07 nov 2015

Iniziati i lavori per le postazioni del Bike Sharing


Sono iniziati i lavori per l’installazione delle prime 9 ciclostazioni del servizio bike sharing. Le aree sono state consegnate all’impresa appaltatrice TMR che eseguirà gli interventi presso P.le J. Lennon, viale Francia, via Praga, via Aquileia, via M. di Villabianca, p.za Alberico Gentili, p.za Don Bosco, via dell’Autonomia Siciliana, p.za U. d’Italia.

Le postazioni installate saranno complessivamente 37 con una dotazione totale di 420 biciclette (di cui 20 a pedalata assistita) distribuite tra il centro e la parte ovest della città. Le zone principalmente servite saranno quelle di via Libertà, viale Strasburgo, il Centro Storico, la cittadella universitaria di viale delle Scienze  e le borgate marinare di Mondello e Sferracavallo.

Le stazioni verranno video sorvegliate e le biciclette dotate di dispositivo gps per facilitarne la localizzazione.

Foto: Carsharing Palermo

Qui la mappa con le postazioni.


amatbiciclettebike sharingcomune di palermomobilità dolcemobilità sostenibileSegnalatitrm

8 commenti per “Iniziati i lavori per le postazioni del Bike Sharing
  • huge 2105
    07 nov 2015 alle 10:23

    Uhm… io avrei iniziato col centro storico e la cittadella universitaria, zone dove secondo me ci potrebbe essere più interesse. Comunque una buona notizia. Finalmente si comincia a vedere qualcosa di concreto. Spero solo che a servizio attivo la sorveglianza sia reale e non solo sulla carta, o tempo una settimana e ci ritroveremo tutto vandalizzato. E sappiamo quanto sia fulmineo il comune a intervenire per il ripristino dei luoghi.

  • Palerma La Malata 231
    07 nov 2015 alle 10:24

    Spero le prossime ciclostazioni verranno installate ad ogni singola stazione FS Passante e ad una manciata di fermate Tram. Arrivi in treno o tram, prendi una bici e pedali alla tua destinazione.

    • huge 2105
      07 nov 2015 alle 22:20

      Ti sei scordato un piccolo particolare… arrivi a destinazione e la bici dove la lasci???

      • Palerma La Malata 231
        08 nov 2015 alle 10:43

        Purtroppo in tutte le città che hanno già un sistema di bici condivise si tende a costruire grandi ciclostazioni ma relativamente poche. Molti più cittadini verrebbero avvantaggiati ed incoraggiati ad usare queste bici se le aziende in questione costruissero ciclostazioni molto più piccole ma in numero maggiore, diciamo una ogni 2 o 3 isolati. Ricorda che grazie alla tecnologia contemporanea una ciclostazione è sostanzialmente un palo di metallo con qualche pezzo di computer dentro. Ecco dove lasceresti la tua bici.

  • peppe2994 2727
    07 nov 2015 alle 14:11

    Bene, anche se c’è un piccolissimo dettaglio. Un’inezia…
    Non ci sono piste ciclabili.

    Questo per l’amministrazione è una cosa normale…

    Non me lo dimentico che all’inizio di quest’anno è arrivato il proclamo con tanto di mappa dettagliata su piste ciclabili da adeguare e costruire.
    Tutte quelle esistenti (tipo quella di via Messina Marine che non so come continua fino a Mondello) sempre secondo il piano andavano ristrutturate entro sei mesi. Non si è mossa una foglia. Entro l’anno invece dovevano essere costruite altre piste ciclabili. Voi avete visto nulla?

    Quindi ora uno si mette ad andare in bici in via Basile così ti travolgono tempo due minuti…

    • Delio 20
      07 nov 2015 alle 14:24

      Ma non é vero! Ci sono pochissime piste ciclabili, ma Palermo nin é cosí pericolosa. Vado ogni giorno in bici a lavoro (percorro 24 km complessivi) e non ho mai rischiato nulla. Prendetela la bici invece di trincerarvi dietro ai soliti luoghi comuni.


Lascia un Commento