23 dic 2013

La nuova biglietteria pullman alla Stazione C.le


Vi mostriamo alcune immagini della nuova biglietteria unificata per i pullman Sais, Segesta, Salemi, e sita nei pressi del nuovo terminal della stazione c.le (lato binario 1/ufficio postale).

20131218_124730

 

20131218_124746

 

20131218_124753

 

20131218_124800


biglietteriamobilita palermoSegnalatistazione busstazione centraleterminal busterminal bus stazione centralevia balsamo

16 commenti per “La nuova biglietteria pullman alla Stazione C.le
  • peppe2994 3143
    23 dic 2013 alle 10:11

    Finalmente un locale che doveva sorgere anni fa!

    È bello ma soprattutto comodo per tutti, al contrario delle vecchie sedi sparse.
    Ci voleva il tram per organizzare il trasporto dei bus extraurbani, meglio così :)

  • cirasadesigner 1024
    23 dic 2013 alle 13:56

    Anche se ci ritroviamo per l’ennesima volta a commentare una notizia che ovunque non farebbe notizia, sono lo stesso contento, con le piccole cose si inizia a cambiare davvero una città.
    Certo concentrare in un solo posto tutte le biglietterie delle autolinee, da un servizio migliore all’utente ma anche ad un risparmio per le stesse ditte che sicuramente per un box spenderanno meno rispetto ad un singolo locale in affitto, un guadagno per Trenitalia, credo proprietario dei locali.
    Con l’arrivo del tram credo che a Palermo davvero ci sarà un grande cambiamento, spero di vedere presto queste vetture sulle linee, spero pure che penseranno a colorarle attraverso delle sponsorizzazioni in maniera da proteggerli dai soliti graffitari da strapazzo e soprattutto che le linee si possano moltiplicare almeno per 10 insieme alla linea di metro automatica.
    Palermo deve necessariamente puntare sul potenziamento delle linee pubbliche in maniera da liberare la città dal traffico e le vie dalle auto, per lasciarle a chi invece potrà godersele passeggiando …

  • MAQVEDA 17489
    23 dic 2013 alle 16:05

    @cirasadesigner
    concordo con te, altrove probabilmente non farebbe notizia.
    però è innegabile, che piccoli segnali come questo fanno piacere. Una piccola nuova decorosissima biglietteria nel nuovo terminal, che si contrappone a caos e macello schifoso di via Balsamo. Sono tutti piccoli cambiamenti dovuti al tram :-D

  • peppe2994 3143
    23 dic 2013 alle 20:56

    @cirasadesigner:
    Fortunatamente i tram sono custoditi al chiuso, al riparo dai vandali. Ad ogni modo sono sicuro che li rivestiranno di pubblicità.

  • MAQVEDA 17489
    23 dic 2013 alle 21:59

    Se non sbaglio esistono pellicole trasparenti speciali che possono essere applicate sopra i mezzi per preservarle dai tag. Questo pericolo non è certo solo notturno, i ragazzotti possono pure graffiare la vettura nei pochi istanti in cui questa è ferma davanti la fermata, o vandalizzarne l’interno durante le corse. Servono controlli, altrimenti fanno la fine dei bus, e sarebbe un’enorme peccato.

  • drigo 404
    24 dic 2013 alle 2:55

    @Maqueda: il primo controllo lo fa il cittadino. Infatti, e per fortuna, non c’è un poliziotto per ogni abitante.

  • MAQVEDA 17489
    24 dic 2013 alle 9:30

    E’ vero, ma se è solo o principalmente quello che devo aspettarmi per mantenere l’integrità dei tram palermitani, allora già sono danneggiati in partenza :-D

  • drigo 404
    24 dic 2013 alle 13:01

    Hai ragione Maqveda. Il circuito chiuso sulle vetture è sicuramente uno strumento per identificare i vandali.
    E’ anche vero però che il deterrente maggiore lo fa la consapevolezza che lo sgarro non passa inosservato agli occhi degli altri.
    Solo che gli altri sono talmente abituati a vedere gli sgarri (e a sgarrare a loro volta), che tutto rimane com’è ed è sempre colpa di qualcun’altro.

  • cirasadesigner 1024
    24 dic 2013 alle 13:18

    Hai ragione Maqueda, esistono delle pellicole adesive antigraffiti, ma a quel punto sarebbe solo un costo, E’ dimostrato che un tram o un bus, trattato con pellicole adesive pubblicitarie, non sono oggetto di tag, visto che non si vedrebbero nemmeno. Credo che in questo modo invece si potrebbe anche fare cassa, non conosco le tariffe, ma credo si parli di migliaia di euro se qualcuno volesse rivestire con il proprio brand un mezzo pubblico di tali dimensioni.
    Se poi proprio volessimo andare incontro allo spirito artistico di qualche bravo artista metropolitano, si potrebbe indire un concorso e premiare, tramite lo sponsor, che si occuperebbe dei costi della pellicola, i migliori graffiti che abbiamo come tema la città e la sua storia.
    Credo davvero possa essere una bella iniziativa che creerebbe anche un minimo di rispetto verso la cosa pubblica.

  • MAQVEDA 17489
    24 dic 2013 alle 14:14

    Ma le pubblicità ci saranno sicuramente, ma una pubblicità, come nei bus, non è che ti ricopre ermeticamente tutta la superficie, rimangono liberi magari i parafanghi, le parti alte intorno ai finestrini e alle porte. Le pubblicità ci vogliono, ma queste pellicole per le parti rimanenti non sarebbero da scartare.

  • Jolas Rem 11
    28 dic 2013 alle 12:02

    Gioisco per questo piccolo passo verso la civiltà. Nello stesso tempo però inviterei a proseguire su questa via. Infatti mi chiedo dove sosteranno i pullman delle decine di altre compagnie private che operano da e verso Palermo. Chi ha frequentato via Balsamo sa che Sais, Salemi, Segesta e Sita sono solo 4 delle numerose ditte che sostano a Palermo con i loro autobus extraurbani. Riporto l’elenco delle linee extraurbane che collegano Palermo, tratto dal sito della regione (tolte le 4 di cui sopra): Prestia e Comandé, AST, Cuffaro, Camilleri Argento & Lattuca, Ortolano e Puglisi, Russo, Sicilbus, Gallo, Randazzo, Lumìa, Panepinto, Stassi, Macaluso, ATA, Sommatinese, Lombardo e Glorioso, Interbus, Lo Iacono. Sarebbe bello oltre che sensato che un giorno tutte potessero trovare spazio all’interno di una sola stazione dei bus, situata magari in periferia e ben collegata da mezzi pubblici, ma questo è altamente improbabile, visto che la maggior parte dei passeggeri di questi pullman li preferiscono al treno (quando presente) principalmente perché passano (fermandosi) da viale Lazio, via Libertà e Politeama, oppure dalla Circonvallazione e da via Oreto o via Ernesto Basile senza alcuna necessità di cambiare mezzo di trasporto e con tempi di percorrenza decisamente minori o almeno paragonabili a quelli del treno e prezzi simili. Comunque, per il momento godiamoci questo piccolo passo, che è già una gran cosa.

  • Faber 114
    09 gen 2014 alle 14:54

    sembra belo il fuori :)
    sapete se TUTTE le compagnie verranno spostate in questa nuova biglietteria, spostando anche il capolinea da quella strada-inferno al nuovo capolinea?


Lascia un Commento