01 set 2016

Limite 50Km/h in Viale Regione Siciliana. Provvedimento per far cassa o per migliorare la sicurezza?


In questi giorni non si parla d’altro sui social network e quindi abbiamo voluto approfondire la questione e fare il punto della situazione


Da metà agosto, il Comune ha piazzato una serie di cartelli dalla rotonda Oreto a viale Lazio riducendo il limite di velocità da 70 a 50 chilometri orari.

La notizia ha suscitate le ire di tantissimi cittadini che percorrono giornalmente l’arteria responsabile dello smistamento di gran parte del traffico in ingresso e uscita dalla città.

Perché?

Una necessità dovuta a una sentenza che ha obbligato il Comune a risarcire con 600 mila euro la famiglia di un motociclista, deceduto dopo aver perso il controllo del mezzo a causa dell’asfalto dissestato dalle radici degli alberi. Il pericolo, insomma, è che il Comune e la Rap siano tempestati di cause di risarcimento danni: per questo l’amministrazione ha deciso di imporre limiti più bassi, almeno fino a quando le radici non saranno eliminate.

Quindi dobbiamo pensare che il comune abbia a cuore la salute dei propri cittadini o che in realtà vuole realmente evitare una pioggia di richieste di risarcimento?

Ma non c’erano altri modi per effettuare questi lavori?

Scartata l’ipotesi di tagliare gli alberi o di chiudere intere porzioni della circonvallazione, il Comune ha puntato sulla chiusura delle semicarreggiate.

Quando partiranno i lavori?
I lavori partiranno proprio tra qualche ora, intorno alle 10.30, all’altezza di via Oreto e si sposteranno via via verso Belgio (per un totale di 8 mila metri quadrati).
Dureranno, secondo le previsioni, almeno una quindicina di giorni anche se tutto dipenderà da quello che i tecnici troveranno sotto il manto stradale. Man mano che i tratti di asfalto verranno rifatti, saranno anche aumentati nuovamente i limiti di velocità.
Stando agli annunci, quindi, il limite di 50 chilometri orari, che ha già comportato 2 mila multe in una settimana, dovrebbe restare in vigore fino a metà settembre.

Ma i lavori non potevano essere effettuati nel mese di Luglio o Agosto?
No, perché la RAP, l’unica azienda che si occupa di rifacimento del manto stradale era occupata tra Corso Vittorio Emanuele e Via Maqueda.
La partecipata del Comune metterà in campo 35 operai e mezzi nuovi di zecca (due pale meccaniche, una fresatrice a freddo e un rullo), a supporto verrà utilizzata una seconda squadra dopo che avrà terminato l’intervento in via Maqueda

Il Co.I.M.E. ha ultimato ieri i lavori di messa in sicurezza del viadotto dello svincolo Brasa/Ernesto Basile, disposti dall’Ufficio Infrastrutture dell’Area Tecnica della Riqualificazione Urbana e Infrastrutture.
Interventi sulle superfici di calcestruzzo e sulle armature metalliche del viadotto per ovviare al degrado provocato dalle infiltrazioni di acque meteoriche e dall’ambiente urbano chimicamente aggressivo

Il comune ha anche diramato una comunicato invitando i cittadini ad utilizzare strade alternative a via Francesco Crispi dalle ore 18.00 alle ore 22.30 a causa dell’elevato numero di mezzi che usciranno ed entreranno nell’area portuale e che hanno causato lunghe code.


cavalcaviacirconvallazionecomune di palermodecoro urbanointerventilavorimanto stradalemobilita palermonuovo asfaltoraprifacimento manto stradaleSegnalatisicurezza stradalevia ernesto basileviadottoviale regioneviale regione siciliana

21 commenti per “Limite 50Km/h in Viale Regione Siciliana. Provvedimento per far cassa o per migliorare la sicurezza?
  • fabio77 666
    01 set 2016 alle 9:16

    Il comunicato del Comune che consiglia ai cittadini l’utilizzo di strade alternative a via Crispi è veramente penoso. Quali sono queste strade alternative? Il comunicato, ovviamente, non lo specifica. Continua implacabile la presa in giro nei confronti dei cittadini.

    • belfagor 312
      01 set 2016 alle 9:51

      Caro Fabio , hai perfettamente ragione. L’invito del Comune di evitate Via Crispi e di utilizzare “arterie alternative” è esilarante. Caro sindaco, quali sono queste “strade alternative? Forse intende la Circonvallazione dove stanno iniziando dei lavori che creeranno ingorhi paurosi ? O la via Roma che è giornalmente intasata? Alle volte mi sembra di trovarci a ” Scherzi a parte”

  • huge 2105
    01 set 2016 alle 9:52

    Fabio, nessuna delle due. La motivazione è una sola, minimizzare le possibili responsabilità del comune in caso d’incidente. Un po’ come avviene sulle autostrade quando ci si trova di fronte a limiti apparentemente senza senso. Ovviamente poi quelli del comune non si sono lasciati scappare l’opportunità di fare casa, ma quella è una conseguenza, non il motivo per cui s’è imposto il nuovo limite.

  • loggico 366
    01 set 2016 alle 9:55

    Be lo scrivono loro che nelle ultime due settimane sono stati fatti molti piu verbali del solito…
    Ad oggi i lavori non sono iniziati…
    Il traffico gia si vede.. e non piove e non ci son le scuole..
    Perche la velocita media e’ 35 40..
    una follia.. che generera ancora piu inquinamento.. guardati il valori del rilevatore di via di blasi..
    ma poi a quale pro?
    Per sistemare le cose occorre stradicare gli alberi.. cosa che non faranno.. si deve chiudere al traffico tutto.. figuriamoci
    vorrei capire cosa faranno..

    • Salvatore Maraventano 9
      01 set 2016 alle 10:55

      Radicare gli alberi sarebbe un crimine e lascerebbe Viale Regione in uno stato più squallido e penoso di quanto non sia già adesso. È sufficiente aprire il manto stradale e operare delle potature alle radici in modo mirato e competente (se ci fosse un botanico esperto sarebbe facilissimi, ma ahimè dubito che tra i dipendenti rap e i tecnici del comune ci sia veramente qualcuno che ne capisca qualcosa). D’altronde, città come Torino sono piene di viali alberati dove non si registrano mai problematiche del genere perché viene fatta una manutenzione periodica e precisa.

      Detto ciò, il Comune si è ritrovato obbligato ad abbassare il limite per non ritrovarsi esposto a responsabilità in caso di incidenti. Con l’occasione, ovviamente, sta tentando di fare cassa e raccimolare più soldi possibili che servono ad Orlando per finanziare la campagna elettorale. Avvicinandosi la data del confronto elettorale, adesso è il momento di cominciare a spendere e spandere per comprare la fedeltà dei cortigiani del sindaco.
      Non so se avete notato, ma ultimamente sono arrivate dal comune un numero inedito di concessioni, patrocini e fondi a vario titolo per associazioni ed eventi. Indecente.

      • peppe2994 2728
        01 set 2016 alle 11:19

        L’unico crimine l’hanno commesso gli ignoranti che a suo tempo piantarono i pini. Vanno abbattuti tutti e sostituiti con alberi di altra tipologia che non rischino di distruggere l’asfalto.

        • Salvatore Maraventano 9
          01 set 2016 alle 12:16

          I pini non sradicano l’asfalto per loro natura. Se piantati come si deve e mantenuti lasciano il manto stradale intatto. Roma è piena e famosa per i suoi pini (antichissimi) e solo di rado assiste a problemi del genere (giusto quando le cose vengono fatte senza attenzione e competenza).

          • Salvatore Maraventano 9
            01 set 2016 alle 12:20

            Sottolineo peraltro che ho dei pini secolari in un terreno e, ben mantenuti e potati, non hanno mai pensato di smottare l’asfalto.

          • pietrox90x 37
            01 set 2016 alle 23:53

            ok però rimarebbe comunque il problema degli aghi… quelli causano continui disagi, basta un minimo di vento per rendere l’asfalto pericoloso… se a Palermo si facesse pulizia ordinaria forse andrebbe meglio ma credo comunque che quegli alberi li non siano proprio il massimo…

  • Fulippo1 1325
    01 set 2016 alle 10:01

    E’ da anni ormai che si fà propaganda su presunti fondi per mettere a nuovo tutta la circonvallazione. Ed invece ci si ritrova a dovere effettuare degli interventi senza programmazione e con l’acqua alla gola per evitare nuovi problemi.

    Viale Regione Siciliana, è una strada completamente dissestata, pericolosa, senza indicazioni, guard rail distrutti, segnaletica orizontale invisibile, pali di cartelli fuori uso risalenti al 1900 mai rimossi, illuminazione molto parziale, entrate/uscite assurde.
    Paradossalmente questo schifo di strada è l’arteria più trafficata della città.

  • Giulio Di Chiara 70642
    01 set 2016 alle 10:21

    E’ palese come tante cose potrebbero migliorare se la pubblica amministrazione fosse sistematicamente multata per ogni disservizio.
    Anche se in questo caso non si tratta di penale, ma di risarcimento per un decesso causato, il concetto è quello.

  • mdm 311
    01 set 2016 alle 12:36

    Per salvare AMAT dal dissesto economico, arguito dagli esorbitanti costi di esercizio del tram e reso drammatico dal mancato avvio delle ZTL, ci vorrebbe ben altro che le multe degli autovelox… Come descritto nell’articolo il Comune ha adottato un provvedimento necessario per preservare le già disastrate casse comunali.
    La vera domanda da porsi è come possa ridursi la circonvallazione, l’unica pseudo tangenziale che Palermo dispone (e disporrà per sempre come Orlando vuole), nello stato in cui versa, tanto da mettere a repentaglio la vita di chi la attraversa…

  • Palerma La Malata 234
    01 set 2016 alle 22:30

    E’ un ennesimo provvedimento partorito dalle menti stanche degli impiegatucci top del Comune di Palermo che odora di stupidità e di disperazione per avere più soldi.

    • Orazio 665
      02 set 2016 alle 8:09

      Le menti stanche a Palermo sono quelle di tanti ordini professionali e di tutte le associazioni di categoria, altro che impiegatucci…

      • Palerma La Malata 234
        02 set 2016 alle 10:36

        Sì Orazio,
        Impiegatucci Top = Impiegatucci senza particolari ne’ innate capacità di guidare quello che guidano ma che tuttavia ricoprono ruoli professionali ai vertici delle gerarchie solo perchè amici degli amici o raccomandati da papà; termine applicabile al 95% degli impiegatuccitop del Comune di Palermo, Regione Siciliana, ex-Provincia di Palermo, AMAT, AMAP, Ordini Professionali, Associazioni di categoria e tutti gli altri carrozzoni che stanno tirando Palermo giù nel burrone.

        • bottarisali 29
          02 set 2016 alle 15:04

          Recentemente, ho dovuto avere a che fare con qualcuno in alto della Polizia Municipale. Non hanno voluto o non hanno potuto risolvere il problema.
          Polizia Municipale di Palermo: un branco di incompetenti che aggiungerei alla tua lista degli “impiegatucci al top” .

  • loggico 366
    02 set 2016 alle 10:08

    Io mica me la prendo con loro.. loro fanno il loro “dovere”..1870 verbali li hanno fatti e ora siamo a posto…

    A fan schifo quelli che criticano chi critica

  • rastan 20
    02 set 2016 alle 12:12

    Riguardo il blocco stradale in via Crispi: Come sempre il problema è la mancanza di coercizione da parte del comune, se i camionisti bloccano un’arteria principale per protesta, bloccando le persone, incluse donne incinta, gente con patologie, ambulanze ecc., nei paesi civilizzati ma con leggi serie e dure, interviene l’esercito, requisisce TUTTI i camion, arresta TUTTI i camionisti, e i prossimi che avranno un idea del genere se la faranno ampiamente nei pantaloni prima di procedere con un blocco stradale di questa portata. Invece ieri io sono rimasto bloccato per circa due ore e il clima delle forze dell ordine presenti era rilassato e sereno come se non stesse succedendo nulla!!!

    • basilea 594
      02 set 2016 alle 13:49

      Condivido in pieno : ma purtroppo la legge italiana protegge il delinquente ,mentre le persone per bene vengono perseguitate ! I mascalzoni devono far valere i propri diritti ! speriamo che le cose cambino ma in modo DRASTICO e SERIO !!!

      • omega 121
        02 set 2016 alle 16:44

        sacrosanto quello che scrivi, ma chiediamoci perché le cosa vanno così. Forse perché queste leggi sono, in buona parte, scritte da delinquenti (o gente prezzolata da delinquenti), quacquaracquà che sono là per proteggere gli interessi dei propri simili anziché per tutelare innanzitutto il Bene Comune. Ecco perché è importante, anzi importantissimo, alle elezioni, guarire da quella che chiamo “Sindrome di Esaù”.


Lascia un Commento