03 set 2016

AMAP | Avviato il piano di pulizia delle caditoie


Dopo le esperienze negative che qualche anno fa causarono grossi disagi alla viabilità a causa di strade allagate, l’AMAP quest’anno ha iniziato per tempo gli interventi di manutenzione delle caditoie e tombini


La priorità verrà data alle zone a rischio allagamento su cui le squadre sono già al lavoro.

Nel mese di agosto, le squadre di Amap hanno già effettuato alcuni interventi di pulizia e rimozione dei rifiuti accumulati sulle caditoie.

Sono già 1096 i tombini ripuliti e anche le griglie dei sottopassi di viale Regione Siciliana e quelle di via Emily Balch, via Crispi, via Calandra sono state sgomberate dai rifiuti.

Amap, l’azienda che si occupa della gestione del servizio idrico e fognario in città, continuerà con gli interventi nel corso delle prossime settimane e per tutto il mese di settembre.

Nei prossimi giorni si continuerà ad intervenire per completare gli assi viari e snodi principali come viale Regione Siciliana, via Messina Marine, viale Michelangelo, via Cala, Foro Umberto I, via Cappuccini e via Ugo La Malfa.

Saranno 2.500, gli interventi previsti che Amap effettuerà nel mese di settembre sulle strade e sui vicoli della città.

Si continuerà ad ottobre con i lavori, per evitare che gli acquazzoni invernali possano provocare allagamenti.

In totale sono in azione 43 mezzi e 16 gruppi di tecnici a lavoro per rispettare i tempi previsti e giungere alla stagione delle piogge già pronti ad accogliere abbondanti precipitazioni che si spera non causino grossi danni.


allagamentiamapamap palermocaditoiemaltempomobilita palermopiano caditoietemporaliviabilitàviale regione siciliana

7 commenti per “AMAP | Avviato il piano di pulizia delle caditoie
  • Saro 58
    03 set 2016 alle 9:46

    Speriamo che questo intervento sia fatto in sinergia con gli operai della Rap/Reset per la pulizia dei bordi delle strade suddette (erbacce – aghi di pino – immondizia varia)… altrimenti questi interventi AMAP sulle sole caditoie servono a poco… a niente! Alla prima pioggia sono di nuovo intasati.

    • Irexia 675
      07 set 2016 alle 12:19

      Ma soprattutto è necessario che quando gli operai spazzano i bordi delle strade non lascino i cumuli ai margini in attesa che i colleghi col camioncino passino e portino via! Il vento e lo stesso passaggio delle automobili a velocità, spargono il raccolto, per non dire delle piogge che trascinerebbero il tutto nelle caditoie otturandole pericolosamente!
      Ma per questo devono cambiare gli ordini di servizio dati alle squadre al lavoro!

      • danyel 387
        08 set 2016 alle 12:29

        Irexia ma ci vuole una laurea in ingegneria per capire che i cumuli non vanno sciati ai margini delle strade perchè altrimenti succede quello che hai detto tu?

        • Irexia 675
          08 set 2016 alle 12:44

          Lo so, lo so… Mi rendo conto dell’ovvietà di certe soluzioni, ma una volta ho sottolineato la cosa a chi di dovere il quale così mi ha risposto… Evidentemente non si è ancora provveduto in tal senso!
          Gli scarti da disserbaggio sono ritenuti rifiuto speciale quindi, probabilmente, è necessario che erbacce, aghi di Pino, foglie, vengano recuperati da un mezzo apposito, non la lapa, per intenderci: basta fare uscire le squadre di 2/3 operai con un mezzo utile allo scopo!

  • sornione47 20
    03 set 2016 alle 11:29

    Aggiungo: speriamo che questo intervento sia fatto in sinergia ANCHE con i cittadini (sia come pedoni sia come automobilisti).

  • danyel 387
    03 set 2016 alle 13:09

    Se facessero manutenzione ordinaria (come nelle altre città) tutto questo non succederebbe … ma a Palermo le erbacce diventano alberi e foreste vergini .. come l’attuale situazione di Viale Regione Siciliana!


Lascia un Commento