04 ago 2018

Car Sharing | Dal 1 Agosto si potrà usufruire del servizio solo con carta di credito


Si avvisa la gentile Clientela che dal 01 agosto 2018 Car Sharing Palermo avvierà una nuova modalità di iscrizione al servizio, con la quale sarà necessario possedere una carta di credito associata ad un conto corrente bancario, sulla quale addebitare la quota associativa ed i successivi utilizzi.

Pertanto, a partire da questa data, non potranno essere accettate nuove richieste di associazione al servizio con le modalità finora gestite, ovvero con addebito RID sul conto corrente bancario.

Gli addebiti sulla carta di credito dei Clienti avverranno per singolo utilizzo e in modo automatico (senza richiesta di autorizzazione da parte di questi).

Per coloro che sono attualmente iscritti al servizio, il contratto rimarrà immutato (con la modalità di addebito su conto corrente) sino alla naturale scadenza annuale. Tuttavia, l’eventuale rinnovo potrà essere effettuato solo attraverso pagamento con carta di credito.

Preghiamo, pertanto, tutti i Soci di controllare la data di scadenza dell’abbonamento, al fine di provvedere in tempo utile al rinnovo con le nuove modalità.

Al riguardo, per qualsiasi informazione, preghiamo di contattare il front office AMAT Point – Car Sharing Palermo via Giusti 7/b, tel. 091/350367 – 091/7303010. info@carsharingpalermo.it


amatamat car sharingcar sharingcar sharing palermocarsharing palermoio guidoioguidomobilita palermopalermo carpalermo car sharingSegnalati

5 commenti per “Car Sharing | Dal 1 Agosto si potrà usufruire del servizio solo con carta di credito
  • rasputin 162
    04 ago 2018 alle 19:39

    Avranno avuto problemi con gli utenti che utilizzano il Rid nel senso che all’atto dell’addebito in conto la banca avrà rifiutato l’operazione per mancanza fondi e quindi l’operazione resta insoluta, viceversa con la carta l’operazione va a buon fine. Oppure si vogliono cautelare in caso di danni al veicolo e con la carta di credito possono rivalersi addebitando l’importo nella carta, l’operazione va a buon fine perché sarà poi il cliente a dover coprire l’eventuale scoperto in conto.

  • Orazio 976
    04 ago 2018 alle 23:47

    Palermo la capitale dei truffaldini. Il car-sharing e’ qualcosa di un certo livello ed invece ho notato troppi palermosauri alla guida delle vetture dell’AMAT. Non capivo come mai. Avevano trovato il modo per truffare si vede.

    • peppe2994 3112
      05 ago 2018 alle 10:10

      Esattamente. Fornivano iban di conti vuoti, associati per esempio alla postepay.
      Il car sharing infatti è in perdita. Purtroppo è un disagio per i corretti fruitori, ma grazie a certe persone é stata una scelta obbligata.

  • Irexia 717
    06 ago 2018 alle 14:21

    Che brutte notizie che leggo da Orazio e peppe2994… Ti pareva se i palermitani comprendevano l’utilità di un servizio pubblico… No, bisogna rubare finchè si può!

    A Milano i numerosi car-sharing funzionano tutti con carta di credito

  • mdm 326
    07 ago 2018 alle 8:58

    Il “car sharing” che mette a disposizione il comune, per quanto lodevole, rimane comunque limitatissimo, rispetto al vero car sharing che ti permette di prendere l’auto dove la si trova (localizzata tramite app) e lasciarla dove la si vuole, senza necessità di parcheggiarla negli appositi parcheggi. Quello, e solo quello, potrà rappresentare una vera svolta positiva. Ancora una volta Palermo è indietro rispetto alle altre grandi città italiane. E non mi si venga a dire che “siamo al sud” perché, neanche a dirlo, a Catania esiste già da parecchi anni.


Lascia un Commento