20 ott 2015

Il Comune di Isnello aderisce alla sosta selvaggia


Nulla è cambiato dal nostro precedente reportage dove abbiamo accuratamente denunciato i parcheggi selvaggi che presunti dipendenti dell’Ars si ritagliavano sui marciapiedi di fronte la Presidenza della Regione. Oggi anche un auto di servizio del Comune di Isnello aderisce a questa insana abitudine.

Ogni altro commento è superfluo.

Foto: C.E.

 

 

 

12108216_1092232740787130_7939475669936407293_n


arscomune di isnellocomune di palermoisnelloparcheggio selvaggiopiazza indipendenzapolizia municipaleregione siciliana

Articolo successivo

4 commenti per “Il Comune di Isnello aderisce alla sosta selvaggia
  • peppe2994 2830
    20 ott 2015 alle 20:14

    Oppure abolire il marciapiede e ricavare posti auto, tanto non lo utilizza nessuno.

    Questa città ha un disperato bisogno di posti auto, questo è un fatto innegabile, l’amministrazione dovrebbe concentrarsi su questo come una priorità assoluta.

  • huge 2138
    20 ott 2015 alle 20:45

    Ovviamente i VVUU non vedono e non sentono. Beh, nulla di strano, mica possiamo pretendere che siano ovunque, anche in piazze di periferia e isolate come piazza Indipendenza. Di sicuro nessuna pattuglia sarà passata da lì nei al più 5 minuti che quelle auto sono state parcheggiate lì.

    Non potrai mai pensare che abbiano fatto finta di niente.

    E d’altra parte se anche fossero passati da lì, che fa, non lo sapete che hanno altri incarichi? Mica possono agire senza uno specifico ordine autorizzato dal Parlamento nazionale in seduta comune con doppio passaggio alla Camera e al Senato e previo referendum popolare.

    Totalmente in disaccordo col messaggio che fa passare il post di Peppe.
    Cioè, questi fanno un abuso bello e buono e tu come soluzione suggerisci di legalizzarlo????????????? A posto siamo.

    • peppe2994 2830
      21 ott 2015 alle 8:53

      No, mi volevo concentrare su un fenomeno ben più ampio e grave.
      Il concetto è che si esclama allo scandalo per una sola auto in questo contesto, quando ogni singolo metro quadrato o quasi di questa città ci propone scenari di sosta impossibile.

      Le auto sui marciapiedi sono una logica conseguenza del nostro drammatico tessuto urbanistico. E non si puo’ puntare il dito contro le persone perchè dimostrano inciviltà. Voglio dire, la maggior parte della città dal centro alla periferia, ci propone una strada con palazzi a destra e sinistra, dunque alta densità ma zero posti auto regolari.
      Come la mettiamo? Dovrebbero passare i vigili ogni giorno a multare tutti perchè tentano dopo un esaurimento di trovare un angolino per la propria macchina?

      C’è un motivo se i vigili non multano, perchè il comune perderebbe il ricorso in tribunale. Esistono delle leggi precise in vigore da 100 anni che prevedano la realizzazione di posti auto proporzionale con il numero degli abitanti. Sappiamo perfettamente il criterio di costruzione a caz*o adottato a suo tempo durante il boom edilizio, ed ora ne piangiamo le conseguenze in termini di “abbili” per parcheggiare.


Lascia un Commento