29 mar 2012

Apple Store arriva a Palermo



Il colosso informatico di Cupertino, la Apple per l’appunto, aprirà un nuovo punto vendita a Palermo (secondo in Sicilia, dopo quello di Catania al Centro Sicilia). Non ci sono ancora novità per quanto riguarda la locazione e la data, certo è che il nuovo piano di espansione prevede l’apertura di nuovi Apple Store a Rimini, Bari, Venezia, Perugia e Palermo, secondo quanto riferisce il quotidiano Bresciaoggi. Non essendoci più spazio nei centri commerciali già presenti in città, supponiamo che la location sarà in pieno centro. A nostro avviso si potrebbero sfruttare i locali dell’ex Cinema Astoria di via Magliocco. Chissà se l’azienda sta tenendo in considerazione questa ipotesi…


apertura apple storeaperture apple store palermoappleapple storeapple store palermoinaugurazionemobilita palermoSegnalati

27 commenti per “Apple Store arriva a Palermo

Comment navigation

  • blackmorpheus 54519
    31 mar 2012 alle 16:36

    @Sicilia Libera

    che vorresti dire con “siamo messi male”? L’utenza di Mobilita Palermo che legge questo tipo di articoli è la stessa che può leggere un articolo sul passante ferroviario o sull’emergenza rifiuti. Stai cercando di sminuire il livello intellettuale di chi segue questo genere di notizie? Ora non credi di essere un po’ presuntuoso? Da gestore di questo sito mi piacerebbe che ci fosse più gente attiva e propositiva in iniziative concrete avanzate sia qui che altrove, per risollevare questa città martoriata. Chissà invece per quale motivo ogni qual volta si organizza qualcosa che possa palesare una reazione di questa cittadinanza al degrado culturale, politico e sociale di Palermo, la partecipazione è sempre scarsa…e quando invece c’è da criticare questo o quello, anche se si tratta di un semplice articolo, siamo tutti bravi. Vorrei farti notare che il 90% degli articoli di Mobilita Palermo sono molto seri, imparziali, obiettivi e soprattutto propositivi. Che fa ci dimentichiamo adesso di quel 90% perché ogni tanto ci si alleggerisce con notizie di questo tipo? Non vogliamo apprezzamento per l’enorme mole di lavoro che svolgiamo gratis ogni santo giorno per avanzare un minimo di informazione di qualità in questa città, ma quanto meno evitare di fare polemiche inutili sarebbe un po’ più incoraggiante. Invece si sta diffondendo sempre di più la sindrome dell’utente da “pappa pronta”. Il tipico utente che non ha idea di quanto lavoro e sacrificio ci stia dietro un portale web di questo tipo, e di quante risorse in termini di tempo e denaro siano necessarie, al solo scopo di inseguire una passione…ma tanto non ci vuole niente a smontare il lavoro degli altri giusto? Ti invito a farti un breve conto di quante notizie in meno ti sarebbero arrivate se Mobilita Palermo non fosse esistito; di quanti servizi e reportage in anteprima assoluta (e spesso esclusiva) ti saresti privato. A questo non ci pensiamo giusto? Del fatto che prima della nascita di questo sito nessuno parlava di mobilità a Palermo, e invece oggi è una realtà. E’ meglio pensare al fatto che si pubblica un articolo sull’Apple Store…boh

  • Sicilia Libera 0
    31 mar 2012 alle 17:13

    @Black, non volevo recare offesa ne a te ne a nessuno dei gestori del sito, se è così allora chiedo venia nessun problema. mi sa che forse non sono riuscito a spiegarmi.
    Non contesto tanto l’articolo in se ed il lavoro e la serietà che ci sta dietro, per quello sempre rispetto. Non penso di essere presuntuoso, se poi ho sminuito il livello intellettuale degli utenti potrei anche scusarmi, ma potrei dire che è effettivamente quello che penso e lo dico senza alcuna cattiveria. Se fossimo tutti così intellettuali me compreso vivremmo in posto migliore, invece la realtà è un’altra, siamo un popolo di caproni ed ogni tanto ammetterlo con un pizzico di umiltà invece di ergersi a grande popolo fiero e immacolato, non guasterebbe affatto. Che ci sia molta superficialità – ed io non sono esente figurati quanto sono presuntuoso – in giro è un dato di fatto, quindi nessuno si deve sentire offeso. Poi cito una tua affermazione: “Chissà invece per quale motivo ogni qual volta si organizza qualcosa che possa palesare una reazione di questa cittadinanza al degrado culturale, politico e sociale di Palermo”, scusami forse sono io limitato ma con l’apertura di un centro apple a palermo dove vedi lo sviluppo culturale? Abbiamo bisogno della apple per far carburare questa città? Queste sono le domande che mi sono posto ed è solo per questo che l’articolo lo trovavo fuori luogo, poi lungi da me dal mancarti di rispetto o al lavoro che hai fatto. Un azienda “Aspirapolvere” che viene qui solo per rubare quei pochi soldi che sono rimasti senza investire concretamente nello sviluppo dell’economia e della cultura palermitana. Io onestamente alle favole non ci credo più, e non credo che questa azienda vanga qui per fare gli interessi di noi palermitani. Poi sul fatto della pappa pronta, non è il mio caso, io preferisco che siano i palermitani a svegliarsi dal torpore che attanaglia, e solo con le nostre forze e le nostre risorse, non abbiamo bisogno di nessuno, soltanto di noi stessi.
    Alla fine era solo un pensiero che mi sentivo di condividere, per il discorso dell’articolo se te la sei presa mi dispiace, non volevo essere offensivo, grazie e ciao.

  • blackmorpheus 54519
    31 mar 2012 alle 18:02

    @Sicilia Libera

    infatti non mi stavo riferendo alla Apple. Il succo del concetto era “perché tutta sta dedizione a smontare un articolo non la si mette invece in qualcosa di costruttivo per questa città?”

    Tra l’altro non capisco cosa c’entri il discorso se abbiamo bisogno o meno della Apple per far carburare questa città o del fatto che la Apple venga qui a “rubare” quei pochi soldi rimasti. Tanto per cominciare nessuno ha detto che abbiamo bisogno della Apple, nell’articolo si fa solo presente che aprirà un Apple Store…e siccome la notizia può interessare a molte persone, l’abbiamo pubblicata. Non mi sembra che ci sia scritto da qualche parte che l’Apple Store porterà sviluppo o lavoro, anche perché non sarebbe veritiero. Il succo della notizia è che chi è interessato ai prodotti Apple, potrà avere assistenza diretta adesso anziché dover aspettare di riceverla indirettamente. E’ una notizia, punto. Come ogni apertura di rilevanza (perché di tutto si può dire, tranne che Apple sia un marchio irrilevante), la cosa fa notizia…e la notizia va riportata. Questo non significa che la notizia sia indispensabile, ma può essere utile a tutti quegli utenti che la trovano interessante. Tutto qui. E poi perché Apple dovrebbe “rubare”? Nessuno costringe ad acquistare un prodotto Apple, se hai i soldi o se ti piace te lo compri…sennò niente. Non mi sembra che l’azienda vada in giro a puntare la pistola alla tempia per far comprare…e non credo che ne abbia bisogno

    Per quanto concerne il “darsi da fare”, sono della stessa opinione anche io. E’ per questo che noi lo facciamo da anni, anche senza ricevere riscontro da parte degli altri. Noi andiamo avanti in ogni caso, prima di tutto perché è nostro dovere…e poi perché sono convinto del fatto che se ogni abitante di questa città si impegnasse in prima fila come facciamo noi, a quest’ora Palermo sarebbe già un posto diverso.

  • huge 2219
    01 apr 2012 alle 10:08

    @black: non metto indubbio che quel genere di articoli sia molto “appetibile”, ma non mi sembra lo scopo del blog sia fare numeri, altrimenti basterebbe postare articoli di calcio o di gossip, e i frenquentatori schizzerebbero alle stelle.
    E hai ragione quando dici che non sono io o altri utenti a decidere cosa pubblicare, ma mi sembra che la linea del blog sia sempre stata piuttosto chiara. Proprio per questo motivo questi articoli risultano a mio parere fuori luogo.

    Se in passato non ho criticato simili articoli, non vuol certo dire che fossi d’accordo.
    Diverso è invece il discorso relativo ai CC, che volenti o nolenti cambiano il volto della zona in cui sorgono, modificano l’economia cittadina, sono un’importante valvola occupazionale e non di rado includono anche opere accessorie per la città.

  • blackmorpheus 54519
    01 apr 2012 alle 12:59

    @huge

    ti ripeto che la sezione “centri commerciali” esiste da quando è nato il sito. Calcio o gossip non sono mai stati argomenti di Mobilita Palermo, mentre centri commerciali (e attività commerciali) si. Che tu sia d’accordo o meno è del tutto irrilevante, dato che non credo esista al mondo un solo sito web o testata giornalistica dove ogni articolo desta interesse in tutti i lettori indistintamente. Anche un Apple Store può cambiare la zona se è per questo. Pensa solo che se venisse messo in via Magliocco, via Magliocco diverrebbe trafficata di conseguenza. E poi va inserito nel contesto dei grossi marchi che hanno preso di mira il centro della nostra città ultimamente. Detto questo, ti invito anche a evitare considerazioni inerenti la sfera gestionale del blog, perché ogni scelta della redazione è fatta con uno scopo ben preciso. Chi è fuori da queste dinamiche non può permettersi il lusso di esprimere giudizi.In ogni caso questo genere di segnalazioni va fatto in privato, anche perché non attinente al tema del post

  • V:E:N:D:E:T:T:A 154
    01 apr 2012 alle 18:53

    Mi intrometto solo perchè ho sentito parlare di virus, e preferenze informatiche.

    Se è per questo anche su linux di virus non se ne beccano neanche a pagarli, è totalmente gratuito e personalizzabile, e non schiavizza al rapporto perenne con delle multinazionali lucrose e senza scrupoli. Purtroppo questo si paga minore efficienza energetica nei portatili.

    In molti test però riesce a superare sullo stesso macbook anche il sistema nativo
    http://www.phoronix.com/scan.php?page=article&item=apple_mbp_ubuntu&num=1
    e consuma di più ma ha può anche una velocità maggiore:
    http://www.phoronix.com/scan.php?page=article&item=apple_ubuntu_pow&num=1

    comunque i prezzi sono abbastanza gonfiati, per un hardware alla pari con notebook da 600-800€.

    Comunque non capisco questo malessere per l’apertura, io non ci entrerò mai, però è solo un altro negozio di una multinazionale,siamo sempre più pien, spero solo di non vedere mai code di notte in attesa dell ‘ultimo aggeggino, li si che diventerei una bestia. Sta poi all’intelligenza delle persone capire se ne vale la pena comprare una “mela morsicata” oppure no.

  • Robert_one 9
    05 apr 2012 alle 14:14

    Perchè non al posto del vecchio Auchan almeno li c’è un ampio parcheggio, quindi avremmo meno stress per cercare un posto!


Lascia un Commento