26 gen 2016

Raddoppiata la tratta Fiumetorto – Campofelice di Roccella


Nella notte tra Sabato 23 e Domenica 24 Gennaio rfi ha attivato la tratta tra Fiumetorto e la stazione di Campofelice di Roccella.

Quasi 10 chilometri di linea ferroviaria che vengono raddoppiati, migliorati e modernizzati. In particolare il raddoppio Fiumetorto – Ogliastrillo si svilupperà per circa 20 km, di cui 11,5 km in affiancamento alla linea esistente fino a Lascari e per 8,5 km in variante di tracciato su nuova sede, di cui 4 nella nuova galleria Monte Poggio Maria. I lavori sono stati avviati nel maggio 2008 e vedono oggi un importante traguardo nel completamento.

In particolare nella tratta tra Fiumetorto e il sottopasso autostradale della A19 Palermo – Catania era stata chiesta una variante successivamente approvata per realizzare il doppio binario in un’area diversa da quella dove scorreva precedentemente il treno per il ritrovamento di numerosi reperti storici nell’area archeologica Himera. Lungo la precedente tratta sono in corso dei lavori, probabilmente verrà realizzata una green-way

Foto di Paolo1966:


a19anas spaantomar spaarea industriale termini imereseassessorato trasporti regione siciliabruno teodoro spacefalù 20 scarlcomitato mobilita palermocomune cefalùcomune di campofelicecomune di lascaricomune termini imereseeuroasfalti srlferrovie dello statoferrovie palermofiumetorto-ogliastrilloitalferr spaitaltunnel spalavori campofelice di roccellamobilita palermomobilita sicilianuove infrastrutture palermonuove infrastrutture sicilianuove opere palermopfppizzarotti spaprovincia di palermoraddoppio ferroviario fiumetorto cefalùraddoppio ferroviario pa-merfi spatecnimont spatrenitalia

12 commenti per “Raddoppiata la tratta Fiumetorto – Campofelice di Roccella
  • moscerino 252
    26 gen 2016 alle 8:30

    La green way è una strada con annesse aree verdi di sosta e/o svago dove non è ammesso alcun uso di mezzi a locomozione elettromeccanico, ivi incluso anche l’uso della trazione animale quali cavalli, buoi e affini, salvo diversa norma applicata al sito, che, ben inciso, trattasi di sito archeologico, per cui l’unico spostamento dovrebbe essere a piedi.
    Sarebbe bello se si potesse creare nelle vicinanze un sito divertimenti a tema storico, facendo rivivere i modi di vita dell’antica Imera.

  • peppe2994 2833
    26 gen 2016 alle 9:36

    La cosa più importante:
    Risparmio sui tempi di percorrenza? Ci sono alcuni treni che stavano fermi ad aspettare parecchio a fiumetorto.

    • Fabio Nicolosi 48404
      26 gen 2016 alle 10:03

      Su questo non so darti notizie, ma penso che più che tempi di percorrenza parlerei di risparmio in termini di frequenza, ma tutto ciò verrà sicuramente quando il raddoppio sarà completo fino a Cefalù.

  • renard 228
    26 gen 2016 alle 10:26

    Che notizie ci sono sul tratto da Campofelice a Ogliastrillo? Hanno finito finalmente la galleria Poggio Maria? Quando si prevede la fine dei lavori?

    • peppe2994 2833
      26 gen 2016 alle 11:04

      La galleria è tutta scavata. La stanno rifinendo all’interno. In ogni caso non ha nessuna utilità finché non è pronto anche il lotto 2.

  • huge 2138
    26 gen 2016 alle 10:51

    Nessun risparmio di tempo significativo. Credo una manciata di minuti. Tratto troppo breve per avere ripercussioni sui tempi. Le avrà sicuramente sulla regolarità del servizio. Che a parere mio è più importante che recuperare 5 minuti. Comunque questa è solo un’apertura parziale, per vedere dei risultati veri in termini di servizio bisognaerà attendere che terminino il tratto da Campofelice a Ogliastrillo, ulteriori 10km. E soprattutto il lotto 2, che bypasserà in sotterranea Cefalù, con annessa nuova stazione.

  • Fulippo1 1343
    26 gen 2016 alle 16:26

    Si infatti, prima aspettavano a fiumetorto, l’arrivo del treno proveniente da messina, adesso aspetteranno alla stazione di campofelice.

  • Pantera di Bellolampo 42
    26 gen 2016 alle 19:43

    Insomma serviranno ancora altri anni per il completamento…
    L’auspicio è che quando la linea sarà operativa, possa consentire il ritorno del trasporto merci (già da un decennio abolito su quella tratta) magari ripensando l’uso di alcune stazioni merci Brancaccio e Sampolo come piattaforme di scambio.


Lascia un Commento