04 feb 2012

“Che Programmi Hai?” – Tangenziale SI, Tangenziale NO: i vostri commenti.


Sono stati esaurienti? Convincenti e preparati?

Per tutti coloro che non fossero riusciti a seguire lo streaming giorno 2 febbraio, riproponiamo sul nostro canale Youtube, nel quale invito a iscrivervi per restare sempre aggiornati, la quarta puntata della campagna informativa di Mobilita Palermo per queste amministrative 2012 “Che Programmi Hai?”. Vi ricordiamo che il video è disponibile in FULL HD a 1080p. Per comodità, abbiamo inserito un menu interattivo durante la presentazione della puntata per permettervi di ascoltare direttamente la risposta del candidato che vi interessa sul tema proposto, basta un semplice click sul nome! Diffondete il più possibile! La vera rivoluzione parte dalla consapevolezza!


Potete discuterne attraverso i commenti di questo articolo, con una sola raccomandazione: non è uno spazio per fare campagna elettorale o convincere gli altri nel votare “tizio” piuttosto che “caio”. Si commentano i contenuti, in maniera civile ed educata.

Non costringeteci a chiudere anzitempo il dibattito.

Ricordiamo che sono intervenuti:

Marianna Caronia
Riccardo Nuti
Fabrizio Ferrandelli
Rita Borsellino
Davide Faraone
Antonella Monastra
La domanda testuale rivolta agli intervistati è la seguente:

La provincia ha manifestato l’intenzione di costruire la tangenziale di Paelrmo, che attraverserà i monti della conca. Considerata l’entità del progetto, sia in termini economici, che di tempistiche di realizzazione, che di impatto ambientale, Lei si trova favorevole? In caso positivo, che uso ne farebbe di viale Regione Siciliana? In caso negativo, quali interventi intende adottare per facilitare l’attraversamento rapido della città? (ad es. i tappi di viale Regione) Con quali tempistiche?

Buon dibattito.


amministrative 2012antonella monastracampagna elettoralecandidatiche programmi haicomune di palermodavide faraoneelezionielezioni palermo 2012fabrizio ferrandelliidvinformazioneitalia dei valorileoluca orlandomarianna caroniamobilita palermomovimento 5 stellepartito democraticoPDpedemontanapidpolo civicopopolari italia domaniriccardo nutirita borsellinosindacosindaco palermo 2012tangenzialetangenziale di palermoun'altra storia

9 commenti per ““Che Programmi Hai?” – Tangenziale SI, Tangenziale NO: i vostri commenti.
  • pinowolf 125
    04 feb 2012 alle 16:27

    Mi dispiace dirlo ma siamo consumati, idee vaghe e campate in aria, poca conoscenza delle problematiche e delle esigenze della città.
    L’unica che ha parlato di soluzioni concrete per viale Regione è stata la Caronia (anche se quel decoltè mi ha distratto un pò), e qualcosina Faraone.

    A mio avviso si deve innanzitutto potenziare al massimo la capacità di assorbire flussi veicolari di viale regione, tramite l’abolizione di tutti i semafori e l’allargamento delle uscite (facendo rispettare i divieti di soste sulle laterali), aumentare la sicurezza e la fruibilità del viale (se necessario costruire anche un altro sovrappasso, impedire fisicamente l’attraversamento pedonale dove non stabilito, segnaletica verticale e orizzontale, etc…) e spingere per la costruzione della linea 3 del tram che da c.so Calatafimi porterebbe alla staz. Notarbartolo, permettendo a molti di lasciare a casa l’auto e decongestionare il traffico.

    Fatto ciò, se i flussi veicolari e lo sviluppo dell’aeroporto lo richiederanno, allora si potrebbe cominciare a pensare ad una tangenziale esterna.

  • V:E:N:D:E:T:T:A 154
    04 feb 2012 alle 18:33

    Ma mi chiedo , qualcuno di loro ha mai attravrsato tutto l’asse, in un’auto propria e con uno orario da riapettare?
    Chiunque la percorra abitualmente, interpellato in materia, avrebbe dato delle risposte più concrete sulle modifiche a viale regione siciliana.
    Basta poco per fare bella figura.
    Di una cosa sono sicuri tutti non avendo soldi le infrastruttire non si fanno, al massimo ridipingeranno le strisce.

  • stef 36
    04 feb 2012 alle 20:51

    prima dovevate domandare ai candidati:

    1) conoscete il progetto in questione, lo avete visionato almeno una volta (Ferrandelli è l’unico che lo ammette) ?

    2) conoscete l’entità economica del progetto ?

    3) sapete se esiste la copertura finanziaria del progetto ?

    4) rispetto ai flussi di traffico in entrata e uscita in città (sul perimetro circonvallazione) il progetto (se lo conoscete) ritenete possa fluidificare l’attuale volume di traffico veicolare privato ?

    5) Nel progetto è dimostrato, con simulazioni a mezzo di software, di quanti minuti vengono diminuiti i percorsi di attraversamento ?

    6) Si è preso in condiderazione un alternativa al progetto, incrementando notevomente i servizi pubblici di trasporto ?
    (su questo Ferrandelli ha fatto un interessante annotazione in merito).

    Faraone,
    se non sono opere prioritarie (quelle previste dal progetto della provincia), come si può rendere secondo te la circonvallazione (come affermi concettualmente) più percorribile ?
    Qual è il tuo progetto che potrebbe rendere più percorribile questa circonvallazione ? Fare critica ok, ma alternative concrete a livello operativo, quali sono secondo te ?
    Project financing per annullare questo muro della circonvallazione, e in cambio la società che realizza i lavori chiederà il pedaggio per 100 anni a chi la attraversa? L’importante è saperlo prima.
    In questi anni di servizio al consiglio comunale, hai mai proposto formalmente agli uffici dell’amministrazione queste tue proposte di progetto per la circonvallazione con l’ausilio dello strumento della finanza di progetto ? Se si quando e a quale ufficio?

    Nota:
    oggi i candidati sindaco di Palermo sono su Facebook e Twitter e sui blog perchè vogliono sentirsi più vicini ai cittadini.
    Questa è la 4° puntata su Mobilita Palermo delle loro interviste e nessun candidato si è preso la briga di scrivere due righe per volere approfondire meglio i concetti espressi rapidamente nelle interviste.
    Non gliene frega nulla sapere cosa ne pensa le gente sulle loro risposte oppure cosa ?
    Questo fa pensare ad un falso avvicinamento ai cittadini, e pensare che oggi su TVTALK su rai3 nel pomeriggio hanno mandato in onda un iniziativa dove Barack Obama si sottopone a domande, su internet, da parte di cittadini comuni rispondendo a domande anche imbarazzanti e per nulla diplomatiche.

  • lilibeo 29
    04 feb 2012 alle 21:05

    L’opera in sé è ovviamente utile ma che senso ha parlare adesso di un’opera costosissima e di notevole impianto ambientale quando su viale regione ci sono ancora molti interventi da fare?
    Oggi sono priorità il sottopasso di via perpignano, il sovrapasso di via oreto, carreggiate laterali sul ponte oreto, ulteriori sovrappassi pedonali su tutta la tratta e ulteriori sovrappassi o sottopassi stradali ove possibile. Una volta eliminati tutti i tappi e dopo aver ben collegato i quartieri a monte e i quartieri a valle di viale regione è così necessaria la nuova tangenziale pedemontana? non credo. anzi credo che a quel punto sia più utile la tangenziale esterna (Villabate-Partinico) che quella interna pedemontana. In questo modo si andrebbe ad alleggerire il traffico della A29 fra Carini e Palermo oltre che il traffico su tutta la circonvallazione. Ma prima di parlare di grandi opere pensiamo a terminare quelle già iniziate!

  • Irexia 717
    05 feb 2012 alle 17:59

    Lilibeo mi vedi perfettamente d’accordo: prima si pensa ad aggiustare ciò che si ha e che c’è, poi, se necessario, si creano nuove infrastrutture, soprattutto se così monumentali, lunghe da costruire e costose!

  • tasman sea 20
    06 feb 2012 alle 8:06

    d’accordo con lilibeo e irexia.

    viale regione si può benissimo rendere percorribile con svincolo perpignano, svincolo oreto e raddoppio ponte corleone, viale francia, ponte via pitrè a doppio senso, collegamento con via de gasperi e via lanza di scalea.
    semmai sarebbe utile unire la circonvallazione col porto, attraverso un tunnel , come da progetto. eviterebbe gli incolonnamenti di camion su via messina marine.
    anche questa è una grande opera, ma molto utile.
    la tangenziale interna è di forte impatto ambientale e idrogeologico, andando a scavare in falda. penso che un viale regione reso percorribile svolga benissimo il ruolo che si cerca di inventare per questa nuova arteria.
    questi candidati, al momento, non hanno nessuna idea. vengono informati dai partiti. normale che la caronia sia favorevole al trasporto su gomma, il suo partito è quello degli interessi privati e degli scempi ambientali.

  • Metropolitano 3355
    08 feb 2012 alle 9:55

    Favorevole alla nuova tangenziale se realizzata da privati ed anche alla sopraelevata di Viale Regione (motivo per il quale Palermo è decaduta nella viabilità senza di essa), ma prima, priorità a rendere percorribile la nostra tangenziale interna esistente realizzando altri sovrappassi per spegnere tutti quanti i semafori pedonali (almeno sulle carreggiate centrali di Viale Reg.) che non sono giustificabili per un’arteria con questo volume di traffico superiore alle stesse autostrade extraurbane !!!!
    La SiS mica scema, ha valutato bene la mole di traffico, e non per niente sta realizzando sovrappassi per l’attraversamento per i tram, invece di istituire altri semafori pedonali, come invece è ammissibile in via Basile o viale Leonardo Da Vinci Michelangelo.

  • Metropolitano 3355
    08 feb 2012 alle 10:12

    VERGOGNA !! A Catania esistono già due Tangenziali. Quella che collega Messina con Siracusa è stata realizzata dalla stessa ANAS negli anni 80. A Palermo non c’è mai stato un grande interesse per la competitività e la mobilità, cosa he hanno nella provincia in cui io sto per ora, CT.

  • raff 37
    21 dic 2012 alle 17:54

    conosco il progetto tangenziale, sia quella interna che quella esterna, penso sia molto interessante quella esterna, ma anche quella interna, mettiamoci in mente che la circonvallazione, ormai è una via cittadina, quindi il traffico pesante meglio farlo bypassare dalle tangenziali, perchè sarebbe utile farne 2, quella interna e quella esterna.agevolerebbe tantissimo l aeroporto che troppo isolato dal grande interland e province vicine.


Lascia un Commento