08 set 2011

Napolitano merita un quartiere pulito, noi nemmeno quello…


Oggi e domani Napolitano sarà in visita istituzionale presso la nostra città.

Una carica istituzionale così alta smuove sempre una macchina organizzativa imponente, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza. Ricordiamo ad esempio la visita del Santo Padre.

La notizia è che a Palermo, oltre quella della sicurezza, si è “smossa” anche quella della pulizia. Un fatto occasionale, improvvisamente dalle tane sono usciti “formicai” di spazzini che in 24 ore si sono riversati lungo il tragitto che percorrerà Napolitano e con solerzia hanno ripulito TUTTO: aiuole, spartitraffico, tombini, forse anche le gomme delle auto parcheggiate.

Anche nel tratto iniziale di via E. Basile, proprio dove c’è l’ingresso della metropolitana fermata Orleans, sono spariti tutti: questa mattina non c’era un’auto parcheggiata, NESSUN PULLMAN (notizia sensazionale), nemmeno il baracchino con il pane di Monreale… e se Napolitano voleva prendersi uno sfilatino??

Un grande spiazzo sgombro da tutta la quotidianetà. Sono scomparse anche le migliaia di frutti lasciati per terra dagli alberi che giornalmente gli studenti universitari calpestano.

E così che piacere c’è? Solo gli abitanti di questa zona potranno sentirsi “europei” per poche ore e nemmeno per merito loro. Anche a piazza Indipendenza almeno 6-7 operai che mettevano a tiro aiuole e marciapiedi. Altra notizia: tutti lavorano, nessuno seduto o a chiaccherare con il vicino.

Dunque, chiunque abbia una carica importante venga pure a Palermo. Vitto e alloggio glielo paghiamo noi, così ci saranno garantiti anche i servizi minimi.  800.000 persone “normali” non valgono un politico di turno evidentemente…


giorgio napolitanonapolitano a palermopalermo 8 settembrepalermo 9 settembrepiazza indipendenzapulizia strade

21 commenti per “Napolitano merita un quartiere pulito, noi nemmeno quello…

Comment navigation

  • paolix 6
    11 set 2011 alle 7:25

    passando da piazza Indipendenza……che spettacolo non potevo credere ai miei occhi operai della Gesip che lavoravano senza parlare o seduti, netturbini Amia Essemme che pulivano regolarmente i loro percorsi……Un miracolo, miracolo, NAPOLITANO torna a Palermo, ma cerca di visitare tutta la città…..


Lascia un Commento