16 feb 2016

DIRETTA | Inaugurano le fermate Lolli e Guadagna: foto “live” e tutti i dettagli


Immagini in diretta in continuo aggiornamento, restate sintonizzati!

Dopo molti anni di lavori e disagi finalmente possiamo goderci i primi risultati.
Era il 23 febbraio 2008 quando venivano avviati i cantieri della tratta A del passante ferroviario.
Oggi, con l’entrata in servizio di queste due nuove fermate, si conclude una parte dei lavori. Per completare infatti l’effettivo raddoppio manca ancora la risoluzione della criticità incontrata durante lo scavo della galleria tra Imera e Lolli esattamente sotto Vicolo Bernava.
Abbiamo letto un avviso di esproprio pubblicato online e su alcune testate locali per le oltre 60 famiglie che da anni vivono fuori casa, costretti ad abbandonare le case per problemi di incolumità pubblica visto che una parte delle loro case durante lo scavo sono state danneggiate e rischiano il crollo.

Al momento il servizio quindi tra le stazioni di Palermo Centrale e Notarbartolo verrà effettuato a binario unico, il che comporterà una frequenza di un treno ogni mezz’ora.

Nuovi avvisi e cartelli alla Stazione Centrale

Vi portiamo a conoscenza che a causa del viaggio inaugurale verranno soppresse alcune corse:

VCO16febbraionodoPalermofebb

Il programma di oggi prevede una visita all’ACC di Palermo, successivamente saliremo su un treno che fermerà alla stazione Guadagna e dopo una breve pausa ci recheremo a Lolli dove avverrà il taglio del nastro e dove vi sarà un discorso da parte di tutte le autorità presenti.

Cos’è un ACC?
ACC – Apparato Centrale Computerizzato
L’ACC è il più moderno sistema di controllo e gestione della circolazione dei treni nelle stazioni. Comprende una unità di elaborazione delle logiche di movimento, una unità interfaccia operatore, dotata di video terminali, e da una funzione di supporto che gestisce la diagnostica, la manutenzione e le funzioni di servizio.


Vantaggi tecnico-operativi dell’ACC:

  • miglioramento del servizio alla clientela;
  • maggiore regolarità dell’esercizio;
  • massimo livello di sicurezza;
  • aumento delle potenzialità di traffico dell’impianto;
  • riduzione dei tempi di fuori esercizio dell’impianto;
  • semplicità operativa;
  • ottimizzazione delle fasi di manutenzione;
  • gestione delle anormalità e delle emergenze con il massimo livello di sicurezza.

Se volete invece consultare gli orari, vi invitiamo a dare una lettura a questo articolo

Ecco gli ultimi ritocchi a Guadagna foto di Giuseppe P. e Filippo G.

Ecco alcune foto di G.C. presso Lolli, qui i binari sono collocati a livelli differenti

In merito alla tratta C del Passante Ferroviario è stata individuata nella fine dell’anno 2016 la data della prevista riapertura.


fermata guadagnaguadagnalollimetropolitana palermomobilita palermonuova stazione lolliorari guadagnaorari lollipassante ferroviario palermostazione Lollitrenitalia

38 commenti per “DIRETTA | Inaugurano le fermate Lolli e Guadagna: foto “live” e tutti i dettagli

Comment navigation

  • amatrix87 62
    16 feb 2016 alle 15:23

    Mi viene da piangere per come si ridurrà la stazione sia all’interno che all’esterno..i muri diventeranno neri, imbrattati di murales come per i sovrappassi pedonali.. É fuori quel prato diventerà pieno di immondizia e schifezze varie..ottimo lavoro comunque

  • Vincenzo Varrica 2
    16 feb 2016 alle 15:29

    penso sia la più grande cagata architettonica mai vista, pari alla bellezza di un cesso di un autogrill anni 50…. Manco gli zulù hanno uno stile così basso. Esistono milioni di architetti per rendere una cosa funzionale anche bella, che è stimolo all’uso di una qualsiasi infrastruttura pubblica ed alla riqualificazione della zona in cui persiste tale opera. Vedi Napoli, Roma, Milano, ecc ecc. Cara amministrazione è tempo di promuovere concorsi di idee e di lavorare con la facoltà di architettura che è gratis e gli studenti sarebbero orgogliosi di collaborare per rendere questa città bellissima, smacchiandola da quel velo ti incompetenza che la soffoca alla mediocrità….

    • Palerma La Malata 504
      16 feb 2016 alle 16:19

      Vincenzo Varrica
      stai sperando inutilmente.
      Il 99% di quelli laureatisi alla Facoltà Di Architettura dell’Università di Palermo quando, in quei rarissimi casi, sono riusciti ad implementare e realizzare una loro visione, essa è sempre risultata banalissima; non è altro che una Facoltuccia.
      Fatti un giro da Palermo Nord/Sferracavallo a Palermo Sud/Croce Verde è scoprirai che dopo la morte di Ernesto Basile ed escluso qualche rarissimo caso, è stata costruita soltanto architettura-cagata-pazzesca priva di qualità estetica.

      • Vincenzo Varrica 2
        16 feb 2016 alle 16:52

        Facoltuccia è un offesa a tutti quelli che con tanto sudore, dedizione e passione perdono pezzi della loro vita, per poter diventare dei professionisti, se tu ogni tanto ti fai un giro e vedessi quante idee progettuali vengono fatte per questo territorio, allora io penso che la tua percentuale cambierebbe di molto. A ciò che affermi tu, che dopo i grandi maestri non si è fatto nulla di buono, non è mai stato per colpa delle idee degli architetti o degli studenti di architettura di palermo ( che ti assicuro non sono stati mai interpellati a partecipare), ma la colpa è sempre di chi ci ha messo i soldi e ne ha perso i soldi (amministrazione e privati) anche quando ha chiamato i professionisti, i grandi, tutto in nome della speculazione che ha cannibalizzato il territorio sino all’ultimo mm per ogni opera da realizzare, in nome del profitto fregandosene altamente della bellezza. Infine sai ho parlato di concorso di idee, e sai i concorsi sono delle competizioni professionali di idee progettuali che vengono criticate da commissioni di professionisti e dal pubblico, ed in fine viene eletto il migliore….tanto per non fare cagate…Che è ciò che viene fatto in qualsiasi altro posto al mondo… non so se sono stato chiaro……

        • Pietro 254
          16 feb 2016 alle 17:00

          Voglio precisare, che io con il mio breve commento NON mi riferivo alla facoltà di architettura di Palermo. NON mi interessa chi ha progettato o disegnato queste stazioni, dentro o fuori … Mi interessa solo il fatto che FANNO VERAMENTE, MA VERAMENTE C….. (SCHIFO)! … Mi dispiace! Ma è così! E il contrario, NON è difendibile IN ALCUN modo! Manno schifo i muri bianchi; fa schifo l’ambiente spoglio, fa schifo l’estero della stazione, fanno schifo i palazzi … Purtroppo, con mia somma tristezza … fondamentalmente forse facciamo schifo noi come città, regione, paese … :o( … Io, davvero … non so che dire! Sono allibbito!

    • Pietro 254
      16 feb 2016 alle 16:55

      Santo Cielo CHE ORRORE TRISTISSIMO !!! … Facciamo proprio schifo, non c’è niente da fare! :o(
      Ma come si fa a fare cose così ??? :o( Ma come facciamo ad essere una città così Triste e Banale?!? … :o(

  • phrantsvotsa 465
    16 feb 2016 alle 15:37

    In realtà non sono così male, anzi.

    Mi domando però per quale motivo non hanno coperto le pareti. Forse per problemi di budget? L’intonaco potrebbe resistere forse a Ginevra, ma ‘MPalieimmo prevedo una durata di 10/20min dall’inaugurazione.

    Ma dico io…perchè?

  • cicciocc 23
    16 feb 2016 alle 15:59

    Nella segnaletica vedo un triangolo chiuso. Domanda: la sequenza è partendo da Notabartolo è Guadagna>Maredolce>Centrale o Guadagna>Centrale>Maredolce?
    Seconda domanda: chi fa questi segnali è mai stato in una qualsiasi altra città dove c’è la metro?

    • Giovanni 29
      16 feb 2016 alle 16:41

      no Maredolce avrà i treni proprio dedicati ,esempio treno che parte da bagheria e ferma a ficarazzi,roccella,brancaccio,maredolce,guadagna,vespri,orleans e lolli con arrivo a notarbartolo .
      Maredolce si trova a cavallo dei due bivii

      • katet 149
        16 feb 2016 alle 19:44

        Scusami non avendo bene seguito il programma dei lavori e delle stazioni non ho ben capito una cosa, cosi come la foto non mi aiuta: ma se io sono a notarbartolo e devo andare a Maredolce, il treno dopo Guadagna va direttamente a Maredolce e quindi per centrale sarà un altro in un altro binario? Già sarà cosi da domani o da quando Maredolce funzionerà a quanto ho ben capito?

    • Benedetto Bruno 202
      16 feb 2016 alle 20:56

      Purtroppo l’infografica è un’arte pressoché sconosciuta o ignorata dai Siciliani.
      Se le persone alle quali tu ti riferisci sono stati in città con una rete metropolitana loro evidentemente non hanno gli occhi addestrati a guardare questo genere di cose ne’ abituati ad apprendere informazioni presentate graficamente.
      Su Mobilita Palermo mi è capitato di fare commenti simili i tuoi e mi hanno replicato che stavo polemizzando.
      Riguardo all’utilità ed il potere dell”infografica, della cartellonistica e della segnaletica l’ignoranza e il disinteresse dei Siciliani sono molto diffusi e profondi, anche tra i 20enni che scrivono su questo sito. Ma anche fra le generazioni precedenti: te lo dimostra l’assenza, da sempre, di mappe alle fermate bus AMAT, a quelle tram, allo scadente sito AMAT che non ha neanche una mappa della rete bus cittadina oppure la scadentissima o assente segnaletica su Viale Regione Siciliana.

  • mito52 5
    16 feb 2016 alle 16:58

    Stavo in pensiero come mai ancora non venivano fuori i criticoni di turno e i mister so tutto io. Un consiglio spassionato, andate a fare una passeggiata con questo bel tempo e ossigenatevi i polmoni anzicchè sciupare i polpastrelli sulle tastiere.

  • trinacria82 16
    16 feb 2016 alle 17:08

    Mammamia che pesantezza,reggo più mia suocera che i soliti commenti di chi si lamenta per ogni cosa!
    Mi devo abituare a leggere le notizie e fermarmi col mouse prima che iniziano i commenti.

  • kutra 48
    16 feb 2016 alle 17:27

    Finalmente hanno inaugurato queste fermate del passante che contribuiscono a rendere Palermo sempre più europea e a migliorarne viabilità e vivibilità! Avanti così!!

  • Effettivo 170
    16 feb 2016 alle 17:32

    La fermata è assai triste, architettura zero, trovo carino solo il dipinto “le Donne di Lolli”….avete presente la metro di Napoli…non sto parlando di Parigi ma della vicinissima Napoli…! Ma!! come tante altre una occasione sprecata…capisco che questa non è una vera metro, ma mi chiedo se è possibile avere dei treni non dissimili a tutte le metro del mondo?

    • Giovanni 29
      16 feb 2016 alle 17:45

      il servizio di Palermo sarà simile non alla metro di Milano ma al passante ferroviario di Milano che è attraversato da 10 linee S dette linee suburbane ognuna con frequenza di un treno ogni 30 minuti ,ma nei tratti comuni la frequenza è simile a quella di una metropolitana con treni ogni 5 minuti …esempio Palermo-Punta Raisi ogni 30 minuti alternanti ai Termini Imerese-Punta Raisi e quindi nel tratto comune tra Guadagna e Punta Raisi ci sarà un treno ogni 15 minuti in più ci saranno i regionali veloci per TP

  • Effettivo 170
    16 feb 2016 alle 17:57

    Grazie Giovanni, quindi non c’è speranza di avere dei convogli più simili ad una metro che a un treno.

    • mdm 338
      17 feb 2016 alle 9:16

      Il passante non avrà mai dei vagoni e delle motrici di genere metropolitano come è normale che sia. Spero invece che dei convogli di tipo metropolitano possano essere installati nell’anello ferroviario che è una linea chiusa di tipo esclusivamente metropolitano. Tuttavia essendo il tutto gestito dalle Ferrovie temo che continueranno ad utilizzarsi normalissimi treni…

  • Alberto Daidone 199
    16 feb 2016 alle 18:12

    Una volta si scriveva:
    “La linea per Punta Raisi verrà chiusa, salvo novità, da Palermo Notarbartolo a Punta Raisi da Luglio 2015.
    A Settembre 2016 verrà attivato il doppio binario su tutta la linea, salvo il singolo binario tra Notarbartolo e S.Lorenzo Colli.
    A metà 2018 l’intera tratta B sarà a doppio binario. Già a Settembre 2016 comunque sarà operativo il collegamento per Punta Raisi da Termini. Punta Raisi sarà collegata da alcuni treni in 30 minuti. ”

    Che vuol dire ora che la Tratta C sarà riaperta alla fine del 2017??????

  • Alberto Daidone 199
    16 feb 2016 alle 18:19

    LiveSicilia oggi scrive questo: “Le tratte A e C saranno concluse entro l’anno e sempre entro il 2016 verrà ripristinato il binario per l’aeroporto; la B entro il 2018.”

  • Templare 486
    16 feb 2016 alle 19:20

    Un grazie a Mobilitapalermo per avere fatto un articolo in cui si è parlato delle infrastrutture e non si è dato, per fortuna, voce alle boiate dei politici, tipo quelle del Sindaco e dell’assessore al Traffico, ferratissimi in materia, che oggi hanno inaugurato “le nuove fermate della metropolitana ferroviaria”… Mi raccomando adesso, mettiamo tante belle “M” enormi fuori dalle fermate, tanto per non perdere l’abitudine alla megalomania basata sul nulla.

  • Giovanni 29
    16 feb 2016 alle 19:49

    a settembre verrà attivata la linea ad un binario 1 ,completa invece nel 2018, forse a settembre doppio binario attivato da Isola a Punta Raisi

  • Benedetto Bruno 202
    16 feb 2016 alle 20:30

    A parte il servizio temporaneo a binario unico, mentre le foto di FS Guadagna mostrano “Binario 1″ e “Binario 2″ le foto di FS Lolli mostrano soltanto “Binario 1″ ma non vedo “Binario 2″. Vuoi vedere che hanno costruito FS Lolli solo con una piattaforma che servirà per i treni di entrambe direzioni? Spero mi sto sbagliando perché sennò anche questa sarebbe l’ennesima patetica Palermitanata.
    Ditemi che ha 2 piattaforme.

    .Anche se l’estetica delle stazioni è del solito grigio squallido standard di FS, il Comune di Palermo avrebbe potuto spingere per qualcosina di più attraente per questa stazione sull’asse centrale di Via Dante e non molto lontana da Piazza Castelnuovo, ma no.
    Per fortuna ci ha messo mano l’artista Antonio Nuccio con le sue belle multiforme e multicolore “Donne di Lolli”.

  • se68 466
    16 feb 2016 alle 21:13

    Nessuno pretendeva stazioni megagalattiche, ma….provate a cercare per immagini le stazioni del passante ferroviario di Milano: vedrete la differenza.
    Ora, mi chiedo, non sarebbe opportuno chiedere, a chi di dovere, quali sono state le motivazioni che hanno portato a queste scelte progettuali? perchè a Milano le stazioni sono progettate in un modo ( più che dignitoso ) e a Palermo, ad esempio, si è utilizzato un controsoffitto in stile supermercato?

  • fabio77 769
    16 feb 2016 alle 21:18

    In fin dei conti, parate politiche a parte e non considerando i gravi ritardi sul programma dei lavori, sono contento per l’apertura delle due stazioni, ma sarò ancor più contento quando aprirà Maredolce, perchè vorrà dire che sarà finalmente fruibile la tratta Notarbartolo – Bagheria, senza passare dalla Stazione Centrale. Sarà quella la vera epocale svolta.
    P.S. Riallacciandomi a precedenti commenti, anch’io non capisco per quale motivo non tutti i treni fermano alla stazione Guadagna. Perchè questa discriminazione? Qualcuno lo sa?

  • peppe2994 3443
    16 feb 2016 alle 22:06

    Devo dire sinceramente che le stazioni mi piacciono.
    Molto sobrie, ma funzionali.

    Certo, un appello per arricchire quei muri è doveroso, ma per questo c’è tempo.

    Sul discorso frequenze ho letto sui quotidiani online che a raddoppio terminato la frequenza sarà di 10 minuti, quindi chiudo un occhio, anzi tutti e due fino al 2018.

    Invece dobbiamo essere orgogliosi dell’ACC, è una cosa meravigliosa. Super all’avanguardia in tutta Italia.

    • mdm 338
      17 feb 2016 alle 9:18

      Spero che la frequenza di 10 minuti di cui parli sia effettivamente confermata. L’utilità di quest’opera gigantesca dipende poi dalla sua gestione e dalla sua integrazione con gli altri mezzi di trasporto cittadini. Un treno ogni dieci minuti sarebbe secondo me un ottimo risultato. Nell’anello ferroviario invece, secondo me, la frequenza deve essere inferiore ai 10′.

  • GriGiu 44
    17 feb 2016 alle 6:22

    Non mi soffermo sull’estetica, non mi soffermo sul fatto che festeggino per un opera consegnata con anni di ritardo, mi interessa solo la funzionalità.
    Tutto è stato progettato per l’interscambio fra treni, autobus e tram.
    DEVONO DARCI IL BIGLIETTO UNICO .
    Hanno realizzato tutto in quest’ottica di interscambio .
    Adoperiamoci in tutti i modi per ottenerlo altrimenti tutto sarà perso.
    Perchè dovrei spendere euro 1,40*4=5,60 per spostarmi in andata/ritorno (più di quanto spenderei per la benzina) ?
    Questo penseranno moltissimi palermitani e solo pochi utilizzerebbero il servizio.
    Rendendolo economico (1,40*2=2,80) probabilmente molti lascerebbero l’auto a casa poichè oltre al servizio avrebbero anche il risparmio.
    Quindi : RICHIEDIAMO IL BIGLIETTO UNICO, SUBITO !!

    • fabio77 769
      17 feb 2016 alle 9:20

      Giustissima battaglia, quella per il biglietto unico; pensate che così come stanno le cose una famiglia di tre persone, tra bus/tram e treno, andrebbe a spendere andata e ritorno euro 1,40 x 12 = euro 16,80, improponibile. Con 8,40 già si comincia a ragionare, poi se introducono appositi sconti-famiglia è ancora meglio.
      Un’altra battaglia che a parere dello scrivente è giusto portare avanti, riguarda l’immediata apertura della tratta Notarbartolo – Bagheria, bypassando la Stazione Centrale: è questa la chiave di volta della rivoluzione della mobilità a Palermo. Per questo motivo aspetto (e spero di non aspettare anni) con trepidazione la notizia dell’apertura della stazione di Maredolce.
      Terza e ultima (ma non per importanza) battaglia riguarda l’apertura dello svincolo Brancaccio, in maniera tale da permettere a chi viene da fuori di lasciare l’auto nel grande parcheggio ivi presente, per poi proseguire verso il centro con i mezzi pubblici disponibili. A proposito, da sempre mi chiedo: perchè la corrente amministrazione comunale ha abbandonato il progetto di completamento dello svincolo? Temo che questo mio quesito rimarrà senza risposta.

      • GriGiu 44
        17 feb 2016 alle 14:13

        e non dimentichiamo l’urgenza di riaprire la tratta notarbartolo-aeroporto di punta raisi , per tutti i pendolari questa chiusura è un dramma.
        Pensare poi che l’aeroporto non è più raggiungibile in treno da mesi è una cosa che in altre città avrebbe fatto sollevare le masse.

  • Fabio 46
    17 feb 2016 alle 9:09

    Lasciando perdere tutto il resto che è di una tristezza infinita (quel corridoio è più triste di una corsia ospedaliera), comunque quei fogli con gli orari nelle bacheche non dovrebbero esistere, nel 2016 ancora non siamo in grado rendere digitale il tutto? Spero solo che sia provvisorio, qualche display nelle foto si vedono!!
    Piccoli passi verso un po’ di civiltà…..il problema è che il palermitano medio non conosce neanche il significato di questa parola.

    • Fabio Nicolosi 49646
      17 feb 2016 alle 15:20

      I tabelloni elettronici sono presenti alla stazione Centrale e diverranno tali anche nelle future fermate, qui al momento è tutto provvisorio in quanto il servizio è ancora parziale


Lascia un Commento

Ultimi commenti