29 gen 2020

Grandi Stazioni | Continuano i lavori della nuova pavimentazione della Stazione Centrale


Vi avevamo annunciato l’inizio dei lavori per la nuova pavimentazione alla stazione centrale.

I lavori sembrano andare spediti, dato che la data di consegna è fissata per il 17/02/2020.
Manca da completare la parte che va dalla biglietteria (la parte iniziale) fino all’uscita per piazza Cupani o binario 10.

Per la pavimentazione hanno utilizzato una marmo lucido, che si rispecchia bene con l’ambiente circostante.

Dopo tanti anni di lavori al rilento la nostra amata Stazione Centrale sta rientrando negli standard italiani, certo mancano altri dettagli per completarla… Di seguito un collage di foto.

Questo slideshow richiede JavaScript.


amatgrandi stazionirfistazione centraleTramtrenitaliatreno

13 commenti per “Grandi Stazioni | Continuano i lavori della nuova pavimentazione della Stazione Centrale
    • pietrox90x 43
      29 gen 2020 alle 14:21

      Effettivamente l’altro giorno passavo da li, il pavimento era leggermente bagnato e mi è sembrato abbastanza pericoloso. speriamo che nessuno si faccia male.

    • Irexia 791
      29 gen 2020 alle 19:59

      Anche io ho pensato lo stesso, anche se spero vivamente che sia solo un effetto visivo: posizionare una pavimentazione fortemente sdrucciolevole in una struttura pubblica aperta al pubblico sarebbe un esempio di sperpero di denaro pubblico

  • Joe_Pa 127
    29 gen 2020 alle 13:52

    Se pur lentamente i lavori alla stazione centrale di Palermo proseguono.

    @Mobilita, un tempo esisteva un progetto per una copertura parziale dell’area commerciale nella zona treni questa copertura oltre la proteggere la zona commerciale (progetto fallito miseramente) avrebbe dovuto proteggere anche i passeggeri in transito verso altri binari.
    Si sa nulla se verrà realizzato ?

  • Fabio 46
    29 gen 2020 alle 15:01

    Molto bello esteticamente, spero sia anche funzionale e che bagnato non abbia l’attrito di una lastra di ghiaccio (cioè quasi 0).

  • Ennio 19
    29 gen 2020 alle 21:54

    Ma e’ mai possibile che nessuno dica BELLO!, ma che popolo di criticoni mai nulla che vada bene, ce ne fosse uno di commento positivo! Questa e’ Palermo! Tutti ingegneri tecnici con esperienza di vita , fatta da dietro casa senza nemmeno muovere il sedere dalla sedia, mamma mia che marroni!

    • Irexia 791
      30 gen 2020 alle 18:29

      Ennio, questo marmo è molto bello, nessuno lo nega, ma un pavimento di una stazione dei treni deve essere sicuro per chi, correndo per prendere un treno, anche con una valigia al seguito, e magari con l’ombrello gocciolante accanto, non scivoli e non si fracassi per terra. Se malauguratamente invece, dovesse essere pericoloso, esporrebbe l’ente proprietario della struttura a numerosi risarcimenti ex art. 2043 del c.c. fino a far reputare giusto un rifacimento o una copertura che rendesse il pavimento stesso più sicuro (coprendo la bellezza del marmo installato).
      Io voglio, come te, infrastrutture funzionali e valide per la mia città, e non credo affatto che il bello sia nemico dell’utile, quindi mi auguro che quel marmo sia solo lucido alla vista e non anche scivoloso

  • rainon69 31
    30 gen 2020 alle 10:48

    bellissima pavimentazione!!!! ma spendere tutti sti soldi perché???????? per una stazione declassata a semplice servizio regionale (quando funzionano) tranne due intercity al giorno

    • Metropolitano 3771
      31 gen 2020 alle 21:38

      Guarda che ci son dieci treni tra IC e ICN. Otto relazioni Roma a/r e Due Milano (senza contare i treni straordinari quali DanubExpress o Unitalsi Palermo-Lourdes) più quelli da/per SR. Prima negli anni novanta ce n’erano almeno il triplo perché non esisteva lo spoil sistem di Mauro Moretti che dal 2007 li ha ridotti drasticamente.

  • Tomaso Garigliano 2
    04 feb 2020 alle 7:21

    chiedo venia se guasto la festa… premetto che è molto meglio de bullonato di plastica di prima e non entro in merito sul tema scivolosità, che è assolutamente pertinente visto che a noi tecnici del settore privato, per locali pubblici, viene imposto l’uso di pavimentazioni con indice “almeno R12″, ma… io ci sono passato l’altro giorno e dopo un sussulto positivo iniziale, ho avuto il sospetto, viste le fughe enormi e la lucidatura estremamente ondulata (che sarebbe segno di una scarsissima qualità della fornitura), che si trattasse di gres porcellanato effetto marmo, tra l’altro di scarsissima qualità…
    Ripeto, è comunque meglio di prima, ma mi chiedo: quanto abbiamo pagato, per cosa esattamente? Esiste un modo di saperlo?


Lascia un Commento