15 mag 2015

Piazza Indipendenza: una telecamera contro i furbi


piazza indipendenza

Questa immagine tratta da Street View, risalente al mese di novembre del 2014, immortala in flagrante un incauto automobilista che provenendo da piazza della Pinta, commette l’infrazione di svoltare in direzione di Corso Re Ruggero, piuttosto che dirigersi verso piazza Indipendenza. Prendendo spunto da questa gustosa chicca, mi permetto di avanzare una proposta al comune di Palermo: visto e considerato che la suddetta svolta conta innumerevoli seguaci, rappresentando di diritto un classico ed un fulgido esempio della scorrettezze automobilistiche perpetrate all’ombra del monte Pellegrino, perchè non mettere una telecamerina da quattro soldi che provveda a filmare le prodezze dei nostri eroi??? Specialmente nei primi tempi, considerando l’effetto sorpresa, il Comune potrebbe incassare dalle contravvenzioni una valanga di soldi…


piazza indipendenzatelecamera

10 commenti per “Piazza Indipendenza: una telecamera contro i furbi
  • peppe2994 3582
    15 mag 2015 alle 14:33

    Guarda, dico no ma sai perché?

    Stiamo parlando della strada di fronte al meraviglioso Palazzo dei Normanni che a breve tra l’altro entrerà nell’UNESCO.
    Dobbiamo ambire a qualcosa più di cinque schifosi blocchi di cemento.

    Il lavoro da fare, sarebbe realizzare una barriera fisica in cemento elegante che termini con uno spartitraffico per differenziare chi venendo dalla presidenza deve girare a destra e chi a sinistra.
    La barriera e lo spartitraffico andrebbero riempite con tante tante piante e fiorellini.

    La telecamera non sarebbe altro che una soluzione mediocre. Costerebbe meno una barriera fisica visto e considerato anche che la potrebbe realizzare il COIME che non si capisce bene cosa faccia di preciso.

    • Fabio Nicolosi 50371
      15 mag 2015 alle 15:10

      Purtroppo la barriera fisica non può essere realizzata perché quando si verificano scioperi o manifestazione la polizia per la viabilità fa tornare indietro le auto su Corso Re Ruggero e con uno spartitraffico questo non sarebbe possibile

  • fabio77 769
    15 mag 2015 alle 23:46

    Sono anch’io per le soluzioni eleganti, ma se dovesse rimanere ancora per molto tempo la presente barriera “Curva nord old style”, come purtroppo temo, la telecamera a mio avviso diventa indispensabile, almeno così facciamo togliere il vizio a tutti i furbetti del quartierino..

  • mediomen 1144
    16 mag 2015 alle 0:49

    Ma veramente pensate che non ci siano telecamere a Piazza Indipendenza! Semplicemente non si usano o non si vogliono usare per questo scopo.

  • Giovanni71 3
    18 mag 2015 alle 6:42

    Sicuramente da fare una barriera più elegante, magari con uno spazio rimovibile per i casi di sciopero. E’ inutile sperare in un comportamento civile di TUTTI gli automobilisti palermitani. Meglio creare dei percorsi obbligati, sia qui che altrove. Io credo che il Palermitano abbia un comportamento da pecora: meglio obbligarlo e non lasciarlo scegliere, perchè va per la via più breve. Un percorso forzato andrebbe fatto anche per esempio a Piazza Einstein. Saluti.

  • drigo 404
    19 mag 2015 alle 4:49

    Io sono per piazzare 5 mine anticarro dopo l’ultimo new jersey. Dopo la seconda esplosione, quel tratto di asfalto diventerà deserto. Fidatevi.

  • fabio77 769
    19 mag 2015 alle 9:13

    Provo a fare due conti veloci: penso di non esagerare se stimo che mediamente l’infrazione in questione venga commessa una ventina di volte all’ora; in un giorno sono 480 volte; in un mese 14.400 volte. Considerando (e anche qui voglio mantenermi basso) 30 euro di contravvenzione per ogni infrazione, si ottiene la bella cifra mensile di € 432.000 di multe elevate. Certo, poi bisognerebbe vedere l’ammontare effettivo delle somme incassate…

  • Emanuele Giardina 1
    19 mag 2015 alle 16:39

    La proposta sarebbe ottima e sacrosanta, ma purtroppo il codice della strada non permette di accertare queste infrazioni mediante strumenti elettronici, sono ammesse solo eccesso di velocità e infrazioni semaforiche.


Lascia un Commento

Post Correlati