Articolo
04 dic 2017

FOTO | Anello Ferroviario: completato il primo tratto del solettone di Viale Lazio

di Fabio Nicolosi

Era il 25 Ottobre, quando pubblicavamo le prime foto della demolizione delle teste dei pali. A circa un mese di distanza costatiamo come i lavori siano avanzati e sia stata completata la prima parte del lungo solettone che sará la copertura della futura galleria e fermata Libertá dell'anello ferroviario. Ricordiamo che il tratto di Viale Lazio compreso tra Via Libertà e Via Sicilia sarà parzialmente aperto entro fine 2017, così come previsto dall'O.D. n° 1406 del 11/10/2017. Bisognerà invece aspettare Febbraio 2018 per poter utilizzare l'intera carreggiata. Rimarrà invece area di cantiere Via Sicilia, dove sarà realizzata la rampa d'accesso al cantiere. Un importante passo avanti per l'intero quartiere, ostaggio da anni di un cantiere che è andato avanti molto lentamente. Ricordiamo infatti che lo stesso, secondo le tempistiche fornite dalla Tecnis doveva essere riaperto a Maggio 2016 e che i lavori su Viale Lazio dovevano durare solo 13 mesi. Ringraziamo giovanni75 per gli scatti: Riportiamo qualche dato direttamente dalla relazione generale descrittiva La fermata Libertà è situata lungo l’asse stradale di viale Lazio e si inserisce nell’esistente tratta interrata che attualmente collega la stazione di Notarbartolo alla fermata Imperatore Federico. La zona in cui è ubicata la nuova fermata si trova ai margini del centro cittadino in una zona densamente popolata, caratterizzata da alti edifici residenziali. La fermata, di tipo interrato, a semplice binario e a singola banchina, verrà realizzata al di sotto della sede stradale in galleria artificiale. Gli sbarchi dei nuclei di accesso sono stati disposti in viale Lazio ad angolo con via Sicilia. La realizzazione della fermata prevede la demolizione del tratto di strada su cui essa insiste. La circolazione nel tratto in questione, in seguito alla costruzione della fermata, verrà ripristinata come è attualmente in uso. L’accesso di servizio ai locali tecnici verrà collocato su Via Sicilia mediante una botola di accesso alla scala di servizio. La fermata è organizzata su 3 livelli: piano stradale, piano mezzanino e piano banchina. Alla quota stradale sono ubicati i nuclei di accesso verticale, caratterizzati dai volumi del corpo ascensore, della scala mobile e della pensilina di copertura della scala fissa; sono inoltre presenti gli sbarchi dell’uscita di sicurezza e le griglie dell’impianto di ventilazione/estrazione fumi e degli altri locali tecnici. Al piano mezzanino sono ubicati esclusivamente locali tecnici per un totale di circa 550 MQ (inclusi gli spazi di distribuzione e gli elementi di comunicazione verticale). Il piano banchina è caratterizzato dal marciapiede per l’imbarco/sbarco dei passeggeri dai convogli. Sono presenti inoltre altri locali tecnici per un totale di circa 640 MQ (inclusi gli spazi di distribuzione e gli elementi di comunicazione verticale). La banchina è lunga 90 m e larga 3 m, dotata di due uscite indipendenti che confluiscono in un unico percorso verso l’uscita. L’accesso ai locali tecnici avviene dal piano banchina e dal piano mezzanino, oppure mediante una scala di servizio collegata con l’esterno, non fniibile dal pubblico. Il nucleo di accesso ubicato al piano strada si compone di una scala fissa di larghezza 2,4 m, di una scala mobile in sola uscita e di un ascensore, per consentire l’uso dell’infrastruttura ai disabili motori. L’accesso costituito dalla scala fissa è protetto da una pensilina di copertura in vetro e metallo per garantire la protezione dagli agenti atmosferici e consentire la chiusura della fermata; invece la scala mobile non presenta elemento di copertura. Il parapetto presenta gli stessi elementi architettonici della pensilina, ovvero su uno zoccolo rivestito in pietra Billiemi si innesta il parapetto con montanti e mancorrente in scatolari di acciaio verniciato e funi di acciaio inox a completamento del parapetto. Per l’accesso alla fermata è stato previsto interdetto nelle ore notturne, durante il periodo di sospensione del servizio; la chiusura avviene per la scala fissa attraverso un cancello metallico a due ante posto all’imbocco del volume di copertura, per la scala mobile attraverso un cancello scorrevole al piano mezzanino. Sono previsti spazi per l’eventuale futuro inserimento dei tornelli al piano banchina, in maniera da essere idonei all’uso da parte dei portatori di handicap in prossimità dello sbarco dell’ascensore ad asse di rotazione orizzontale in prossimità delle scale fisse. Le scale sono dimensionate e posizionate in modo da avere un sufficiente numero di moduli per evacuare le persone dalla banchina e in modo da avere dei percorsi di fuga di lunghezza non superiore a 50 m. E’ stata garantita ai disabili visivi una facile accessibilità e fruizione dell’infrastmttura, attraverso la scala fissa e l’ascensore e con percorsi tattili. Ti potrebbe interessare anche: FOTO | Anello Ferroviario: Terminata la realizzazione dei pali, si passa al solettone su Viale Lazio Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
25 ott 2017

FOTO | Anello Ferroviario: Terminata la realizzazione dei pali, si passa al solettone su Viale Lazio

di Fabio Nicolosi

I cantieri dell'anello ferroviario procedono, seppur con qualche imprevisto. Ci troviamo in Viale Lazio, angolo Via Sicilia, qui i lavori prevedono la realizzazione della nuova fermata Lazio posta tra le fermate Notarbartolo e Imperatore Federico. La fermata avrà l'accesso proprio sul marciapiede ad angolo tra Viale Lazio e Via Sicilia. Quest'estate il traffico ferroviario, proprio per effettuare alcune palificazioni, era stato interrotto e in queste ultime settimane il ritmo dei lavori è stato molto sostenuto con mezzi in opera fino a tarda sera. Dalle foto possiamo dedurre che sono stati terminate le palificazioni e adesso occorrerà scavare per arrivare alla quota del piano di posa del solettone, armarlo, gettare il cls e ricoprire il tutto ripristinando lo stato dei luoghi prima dell'inizio dei lavori. Abbiamo quindi chiesto un cronoprogramma ad RFI, che nella figura di Filippo Palazzo ci ha risposto che il tratto di Viale Lazio compreso tra Via Libertà e Via Sicilia sarà parzialmente reso carrabile entro fine 2017, così come previsto dall'O.D. n° 1406 del 11/10/2017. Bisognerà invece aspettare Febbraio 2018 per poter utilizzare l'intera carreggiata. Rimarrà invece area di cantiere Via Sicilia, dove sarà realizzata la rampa d'accesso al cantiere. Un importante passo avanti per l'intero quartiere, ostaggio da anni di un cantiere che è andato avanti molto lentamente. Ricordiamo infatti che lo stesso, secondo le tempistiche fornite dalla Tecnis doveva essere riaperto a Maggio 2016 e che i lavori su Viale Lazio dovevano durare solo 13 mesi. Ringraziamo Gabriele C. per gli scatti Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 ago 2017

Anello Ferroviario | Approvati nuovi limiti acustici nei cantieri

di Fabio Nicolosi

Su richiesta di Tecnis, l'ufficio ambiente del Comune di Palermo ha emanato l'ordinanza n° 218/05 del 23 Agosto in cui propone una deroga rispetto al limite di emissione/immissione acustica dei lavori nei cantieri dell'anello ferroviario. Il 30 Settembre 2015 lo stesso ufficio aveva già rilasciato l'autorizzazione valida sino al 22/07/2017. In data 27 Giugno 2017 la Tecnis presentava richiesta di nuova autorizzazione fino a fine lavori, primavera 2020. L'istanza è accompagnata da una "Relazione Acustica cantiere" prodotta in data 11 Luglio 2017. La lavorazione più impattante dal punto di vista acustico è quella relativa alla realizzazione dei pali secanti, della scavo di ribasso fino alla quota di copertura della galleria della tratta ferroviaria, così come giustamente fatto notare molte volte dai residenti di Via Sicilia e Via Amari. L'installazione di apposite barriere anti-rumore riduce di circa 10-14dB i rumori percepiti. I livelli di potenza dichiarati dalla Ditta per i macchinari utilizzati sono: Perforatrice Soilmec: Tra 106 e 117 dB Perforatrice Bauer: 112 dB Pompa per calcestruzzo: tra i 110 e 114 dB Pala gommata: 92,9 dB Compressore / Generatore elettrico: 106 dB Autocarro: 75 dB Escavatore: 103 dB In particolare i valori non dovranno essere superiori ai 73dB (LEq) tutti i giorni dalle 8 alle 20 (sabato 8-14 e domenica esclusa), è vietato l'uso di attrezzature a elevato livello di emissione acustica dalle ore 14 alle ore 15.30 Quindi tutte le macchine non potranno lavorare? Assolutamente no. Il livello sonoro equivalente (Leq) di un suono o rumore variabile nel tempo è il livello espresso in dB (ma più solitamente in dBA), di un ipotetico rumore costante che, se sostituito al rumore reale per lo stesso intervallo di tempo, comporterebbe la stessa quantità totale di energia sonora. Lo scopo dell'introduzione del livello equivalente è quello di poter caratterizzare con un solo dato di misura un rumore variabile, per un intervallo di tempo prefissato. L'aggettivo equivalente sottolinea il fatto che l'energia trasportata dall'ipotetico rumore costante e quella trasportata dal rumore reale sono uguali. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
28 lug 2017

Anello Ferroviario, stop ai treni tra Notarbartolo e Giachery

di Antony Passalacqua

Svolta ai lavori di viale Lazio per l'Anello Ferroviario? Sembrerebbe di si, almeno da quanto comunica Rfi. Da sabato 29 luglio a domenica 27 agosto, saranno realizzate due paratie lungo il tratto della galleria Ranchibile che scorre sotto viale Lazio, nel tratto tra Via Sicilia e Viale Libertà, per una lunghezza di circa 90 metri. E per consentire l’operatività del cantiere, come ampiamente annunciato nei mesi scorsi, sarà sospesa la circolazione dei treni tra Palermo Notarbartolo e Giachery per l’intera durata dei lavori. Informazioni di dettaglio sono consultabili, sul sito web trenitalia.com. Notizie disponibili anche sul quotidiano online del Gruppo FS Italiane fsnews.it e su FsNews radio, la web radio del Gruppo. A questo punto ci auguriamo davvero che i lavori vengano portati a termine, viste le note negative che provengono da via Amari, anche perché oltre alle attività in superficie qui adesso viene toccato il traffico ferroviario locale. Le preoccupazioni sono legittime e non resta che sperare. Le operazioni di "palificazione" sono propedeutiche all'ampliamento di questo tratto di galleria dove sorgerà la fermata Libertà e alla realizzazione del solettone di superficie, che consentirà finalmente la riapertura dell'intero tratto di strada.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
20 set 2016

FOTO | Anello Ferroviario: Iniziano i lavori di scavo della rampa di Via Sicilia

di Fabio Nicolosi

I lavori del completamento del primo lotto dell'anello ferroviario proseguono su Via Sicilia Sono ripresi da qualche giorno i lavori su Via Sicilia, dove si sta provvedendo a scavare la rampa d'accesso che permetterà di realizzare la nuova fermata Libertà. Si sono finalmente conclusi i lavori al collettore fognario che ha tenuto fermo per qualche mese il cantiere. Adesso speriamo che le maestranze si mettano d'impegno per portare avanti le opere nel minor tempo possibile. Ecco una tavola mostrata durante la presentazione del 6 Giugno 2015 in cui si evidenzia la rampa. Ricordiamo che i lavori su Via Sicilia dovrebbero terminare ad Aprile 2017, ma il condizionale è d'obbligo visto soprattutto i numerosi ritardi accumulati per colpa dell'impresa, ma non solo Ringraziamo giovanni75 per le foto:

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
15 lug 2016

Foto | Anello Ferroviario: In Via Sicilia i lavori si fermano in attesa dello spostamento della fognatura

di Fabio Nicolosi

I lavori tra in Viale Lazio dovevano terminare a Maggio 2016, inevitabili i ritardi anche dopo la crisi dell'azienda I lavori fortunatamente, nonostante la crisi dell'azienda, non si sono mai fermati del tutto, anche se vi è un nuovo "intoppo". Si è infatti in attesa di concludere lo spostamento di un collettore fognario per riprendere con le palificazioni e poter quindi mettere la parola fine a questa prima fase. La seconda fase breve la realizzazione del solettone di copertura e solo dopo aver terminato lo stesso, aver coperto con del terreno e ri-asfaltato si potrà riaprire la strada. I tempi? Bella domanda.. Sicuramente la speranza è l'ultima a morire, ma una nostra previsione ottimistica è quella di poter vedere la strada riaperta entro fine anno, considerando che secondo il primo cronoprogramma stilato dall'azienda e riportato nelle seguente galleria i lavori dovevano terminare entro Maggio 2016... Ringraziamo Marco C. per le foto

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
04 feb 2016

Anello Ferroviario | In Viale Lazio e Via Sicilia si prosegue con i pali di fondazione della fermata

di Fabio Nicolosi

Torniamo a parlarvi dei cantieri dell'anello ferroviario e in particolare del cantiere tra Viale Lazio e Via Sicilia, luogo dove sorgerà appunto la nuova fermata della "metropolitana" cittadina. Al momento proseguono, sempre con molta lentezza così come stabilito dal programma operativo, le operazioni di realizzazione dei pali di fondazione. Terminata questa fase verrà il momento della posa del solettone, che permetterà la riapertura di una parte della strada e successivamente ad essa verrà lo scavo della fermata dall'interno. Ancora una volta però non possiamo fare a meno di criticare non tanto il modus operandi della ditta, quanto invece il progetto che prevede dei tempi di realizzazione di queste infrastrutture in tempi davvero lunghi. Ricordiamo infatti che per Via Lazio è prevista una chiusura di 13 mesi da maggio 2015 a maggio 2016 per Viale Sicilia di 24 mesi da maggio 2015 ad aprile 2017 ed infine per Viale Campania, 32 mesi da maggio 2015 a dicembre 2017. Questi sono dati proiettati durante la conferenza del 4 Giugno 2015. Foto di D. Guarcello

Leggi tutto    Commenti 9