10 ott 2009

Pedonalizzazione centro storico: cantiere in corso


Si parla più insistentemente di pedonalizzazione del centro storico, fra le più svariate ipotesi e soluzioni.

Quanto dichiarato dal vicesindaco Scoma e dall’assessore Carta , lascia intravedere che sicuramente qualcosa verrà attuato. Ci saranno incontri con le categorie dei commercianti, con associazioni, comitati e cittadini. MobilitaPalermo darà senza dubbio il proprio contributo con proposte che erano state presentate (a chi di competenza) in tempi non sospetti e che di certo riproporrà.

I comercianti che dicono nel frattempo? Molti in passato si erano resi protagonisti per il NO.

Chi per pregiudizio, chi ancora per non vedere intaccati i propri affari. Oggi invece sembra che il vento cambi direzione e in gran parte sembrano essere favoreli.

Riportiamo alcune interviste che il quotidiano “Repubblica”  ha fatto ad alcuni noti commercianti da mercoledì ad oggi.

Da notare i motivi di chi è contrario alla pedonalizzazione, rispetto a chi si dimostra favorevole e contestualmente con spirito propositivo.

 

 

Un interessante sondaggio è stato anche aperto dallo stesso giornale ai seguenti link:

http://temi.repubblica.it/repubblicapalermo-sondaggio/?pollId=1650

http://temi.repubblica.it/repubblicapalermo-sondaggio/?pollId=1651


amatdell'ogliogiovanni felicegiuliano fecarottagiuseppe gigliolibreria flaccoviomaurizio cartapedonalizzazione centro storico palermoroberto helgscomavia maquedavia ruggero settimo palermo

48 commenti per “Pedonalizzazione centro storico: cantiere in corso

Comment navigation

  • Donato Didonna 0
    12 ott 2009 alle 12:42

    Il problema dei commercianti non è tanto la clientela palermitana che si può organizzare con i mezzi pubblici o le bici, ma è non perdere il flusso dei clienti dalla provincia: la soluzione per costore potrebbe essere creare delle navette tra i grandi (e vuoti) parcheggi della circonvallazione (Giotto, Emiri, Basile) e il centro commerciale.

  • marcozs 361
    12 ott 2009 alle 13:15

    Come ha già sottolineato qualcuno le strade che si ipotizza di chiudere non hanno parcheggi.
    In via maqueda non ci sono parcheggi, in via ruggero settimo dovrebbero servire solo per i disabili, nella corsia centrale di via libertà non si parcheggia.
    Quindi, anche per quanto riguarda chi viene dalla provincia, tutta questa differenza rispetto ad oggi non ci sarebbe.
    Certo, non potrebbero più parcheggiare sui marciapiedi di via maqueda…
    ma sarebbe un male per i commercianti?

  • antony977 166020
    12 ott 2009 alle 13:25

    @Didonna, questo senz’altro!
    Ecco perchè abbiamo chiesto che entro l’attuazione della pedonalizzazione, il parcheggio Basile sia già pronto.

  • antony977 166020
    12 ott 2009 alle 13:31

    Bisogna migliorare il trasporto pubblico di superficie.
    Non c’è poi bisogno di realizzare tutti questi parcheggi in centro
    Cmq grandi novità questa settimana :D

  • antony977 166020
    12 ott 2009 alle 13:47

    Penso che entro fine mese il parcheggio Tribunale (finalmente) aprirà.
    Questa settimana invece l’Amia asfalterà i 2 varchi nello spartitraffico centrale di via Basile; necessari per le navette e bus e la posa dei cordoli.

    @freddie80, abbi pazienza :D

  • antonio beccadelli 0
    03 nov 2009 alle 17:56

    Caro Comitato,

    solitamente la discussione sulla chiusura del centro storico di Palermo verte sull’asse viario che da piazza Crispi-Mordini (Croci) conduce a piazza Villena (Quattro Canti): via Libertà, via R. Settimo, via Maqueda.

    Non sarebbe invece il caso di cominciare a ragionare sulla chiusura della “croce barocca”, ovvero di via R. Settimo – a partire da via Cavour – e via Maqueda sino a porta Monriquez (S. Antonino), nonché corso Vittorio Emanuele da Porta Nuova a Porta Felice? Ritengo che un’area pedonalizzata così significativa non solo renderebbe più vivibile la città, ma – e da subito, nonostante i signori commercianti non sembrino capirlo – più “vivaci” tutte le attività economiche che su tali assi gravitano.

    Ringrazio per l’attenzione e invio cordiali saluti, Antonio Beccadelli


Lascia un Commento