06 giu 2016

Lo Stand Florio, un monumento abbandonato che nessuno vuole


Il pomeriggio del 1/06/16 , un violento incendio ha devastato l’area adiacente lo Stand Florio. La struttura è abbandonata da anni ed è spesso luogo di bivacco di nomadi e senzatetto che la utilizzano come rifugio e come deposito di spazzatura . L’area circostante è diventata una discarica a cielo aperto di rifiuti di ogni genere compreso l’eternit e rappresentano una grave minaccia per la salute pubblica.

Spesso, durante la notte i “ladri di rame” accendono roghi rendendo altamente insalubre l’aria della zona.. Ricordiamo inoltre che difronte l’edificio  sorge il San Paolo Palace el’Ospedale “ Buccheri La Ferla”.

Lo stand Florio si trova nella zona della Colonnetta” e fu realizzato da Giovan Battista Basile, su progetto di Ernesto Basile,  nel 1905, in uno dei tratti più suggestivi del litorale palermitano, per la famiglia Florio. E’ ritenuto uno dei gioielli del liberty palermitano.

 Lo stile pero è profondamente influenzato dalla cultura islamica, inoltre è una delle prime strutture siciliane di età moderna costruite utilizzando il ferro.

Al centro presenta una cupola rossa  molto caratteristica. Venne utilizzato a lungo per gare di tiro al piccione ( da qui anche il nome di TAVERNETTA PER IL TIRO AL PICCIONE) e di sport acquatici da parte della nobiltà palermitana. Tra le due guerre subì un lento declassamento anche se mantenne un certa dignità.  Durante la 2° guerra mondiale venne utilizzato come magazzino per le truppe . Dopo la guerra  divenne un solarium per il vicino ospedale “Buccheri La Ferla”, successivamente fu trasformato in un ristorante ed infine sala per bigliardini e ritrovo di gente malfamata.

Dal 1985 sono stati effettuati diversi interventi di restauro, però  al restauro, tuttavia, non ha fatto seguito alcun utilizzo , pertanto l’edificio è stato lasciato in stato di abbandono.

Nell’ottobre 2012  venne sequestrato dalla polizia municipale su provvedimento della magistratura. Il provvedimento di sequestro si era reso necessario a causa del grave stato di abbandono, di degrado e rovina del monumento e delle aree circostanti ricolme di rifiuti pericolosi. Stessa sorte era stata riservata per adiacente ex istituto di puericultura Solarium e per le casupole realizzati abusivamente nell’area pubblica circostante gravemente degradata ed estesa per circa 1000 metri quadrati.

Ma nonostante il sequestro, nulla si è fatto per recuperare l’edificio e la zona circostante. Come capita spesso su questo edificio da decenni è in atto il classico gioco dello scaricabarile. In sostanza, l’edificio sarebbe di proprietà della Capitaneria di porto che vorrebbe cederlo alla Regione o al Comune, ma a quanto sembra tali enti non sono particolarmente interessati all’acquisizione.  Finché il bene non passerà all’assessorato regionale o comunale competente, l’incuria e il degrado la faranno da padrona. Il problema è capire quando questo passaggio avverrà e se avverrà in tempo per sottrarre un’opera di enorme importanza artistica ed architettonica alla completa distruzione. L’incendio di qualche giorno fa  ci fa sospettare che presto il  “problema scomparirà definitivamente”.


comune di palermocosta sud palermomonumentimonumenti abbandonatiSegnalatistand floriovia messina marine

74 commenti per “Lo Stand Florio, un monumento abbandonato che nessuno vuole

Comment navigation

  • friz 593
    11 giu 2016 alle 9:06

    Buon giorno a tutti…. Pietro a te il buongiorno lo direi in russo ma oggi il mio russo non è dei migliori…forse devo smaltire la sbornia…. scherzo….. in realtà bevo pochissimo….e raramente….. ciao

    • Pietro 248
      11 giu 2016 alle 12:54

      Ahhhh … E comunque, se non l’hai letto … ti consiglio:
      Razgovr o Dante (Discorso su Dante) …
      di …….. (pensa te … ) Osip Emilievich Mandelshtam! ……… ;) ^_^

      (non per dire che persino un russo riconosce l’inarrivabile altezza di Dante … ma giusto per … Poi capirai … Russo solo per dire. Nato a Varsavia, Ebreo … Vittima di purghe, campi di lavoro … tragedie infinite … Ma … … … prego, prego. Magari ti piace!) ;)

      • Pietro 248
        11 giu 2016 alle 12:56

        (“Poi capirai” non nel senso che “tu, poi, leggendo capirai” ma nel senso: “che poi, figurarsi … capirai che russo … relativamente russo” …)

          • Pietro 248
            12 giu 2016 alle 13:19

            Ma figurati! :)
            Oh, non è che sia un capolavoro … E’ per dire! :)
            Buona domenica frizzi!


Lascia un Commento