19 lug 2008

Il quinto canto – Luglio 2008


Questa è una nuova rubrica mensile, ognuno di noi curerà una propria rubrica su approfondimenti che andremo scegliendo di volta in volta. Il nome che ho scelto deriva da una scoperta che ho recentemente fatto, al centro storico i canti non sono quattro ma sono cinque, infatti la chiesa di San Giuseppe dei Teatini, che offre il fianco per in canto del quartiere Albergheria (o Palazzo Reale), sull’altro lato del prospetto mantiene lo stesso schema architettonico dei vicini canti. Tutto ciò passa giornalmente sotto gli occhi di tutti noi senza mai accorgersene. Quindi questa rubrica è dedicata alle tante cose, piccole o grandi che siano, che passano continuamente sotto i nostri occhi e che noi non notiamo, o perché le abbiamo date per scontate o perchè semplicemente non ci sembrano rilevanti. Questo mese vorrei parlare dei pali di illuminazione pubblica, cosa c’è che non va? Sono pochi, spesso vecchi, spessissimo spenti, ma queste sono cose che si notano facilmente, in realtà il comune ha provveduto alla posa di nuovi pali di illuminazione in varie zone della città, pali moderni dal design ricercato. Fin qui niente da dire, anzi, se non che nonostante la posa dei nuovi pali i vecchi non sono stati rimossi, ed anzi in alcuni casi funzionano ancora loro mentre quelli nuovi sono tristemente spenti. Sembra una cosa banale ma tutto ciò da l’idea di mal curato che in alcune zone cittadine non dovrebbe esistere visto che rappresentano il biglietto da visita della nostra città.


appaltiilluminazione pubblicalavoripali luce palermoquinto canto palermoretrospettive palermo

2 commenti per “Il quinto canto – Luglio 2008
  • giovannimi76 84
    22 lug 2008 alle 14:21

    Davvero interessante sta’ cosa sulla chiesa di San Giuseppe…mi hai messo un atal curiositra’ che mi sa che al piu’ presto vado a farci una capatina..Riguarod i pali e’ purtroppo vero quello che dici ..e quello che dici vale anche per tante altre cose…tipo le pensiline degli autobus….Le nuove pensiline convivono con el vecchie…anzi non convivono affatto.Perche’ tale e tanta e’ l’abitudine che per tutti le fermate continuano ad essere quelle in corrispondenza delle vecchie pensiline..Anche la pubblicita’ continua ad essere collocata nelle vecchie fermate mentre le nuove finoscono con l’essere inutilizzate, abbandonate a se stesse e vandalizzate…

    Cmq se ti riferisci ai pali recentemente messi in via Mariano Stabile e zone limitrofe, tipo Piazza Florio….dagli il tempo di toglierle…perche’ sono state messe proprio da poche settimane..

  • Paco 7942
    28 lug 2008 alle 7:16

    i pali messi in via mariano stabile li vedo dallo scorso inverno ed ogni volta mi fanno incacchiare, belli nuovi pronti, mentre s usano ancora i vecchi


Lascia un Commento