Articolo
18 gen 2019

AMAT | Presentati i nuovi 38 bus a metano, in arrivo altri 84 mezzi.

di Salvatore Galati

Palermo - Stamane al deposito Roccazzo dell' AMAT, sono stati presentati i primi 38 bus urbani con propulsore alimentato a metano, e facenti parte di una fornitura complessiva di ben 89 mezzi. Già da domani mattina verranno ufficialmente immessi nella rete bus palermitana. Così come documentato  nei mesi scorsi, riepiloghiamo le varie tipologie di mezzi che fanno parte dell'intero appalto:   1° Lotto-fornitura 2 autobus urbani  di lunghezza compresa fra mt 6,90 e 7,20 con propulsore alimentato a gasolio- Aggiudicataria Sivibus; 2° Lotto-fornitura 39 autobus urbani di lunghezza compresa fra mt 10,40 e 10,90 con propulsore alimentato a gasolio- Aggiudicataria Industria Italiana Bus; 3° Lotto-fornitura 38 autobus urbani di lunghezza compresa fra mt. 11,50 e 12,40 con propulsore alimentato a metano (già in rete); 4° Lotto-fornitura 10 autobus urbani autosnodati di lunghezza compresa fra mt 17,70 e 18,20 con propulsore alimentato a gasolio-Aggiudicataria Industria Italiana Bus. Il resto dei 51 mezzi verranno consegnati entro la fine di gennaio. L'intero appalto è stato finanziato per l ’80 per cento dal ministero del Trasporti - con il contributo a valere sul fondo legge 28/12/2015, n 208 - mentre per il restante 20 per cento, circa quattro milioni di euro, con risorse di Amat. Ma attenzione, mancano ancora all'appello altri 33 autobus. Si tratta della gara già aggiudicata  dalla Irisbus  e finanziati coi fondi Pon-Metro. Fanno parte di questa fornitura 10 autobus autosnodati da 18m diesel euro-6, e  23 autobus da 12m diesel euro-6.   BIGLIETTAZIONE L’Amat è ormai a un passo dal completamento del sistema di bigliettazione elettronica , con l’introduzione definitiva del biglietto magnetico. I nuovi titoli di viaggio stanno progressivamente sostituendo i vecchi biglietti. Le nuove validatrici sono state installate su buona parte della flotta e sono in dotazione sui nuovi autobus. Entro il prossimo febbraio sarà possibile convalidare il biglietto magnetico su tutti i bus Amat. I vecchi biglietti potranno essere sostituiti con i nuovi tagliandi magnetici al massimo entro il mese di gennaio 2019. SiCUREZZA In tema di sicurezza del personale alla guida dei bus, secondo quanto è emerso dalle riunioni con il prefetto Antonella De Miro, che ha voluto essere presente all’iniziativa, l’azienda ha predisposto il primo ordine che riguarda l’acquisto di 11 cabine blindate, che saranno installate nella prossima fornitura di nuovi autobus. “I nuovi mezzi dell’Amat contribuiscono all’esigenza di decoro e di efficienza di un servizio essenziale per la mobilità cittadina - ha detto Musumeci - La Regione ha reso possibile il finanziamento di 22 milioni, grazie ai fondi del ministero dei trasporti e del Comune di Palermo. 89 bus sono davvero una bella novità per il parco vetture dell’Amat. Adesso dobbiamo lavorare per consolidare le infrastrutture nell’isola. Ci sarà un incontro con i sindaci delle isole minori, per parlare di trasporti marittimi - ha concluso Musumeci - e stiamo esaminando con il Comune di Palermo la possibilità di poter modificare il percorso nel centro storico nei pressi del Palazzo Reale e palazzo D’Orleans. E’ una sorta di sfida che con il sindaco Orlando stiamo mettendo in campo”. Questi bus non aumenteranno assolutamente la frequenza di alcune linee, ma di certo tamponeranno i guasti che si verificano spesso. E da qui anche il perché troviamo in alcuni giorni vetture da 12 m lungo la linea 101, sottratti sicuramente ad altre linee per sostituire gli autosnodati in servizio da circa 20 anni.   Gli autobus, sono dotati di GPS, di videosorveglianza e di macchinette obliteratrici adatte per il Biglietto magnetico, ricordiamo che i vecchi biglietti saranno validi fino al 31 gennaio 2019.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 gen 2019

AMAT e TRENITALIA | Biglietto unico integrato, dove sei?

di Salvatore Galati

Dopo lunghe attese finalmente il 7 ottobre del 2018 è stato riaperto al pubblico il collegamento ferroviario tra Palermo Centrale e l'aeroporto di Punta Raisi. Una grande novità per la Sicilia occidentale e per l'area metropolitana di Palermo, che agevola il trasporto pubblico. Inoltre un'infrastruttura importante per la città, che viene utilizzata come "metropolitana", perché riesce a collegare lungo l'asse Sud-Nord della città, i vari quartieri. Questa modalità di trasporto dovrebbe essere integrata con il sistema tram di Amat (linea 1 - 2 - 3 e 4), perché l'integrazione non è solo infrastrutturale. Il problema sta nell'integrazione tariffaria tra Amat e Trenitalia, che come sappiamo la palla è stata passata alla Regione Sicilia. L'istituzione del biglietto unico integrato sarebbe la soluzione per poter agevolare i cittadini dell'area metropolitana di Palermo, nello spostarsi facilmente con i mezzi pubblici oltre che aumentare il numero di passeggeri. Chi oggi utilizza il Passante Ferroviario è impedito ad utilizzare il mezzo in superficie (bus-tram) per il secondo titolo  di viaggio da acquistare e viceversa. Oltre ad essere di auspicio la diminuzione del traffico automobilistico, lo smog e il livello di polveri sottili. Siamo stanchi di attendere le solite beghe politiche, siamo stanchi dei soliti rimpalli fra i vari Enti. Noi vogliamo il biglietto unico integrato tra Amat e Trenitalia, Voi?

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
22 dic 2018

Tram per periferie e parcheggi, il Comune presenta domande di finanziamento

di Antony Passalacqua

Il Comune di Palermo ha ufficialmente presentato le istanze di partecipazione a due importati misure  di finanziamento che interessano la mobilità cittadina. La prima misura è rappresentata dal Decreto Regionale n. 1845 del 10/07/2018  per la realizzazione di parcheggi di interscambio in favore dei comuni di Palermo, Catania e Messina. La seconda invece è un bando del M.I.T.  per il reperimento delle risorse finanziarie necessarie alla realizzazione delle tratte tranviarie D, F e G (Mondello, Bonagia, Sferracavallo). Ma da dove nasce l'esigenza di questi finanziamenti?  L'attuale iter per la progettazione definitiva delle iniziali tratte tranviarie A B C, finanziate dal cosiddetto Patto per Palermo, era stato affidato allo studio Cassata, vincitore dello scorso concorso internazionale per la progettazione del Sistema Tram Palermo. Il concorso prevedeva infatti: lo studio di fattibilità tecnica economica, comprensivo di tutte le indagini previste per legge, delle tratte A, B, C, D, E, F, G, i 13 parcheggi e infine la progettazione definitiva delle tratte A-B-C. Il progetto delle linee tranviarie inoltre la realizzazione di alcuni parcheggi  considerati necessari strategici essendo  dislocati in prossimità dei percorsi delle tratte da realizzare, e a supporto dell’interscambio tra il mezzo privato e il tpl. Complessivamente si tratta dei seguenti parcheggi: - Piazza Giulio Cesare ..... n. 1 parcheggio multipiano - Piazzale Ungheria ......... n. 1 parcheggio interrato - Via Libertà .................... n. 2 parcheggi interrati - Piazza Boiardo .............. n. 1 parcheggio interrato - Piazza Don Bosco ......... n. 1 parcheggio interrato - Via Alcide de Gasperi ... n. 2 parcheggi interrati - Via Francia ................... n. 1 parcheggio a raso e interrato - Viale Strasburgo ........... n. 1 parcheggio interrato - Via Galatea ................... n. 1 parcheggio a raso e interrato - Via Mongibello ............. n. 1 parcheggio a gradoni -Sferracavallo ................. n. 1 parcheggio a gradoni - Foro Italico ................... n. 1 parcheggio interrato - Bonagia ......................... n. 1 parcheggio a raso   Risultano però prive di copertura finanziaria le tratte D E F G e i rispettivi parcheggi Strasburgo, Galatea, Mongibello, Sferracavallo, Foro Italico, Bonagia. Da qui la richiesta di finanziamento indirizzata al M.I.T.  che se accolta, consentirà di prolungare alle estreme periferie le nuove linee tram. Tornando invece all'attuale progettazione per le tratte A B C (via Roma, via Libertà, via Notarbartolo, via Basile), risultano privi di copertura finanziaria i seguenti parcheggi. - Piazza Boiardo ................ n. 1 parcheggio interrato - Piazza Don Bosco ........... n. 1 parcheggio interrato - Via Alcide de Gasperi ..... n. 2 parcheggi interrati - Via Francia ...................... n. 1 parcheggio a raso e interrato Questi ultimi dovranno trovare finanziamento tramite l'avviso del  D.R. n. 1845 del 10/07/2018. Aggiungiamo inoltre che il primo stralcio dei lavori con priorità 1 (progettazione definitiva e direzione lavori per la realizzazione) trova copertura finanziaria all’interno delle risorse stanziate dal C.I.P.E. con Delibera n. 26 del 10 agosto 2016  e che assegna a Palermo la cifra di 332 mln.  

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
19 dic 2018

Linea Palermo – Punta Raisi | Modifiche alla circolazione per interventi infrastrutturali tra il 18 e il 29 dicembre

di Fabio Nicolosi

Dal 18 dicembre fino al 29 dicembre per attività notturne di potenziamento infrastrutturale nell’ambito del raddoppio fra Palermo Centrale e Palazzo Reale Orleans alcune corse subiranno delle modifiche. Gli interventi, che saranno eseguiti nelle ore notturne (fra le 23.10 e le 5.10) comporteranno la sostituzione con autobus dei primi 3 treni del mattino (con partenza alle ore 4.00, 4.30 e 5.00 da Palermo Centrale) e degli ultimi 3 convogli della sera (con partenza alle 22.27, 22.42 e 0.25 da Punta Raisi) da ieri sera fino a lunedì 24 dicembre e nella notte tra il 27 e il 28 dicembre. Sabato 29 dicembre i lavori dureranno l’intera giornata, con un servizio sostitutivo di autobus.  

Leggi tutto    Commenti 20
Articolo
29 nov 2018

Tram, il Consiglio Comunale conferma le nuove 4 linee

di Antony Passalacqua

Palermo - Il Consiglio comunale ha approvato ieri un emendamento al Piano delle Opere pubbliche che permette di destinare complessivamente 426 milioni di euro provenienti da varie fonti per la realizzazione di quattro linee del tram del nuovo piano del sistema tranviario e dei relativi parcheggi di interscambio. In pratica il Comune prosegue l'iter delle linee tranviarie con priorità 1 (finanziate coi fondi Patto per Palermo) e assieme ad esse si aggiungono i fondi per la partecipazione al bando regionale destinato alla realizzazione di parcheggi d'interscambio. Per Palermo infatti sono destinati circa 50mln di euro. Spiccano i parcheggi di piazza Giulio Cesare (multipiano), piazzale Ungheria, via Libertà (interrati), piazza Alcide De Gasperi, piazza Don Bosco e viale Francia. Qui le tratte interessate da questa prima fase: TRATTA “A”: prolungamento della Linea 1 esistente dalla Stazione Centrale allo Stadio. TRATTA “B”:  prolungamento della Linea 1 esistente, dalla Stazione Notarbartolo a via Duca della Verdura. TRATTA “C”:  prolungamento della Linea 4 esistente dal Ponte Calatafimi alla Stazione Centrale. TRATTA “E1”:  da piazza De Gasperi alla Stazione Francia (interscambio con Passante ferroviario) Il presidente della Commissione Urbanistica, accogliendo una richiesta delle opposizioni e con il parere favorevole della Giunta, ha ritirato un secondo emendamento per la dichiarazione di conformità urbanistica delle altre tre linee previste dal piano. Viene pertanto posticipata a Dicembre l'eventuale partecipazione al bando ministeriale che consentirebbe di finanziare le rimanenti tratte (Mondello, Sferracavallo, Zen, Bonagia) e che richiede il possesso di determinati requisiti. Circa la sostenibilità economica della futura rete e non solo, non è poi così malvagia l'idea di parlare di trasporti in ambito Città Metropolitana creando convergenza fra più attori: Gesap, Autorità Portuale, Amat, Trenitalia.

Leggi tutto    Commenti 45
Articolo
18 nov 2018

FOTO | La giungla del tram lungo la linea 1

di Fabio Nicolosi

Doveva essere la svolta, il rilancio, il riscatto. Il tram che dalla stazione centrale conduce fino al centro commerciale "Forum Palermo" attraversa quartieri "delicati", quartieri che per anni hanno chiesto un servizio di trasporto pubblico efficace, puntuale, pulito. Un servizio che adesso è presente, ma che viene trascurato, viene denigrato, viene vandalizzato, viene umiliato e viene anche messo a rischio. Di cosa stiamo parlando? Lasciamo le immagini parlare: Pietre appositamente posizionate sui binari, sassi lanciati contro le vetrate, bancarelle a ridosso della linea, gente che passeggia sui binari incurante del pericolo, macchine parcheggiate all'interno della sede. Ma con questi episodi, i conducenti della linea 1 potrebbero scriverci una catena di libri, una serie di romanzi horror. Gli autisti dell'Amat dicono "Basta" Dopo l'ultimo episodio di ieri allo Sperone, dove ignoti hanno lanciato un sasso contro un tram della linea 1 mandando in frantumi un vetro e ferendo un passeggero, monta la protesta per chiedere più sicurezza e tutela da parte dell'azienda, comune e forze dell'ordine. Domani si terrà un incontro tra Amat e sindacati proprio sul tema sicurezza. Volete che la linea 1 venga soppressa? Ditelo! Volete rimanere senza un mezzo pubblico in grado di portarvi in pochi minuti da Centrale a Roccella? Ditelo! Volete tornare ai mezzi di 40 anni fa, piccoli, sudici, cigolanti e maleodoranti? Ditelo! Altrimenti denunciate, denunciate e denunciate! Perché l'unico modo per ridurre questi episodi e non costringere l'azienda a sopprimere il servizio per problemi di ordine pubblico è condannare episodi sporadici che accadono, ma che rischiano di combinare stragi e che mettono a repentaglio la vita di chi utilizza i mezzi. Sappiamo infatti che il tram è molto utilizzato dagli studenti, dai professori, da lavoratori, gente per bene, educata, rispettosa che ogni mattina paga il biglietto o che ha un regolare abbonamento e che utilizza civilmente il mezzo per recarsi a lavoro, a scuola o per fare shopping nel centro commerciale a ridosso di Palermo. Sperando che questo sia l'ultimo di una lunga serie di brutti episodi, lanciamo l'hastag: #PalermoAmaIlTram

Leggi tutto    Commenti 32
Articolo
06 ott 2018

Passante Ferroviario | Ritorna il treno per l’aeroporto Falcone e Borsellino

di Salvatore Galati

Dopo i test tecnici della nuova tratta iniziati il 10 agosto scorso e il via libera da parte dell'ANSF, finalmente dopo circa 3 anni  di stop verrà riaperto al pubblico la tratta ferroviaria Palermo/Punta Raisi. La notizia è finalmente ufficiale e domani mattina partirà il primo treno per l'aeroporto! Ci auguriamo che il Comune di Palermo, il Parlamento Regionale e le aziende di AMAT e Trenitalia, lavorino per ottenere questo benedetto biglietto unico integrato fra le due aziende di trasporto pubblico, per incentivare gli scambi tra Tram/Bus e Treni, in modo tale da raggiungere l'obbiettivo stabilito anni fa e che vogliamo venga al più presto raggiunto. Di seguito i dettagli della linea ferroviaria: Le fermate lungo la tratta saranno le seguenti: Palermo Centrale; Guadagna; Vespri; Palazzo Reale Orleans; Imera - Giustizia (prossima apertura); Lolli; Notarbartolo; Lazio (prossima apertura); Belgio - De Gasperi (prossima apertura); Francia; San Lorenzo; La Malfa; Cardillo; Tommaso Natale; Sferracavallo; Isola delle Femmine; Capaci (prossima apertura); Carini Torre Ciachea; Carini; Piraineto Punta Raisi Ecco il comunicato stampa: FS ITALIANE, PASSANTE PALERMO: DA DOMANI TORNA IL TRENO PER L’AEROPORTO DI PUNTA RAISI dopo rilascio autorizzazione ANSF lavori terminati a luglio 2018 attive anche le due nuove fermate La Malfa e Sferracavallo 61 corse al giorno tra Palermo Centrale e Punta Raisi, con treni Jazz e Minuetto Palermo, 6 ottobre 2018 Sarà riattivato domani il collegamento ferroviario tra la stazione di Palermo Centrale e l’aeroporto “Falcone e Borsellino”. Oggi, infatti, l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) ha rilasciato al Gruppo FS Italiane, tramite la controllata RFI, l’Autorizzazione alla Messa in Servizio (AMIS) per il Passante di Palermo. I lavori per il ripristino del collegamento ferroviario con Punta Raisi erano stati completati a fine luglio. Domenica, il primo treno per l’aeroporto partirà alle 6.05 dalla stazione di Palermo Centrale; in senso inverso, l’ultima partenza da Punta Raisi è prevista alle 21.52. L’offerta commerciale di Trenitalia (Gruppo FS Italiane) per l’aeroporto prevede nei giorni feriali 61 treni – effettuati con convogli Jazz e Minuetto – al giorno, con una cadenza di due treni/ora garantita da un servizio più veloce e uno che effettuerà tutte le fermate. Oltre al collegamento con l’aeroporto, infatti, l’apertura del Passante tornerà a offrire ai pendolari palermitani un comodo e apprezzato collegamento metropolitano. Info sulle fermate su trenitalia.com. Da domani, assieme ai treni, saranno anche disponibili le due nuove fermate di La Malfa e Sferracavallo. A breve pubblicheremo tutti gli orari e le tariffe

Leggi tutto    Commenti 6