22 giu 2017

A Novembre chiude l’aeroporto “Vincenzo Florio” di Trapani-Birgi


L’aeroporto “Vincenzo Florio” di Birgi resterà chiuso per poco più di quattro settimane il prossimo mese di novembre.
Tutti i voli saranno sospesi a partire da Lunedi` 06 novembre 2017.

La ripresa della normale attivita` operativa e` prevista a partire da lunedi` 11 dicembre 2017.

Si tratta di una chiusura tecnica dovuta all’esigenza di mettere in sicurezza ed effettuare lavori di manutenzione della pista principale dell’aeroporto che – come è noto – è uno scalo militare aperto al traffico civile. Sarà, proprio l’Aeronautica Militare ad eseguire i lavori.

“Ci saranno disagi, è logico – commenta il presidente dell’Airgest Franco Giudice – ma si tratta di lavori importanti e che dureranno in un lasso di tempo limitato”.

La scelta del mese di novembre non è casuale: si tratta, infatti, del mese statisticamente con il minor numero di passeggeri e traffico più ridotto.

E’ probabile che Ryanair, in quel periodo, effettui dei voli straordinari sull’aeroporto “Falcone e Borsellino” di Palermo per le destinazioni nazionali più gettonate come Roma e Milano.

I passeggeri sono invitati a contattare le rispettive compagnie aeree per le informazioni relative alla riprogrammazione dei voli nel periodo di chiusura indicato.


Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:

 Sito internet: http://palermo.mobilita.org
 Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/
 Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/
 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA
 Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo


aeroporto trapanibirgilavorimarsalamobilita palermosacsan vito lo capoSegnalatitrapani

5 commenti per “A Novembre chiude l’aeroporto “Vincenzo Florio” di Trapani-Birgi
  • cirasadesigner 1002
    23 giu 2017 alle 10:30

    Oserei dire siamo alle solite…
    Leggo il vostro articolo che parla della chiusura di Trapani nel mese di novembre inizi di dicembre, vado a controllarmi al sito di Ryanair e vedo che nessun volo è stato riprogrammato per la SICILIA, a questo punto mi domando…
    Ma come mai quando ci sono questo genere di interventi, che alla fine potrebbero classificarsi come manutenzione ordinaria, l’unica cosa che si pensa di fare è un comunicato per dire che l’aeroporto rimarrà chiuso? Come mai non si lavora per garantire comunque dei collegamenti aerei da e per la Sicilia, sopratutto per quanto riguarda i voli internazionali…
    Credo che la società di gestione Airgest avrebbe dovuto lavorare in accordo con la Gesap, per fare in modo che questi voli venissero spostati su Palermo in attesa che i lavori sulla pista vengano terminati.
    21 collegamenti tra nazionali ed internazionali verranno sospesi questo comporterà dei disservizi gravissimi…
    Cosa faranno in questo mese gli impiegati del Vincenzo Florio?
    Saranno in cassa integrazione?
    Leggo che la pista sarà rifatta dall’Aeronautica… che nel frattempo credo utilizzerà la pista parallela per i suoi servizi, visto che è solita farlo, ma questo comporterà dei ritardi nell’esecuzione dei lavori…
    Ci troviamo sempre di fronte ad una infrastruttura che prima che essere civile è militare…
    Vi ricordate in occasione della Guerra in Libia cosa successe?
    Per 40 o più giorni tutti i voli vennero dirottati a Palermo… Perche non si è fatta la stessa cosa?
    Se si vuole fidelizzare il cliente, in questo caso il passeggero, si deve pensare sempre ad una soluzione alternativa… Che qui credo non sia stata manco immaginata.
    L’aeroporto di Trapani invece di sviluppare ulteriormente i suoi collegamenti piano piano sta diminuendo i servizi e i collegamenti, spero non sia in un ottica di disarmo perche sarebbe gravissimo per l’infrastruttura e per la Provincia intera.
    Se dovessi ragionare in termini campanilistici, dovrei essere contento di questo disimpegno che potrebbe portare tutto questo traffico a Punta Raisi insieme a collegamenti a me cari come il Trapani – Charleroi…
    Ma invece io auspico che si possa continuare a crescere e sopratutto investire.
    Dopo i piccoli interventi fatti agli inizi degli anni 2000, vedi sale di imbarco al primo piano… Ormai da troppo tempo non si vede nulla al Vincenzo Florio. Esternamente nulla è cambiato. Desolazione sugli spazi parcheggio, perche non pensare a fare un mutiliamo che renda più comodo ad esempio il servizio rent car… Quando arrivi a Trapani ed affitti un auto… dopo le infinite code dentro la sala arrivi, ti tocca fare 400 metri a piedi per raggiungere uno pseudo parcheggio fatto di strutture provvisorie che tra le altre cose sono sempre sprovviste di personale. Non sarebbe sensato fare qualcosa che sia direttamente collegato all’aerostazione, spostare gli uffici di questi rent car in questo nuovo fabbricato e sopratutto collocare li gli stalli delle auto a noleggio… Ci guadagnerebbero tutti, sopratutto i gestori dell’aeroporto e i passeggeri… Che invece hanno subito un impatto poco positivo sui servizi…
    Se leggo i dati sui passeggeri, salta subito evidente che l’aeroporto non cresce più anzi… perde tantissimi passeggeri in %… Se nel 2013 erano quasi 1.900.000 e si andava verso la soglia psicologica dei 2, oggi siamo poco vicini al 1.500.000, e questo in un momento nel quale tutti gli aeroporti crescono. Perché???
    Nel 2013 erano basati 4 aerei della Ryanair oggi solo 3…
    Ci sono credo, spari e margini per crescere davvero in maniera esponenziale e prevedere investimenti che rendano ancora più attrattiva questa destinazione. Un collegamento tra Birgi e Punta Raisi via ferrovia, potrebbe incrementare ulteriormente questo polo, invece i progetti rimangono lettera morta…
    Si è seduti su di una miniera d’oro e non si è capaci di estrarlo… E’ solo una questione di capacità o di volontà? Penso sia ovvio porsi questa domanda…

    • Palerma La Malata 275
      23 giu 2017 alle 11:22

      cirasadesigner,
      è una questione di capacità o di volontà chiedi?
      Possibilità 1: se i Siciliani volessero estrarre l’oro lo avrebbero fatto da decenni. Qui possiamo fare riferimento anche al detto
      detto “volere è potere”.
      Possibilità 2: forse vogliono estrarlo con forte desiderio ma non ne hanno la capacità incapaci di vedere che loro stessi sono come una persona che vorrebbere camminare e correre ma che è nata senza gambe per poterlo fare.
      Possibilità 3: non hanno neanche la capacità di desiderare di estrarlo.
      Ora metti da parte queste brevi e sintetiche mie spiegazioni. Anzi iccamuli addirittura nna munizza.
      Guarda invece alla storia della Sicilia dei 6, 7, 9 decenni passati, dell’andazzo generale e dei risultati sotto tutti i punti di vista economici, sociali, culturali e internazionali; questi ti dimostrano che girando la frittata in un modo oppure nell’altro alla fine è questione di incapacità.
      E’ inutile che ti dico che sono un pasticciere di alto livello e che mi meriterei il Premio Bake Off se in realtà le torte che faccio hanno sempre un sapore così così e un aspetto non perfetto.
      Ricorda sempre che in questa teoricamente era Verde, la Sicilia dovrebbe essere uno dei principali centri per la produzione di energia solare e invece paghiamo un fottio ad ENEL. E la maggior parte delle spiaggie sono abbandonate a se stesse. E molti passeggeri aerei diretti verso il Centro Sicilia preferiscono atterrare a Catania, perchè se atterrassero a Punta Raisi poi impiegherebbero una vita per arrivare a destinazione.
      E aggiungici che sebbene è la regione d’Italia più vasta, la maggior parte della rete ferroviaria è a binario unico, come nel 19 secolo.

  • francescovozza 23
    29 giu 2017 alle 10:01

    Il Florio è un aeroporto sostanzialmente monovettore…a meno che non vogliamo considerare Aliblue una vera compagnia aerea (ma non lo è…visto che è solo una sorta di rivenditore di Medavia); questo, insieme al fatto che la pista appartiene all’aviazione militare che spesso ne richiede l’utilizzo esclusivo…senza se e senza ma, ne fa un aeroporto particolarmente fragile, visto che Ryanair senza contributi non vola e ogni anno sempre meno comuni sono disposti a versare la loro quota, a partire da Marsala cne vorrebbe riconosciuta la territorialità (sacrosanta) sull’Aeroporto.
    Personalmente penso che Il Florio dovrebbe tornare ad essere l’Hub per i voli verso Pantelleria ed avere i voli sociali per Roma e Milano…e basta. Il Falcone Borsellino sarebbe avvantaggiato da questa scelta..perchè non dimentichiamo che il Florio è de facto un competitor del Falcone Borsellino; fino a qualche anno fa Ryanair vendeva i voli come Palermo Birgi…capito l’antifona?

  • cirasadesigner 1002
    29 giu 2017 alle 10:51

    sarebbe una catastrofe per Birgi se Ryanair partisse, e lo dico con disinteresse visto che mi farebbe davvero comodo che certi voli andassero a Punta Raisi. Si deve piuttosto pensare davvero a fare delle sinergie un motore di sviluppo di questi poli aeroportuali. Non so se sia possibile o meno a livello di navigazione aerea, ma se gli slot potessero essere flessibili, si potrebbero fare partire dei voli da Trapani e da Palermo in maniera alternativa, garantendo così i collegamenti e gli aeroporti… di sicuro chi ne sa più di me mi risponderà che gli slot non possono essere cambiati a piacimento… ma credo che certi collegamenti tipo Bratislava, Francoforte, Kaunas, Varsavia, Praga, avrebbero più senso se fossero collegati direttamente con Palermo, per intercettare un gran numero di passeggeri in più… Trapani dovrebbe essere servita sempre e comunque per le destinazioni italiane e alcune stagionali internazionali. Ho appena scoperto che a novembre finalmente ci sarà un collegamento diretto tra Palermo e Charleroi e uno con Bruxelles Zaventem con scalo intermedio e questa è davvero una ottima notizia…
    tra le altre cose Ryanair comincia a vendere i suoi voli con scali così come se pigliassimo un Alitalia… ma con costi sensibilmente inferiori.

  • francescovozza 23
    29 giu 2017 alle 14:12

    La cosa piu ovvia sarebbe una gestione congiunta dei due aeroporti; uno stesso gestore per entrambi in modo da non congliggere. In Spagna esiste un unico grande gestore Aena, che cerca di distribuire i voli sulla base delle effettive necessità, e con Aena non si discute…altro che sovvvenzioni alle compagnie aeree. Se vuoi volare in un aeroporto spagnolo devi chiederlo ad Aena!
    Capisco che da noi è impossibile arrivare a tanto….ma Catania gestisce Comiso…che non si sogna neppure di fargli concorrenza e si vede…anche Palermo e Trapani devono arrivare ad una gestione congiunta…anche perchè così come stanno andando le cose a Trapani…non vedo grande futuro per loro!


Lascia un Commento