29 ago 2017

Quando venne inaugurato il “Monumento al cinquantenario” e la chicca sul Palermo Calcio


Come consuetudine, torniamo a scoprire la storia della nostra città grazie all’ausilio delle foto storiche.

Nell’ultimo articolo eravamo ritornati in quello che era il parco giochi all’aperto più grande della città, il Foro Italico degli anni 80 e 90.  Oggi ci spostiamo da tutt’altra parte, ovvero in piazza Vittorio Veneto.

Grazie a questi scatti prelevati dal gruppo “Palermo di una volta“, possiamo rivivere un frammento dell’inaugurazione del Monumento al cinquantenario della liberazione di Palermo (oggi Piazza Vittorio Veneto), successivamente dedicato ai caduti della prima guerra mondiale. Il complesso monumentale si poneva al termine dell’asse di via Libertà.

La statua e la piazza vennero erette intorno al 1910.

20988599_10213927235004879_2262318238877818647_o

Grazie a questo altro scatto possiamo notare il monumento privo dell’esedra di colonne intorno, aggiunta successivamente. Inoltre, un occhio attento avrà certamente osservato il mosaico di verde intorno la statua, oggi sostituito da pavimentazione.

Infine una chicca: torniamo a osservare la foto principale. In fondo sulla sinistra si nota un rettangolo incolto: si tratta del campo di calcio in cui giocò la squadra del Palermo Calcio dal 1914 al 1932, anno in cui venne inaugurato l’odierno Stadio in viale Del Fante. Approssimativamente ricopriva l’area oggi individuata da via del Grantiere/via del Bersagliere.


Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:

 Sito internet: http://palermo.mobilita.org
 Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/
 Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/
 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA
 Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo


foto palermo antichepalermo calciopiazza vittorio venetostadio palermostatua palermo

10 commenti per “Quando venne inaugurato il “Monumento al cinquantenario” e la chicca sul Palermo Calcio
  • pipopipo 44
    29 ago 2017 alle 11:03

    quello è il ranchibile attuale area dove adesso ci sono i salesiani , il campo dove giocava il palermo

  • fadel 189
    29 ago 2017 alle 14:03

    era bellissima, con il parato e gli orizzonti liberi. ora è un troiaio soffocata da tutti quei palazzi di merda

  • fadel 189
    29 ago 2017 alle 15:58

    ah bei tempi quando c’era Lui, le trade pulite le città a misura d’uomo, palermo era stupenda, i telefonini costavano pochissimo. era il 1925 me lo ricordo benissimo, avevo 30 anni circa

    • danyel 381
      30 ago 2017 alle 10:03

      Hai ragione! Meravigliosa la Palermo di una volta … all’epoca era davvero una Capitale Europea! Ora che cosa è diventata? Una delle città più sporche d’Europa, invasa dall’immondizia, dalla sporcizia, dall’incuria … in mano a chi non fornisce che appena la sufficienza dei servizi essenziali …. il baratro, insomma!

      • fadel 189
        30 ago 2017 alle 10:42

        si. mi fanno ridere quelli che su FB postano foto di palermo , tipo questa https://ibb.co/fTP3sQ , e mettono frasi di Goethe. come se Goethe, quando decantava Palermo, aveva davanti agli occhi ‘sto schifo immondo di palazzi, una giungla di cemento selvaggio. sarebbe scappato, altro che scrivere versi poetici

  • Orazio 744
    29 ago 2017 alle 17:59

    Ora arriva quello che scrive che Palermo nel 1920 era bellissima, poi è arrivato Orlando e i risultati sono quelli di oggi, poi è arrivato Cammarata e per fortuna ha parato la botta alla città. E poi dice che io sono Orlando.

    :)

  • Celeste 9
    02 set 2017 alle 10:31

    Non mi vengano a raccontare che le cose vanno a migliorare. Chi ha conosciuto l’ordine, l’educazione, la bellezze della città, può avere solo nostalgie. Oggi con la cosiddetta libertà per tutti, ognuno fa quello che vuole e anche di più. Venite a vedere la Statua e la piazza di sera. E’ tutto al buio e in stato di abbandono. Lampioni che non funzionano, i fari che una volta illuminavano la statua sono stati rimossi, quei tre lampioni funzionanti intorno all’esedra illuminano le chiome degli alberi e la strada sottostante è completamente al buio con relativi pericoli per la circolazione e per la sicurezza dei cittadini. Forse hanno paura di ricordare il passato perchè sanno che le cose funzionavano e ognuno faceva il proprio dovere. Oggi l’imperativo è ignoranza, carriere, denaro e soprattutto apparenza, il tutto in una miscela esplosiva….


Lascia un Commento