02 ago 2018

Passante Ferroviario | Esercitazione antincendio nella galleria ferroviaria “Notarbartolo-De Gasperi”


Nel pomeriggio di martedì 31 luglio, si è svolta un’esercitazione antincendio nella galleria ferroviaria “Notarbatolo-Francia”, di prossima apertura e messa in servizio.

All’addestramento nella galleria ha partecipato il personale del comando, della Rete Ferroviaria Italiana Spa e di altri enti interessati.

Lo scenario dell’esercitazione prevedeva un principio d’incendio su un locomotore all’interno della galleria, a circa 300 metri dall’imbocco: la finalità dell’esercitazione era verificare i reali tempio d’intervento dei soccorritori VVF e del personale di RFI, oltre a permettere a tutti i partecipanti di prendere conoscenza dei luoghi e dell’ubicazione delle aree di emergenza esterne alla galleria.

Alle 16:00, dopo la segnalazione dell’incidente da parte di un cittadino e verificata la veridicità della segnalazione con RFI, la Sala Operativa ha attivato il dispositivo di soccorso. Immediatamente, i soggetti interessati si sono mossi dalla sede centrale di Palermo per portarsi presso l’area di emergenza.

L’esercitazione si è svolta come da programma, consentendo di testare i livelli di efficacia dell’azione in caso d’incidente ferroviario in galleria, che costituisce – come noto – una delle tipologie d’intervento più impegnative che un’organizzazione di soccorso deve saper affrontare.

Non sono emerse particolari criticità, fermo restando che l’esercitazione fornirà eventualmente lo spunto per una revisione critica anche delle Procedure Operative Standard applicate.

A seguire le foto e il video:

Questo slideshow richiede JavaScript.


esercitazione vigiliesercitazione vigili del fuocoferroviariomobilita palermonotarbartoloPassante Ferr.passante ferroviarioSegnalativigili del fuocovvf

12 commenti per “Passante Ferroviario | Esercitazione antincendio nella galleria ferroviaria “Notarbartolo-De Gasperi”
  • filotramviaria 196
    02 ago 2018 alle 12:49

    Bene ! andiamo avanti.Prove tecniche varie e poi….speriamo al 10 settembre riprenderemo il treno ! non vedo l’ora di visitare le nuove stazioni (Francia, Ugo La Malfa, S.Lorenzo, SFERRACAVALLO, ) e speriamo anche Palermo Maredolce dall’altro lato.

      • filotramviaria 196
        02 ago 2018 alle 16:54

        Poi dite che sono io che mi lamento sempre………………importante che ci sia un ingresso un emettitrice biglietti,una pensilina e un treno.Questa e’ la ferrovia.Trovo invece INUTILI e fuori luogo i SUPERMERCATI che hanno trasformato e schifiato le stazioni di Roma,Milano,Torino e forse altre.La stazione deve avere l’essenziale: biglietteria,quadri orari da leggere non le diavolerie moderne che si guastano e i treni.La stazione serve per i treni non e’ un centro commerciale.

      • unaltronicola 62
        02 ago 2018 alle 17:29

        Quando la tratta sarà riaperta andrò vedere la stazione di Sferracavallo, più che altro per vedere la situazione all’esterno e quanto può tornarmi utile per spostarmi senza macchina mentre delle altre stazioni già conosco i luoghi.
        Il paragone con la metropolitana di Mosca o San Pietroburgo non ha senso per nessuna metropolitana al mondo, anche l’articolo che hai citato spiega il perché.

        • danyel 421
          02 ago 2018 alle 19:29

          Perché, le stazioni della metropolitana non potrebbero essere anche belle ed eleganti? Magari … qui, se siamo fortunati, metteranno al massimo due graste di gerani! Fine …

          • filotramviaria 196
            02 ago 2018 alle 20:21

            E chi lo sa,magari ci va pure il Sindaco Orlando con una guantiera di pasticciotti……

          • peppe2994 3064
            02 ago 2018 alle 21:35

            Qualora ci fossero le stazioni della metropolitana….

            Queste sono stazioni ferroviarie del passante, e per quello che ho visto in giro per l’europa, peraltro proprio da poco classifica l’architettura del nostro passante nella categoria stazioni premium.

  • filotramviaria 196
    02 ago 2018 alle 16:58

    La stazione deve avere biglietteria o emettitrice,pensilina e soprattutto treni.Tutto il resto e’ INUTILE come inutili sono i supermercati che hanno fatto a Roma Termini e altrove.

    • huge 2202
      06 ago 2018 alle 9:01

      E che fastidio ti dà il supermercato a Roma Termini? Hai una visione che dire antiquata è un eufemismo.

      • bottarisali 117
        06 ago 2018 alle 12:19

        …vedi filotramviaria, ci sono persone qui che vorrebbero farti credere che il mondo immaginario creato dai sogni e dalla fantasia dovrebbe coincidere con le leggi del mercato, del commercialismo e del capitalismo e che se non coincide allora c’è qualcosa che non va bene in te.
        Non ascoltarle. Non sanno neanche di cosa stanno parlando.

  • rudi gi 97
    05 ago 2018 alle 20:56

    Sono incazzato perche alla riapertura della tratta Notarbartolo-Punta Raisi i treni non fermeranno a Capaci perche la stazione non l’hanno ultimata.
    Dopo anni che subbiamo disagi respirando polvere, inquinamento acustico dei macchinari fin dalle 7,00 del mattino, disaggi alla circolazione e anche strade scassate per i continui passaggi dei camion, adesso saremo costretti a usare la stazione di Isola delle Femmine.
    Mi chiedo: non si poteva usare la vecchia stazione fino ad ultimazione dei lavori alla stazione Kennedy?
    Non si è mai sentita la vecchia amministrazione che abbia fatto le dovute pressioni presso gli organi competenti, vedendo che i lavori non procedevano celermente.
    Ancora ci troviamo con la via Oleandri chiusa in prossimita dove c’era il sottopasso, la riapertura consentirebbe il collegamento della ss113 con via Kennedy e la zona mare. La via Risorgimento è bloccata all’incrocio con via Kennedy per il cantiere della stazione al binario lato monte. La via Primo Carnera è chiusa alle estremita, l’apertura consentirebbe da un lato il collegamento con la via Mariagrazia Costanzo, dall’altro lato il collegamento con via Oleandri. Per finire corso Isola delle Femmine è chiusa presso il cimitero cittadino, non dando la possibilita di arrivare alla nuova rotonda diramazione Torretta e Carini.
    Tutto questo casino comporta un gran traffico e inquinamento in tutte le sue forme sulle strade rimanenti.


Lascia un Commento