02 nov 2011

Parco Orleans “Ninni Cassarà”, l’Ass. Milone risponde alla diffida


Riportiamo integralmente l’articolo del QdS a cura di A.C.Dioguardi   con l’intervista all’Ass. Milone circa  la diffida presentata sulla chiusura del Parco Ninni Cassarà.
 
 
PALERMO – “Non c’è nessuno stallo e nessun rallentamento, tant’è che l’inaugurazione sarà certamente fissata entro la prima decade di ottobre”. Era settembre e queste erano le parole dell’assessore all’Urbanistica del Comune di Palermo, Mario Milone, in merito alle polemiche sorte intorno alla mancata apertura del parco D’Orleans intitolato Ninni Cassarà, vice questore ucciso dalla mafia. Ma il tempo a quanto pare per l’amministrazione è un concetto molto elastico che disattende qualsiasi promessa, come quella che, con tali parole, Milone aveva fatto ai palermitani. Ottobre volge infatti al termine ma dell’apertura del parco non c’è nessuna traccia.
 
Per i cittadini d’altra parte la delusione non è nuova e la storia del parco è stata da subito caratterizzata per la sua tortuosità: iniziati ad aprile del 2005 i lavori erano stati successivamente sospesi, per poi ripartire nell’aprile del 2009, con data di apertura prevista per il 6 agosto del 2010, in occasione del 25° anniversario dalla morte del vice questore cui era intitolato. Data in cui il parco fu inaugurato per non essere poi mai aperto.
A un anno di distanza i cittadini erano tornati sulla questione protestando davanti i cancelli della struttura che interessa una vasta area, che da via Altofonte giunge fino a via Ernesto Basile e che, tra l’altro, era stata sede di atti vandalici che avevano danneggiato il parco in numerosi punti. Tra loro anche i rappresentanti dell’associazione Mobilita Palermo, che monitorano quotidianamente lo stato di lavori e che temono che, anche quando la struttura verrà aperta, si tratterà di una versione incompleta di quello che era il progetto iniziale. Secondo gli ultimi commenti non ci sarebbe infatti ancora nessuna notizia dei prati che il progetto prevedeva.
L’azione dell’associazione e dei cittadini non si è fermata al monitoraggio ed è andata oltre, fino a un’azione di raccolta firme, iniziata durante il sit-in del 6 agosto, e alla presentazione di una diffida formale indirizzata al Comune di Palermo, inoltrata il 21 settembre scorso, volta ad accelerare l’apertura della struttura e porre fine all’annosa attesa.
Diffida che non sembra aver spaventato l’assessore Milone che, interpellato sulla vicenda ha risposto: “Non è la diffida che fa andare avanti i lavori al Parco, gli operatori del Coime non si sono mai fermati e gli atti vandalici che si sono verificati nei mesi scorsi sono stati del tutto ripristinati”.
L’assessore Milone ha inoltre messo un nuovo punto temporale alla vicenda dichiarando:“Gli operatori del Coime hanno fatto sapere che l’apertura del parco dovrebbe avvenire tra il 10 e il 15 novembre”. Appuntamento a quella data quindi, sperando di poter chiudere le polemiche e aprire i cancelli di un grande spazio di verde urbano.

assessore milonediffida parco ninni cassaràparco ninni cassaràparco orleans

6 commenti per “Parco Orleans “Ninni Cassarà”, l’Ass. Milone risponde alla diffida
  • blackmorpheus 54519
    02 nov 2011 alle 7:53

    Anche se aprisse il 15 novembre…non vedo ancora come possa considerarsi un parco. Evidentemente il caro assessore ha un concetto molto elastico anche di “parco”

  • xemet 427
    02 nov 2011 alle 10:34

    bhe daltronde avevano aperto anche il “parco” ad acqua dei corsari come ho appreso in questo blog…ma di parco c’è poco.

    Diciamo che consegnano alla cittadinanza dei terreni abbandonati. E li chiamano “parchi”, perchè, nella loro immensa ignoranza, evidentemente non hanno mai visto un parco vero in una città vera.

  • Portacarbone 70662
    02 nov 2011 alle 10:58

    Mi piace (per modo di dire) questa prova di forza da parte dell’amministrazione per dimostrare che anche senza la protesta di MP, i lavori comunque stanno andando avanti.
    Peccato che l’apertura del parco sia stata annunciata almeno 3-4 volte e poi puntualmente rinviata.
    Ma soprattutto, il grave danno per il comune è l’estrema facilità con cui è possibile monitorare il parco e i lavori. Quindi, checchè ne dicano, avrebbero dovuto solo abbassare i toni e fare mea culpa sull’abnorme ritardo maturato e soprattutto sulle condizioni in cui intendono aprire l’area.

  • cristianpa90 2
    02 nov 2011 alle 14:35

    ho letto qualche giorno fà (fonte giornale di sicilia ) che il parko sarà inaugurato il 10-11 novembre e che la semina del prato verrà effettuata in questi giorni …sarà vero ???? o leggenda metropolitana giornalistica ??

  • Metropolitano 3205
    03 nov 2011 alle 0:47

    Ma chi si fida ancora di questi lestofanti di politici che sono per giunta difesi perfino contro insulti da parte del popolo sovrano e dai lettori dei siti web ? Esprimersi è il minimo per quella mandria di coloro che non rispettano le volontà del popolo e dei tempi da loro stessi stabiliti.

  • Luca 129
    03 nov 2011 alle 7:46

    Prevedo la solita innaugurazione in pompa magna, l’opera chiaramente incompleta e parzialmente usufruibile, e il seguente abbandono…
    Del resto questi “amministratori” (chiamarli cosi’ offende coloro che fanno questo per lavoro) sono immuni a proteste, class action, e lamentele via web. Staranno li’ a vita, e lo vedremo con le prossime elezioni…
    Visti i candidati? Soliti nomi del circo misero Palermitano.
    Che tristezza!


Lascia un Commento