

Un’altra ipotesi che la compagnia potrebbe percorrere per non cedere terreno ai principali competitor, è quella di dirottare una delle tre Ro/ro in servizio su Palermo nei collegamenti commerciali con Salerno e Genova, direttamente su Livorno per quanto concerne i semirimorchi e indirizzare sulla Mykonos Palace soltanto i mezzi pesanti con conducente, autoarticolati ecc.

Ma queste sono soltanto ipotesi.

Ringraziamo Cesare F. per le foto e l’articolo


Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:

 Sito internet: http://palermo.mobilita.org
 Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/
 Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/
 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA
 Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo


collegamenti marittimigrimaldipalermo livornoporto di palermotrasporto merci

2 commenti per “Collegamenti marittimi: ecco la Mykonos Palace per raggiungere Livorno
  • peppe2994 2990
    30 gen 2018 alle 19:12

    GNV e Grimaldi Lines sono due compagnie diverse, non possono spostare nulla.

    Se hanno fatto il cambio avranno fatto i loro conti. Potrebbe dipendere dalla nuova strategia GNV che sta puntando molto sulle merci con le partenze Termini Imerese – Civitavecchia.

  • Metropolitano 3281
    02 feb 2018 alle 10:19

    Per Livorno come passeggero preferisco ovviamente il treno ICN per ovvi motivi. Ma per le merci e’ una svolta interessante.


Lascia un Commento