16 gen 2018

Un parere blocca i lavori di bonifica Piazza Camporeale


Poco prima delle elezioni comunali di Giugno si era assistito a numerosi interventi di riqualificazione di aree verdi.

Tra quelle che fecero più “scruscio” sicuramente la liberazione delle aree di cantiere del vecchio appalto dei lavori del completamento del collettore sud-orientale della città di Palermo.
Lavori che affidati alla ditta Cariboni vennero conclusi anzitempo a causa del fallimento della ditta.
In attesa che i lavori ripartano, si spera nel 2019 per un importo di 27.147.652,70 €, dopo la denuncia dello stato di abbandono dei lavori di riqualificazione pubblicata nel nostro gruppo facebook è intervenuto il presidente della V circoscrizione commentando che a bloccare i lavori è un parere della sovrintendenza che sta tardando ad arrivare.

Quale parere richiede cosi tanto tempo per essere rilasciato?

Speriamo che questo articolo serva a smuovere le acque affinché i lavori possano riprendere e venga restituita alla città questa ennesima area verde per troppo tempo rimasta terra di nessuno e ricettacolo di rifiuti di ogni tipo e sorta.


Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:

 Sito internet: http://palermo.mobilita.org
 Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/
 Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/
 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA
 Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo


bonificacariboniCariboni Stradecollettore sud-orientalefallimentofognatura palermoGallerie spapiazza principe di camporealevia colonna rottavia Contessa Giudittavia del vespro

Un commento per “Un parere blocca i lavori di bonifica Piazza Camporeale
  • punteruolorosso 1819
    16 gen 2018 alle 20:47

    è una bellissima area verde sequestrata alla città. la sovrintendenza ha tutto il mio rispetto, ma molto spesso è responsabile di maggiore degrado e di mancata innovazione. per esempio ricordo che bloccarono un chioschetto di bibite sotto al nautoscopio “perché deturpa la vista dei palazzi dell’aristocrazia palermitana”. secondo la sovrintendenza, dunque, i camion, le macchine e le porcate del foro italico non deturpano


Lascia un Commento