14 mar 2010

Report – Puntata 14 marzo 2010, ore 21:30 Rai Tre



Vi invitiamo a seguire questa sera la trasmissione Report su Rai Tre. Prendere coscienza delle cose è il modo migliore per poterle combattere. Qui di seguito un breve riassunto del tema che verrà trattato:

Una cassaforte di oltre 50 miliardi di euro. A tanto ammonta il Fas, fondo per le aree sottoutilizzate. Il Governo l’aveva creato con una legge ad hoc nel 2002 con lo scopo di destinare finanziamenti per le zone piu’ in difficolta’ del nostro Paese, l’85% va al sud il resto al centro nord. Con l’avvento della crisi pero’, il governo ha cominciato a usare questa cassaforte come un bancomat e ha destinato fondi, oltre che per le ricostruzioni dopo il terremoto in Abruzzo, Marche e Molise, anche per tappare i buchi di bilancio delle amministrazioni di Roma, Catania e Palermo, pagare gli ammortizzatori sociali, l’emergenza rifiuti e la proroga della rottamazione dei frigoriferi, le multe delle quote latte, e soprattutto sono stati destinati per il G8 al centro delle cronache per l’inchiesta ”Grandi Appalti”. Anche il ponte sullo stretto, benche’ il governo abbia detto che non costera’ nulla allo Stato, sara’ destinatario del Fas: un miliardo e trecento milioni sono stati appena destinati per le opere propedeutiche. Inoltre altri 4 miliardi finiranno in Sicilia nei prossimi anni. Per evitare che finiscano nelle mani della criminalita’ organizzata la legge ha istituito il protocollo di legalita’. Nell’inchiesta si mostrera’ cosa sono, come funzionano e le modalita’ con cui vengono spesi i fondi arrivati fino ad ora in Sicilia.


fasfondiinchiestamobilita palermoponte sullo strettorairai trereportrifiutiSegnalatisicilia

11 commenti per “Report – Puntata 14 marzo 2010, ore 21:30 Rai Tre
  • Metropolitano 3279
    14 mar 2010 alle 12:19

    E pi vorrei capire con che faccia tosta quel cretino di Cammarata (con quel suo sorrisetto degno di pubblicità di dentifrici Colgate) abbia il coraggio di ammettere che il bilancio del comune è sano. Mah !!!

  • bacillino80 87
    14 mar 2010 alle 22:30

    Però una cosa la devo dire…
    Non mi toccate la Palermo Messina!!!
    Anche se all’avvio è stato complicato è sempre e comunque un’opera importantissima e non criticabile.
    Ho viaggiato per anni tra Palermo e Messina e impiegavo anche 4 ore quando trovavo capitavano camion in statale.
    Ora si arriva a Messina in 2 ore!!

  • Metropolitano 3279
    14 mar 2010 alle 22:55

    Vero. Però non possiamo escludere che è gestita da schifo, anche se funziona sostanzialmente bene per quello che serve, cioè per il traffico da supportare. Gallerie buie, molti televisori spenti, quella galleria tra gli svincoli di Cefalù e Castelbuono in provincia di PA percorribile nella sola corsia di sorpasso, l’eterno scambio di carreggiata tracoccia, ecc…

    Sto vedendo la puntata di Report e finora non si è fatto altro che ghettizzare tutti i responsabili , tra cui un certo Bevilacqua, pure sul Passante Ferroviario !! Secondo me questa programma tv non è superpartes. anche se fosse vero che Antonio Bevilacqua abbia progettato il quadrilatero, la SA-RC il Passante FS di Palermo, la ferrovia Palermo-Agrigento, la A20, etc… non vedo come un professore abbia a che fare direttamente con casi di associazione mafiosa.

    In un certo senso hanno ragione, ma in certi casi stanno esagerando nell’attribuire delle colpe af uno che ha progettato tante grandi opere che sono state fatte bene, eccetto la SR-Gela (se è vero che è tutta da rifare anichè metterla in sicurezza per spendere meno). Certe volte la stampa racconta bufale, ma quello che conta sono i fatti.

    Questo può essere dovuto ad una falla cioè a lacune sulle leggi nazionali per la gestione deglli appalti, ma che non devono colpevolizzare chi invece lavora per il nostro futuro.

  • Calò 80
    14 mar 2010 alle 23:00

    La Palermo-Messina e la Siracusa-Gela non sono state progettate male, bensì vengono gestite dal Cas, il solito ente regionale-carrozzone politico.

  • griffild 327
    15 mar 2010 alle 8:41

    quel l’ingegnere amico di miccichè,poveretto ostentava la fame… :@ ke rabbia, non importa se sei bravo nel lavoro, importa solo se sei bravo nel farti gli amici, ke rabbia….

  • Simix 65
    15 mar 2010 alle 9:04

    L’inchiesta è stata giustamente crudele, è emerso lo schifo negli appalti e nelle opere pubbliche. Poveri noi.

  • Lele 6797
    15 mar 2010 alle 9:09

    la ct-sr è un gioiello a livello europeo, per l’avanguardia tecnologica. la sr-rosolini aperta dopo 20 anni, è stata costruita male dall’inizio. non si tratta di mancata manutenzione, ma della struttura del terreno. quando la percorri pensi di stare alle giostre. per il cas, concordo con Calò, è un carrozzone siciliano clientelare, dove gli operai sono molto di più di quanto prevede la pianta organica. mancano 50Ml€. certo, bisogna dire che rispetto al passato, alcune opere in sicilia vedranno la luce ben presto e altre sono state completate in tempi utili. nuove opere come la rg-ct e la rosolini-rg-gela est che entro quest’anno potrebbero già essere appaltate. pensandoci, le grandi opere utili al paese, sono un volano per l’economia e tanti posti di lavoro. il problema è della politica e della burocrazia. non si decide e quando si decide si perde tanto tempo prima che un opera venga affidata.

  • diesse78 123
    15 mar 2010 alle 9:51

    concordo con lele
    percorsa ieri per la prima volta, da palermo fino a modica.
    la strada sr-rosolini e’ un offesa alla sicurezza. ti senti davvero alle giostre, troppo irregolare, con pmv spenti!!!!
    la ct-sr e’ una bella strada moderna larga, gallerie all’avanguardia (luminose, con pmv all’interno, tetti alti,)
    udite udite, tra la ct- sr e la pa-ct, la prima e’ 100 volte migliore (nella pa-ct le corsie sono piccole, asfalto irregolare in molti punti, viadotti altissimi con un solo guard-rail basso, curve poco segnalate, galleri buie.)


Lascia un Commento

Ultimi commenti