05 nov 2020

Decoro urbano | Nuovi interventi in via Porto Salvo alla Cala


Dopo quelli già effettuati in piazza Giulio Cesare e via Principe di Granatelli, dipendenti del Coime e dell’Area al Verde hanno ultimato nuovi interventi di decoro e riqualificazione della zona di via Porto Salvo, alla Cala, in prossimità del varco di ingresso alla ZTL.

Nel dettaglio, è stato realizzato un prato in erba nelle aiuole spartitraffico, sistemata la segnaletica e la fontana ubicata all’angolo della chiesa di Santa Maria di Porto Salvo.

“Una collaborazione efficace e costruttiva tra i rami della Amministrazione – sottolineano il vicesindaco ed assessore al Decoro Urbano, Fabio Giambrone e l’assessore al Verde, Sergio Marino – che attivano interventi di recupero di aree comunali rendendole gradevoli e fruibili “.


calacala palermodecoro palermodecoro urbanomobilita palermoSegnalativia porto salvo

15 commenti per “Decoro urbano | Nuovi interventi in via Porto Salvo alla Cala
  • punteruolorosso 2683
    05 nov 2020 alle 20:24

    in sè l’idea di togliere asfalto è buona. un’aiuola è sempre meglio di una superficie impermeabile che si surriscalda. però questi prati sono difficili da mantenere e si trasformano spesso in pattumiere.
    quell’angolo, se non sbaglio, è il risultato di un bombardamento che ha creato una breccia nella cortina edilizia della cala, un po’ come a piazza fonderia. a una volta mi è capitato di vedere dei disegni in cui quei vuoti vengono riempiti con nuove palazzine, anche in stile moderno. secondo me si dovrebbe fare.
    nel frattempo, l’aiuola andrebbe contornata col billiemi (i cordoli sono orribili) e piantumata con gelsomini, melograni, agrumi…
    basta prati.

    • moscerino 343
      06 nov 2020 alle 8:02

      Buongiorno punteruolo rosso, condivido con te ogni singola frase, specie quella riguardante la piantumazione con alberature (io metterei un singolo albero, il carrubo), ma avrei anche realizzato il marciapiede, che nel tratto finale prima dell’incrocio con Corso Vittorio Emanuele sul lato sx guardando il mare, è stato delimitato dai soli pali, tanto valeva realizzarlo, non ultimo inserire degli specchi per facilitare, specialmente ai pullman, l’affrontare l’incrocio in sicurezza.
      Altra giusta cosa a completamento, è inserire degli alberi di ibisco siriano, sui marciapiedi laterali, in quanto è In grado di crescere vigoroso anche senza cure, è un arbusto perenne e rustico che può diventare facilmente un piccolo albero (alto massimo 4 m), che assicurerà fiori copiosi per tutta l’estate fino a quando insiste il caldo più ostinato, dando così un colore al monocromatico verde, bellissimo per carità, ma anche l’occhio vuole la sua parte con qualche colore in più!!!

      • punteruolorosso 2683
        06 nov 2020 alle 9:33

        certo, un carrubo ci starebbe benissimo. d’accordo anche con gli ibiscus siriani. c’è una parte più stretta in cui potrebbero trovare spazio piante più piccole, ma attenzione: trattandosi di uno spartitraffico, saranno soggette ai tubi di scappamento e alle ruote. bisognerebbe capire se anche nella zona più stretta ci sarebbe spazio per qualcosa come…bouganvillea con sostegno.

      • Orazio 1658
        16 nov 2020 alle 7:21

        Ma l’ibisco non è un albero, al massimo puoi farci una siepe. E trovo insolito piantare un albero in una aiuola spartitraffico, particolarmente a causa dell’ingombro visivo.

        • belfagor 932
          16 nov 2020 alle 13:07

          Mi dispiace ma sbagli : l’’hibiscus è un piccolo albero che può raggiungere i 3 – 4 metri di altezza. Può essere utilizzato , soprattutto l’hibiscus syriacus, negli arredi urbani con ottimi risultati ( per esempio nella zona di via Leopardi).

          • Orazio 1658
            16 nov 2020 alle 18:19

            Devo prendere l’abitudine di fare il tuttologo d’ora in poi, lo scienziato onnisciente da wikipedia.

            No che mi riferisco all’ibisco che conosco… la prossima volta cerco. :)

  • belfagor 932
    06 nov 2020 alle 6:21

    L’intervento è certamente meritorio ma…. speriamo che duri.
    Chi si occuperà della pulizia e della manutenzione del prato? Mistero !
    Dopo questo intervento spero che il Comune intervenga sulla vicina piazza XIII vittine che da anni si trova in uno stato di totale degrado.
    Il verde è abbandonato e la villetta è ormai piena di rifiuti
    Per non parlare del sottopassaggio da quasi due anni recintato in attesa di lavori che non si sa quando inizieranno .
    La situazione la possiamo riassumere con queste parole : sporcizia, degrado, insicurezza e colpevole abbandono, degna delle migliori città del… terzo mondo
    Non vogliamo essere maligni ma abbiamo la sensazione che tale intervento “ urgente e improrogabile “ che ha visto “impegnati “ ben 3 assessori,sia legato al fatto che questo tratto è uno dei varchi della ZTL .

  • friz 1350
    06 nov 2020 alle 10:30

    …..è una goccia in mezzo al mare, ma è sempre meglio di niente…. anch’io penso che ci vorrebbe in mezzo a quell’angolino di verde almeno un albero….
    Purtroppo sappiamo tutti benissimo che in quella zona i palermitani stanno aspettando da anni ben altri interventi…. sotto Piazzale Tredici vittime ci sono nel sottopassaggio le pareti che cadono a pezzi mentre il comune fa finta di non vedere…. in quella zona c’è un mercato ittico (bruttissimo) da abbattere…. in quella zona c’è l’ecomostro della cala (il palazzo Brancagel) per cui il comune in teoria dovrebbe trovare una soluzione… in quella zona c’è il parco del Foro Italico abbandonato dall’amministrazione comunale…. basti vedere i birilli e le panchine in che condizioni sono…. in quella zona c’è il marciapiedi sotto le mura che è combinato veramente male…. Insomma, questa è l’amministrazione comunale che è in grado di fare solo le piccole cose, dimenticandosi di fare le grandi…. la cosa più ridicola è che pubblicizzano le piccole cose come se fossero grandi interventi, come se avessero costruito delle nuove Piramidi….
    Ognuno fa quel che può…. e questi non fanno quasi nulla…. o per meglio dire, fanno solo le piccole cose…
    Buongiorno!

  • se68 515
    06 nov 2020 alle 19:47

    Il cordolo e annessi brillanti gialli in gomma…..
    Non è ammissibile un tale linguaggio, soprattutto al centro storico. Continua il livello, ahimè, mediocre degli interventi comunali. Impietoso il confronto con il prato arredi accanto realizzati dall’ente porto.

  • se68 515
    06 nov 2020 alle 20:10

    “Una collaborazione efficace e costruttiva tra i rami della Amministrazione – sottolineano il vicesindaco ed assessore al Decoro Urbano, Fabio Giambrone e l’assessore al Verde, Sergio Marino – che attivano interventi di recupero di aree comunali rendendole gradevoli e fruibili “
    …non hanno idea… in realtà il confronto con la sistemazione a prato accanto, realizzata dall’Ente Porto, è impietoso.
    Cordolo e birilli gialli in gomma sono inaccettabili in un’area del centro storico.

  • peppe2994 3596
    07 nov 2020 alle 9:52

    Anche questa volta vedo che il comune ha dimostrato di essere estraneo alle esigenze della città. Vanno proprio per conto loro, del tutto slegati da quello che è non solo il buon senso, ma anche le esigenze specifiche della città, per vari motivi.
    In primis quello tecnico. Il cordolo giallo è un’usanza tutta palermitana per sottolineare la pochezza di volontà ed idee dell’amministrazione. Negli anni abbiamo avuto numerose testimonianze in città di quanto questo approccio sia fallimentare, poiché nel giro di poco tempo i cordoli diventano sporchi e dopo un altro po’ semplicemente distrutti per colpa di chi a volte per sbaglio ed a volte di proposito ci sale di sopra con la macchina.

    Questo si riallaccia al punto due. Quanto occorrerà prima che i mezzi invadano quello spazio ? Chi pensa che ciò non avverrà è un illuso e mente a se stesso, sperando che le cose cambino, ma sa già che ciò non avverrà.

    Poi c’è il punto numero tre. Il decoro, l’eleganza. Un concetto sconosciuto a quanto pare. Il comune ha il Coime. Cosa ci vuole a realizzare un’aiuola permanente ? Bordi in cemento, rifiniti e soprattutto eliminando tutti gli strati di asfalto ed altro materiale in modo che possano crescere definitivamente degli alberi.

    • danyel 729
      10 nov 2020 alle 15:59

      Il cordolo giallo è orrendo … ma sono capaci di realizzare qualcosa che sia gradevole agli occhi .. qualcosa di bello? E dire che su Facebook se ne vantano … come se avessero fatto chissà che cosa … ma veramente Palermo è ridotta così, senza speranza?


Lascia un Commento