23 giu 2010

Centro Poseidon: alcuni consigli sulla viabilità


Luigi, dopo essersi recato al centro commerciale di fresca apertura, ci invia una serie di considerazioni e consigli su “Poseidon”, e soprattutto su come raggiungerlo:

Salve, sono stato al Centro Poseidon durante la partita dell’Italia, sperando di trovare poca gente: mi sbagliavo! C’era molta gente, e questo mi ha permesso di fare alcune cosiderazioni:

1) Il centro è ampio e bene organizzato, non ho mai provato la sensazione di “calca”, né da Auchan, né da Expert (nonostante il tifo da stadio!), né tantomeno nei vari negozi;

2) C’è ancora qualche disagio, come il bancomat non funzionante presso numerosi esercizi “per problemi di linea”;

3) Lo svincolo di Carini risulta essere ancora sottodimensionato: vivo a Capaci, e da casa vedo la coda in autostrada in direzione Carini…. è così da quando hanno inaugurato il centro! Basterà per il traffico a regime, finita l’euforia dei primi giorni?

Intanto un consiglio per chi viene da Palermo: all’andata uscite a Capaci e fate la statale… arriverete dritti al parcheggio evitando la coda (traffico di Capaci a parte, inteso), al ritorno… l’ingresso per l’autostrada è vuoto!

4) Il parcheggio è ampio e ben strutturato, ed è in fase di ulteriore ampliamento: comunque già ad ora non ho avuto difficoltà a trovare un posto libero.

Nota dolente in merito al parcheggio:

nonostante sia organizzato bene e sia pressoché impossibile commettere infrazioni (il servizio d’ordine impediva di imboccare i pochi sensi unici contromano), molti incivili sono stati capaci di:

1) parcheggiare lungo tutte le strette corsie di ingresso/uscita dal parcheggio;

2) parcheggiare sui corridoi riservati ai pedoni (il dubbio non sorge neppure di fronte alle persone che cercano di passare mentre l’incivile fa manovra);

3) le file dei carrelli posati negli spazi preposti (dopo la spesa) erano così lunghe che occupavano una corsia e mezzo nello spazio antistante, costringendo le automobili ad un assurdo slalom (troppa fatica posare il carrello 20 metri più in là??).

Trovo che il parcheggio sia organizzato bene, il posto c’è…. la colpa è sempre dei soliti incivili?

Mi chiedo: c’è qualche speranza di liberarci di questi PORCI a solo chiamarli per nome?

Perdonate lo sfogo, spero che le mie considerazioni sopra citate possano tornare utili a qualcuno.


capacicarinicentro commerciale poseidon carinicentro poseidoncentro poseidon cariniparcheggio centro commercialeviabilità

10 commenti per “Centro Poseidon: alcuni consigli sulla viabilità
  • kaspersky 35
    23 giu 2010 alle 6:58

    Ottimo post, complimenti. Fondamentalmente molto utile.

    Unica critica, se mi consenti, è relativa la consiglio di utilizzare lo svincolo di Capaci per raggiungere il centro commerciale via statale.
    Non mi sento di consigliare , per chi deve andare al Poseidon soltanto per fare compere, di utilizzare Capaci epr i seguenti motivi:

    1) si rischia di intasare la viabilità locale di Capaci con gli stessi incivili di cui hai ampiamente parlato in merito ai posteggi del centro commerciale.
    2) La soluzione “Capaci” è già utilizzata da chi come me abita in quel di Carini e zone limitrofe, e deve recarsi tutti i santi giorni presso il luogo di lavoro – rientro pomeridiano incluso. Personalmente avrei evitato l’argomento.

  • AngeloCh 104
    23 giu 2010 alle 7:23

    “Mi chiedo: c’è qualche speranza di liberarci di questi PORCI a solo chiamarli per nome?”

    Caro amico, grazie dei consigli. Tuttavia sulla frase su riportata non sono d’accordo. Il maiale, sporco per quanto possa essere in vita, da defunto assolve a funzioni spettacolari quali: a sasizza, le costate, varie ed eventuali ma soprattutto.. il salame. Ma ti immagini che mondo sarebbe senza il salame? (musulmani a parte).

    Ora che ci penso il paragone invece è azzeccato: anche questi tipi da morti assolverebbero ad una funzione spettacolare: essere morti e liberarci dalla loro esistenza.

  • fatamorgana 255
    23 giu 2010 alle 7:52

    L’hinterland urbanistico palermitano non è lontanamente paragonabile a quello di una grande citta del nord come Milano ad esempio.
    Quindi se nella periferia di Milano ti rechi in un area commerciale dove in un paio di km ci trovi Ikea, Decathlon, Auchan, Expert, Ipercoop, etc etc, la viabilità di accesso è talmente vasta, capillare ed organizzata che non si vengono a creare problemi di congestionamento nè di inciviltà di colui che si “inventa” il parcheggio estemporaneo.
    Cioè vai in questi centri senza fare alcuna fila nè per l’accesso nè per il parcheggio.

    A Palermo e dintorni la musica cambia. E cambia di molto.
    Perchè la viabilità di accesso è quasi sempre caratterizzata da una arteria di accesso, senza quindi la possibilità di arrivarci da più direzioni, e poi questa arteria non è costruita in maniera tale da prevedere un veloce decongestionamento in caso di sovraffollamento in un determinato periodo.
    (E pensare che a Tokyo non ti vendono l’auto se non dimostri di essere proprietario di un box o di avere un contratto di affitto).
    Nell’hinterland milanese vedi queste arterie di accesso ampie, enormi, a Palermo se devi andare al Forum ci arrivi da una stradina stretta e se devi andare al Poseidon dalla statale da Capaci idem la stradina è molto stretta.

    E allora, mi direte, cosa hai scoperto di nuovo o almeno che proponi per diminuire il traffico e congestionamento ?
    Visto che ormai i centri commerciali esistono, li hanno inaugurati, e i palermitani e quelli della provincia se ne sono tanto innamorati (ah che passione!), si può solo agire nella logistica della mobilità delle persone.
    Come?
    A Milano viaggiano costantemente e ad orari precisi, con frequenza inferiore all’ora, dei bus dell’Ikea, che è possibile fruire gratuitamente in coincidenza delle fermate della rete del trasporto pubblico urbano.
    Bene, se questi colossi dei centri commerciali fossero obbligati dal comune, in cui insiste la struttura, a prevedere un numero di x bus gratuiti al giorno (ma anche ad una tariffa simbolica di and. e rit.) da fare circolare con frequenza precisa, come quelli di Ikea, con fermate in coincidenza delle fermate AMAT o del trasp. extraurbano, credo che una consistente % di utenti sceglierebbero serenamente la navetta del centro commerciale evitando di logorarsi l’esistenza negli ingorghi o nell’inventarsi il parcheggio selvaggio.
    Una amministrazione comunale “responsabile” dovrebbe imporre ai centri commerciali la predisposizione di bus navette per motivi di riduzione del traffico automobilistico (e relativo inquinamento atmosferico) intorno alle aree degli stessi centri.
    Metodo: una delibera di consiglio comunale che imponga il rispetto di questo obbligo ai responsabili dei grandi centri commerciali, semplice.
    Si puo’ sperimentare con il prossimo centro Zamparini :-)
    Facciamolo sapere a qualche consigliere palermitano così che inserisca questo “obbligo per i centri commerciali” nell’ordine del giorno del prossimo consiglio ;-)
    Questa la mia proposta concreta.
    Le vostre ?

  • Luca 129
    23 giu 2010 alle 11:20

    A mio parere, ci sono due aspetti da guardare distintamente all’interno di questo topic:

    1) I palermitani (Palermo e provincia) sono maleducati: posteggiare in quel modo e’ assolutamente assurdo e incivile.
    Soluzione: impedire di farlo. Come? Mettere dei paletti lungo il marciapiede, chiedere ai gestori del centro di mettere dei guardiani, mettere delle indicazione precise ed “evidenti” che chi posteggia in quel modo puo’ essere oggetto di rimozione (ovviamente qui la gestione potrebbe guadagnare tanti tanti soldi).
    Addirittura per il Forum il comune potrebbe fare un sacco di soldi con le multe a coloro che posteggiano per strada bloccando la viabilita’.

    2) La viabilita’ a Palermo e’ un problema ignorato dalle amministrazioni.
    A Palermo si e’ costruito selvaggiamente e senza piano regolatore per 20 anni. Conseguenze: strade piccole, a doppio senso, e senza semafori. Ancora oggi si persevera a costruire strade senza criterio e a consentire il sorgere di questi pseudo-centri commerciali. Prima si vede il progetto complessivo, inclusivo di viabilita’ di accesso, e poi si concede l’uso dell’area. Nel caso specifico credo pure che addirittura l’autostrada e’ abusiva, in termini di distanza dalla costa :(
    Figuriamoci il centro Poseidon, a ridosso della stessa.
    Soluzione: nessuna al momento, per quanto mi riguarda. Distribuire tra Capaci e Carini non risolve. Penso che dovremo soffrire. Allargamento degli svincoli impossibile. Da un lato il mare, dall’altro varie strutture commerciali.

  • gi_gio 30
    23 giu 2010 alle 12:39

    @kaspersky
    In merito al consiglio di uscire a Capaci: hai ragione, in casi limite (come ad esempio sabato pomeriggio) parte della interminabile coda dell’autostrada aveva invaso Capaci, e per un paio di ore il traffico a Capaci era bloccato: sono riuscito a divincolarmi per tornare a casa solamente grazie alle piccole traverse che nessuno a parte gli abitanti conosce ;)
    Devo dire tuttavia che si è trattato di un episodio isolato, e che in questi giorni il traffico in autostrada sembra scorrevole: vedremo cosa succederà il prossimo WE;

    @fatamorgana
    Io sono di Milano, e so cosa intendi, ma la differenza è soprattutto nel territorio: pianura vs mare e montagna!
    Sul fatto che i comuni possano fare qualcosa come regolamentare il servizio dei bus navetta… nutro veramente poche speranze (ancora una amministrazione degna di tale nome non l’ho vista), ma spero tanto nel passante ferroviario: se verranno mantenute tutte le promesse, veramente tra qualche anno non prenderò più la macchina, né per il lavoro (zona tribunale), né per il centro commerciale!

    @Luca
    Sai cosa mi fa più rabbia? L’anno scorso sono stato in vacanza sulla riviera adriatica: pieno di palermitani… PERFETTI!!! C’erano comunque degli incivili… tutti “polentoni”!!!
    Allora siamo capaci di comportarci bene! Perché non a casa nostra? L’altro giorno un tizio parcheggiava nel proprio cortile, si è fermato per aprire il cancello, e scendendo ha colto l’occasione di buttare una bottiglia di aranciata vuota per terra… col cestino a 20 metri! Ma ci fa veramente così schifo il posto in cui viviamo per martrattarlo così?
    Inoltre: nuove realtà come i cinema multi-sala con posto assegnato, sono nate e stanno funzionando, io conoscendo la gente del luogo temevo che il posto assegnato non sarebbe durato nulla perché non rispettato: sbagliavo!
    Forse i palermitani hanno solo bisogno di una cosa per essere educati anche nella propria città: qualche “bacchettata”!
    Ma se l’amministrazione comunale se ne frega, ed i vigili vengono addirittura istruiti alla tolleranza (alias lasciate perdere)… non si cambierà mai.
    Fate un paio di mesi di multe a raffica, e fatele pagare queste multe, vedrai che nel giro di poco passa la voglia di fare i furbi.
    E non parlo delle multe “per fare cassa” (vedi autovelox selvaggi), ma di quelle che si dovrebbero fare (a migliaia) ogni giorno per le strade della città.
    Se la gente non ci arriva da sola… educhiamola!!!

  • lucia63 3
    24 giu 2010 alle 8:05

    Concordo sui parcheggi selvaggi, ieri pomeriggio sono andata al Poseidon e lungo le corsie di uscita vi era una lunghissima fila di auto ivi parcheggiate a rendere la carreggiata stretta, all’interno del cento in prossimità dei bar e dei luoghi di ristoro cartacce gettate a terra pop corn e quant’altro…. nonostante i vari contenitori per rifiuti lì a 1 metro di distanza!
    un’altra piccola osservazione che vorrei fare è l’assenza all’esterno dello stesso di strisce pedonali per raggiungere il centro a piedi, magari chi come me abita lì vorrebbe andare a piedi ma si rischia di essere falciati dalle auto… magari le strisce pedonali sono in fase di realizzazione, qualcuno ne sa nulla? grazie :)

  • maikko 106
    24 giu 2010 alle 9:31

    Anche io ci sono stato l’altro ieri e devo dire che sono rimasto colpito positivamente dal centro nel suo complesso…. L’ambientazione è molto bella, col mare e con Isola delle Femmine che si vede in lontananza. Il parcheggio e la segnaletica mi sembrano ben fatti. Non ho trovato traffico e ho trovato subito parcheggio. Non c’erano posteggiatori!!! incredibile!
    All’interno il centro mi è sembrato accogliente luminoso e a “misura d’uomo”, cosa da non sottovalutare le panchine….
    Insomma, quando cresceranno pure gli alberi all’esterno, il fatto che sia un po accapannonato passerà in secondo piano. Già a mio modo di vedere, passa in secondo piano adesso!
    Voto 7+

  • francesco_81 36
    27 giu 2010 alle 10:53

    Sono stato ieri al centro commerciale.
    ho tante opinioni a riguardo però non sono molto positive. Forse perchè ho a due passi da casa il centro Forum, e forse perchè Carini è da una vita la mia resienza estiva.

    Principalmente il parcheggio:
    Mal definito, con giri e rigiri allucinanti, mi sono infangato poiché hanno usato dei mattoni forati pieni di terra come area parcheggio e quando piove si è infangato tutto. Non c’è molto spazio per fare manovre, evidentemente era poco lo spazio e hanno accalcato le aree di sosta.

    Per l’utenza estiva è ottimo ma è un piccolo centro commerciale. Ottimo per avere un supermercato auchan sempre aperto e alcuni altri negozietti.
    C’è un piccolo centro commerciale, ferdico, sempre a carini di fronte a mercatone uno.. ecco questo è più grande di ferdico e di mercatone uno. niente di particolare..
    C’è molta luce naturale e questo è un pro e un contro.
    Molta luce significa ambiente accogliente ma condizionatori a palla quando fa caldo. mettere delle ampie vetrate fa il suo effetto e ha i suoi costi.
    Ho fatto letteralmente un giro del centro e sono uscito.
    mi ha colpito, visto le dimensioni ridotte del centro, l’immensa apertura centrale con immenso corridoio in altezza.. Sarebbe stato forse un po più furbo sfruttare l’ambiente, uno spreco secondo me.
    Auchan grande e ben fornito..
    Vista l’ingente massa di gente che ci si fionda al momento è consigliabile andarci all’ora di pranzo, o prima delle 4..
    Ripeto, come centro non posso fare paragoni con il centro Forum, ma con Ferdico che è un centro strutturalmente parlando simile per dimensioni ma non nel progetto.. quindi di dimensioni medio piccole.
    Credo che il grandissimo problema del centro sia, nei momenti di maggiore caos, l’accesso.
    Avendolo visto sorgere giorno dopo giorno,mese dopo mese mi accorgevo che dalle dimensione esterne era poco più grande del mercatone uno.. Avendolo visto dall’interno gli ampi spazi inutilizzati hanno ridotto notevolmente lo spazio disponibile aumentandone il comfort di chi lo visita.
    Buon centro, un punto in più appena avranno finito i parcheggi e avranno ,si spera,asfaltato i mattoni forati con la fanghiglia.
    Sicuramente il miglior centro commerciale di carini ma niente di particolare per fare mezzora di coda.. con calma ci andate appena sarà finita la fiumana di gente curiosa..
    Sarebbe davvero utile un cinema multisala.. speriamo nel futuro..
    un saluto a tutti.. da Carini

  • francesco_81 36
    27 giu 2010 alle 11:09

    PS:quando mi riferisco a ferdico come strutturalmente simile per dimensioni. intendo centri commerciali di dimensioni medio piccole,si rivolgono allo stesso tipo di clientela, il primo ferdico di fascia più economica, e prezzi degli stessi prodotti molto più convenienti, il secondo poseidon, mira a quantità e qualità ma con prezzi, a detta di tutti i visitatori,più elevati.
    E’ ovvio che sono due mondi differenti ma nel loro genere si rivolgono alla stessa quantità di persone quindi per l’utenza di Carini e dintorni vanno entrambi più che bene.
    Faccio questa precisazione poichè alcuni lo hanno paragonato a Forum, e li non ci siamo ne per dimensioni ne per bacino di utenza ne per quantità di negozi.. l’unico paragone che posso fare è questo a parer mio.


Lascia un Commento