Articolo
17 apr 2019

Via Amari: dopo i lavori l’area sarà pedonale

di Fabio Nicolosi

Con un post su Facebook il neo assessore Giusto Catania annuncia: Oggi pomeriggio la giunta, su mia proposta, approverà la pedonalizzazione di Via Emerico Amari: in questo modo si garantirà il collegamento pedonale tra il porto e il centro di #Palermo. Una scelta che renderà la città più accogliente per i turisti e più vivibile per i nostri concittadini. La nuova area individuata istituisce una nuova area pedonale in via Amari tra via Crispi e via Scordia che si andrà a collegare alla storica area pedonale di via P.pe di Belmonte. Un proseguimento che collega il salotto della città con il mare, una passeggiata che sarà sicuramente molto utilizzata dai turisti che sbarcando dalle navi da crociera potranno raggiungere il centro della città godendosi una passeggiata in zone senza auto e traffico. Aspettiamo dunque di conoscere i dettagli per capire se verrà semplicemente pedonalizzata o si darà spazio a progetti interessanti come quelli proposti qualche anno fa e denominato il Passío

Leggi tutto    Commenti 20
Articolo
04 apr 2019

Riqualifica Parco Acqua dei Corsari “Libero Grassi”, disco verde dalla Regione

di Antony Passalacqua

Palermo - Ne avevamo già anticipato notizia un paio di mesi qua e adesso arriva il decreto regionale che certifica la destinazione dei fondi al Comune di di Palermo per il ripristino dell'area dell'ex discarica di Acqua dei Corsari. Un finanziamento da oltre 14 milioni di euro per tre grandi interventi di bonifica in Sicilia. Il governo Musumeci prosegue il percorso di messa in sicurezza del territorio, attuando quanto contenuto nel Piano regionale delle bonifiche che prevede interventi in oltre 500 siti potenzialmente pericolosi. Il decreto, a firma del dirigente generale del dipartimento Acque e rifiuti, Salvo Cocina, è stato pubblicato sul sito della Regione e adesso seguirà il tradizionale iter per le eventuali osservazioni dei sindaci e la pubblicazione. In totale, a disposizione dei Comuni c'erano circa 35 milioni di euro, con un bando che si è chiuso a novembre, ma gli altri progetti presentati sono stati esclusi per mancanza dei requisiti. L'assessorato all'Energia e servizi di pubblica utilità, guidato da Alberto Pierobon, nel giro di un mese dovrebbe pubblicare un nuovo avviso per consentire di spendere tutte le somme. Tre gli interventi finanziati, il più consistente è previsto a Palermo dove 11 milioni e mezzo di euro serviranno per la messa in sicurezza e il ripristino ambientale dell'ex discarica di Acqua dei corsari, dove è prevista la realizzazione del Parco urbano intitolato a Libero Grassi. Si tratta di un'area di circa 11 ettari che verrà recuperata e messa in sicurezza anche attraverso la piantumazione e la realizzazione di barriere protettive. A Campofranco, in provincia di Enna, un milione e mezzo finanzierà la messa in sicurezza delle ex discariche in contrada Rizza, Manna e Chiartasi, mentre a Troina, nell'Ennese, con un circa un milione di euro si interverrà sulla discarica di contrada Nunziatella-San Silvestro. Si tratta di strutture realizzate un tempo da sindaci e prefetti in base a norme meno rigide e situazioni di emergenza. Poi dagli anni Ottanta e Novanta le leggi sono cambiate e questi impianti sono stati dismessi, ma mai formalmente chiusi. La Regione da diversi anni li ha censiti in collaborazione coi Comuni: sono 511 siti potenzialmente pericolosi, nati anche 30 anni fa, con un'estensione molto vasta. Il governo Musumeci vuole mettere fine a questa indecenza con una maxi-operazione di bonifica. A questo punto sarà importante creare un tavolo di concertazione fra associazioni e il Comune di Palermo affinché si prenda visione dell'attuale progetto per eventuali modifiche o nuove proposte, ma soprattutto discutere circa la futura gestione dell'area affinché non si ripeta mai più quanto accaduto fino ad ora.  A a 5mln ammonta il costo della prima riqualificazione e messa in sicurezza. E un grazie sempre rivolto sempre all'Assessore Regionale all’Ambiente Toto Cordaro e all'ex assComunale Sergio Marino, che in sinergia hanno saputo tener fede agli impegni presi e dimostrato che la politica può davvero essere al servizio del territorio. Ma vogliamo anche ringraziare la dott.ssa Cleo Li Calzi  nell’aver seguito attentamente e con passione queste delicate fasi procedurali che hanno permesso questa notizia ed Alice Grassi, figlia di Libero Grassi.  Non dimentichiamo neppure Addio Pizzo, Palermo Ciclabile Mobilita Palermo, Mario Pintagro di Repubblica-Palermo, Aldo Penna (instancabile attivista del locale Comitato), il gruppo “Corsari Assetati” coadiuvati dalla prof. Virna Chessari, l’Ecomuseo Mare Memoria Viva, Parco Uditore che assieme hanno dato supporto alle iniziative del Comitato per il Parco Acqua dei Corsari “Libero Grassi”.   

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
04 apr 2019

La Domenica Favorita, ecco le navette gratuite dell’Amat

di Antony Passalacqua

Palermo - Al Parco con le navette gratuite dell’Amat. Entra nel vivo la manifestazione “Domenica Favorita” e l’azienda di trasporto pubblico, su richiesta del Comune di Palermo, ha organizzato il servizio di navette gratuite che accompagneranno i palermitani da un punto all’altro della Favorita. Per quattro domeniche, 7/14 aprile e 5/12 maggio, dalle 10 alle 17, gli autobus navette si muoveranno all’interno del Parco. La frequenza è stimata in dodici minuti. I bus partiranno da piazzale dei Matrimoni (capolinea). Per conoscere l’itinerario, le tredici fermate delle navette e i luoghi di interesse immersi nel verde del Parco basterà dare uno sguardo alla mappa (si può stampare) pubblicata sul sito della manifestazione: https://www.ladomenicafavorita.com/mappa/

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 mar 2019

La “mattanza” dei pedoni in via Roma, quali rimedi?

di Antony Passalacqua

Palermo - Sembra non aver fine la "mattanza" di pedoni in via Roma falciati da auto a forte velocità. Proprio ieri sera attorno le 21 (ben oltre l'orario in cui cessa la Ztl)  una ragazza è stata investita assieme al suo cane mentre stava attraversando la strada all'altezza di piazza Borsa. E' il quinto incidente che si verifica in appena un mese, di cui uno letale dove ha perso la vita un commerciante di via Maqueda. Nonostante le vittime e i ripetuti incidenti, ciò non sembra scuotere le coscienze di chi utilizza le strade ad uso e consumo proprio. Dimenticando che quando si guida si hanno enormi responsabilità non solo sui passeggeri, ma su tutte e persone attorno. La causa è sempre la stessa: l'alta velocità.  A questo punto ci aspettiamo importanti e significativi provvedimenti proprio per salvaguardare l'utenza debole, pedoni come anche ciclisti. Ben vengano autovelox fissi e bando all'ipocrisia di chi sarà pronto a gridare che servono a fare cassa. La vita non ha prezzo e va salvaguardata. Ma ben vengano le cosiddette zone 30.  Interventi che non si limitano al posizionamento della sola segnaletica stradale, ma a creare delle sostanziali modifiche all'assetto strale e volte a far rallentare le auto. E ne riportiamo qualche esempio che potrebbero adattarsi alla strada, tenendo conto delle corsie preferenziali dei bus. Ma anche dispositivi lampeggianti posti nei punti cruciali. Si, perché sono quasi sempre gli stessi i punti dove si sono verificati gli incidenti. E quanti altri ancora dovranno passare prima di vedere attuati dei provvedimenti?      

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
15 mar 2019

Il 17 Marzo riparte “La Domenica Favorita”

di Antony Passalacqua

Palermo - partirà domenica 17 Marzo la III edizione de “La Domenica Favorita”. L’edizione 2019 comincerà ufficialmente con la Celebrazione Eucaristica prevista per le 10,15 all’interno della Cappella del Museo Pitrè, aperta in via eccezionale per l’occasione. Alla funzione religiosa, oltre alle Autorità cittadine, prenderanno parte i rappresentanti delle Istituzioni e delle Associazioni coinvolte; al termine la Banda Meccanizzata Brigata Aosta eseguirà l’inno nazionale. Per la giornata di domenica 17 marzo saranno 42 le attività ludiche, culturali e sportive proposte dalle 10,00 alle 14,00. In via del tutto eccezionale per questo primo appuntamento il Parco sarà aperto al traffico e le attività previste si concentreranno su un’area limitata a Villa Niscemi e alla Palazzina Cinese. Per le successive domeniche in programma, 7 e 14 aprile, 5 e 12 maggio le attività si svolgeranno nell’intera area del Parco che verrà chiuso al traffico.   Nicola Tricomi, Nicola Fabio Corsini e Marco Lampasona, soci fondatori del Comitato “La Domenica Favorita” “Vogliamo dare continuità a questo progetto, rinnovando di anno in anno il nostro impegno. La manifestazione, che si distingue per essere un eccezionale spettacolo a cielo aperto nel parco urbano più grande d’Italia, è un modello innovativo ed unico di partenariato pubblico privato per la valorizzazione e la fruizione di un bene comune. Oltre 60 mila persone nel 2018 hanno partecipato agli eventi domenicali realizzati da oltre 30 associazioni, enti ed istituzioni. Come Comitato Promotore l’obiettivo che ci poniamo è quello di dare sistematicità e continuità al Progetto con l’auspicio che il Parco possa diventare come il Central Park di New York”.   Quest'anno Mobilita Palermo sarà presente per tutte le domeniche della manifestazione con attività all'insegna della bicicletta, assieme a Fiab-Palermo Ciclabile e Social Bike. Dai tour guidati in bicicletta, grazie a una guida abilitata che saprà accompagnarvi ad esplorare il Parco e i suoi segreti, e una divertente caccia al tesoro. E se non avete una bici, prenotatela dagli amici di Social Bike; se ce l'avete ma è rimasta in cantina per tanto tempo non abbiate paura perché meccanico saprà  rimetterla in sesto.   Per info e prenotazioni tour in bici guidati: Chiara 3282843734Date dell’evento: 7 Aprile- 14 Aprile- 5 Maggio 2019Indirizzo dell’evento: Stand c/o Domenica FavoritaPartecipazione libera, prenotazione obbligatoria.La partecipazione ai tour prevede un ticket di 5 euro, che comprende l'assicurazione infortuni.Programma:17 Marzo: ciclofficina e presentazione del gioco7 Aprile: ciclofficina e tour della favorita, caccia al tesoro14 Aprile: ciclofficina e tour di prova in mountain e-bike5 Maggio: ciclofficina e tour della favorita e tour di prova in mountain e-bike

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 mar 2019

Amg Energia | Ritornano in funzione 80 punti luce a Cruillas e la torre faro di piazzale Ambrosini (ex piazzale Francia)

di Fabio Nicolosi

Riparato un guasto, tornano alla piena funzionalità gli impianti di illuminazione della zona di Cruillas, con la riaccensione di oltre 80 punti luce. Torna in funzione anche la torre faro di piazzale Ambrosini (ex piazzale Francia) che era stata disattivata per consentire l'esecuzione di lavori Sis per la realizzazione della nuova stazione ferroviaria "Francia", nell'ambito del raddoppio del passante ferroviario. Altro intervento completato, la riparazione di un guasto e la riaccensione di proiettori su palo nella zona di via XXVII Maggio, allo Sperone. Gli operatori di Amg Energia hanno riparato, in tempi record, un guasto che si è verificato a carico di un'apparecchiatura della cabina di alimentazione denominata "Cep", determinando lo spegnimento di uno dei due circuiti di media tensione alimentati per un totale di circa 80 punti luce, nella zona compresa fra via Cruillas, via Trabucco, via Vanvitelli. Strade alimentate a punti luce alternati, quindi, o rimaste al buio perché collegate soltanto al circuito disattivato per il guasto. La riparazione si è conclusa con esito positivo in tempi rapidi, consentendo la riattivazione complessiva degli impianti e quindi dei circa 80 punti luce rimasti spenti. Grazie alle attività costanti di manutenzione ordinaria e all'impegno degli operatori della società, in questo momento la percentuale dei guasti in città si aggira intorno ad una quota fisiologica dell'8 per cento su un totale di 46.984 punti luce. "Le maggiori criticità sono legate agli impianti di illuminazione e relativi componenti e apparecchiature di cabina ormai arrivati a fine vita tecnica utile – spiega l'amministratore unico di Amg Energia Spa, Mario Butera –. Sono vetusti e siamo costretti a continui interventi, dispendiosi e il più delle volte non risolutivi, per mantenerli in vita. Molte apparecchiature sono ormai fuori produzione e pressoché irreperibili sul mercato: se si guastano (come nel caso dell'interruttore di cabina Acqua dei Corsari) si deve ricorrere ad un intervento straordinario, che va deciso e autorizzato dal Comune di Palermo, proprietario degli impianti". Un'altra attività è stata completata con la riaccensione della torre faro di piazzale Ambrosini, ex piazzale Francia. Era stata disattivata per consentire la realizzazione della stazione ferroviaria "Francia", nell'ambito dei lavori per il raddoppio del passante ferroviario. Gli operatori di Amg Energia hanno proceduto alla posa di nuovi cavi di bassa tensione e a riattivare i collegamenti: in funzione 12 proiettori da 1.000 watt ciascuno. Infine, torna ad essere completamente illuminata la zona dell'asilo di via XXVII Maggio, allo Sperone. Gli operatori di Amg Energia hanno sostituito 6 proiettori collocati su due pali in via Buozzi e riparato un guasto sul circuito di bassa tensione. Nei prossimi giorni è in programma anche la verniciatura dei sostegni.

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
27 feb 2019

Ostaggi di un asfalto da terzo mondo: succede presso il cantiere di via Imera

di Mobilita Palermo

Il tema della manutenzione stradale è una piaga secolare della nostra città. La presenza di cantieri sulle strade non legittima nessuno, che sia il Comune o una ditta privata, a venir meno al ripristino delle pavimentazioni dove giornalmente i cittadini camminano, transitano, vivono. Riportiamo la segnalazione di un cittadino relativamente a via Imera, dove la situazione è disastrosa, oltre che pericolosa. Nessun intervento pubblico può relegare i residenti a simili condizioni. Disconoscendo nel caso specifico il confine tra le responsabilità della RAP e quella di SIS, confidiamo che chi di dovere intervenga quanto prima in questo angolo di "terzo mondo".  In questi giorni la SIS sta asfaltando un tratto per la riapertura della strada e non completa lasciando una strada completamente distrutta... fatta comunicazione alla RAP di ripristino fa orecchio da mercante, mi domando cosa deve fare un cittadino per vivere in un contesto gradevole? Mi auguro che questa mail non rimanga una inutile segnalazione e che si possa arrivare ad una soluzione del problema!!

Leggi tutto    Commenti 4