Articolo
19 lug 2019

Movida | Nuove sanzioni per chi viola regole e sporca

di Salvatore Galati

Ci perviene un comunicato stampa da parte del comune di Palermo circa nuove sanzioni per chi viola regole e sporca. Dal giorno 18 di luglio, sarà operativa la nuova Ordinanza firmata dal Sindaco Leoluca Orlando, che è stata preparata dagli uffici del Suap e della Polizia Municipale, è frutto è frutto della strategia d’azione decisa e condivisa in seno al Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dalla Prefetta De Miro, in merito alla cosiddetta “movida” notturna. Questo provvedimento avrà una durata di 60 giorni in attesa della revisione complessiva dei regolamenti di settore del Consiglio Comunale, prevede in particolare che già a partire dalla prima violazione delle norme possa scattare la chiusura dei locali, per un periodo crescente che va da 10 a 30 giorni in caso di recidiva. Analogamente, nel caso di violazioni che comportino utilizzo di materiali ed attrezzature (impianti di diffusione sonora per quanto riguarda la musica o arredi per quanto riguarda l’occupazione di suolo pubblico), si procederà al sequestro ma, in caso di recidiva si potrà anche arrivare alla confisca definitiva.I provvedimenti sanzionatori verranno applicati “anche nell'ipotesi che l’esercente venga meno agli obblighi di pulizia, decoro degli spazi esterni all'esercizio e di corretto conferimento dei rifiuti prodotti dall'attività”.In particolare l’ordinanza prevede che alle sanzioni pecuniarie (da 25 a 50 euro, con un minimo di 150 euro per ogni violazione accertata), si applichino le seguenti sanzioni accessorie: 1^ violazione dalla data di pubblicazione del presente provvedimento: Chiusura per 10 giorni dell’attività; 2^ violazione: Chiusura per 20 giorni dell’attività; dalla 3^ violazione: Chiusura per 30 giorni dell’attività. Inoltre, chiunque violi le disposizioni vigenti, sarà soggetto alla sanzione accessoria del sequestro amministrativo delle apparecchiature e/ o strumenti di diffusione dei suoni o di ogni altra attrezzatura utilizzata per l’attività illecita, secondo quanto appresso: 1^ violazione: sequestro amministrativo per 10 giorni delle apparecchiature e/ o strumenti di diffusione dei suoni o di ogni altra attrezzatura a servizio dell’attività illecita, inclusi gli arredi e le strutture con cui sia stata perpetrata l’occupazione - anche parzialmente – abusiva; 2^ violazione: Sequestro amministrativo per 20 giorni delle apparecchiature e/ o strumenti di diffusione dei suoni e/ o dei rumori e/o di ogni altra attrezzatura a servizio dell’attività illecita; dalla 3^ violazione: sequestro amministrativo degli strumenti di diffusione dei suoni e/ o dei rumori e/o di ogni altra attrezzatura a servizio dell’attività illecita e successiva CONFISCA delle stesse. Inoltre, per tutte le ipotesi riscontrate da organi di Polizia di violazione alla normativa tecnico/urbanistica di immobili adibiti ad attività commerciale, gli stessi Organi devono provvedere all'immediata segnalazione al SUAP, all’ASP e al Comando dei Vigili del Fuoco al fine della verifica dell’esistenza delle condizioni di agibilità e della predisposizione degli atti conseguenziali.“Di fronte a comportamenti illeciti, irregolari o illegali – afferma il Sindaco – il Comitato Provinciale ha ritenuto, con la nostra piena condivisione, che sia necessario imporre sanzioni ben più restrittive affinché sia chiaro a tutti che il rispetto delle regole è condizione essenziale perché le attività commerciali possano continuare a svolgersi in un clima di serenità e tutela di tutti gli interessi in campo, primi fra tutti quelli dei residenti e quelli di quegli esercenti che si attengono scrupolosamente alle normative.Credo sia da sottolineare anche che si sia deciso un controllo interforze, segnale importante della collaborazione fra tutte le istituzioni per il contrasto ad ogni forma di illegalità, per il decoro, la sicurezza e la civile convivenza.”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 feb 2018

Mobilità | Il taxi sharing per la movida in Centro Storico

di Antony Passalacqua

Segnaliamo questa importante iniziativa nell'ambito di una fruizione sicura e sostenibile del Centro Storico di Palermo. E' sotto gli occhi di tutti quanto accade durante le ore serali dei weekend, con tanti avventori della cosiddetta movida che lasciano il proprio “segno”. Auto posteggiate nei posti più impensabili, auto posteggiate davanti a portoni e passi carrabili, auto posteggiate all’interno delle aree pedonali, auto incolonnate lungo strade e vicoli in cerca di posteggio. Il locale Cantavespri lancia la propria iniziativa per un Centro Storico da vivere senza stress, senza multe...e diciamo noi più sharing. Annunciamo inoltre la presentazione ufficiale della nostraproposta del Night Shuttle direttamente all'assessorato alla mobilità. Ogni sera taxi con tariffa fissa e scontata a € 10,00*  per tutta la corsa da e verso il Cantavespri, da e verso tutto il centro città. Partner dell'iniziativa è Autoradiotaxi al numero 091 8481 che rilanciando il taxi sharing.  In qualsiasi momento della sera, dalle ore 20:00, per tutta la notte. Per chi volesse raggiungere il Cantavespri dalla periferia o da fuori Palermo è possibile lasciare l’auto presso il Parcheggio Basile gratuitamente e fruire dello stesso servizio di Autoradiotaxi a tariffa fissa. *La tariffa di €10 NON è a persona ma si intende per tutta la corsa. Essa si riferisce al centro di Palermo compreso tra l’asse via Basile-corso Tukory-via Lincoln a Sud, via Notarbartolo-via Duca della Verdura a Nord. Per tutte le altre zone della città è prevista una tariffa fissa di €12. Mondello €20, Sferracavallo €25. Disclaimer: non è stata corrisposta alcuna somma per questo post. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
17 gen 2018

ZTL h24 in centro storico: l’esito del sondaggio e 20 motivazioni per il NO da commentare

di Giulio Di Chiara

Qualche giorno fa avevamo ripreso un sondaggio lanciato su Facebook all'interno del gruppo  dei residenti in centro storico. La domanda oggetto di votazione era relativa all'estensione della ZTL per tutte le ore della giornata, comprese quelle notturne. Tale proposta nasce dalle lamentele di diversi residenti che, proprio nelle ore notturne, vedono trasformare il proprio quartiere in un caos di auto strombazzanti e parcheggi selvaggi che compromettono la quiete pubblica. Dunque vi abbiamo domandato se sareste favorevoli o meno a questa estensione del provvedimento. Il risultato, che ovviamente non ha valore scientifico ma indicativo su un campione di circa 200 votanti, è il seguente:   FAVOREVOLE alla Ztl 24h in centro storico: 63,7% CONTRARIO alla Ztl 24h in centro storico: 36,3%   Vogliamo aprire il dibattito a partire da alcune motivazioni legate al "NO" che riteniamo più significative. Non riportiamo le motivazioni favorevoli perchè si attestano quasi interamente sulla richiesta di maggiore vivibilità, quiete e decoro del centro storico.  Le raccogliamo di seguito e vi invitiamo a commentarle. PERCHE' sei contrario all'ipotesi di ZTL 24/24? in ztl la città esclude parte della cittadinanza a non andare nelle parti del centro. Allora escludeteci dalle tasse quei servizi che già paghiamo anche per quelle zone e che comunque non funzionano dopo l' orario diurmo di Amat e' impossibile frequentare la ztl se non si ha un' auto Perché non vi sono mezzi pubblici che soddisfino l'intera cittadina Non sono a favore poichè non esistono tanti parcheggi dove posteggiare le auto o un servizio navetta efficiente da circolare rapidamente all'interno dell'area Ztl Il traffico del fine settimana va agevolato In estrema sintesi, mi pare una sorta di... "privatizzazione di pubbliche vie" Il centro storico risulterebbe troppo penalizzato anche in orari durante i quali il traffico non risulterebbe comunque eccessivo perché dopo una certa ora non ha senso inibire l'accesso Troppo scomodo raggiungere il centro senza macchina di sera Come avete proposto. Attualmente viviamo in una città sprovvista di night shuttle per la movida. Ed in ogni caso le linee notturne per arrivare in centro sono precarie e spesso fanno giri infiniti. Non siamo ancora pronti. In futuro con il completamento dei lavori per il tram e l'anello ferroviario ci si potrebbe pensare. Attualmente la vedo una via impraticabile che penalizzerebbe i commercianti della movida Morirebbero i negozianti i residenti e chi transiterebbe per sbaglio in quell’area! Non vedo l’utilità di una ztl h24 In quanto il numero di vetture che circolano nella fascia notturna è nettamente inferiore Nessuno andrà più nel centro storico di Palermo e così le attività commerciali moriranno Quella parte di città è anche nostra che non viviamo e non risediamo in quel perimetro quindi è nostro diritto potervi entrare senza pagare nessuna tassa Io non sono d’accordo perché il provvedimento è stato adottato in una città come Palermo con un’alternativa esigua di strade percorribili, si è solo spostato il caos da un’altra parte. Le infrastrutture poi sono in condizioni pessime! Si è distrutto il mercato dei commercianti del centro. La ztl avrebbe avuto un senso se non avessero permesso il rilascio di pass giornalieri e per motivi “futili”. Per me l’inquinamento si combatte con misure di diverso stampo, come la promozione di energie rinnovabili, ampliamento del servizio di trasporto pubblico (almeno gratis nelle zone coperte da ztl). E non diciamo che i soldi non ci sono, perché invece di aumentarsi gli stipendi e spendere soldi inutili, il comune e la regione Sicilia potrebbero riguardare maggiormente il territorio! Per mancanza di un adeguato numero di parcheggi esterni alla ZTL. H24 solo nel week-end Tutti abbiamo il diritto di frequentare il centro storico per poterci svagare nei locali e raggiungerli piú comodamente. La strada è pubblica. Avendo pagato il PASS, mi rendo conto che la qualità della vita per i residenti non è per nulla migliorata.   Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
13 set 2016

FOTO |Prima – Dopo: Ecco come dar lustro a Piazza Nascè

di Fabio Nicolosi

Oggi vogliamo portarvi l'esempio di come una pedonalizzazione possa far migliorare la vivibilità di una piazza. Ci troviamo a Piazza Niscè a due passi dalla zona centrale della movida palermitana. La piazza da sempre utilizzata come posteggio e luogo di abbandono dei rifiuti, vista la presenza dei cassonetti, grazie alla pedonalizzazione decisa dal comune assume un nuovo aspetto estetico. Sono bastate 20 piante, 12 panchine e 20 dissuasori per dar lustro ad una piazza storica da molti dimenticata e sopratutto trascurata, in primis proprio dall'amministrazione comunale. Vi lasciamo a questa galleria:

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
16 mar 2016

Parcheggio Tribunale, traffico e caos movida: quali soluzioni?

di Antony Passalacqua

Traffico e caos del sabato sera. Niente di nuovo direte, ma vogliamo cercare di focalizzare bene il problema in qualche strada notoriamente trafficata. Le immagini che vedete ritraggono una scena che si ripete ogni sabato sera lungo via Volturno. Una lunga scia di auto che si dirige verso la cosiddetta movida in zona Massimo. Ovviamente attorno piazza Verdi e dintorni, ci si ritroverà con auto posteggiate nelle maniere più rocambolesche e posteggiatori abusivi che regnano sovrani. Ma c'è effettivamente una mancanza di parcheggi? A dire il vero le auto svoltano verso via Volturno, schivando volutamente il parcheggio interrato interrato di piazza V.E. Orlando da 623 posti e aperto h24. Ci sarebbe eventualmente l'area parcheggio di piazzale Ungheria ma ovviamente ha un numero di posti limitato. Ma cosa spinge effettivamente quelle auto a non parcheggiare lì? L'uniformità tariffaria: A piazzale Ungheria vige la tariffa unica (applicata giornalmente) dove dalle 20 di sera e fino alle 7 dell'indomani mattina, è possibile pagare solo 1 euro. Motivo per cui durante i weekend è quasi sempre completo. Cosa ben diversa al parcheggio Tribunale dove dal lunedì al venerdì nella fascia oraria 14:00-05:00 + sabato e domenica 24h, ogni ora ha il costo di € 1,00.  Di conseguenza le sera dei weekend, questo parcheggio sarà con tantissimi stalli vuoti. Ecco che occorrerebbe una tariffa che potrebbe incentivarne l'utilizzo ed evitare questo caos, sulla stessa formula del parcheggio di piazzale Ungheria. La comunicazione: Sebbene ci siano dei tabelloni attorno che indicano gli stalli disponibili in tempo reale (alcuni guasti), non tutti sanno che il parcheggio è disponibile h24. Altri invece si ritrovano però la saracinesca abbassata pensando che sia chiuso. In realtà la saracinesca rimane chiusa nelle ore notturne per motivi di sicurezza, ma è sufficiente passare un bancomat nell'apposito lettore (o premere il pulsante/citofono) per effettuare l'apertura. Ma non c'è alcuna indicazione in merito e basterebbe un cartello a chiare lettere con riportate le istruzioni per l'apertura. Infine una buona campagna di comunicazione non potrà che invogliare la gente a lasciare l'auto proprio qui per proseguire la passeggiata in centro a piedi. Ne  guadagnerebbe il traffico dell'intera zona che verrebbe reso più scorrevole. Ne guadagnerebbero in salute i residenti, con l'abbattimento dell'inquinamento atmosferico e acustico. I fruitori della movida per un sabato sera più tranquillo e con meno stress da ricerca di parcheggio. Per ultimo meno introiti (pizzo) nelle tasche dei posteggiatori abusivi, e con il gestore del parcheggio che si ritroverebbe meno posti auto disponibili grazie a tariffe più appetibili. E non sarebbe male mettere anche un presidio di forze dell'ordine lungo la strada. L'Amministrazione Comunale dovrebbe fare le dovute pressioni su Apcoa che già gode di sufficienti benefici anche attraverso le zone blu. Foto: M.Negrì

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
09 nov 2015

Rissa via Chiavettieri, denunciati i primi 3 giovani

di Mobilita Palermo

La Polizia ha denunciato 3 ragazzi che hanno partecipato al rissa avvenuta in via Chiavetteri, alle 4 del mattino e che ha coinvolto circa 20 persone. I giovani sembrerebbe siano stati segnalati dai medici del Bucheri la Ferla, dove si erano recati per le ferite riportate durante la rissa. La polizia sta risalendo agli altri partecipanti della rissa, grazie ad altre telecamere. Ma la domanda principale non può che essere la seguente: il problema era il recente regolamento della Movida? O affrontare il prossimo regolamento sulla zonizzazione? Oppure bisogna discutere e attuare un piano per la sicurezza pubblica, con un coordinamento Interforze guidato da Comune e Prefettura? O riproporre l'operazione Vespri Siciliani in città, visto che qui si c'è un serio problema di ordine pubblico. A voi i commenti      

Leggi tutto    Commenti 17
Articolo
05 feb 2014

Piazza Garraffello in pieno degrado

di Amico di MobilitaPalermo

Pubblichiamo la lettera di un nostro lettore, e inerente lo stato di degrado di piazza Garraffello. Perché non lanciare un concorso di idee sul recupero dell'intera piazza? Mi son trovato a passare per piazza Garraffello alla Vucciria dopo tre mesi, ecco in che stato versa la fontana del 1580. L'assessorato al centro storico ne è al corrente sullo stato di degrado in cui versa la Vucciria? Spero che come comitato si possa fare un esposto alla sovrintendenza e al più presto avviare i restauri. Cordiali saluti Francesco la Mantia (altro…)

Leggi tutto    Commenti 9