12 dic 2019

Passante Ferroviario | Si lavora a collegamento diretto fra Cefalù e Punta Raisi


Palermo – Riportiamo alcune interessanti dichiarazioni relative al possibile miglioramento dell’offerta commerciale sui treni regionali nell’hinterland Palermitano.

A margine dell’incontro prodottosi per discutere della istituzione delle ferrovie turistiche il giorno 11 dicembre tra gli amici della Associazione Sicilia in Treno e l’Assessore ai Trasporti della Regione Sicilia, On. Marco Falcone, presso la sede dell’Assessorato Regionale Infrastrutture e Mobilità , l’Ass. Falcone, illustrando nel corso della conversazione diverse azioni (in termini infrastrutturali, tariffari e di rimodulazione razionale dell’offerta) legate a determinate criticità del trasporto regionale su ferro.

Fra le azioni prossime a diventare operative, ha evidenziato, con soddisfazione, che si sta produttivamente lavorando per ottenere una velocizzazione dei collegamenti ferroviari tra Cefalù-Termini Imerese e Punta Raisi. Sicilia in Treno, approfondendo quindi l’argomento, ha domandato se si intendesse sfruttare l’itinerario diretto tra queste importanti città e l’aeroporto di Palermo, grazie alla bretella realizzata durante i lavori del Passante del capoluogo isolano e che serve la fermata “Maredolce”, bypassando così Palermo C.le con una riduzione sensibile dei tempi di percorrenza, ottenendo risposta affermativa in tal senso.

Rimaniamo pertanto in attesa delle novità che nel breve termine verranno attuate, certi delle potenzialità dell’intera infrastruttura.


aeroporto falcone borsellinoaeroporto palermomarco falconepassante ferroviario palermotermini imerese

18 commenti per “Passante Ferroviario | Si lavora a collegamento diretto fra Cefalù e Punta Raisi
  • Orazio 1293
    12 dic 2019 alle 21:17

    Personalmente io vedrei un servizio da/per Punta Raisi ogni 15 minuti con treni più rapidi ogni 30 minuti per la Centrale alternati a treni che fermano in tutte le fermate ogni 30 minuti per Termini Imerese.

  • Palerma La Malata 482
    12 dic 2019 alle 22:20

    …e aggiungerei anche un nuovo capitolo sull’aprire/facilitare anche i percorsi dalle varie stazioni FS dei paesi sulla costa verso le relative spiagge affinché si potrebbe andare da Palermo al mare in treno…
    Se non ricordo male ci sono stazioni praticamente affiancate alla spiaggia dalle quali però l’unica uscita dalle stazioni sono rivolta a monte quindi se vuoi andare in spiaggia devi fare un giro mostruoso e kilometrico anche se paradossalmente le stazioni confinano con la spiaggia…

      • Palerma La Malata 482
        13 dic 2019 alle 17:10

        Giusto Orazio. Altavilla Milicia sì, Trabia sì e se non ricordo male anche Santa Flavia, Casteldaccia, San Nicola Tonnara, Termini Imerese, Campofelice Di Roccella e sebbene siano oltre Cefalù anche Castelbuono e San Mauro Castelverde. Alcune di queste stazioni stanno a pochi metri dalla spiaggia altre ne stanno ad una certa distanza ma tutte esse sfortunatamente hanno entrata/uscita pedonale rivolta solo a monte ma non a mare.
        Basterebbe costruire un sottopassaggio rivolto verso il mare per dare una grande opportunità ai passeggeri ferroviari di andarsi a godere la spiaggia nelle tiepide giornate autunnali e primaverili. E naturalmente in estate si potrebbe andare al mare in treno evitando di chiudersi dentro l’auto e dentro il traffico autostradale.

        • punteruolorosso 2259
          13 dic 2019 alle 20:07

          ottima cosa, ma vaglielo a spiegare a quei deficienti che hanno disegnato le fermate. come nel caso della lolli o di sferracavallo, completamente estranee al contesto urbano e paesaggistico.

          • Palerma La Malata 482
            14 dic 2019 alle 0:01

            Eh già punteruolorosso! Oltre ad avere ammucciato FS Lolli in un angolino appartato e fuori dalla vista di tutti hanno pure fallito nel creare un percorso pedonale decente da FS Sferracavallo verso il mare per i potenziali bagnanti estivi; e siamo ancora nel territorio comunale di Palermo. Figuriamoci se hanno la capacità di realizzare percorsi pedonali dalle stazioni della Provincia verso le relative spiagge. Una massa di incapaci strapagati.

          • Palerma La Malata 482
            14 dic 2019 alle 11:10

            Molto bene. L’ultima volta che ero andato a Campofelice Di Roccella in treno, forse l’anno 2002, non avevo visto questo sottopassaggio direzione lato mare.
            Forse è stato costruito negli ultimi 17 anni oppure semplicemente non me ne ero accorto allora.
            Comunque la foto che hai incluso tu seesopento dimostra che questi sottopassaggi che io propongo sono dei lavoretti semplici ma che in compenso restituirebbero a tutti gli utenti FS Trenitalia la possibilità di accedere facilmente a molte spiaggie della costa della Provincia, ad est di Palermo.
            Peccato che questa mia proposta qui su Mobilita Palermo è nata e qui su questo stesso sito morirà nel disinteresse totale di chi invece ha il compito di far fruttare e fiorire al pieno della sua potenzialità il Passante FS di Palermo.
            Una massa di ignorantoni, individualisti, incapaci e per giunta sovrapagati. Braccia rubate alla Nobile Agricoltura.

    • Irexia 794
      20 dic 2019 alle 14:52

      La tua è un’ottima idea. In Lombardia, Trenord (“società nata il 3 maggio 2011 dall’unione di esperienza, competenza e strutture di Trenitalia (Divisione Regionale Lombardia) e Gruppo FNM (LeNORD) – partecipanti al 50% ciascuna – al fine di razionalizzare e ottimizzare il servizio ferroviario in Lombardia” dal sito ufficiale dell’azienda, e mi piace ricordare che la Lombarida è Regione a Statuto Ordinario!) pubblicizza per tutto l’inverno biglietto + skipass per andare a sciare e l’offerta consiste tanto in treni quanto in pullman fino alle piste.
      Se questo non è incentivare il turismo, tra l’altro promuovendo la sicurezza, dato che guidare con la neve può riusltare pericoloso…
      Da noi ci vorrebbe l’equivalente estivo, toglieremmo tante macchine dalle autostrade e i vacanzieri sarebbero liberi dall’ansia del parcheggio anche in curva pur di andare a rinfrescarsi al mare, mettendo ovviamente a disposizione treni con sedute non imbottite dato che si siederebbero costumi bagnati di sale accompagnati da ciabatte insabbiate.
      Si può fare: basta volerlo, pensarci, organizzare.

  • Antony Passalacqua 166919
    13 dic 2019 alle 16:38

    C’è qualche arraggiatello che ha letto l’articolo ed è diventato ancora più arraggiato.
    Sig. Di Maria, vede almeno a differenza sua faccio nomi e cognomi senza tanti riferimenti celati.
    Comunque grazie su Maredolce. Le faccio notare che si scrive Ferramatori e non ferroamatori :D
    Contraccambio la cortesia.

    Ps: che poi indiscrezione non è dato che si tratta di una dichiarazione ufficiale con tanto di conferma. Mica l’italiano si presta ad interpretazioni

  • Metropolitano 3778
    13 dic 2019 alle 19:16

    La bretella sarebbe il baffo ferroviario tra Brancaccio Residenziale e Guadagna. Almeno finalmente si potrà sfruttare.

  • peppe2994 3400
    13 dic 2019 alle 22:37

    Beh, la volontà c’era fin dalla progettazione del bypass della stazione centrale. Alla fine in tempi recenti è venuto fuori che la regione non aveva né il materiale rotabile né l’intenzione di mettere altri km nel contratto di servizio.

    Che tutto ciò stia per cambiare non può che fare piacere.

  • 240349 56
    14 dic 2019 alle 14:40

    e una cosa bellissima cosi se si deva andare a aeroporto non si devono fare 70 chilometri ed evitare il traffico della circonvallazione

  • r302 195
    14 dic 2019 alle 19:18

    Il collegamento non servirebbe soltanto a chi deve recarsi in aeroporto. Poter recarsi dalla fascia Bagheria/Termini/Cefalù a Lolli/Politeama ed a Notarbartolo consentirebbe di ridurre alquanto gli spostamenti su gomma. Trattandosi di qualcosa di utile, temo che non la vedremo mai…


Lascia un Commento