13 set 2014

L’Amat sperimenta le nuove strisce pedonali


L’Amat sperimenta una nuova tipologia di vernice per i passaggi pedonali in città, e lo fa in via Galletti (Acqua dei Corsari), dove è già stata realizzata la nuova segnaletica orizzontale sull’asfalto.

Si tratta di vernice bicomponente. Aumenta lo spessore della segnaletica, comprende perline di vetro di maggiore diametro e che danno un maggiore effetto rifrangente. Il materiale dovrebbe risultare inscalfibile. Da quanto ci segnalano dall’azienda di via Roccazzo, se la sperimentazione avrà l’esito sperato l’utilizzo della stessa vernice verrà esteso a tutta la città.

Qui di seguito alcuni particolari della realizzazione del nuovo attraversamento pedonale in via Galletti.

BxHyp1JIcAAC_ef

 

BxHzw22CMAANV3D

 

BxHpiOMCcAACiev

 

BxH32e_IMAAmTEo

 

BxH1dIfCcAAu7ws

 

Foto by Salvo Ricco.

 

 

 

 


amatvernice bicomponentevia galletti palermo

Articolo precedente

17 commenti per “L’Amat sperimenta le nuove strisce pedonali
  • peppe2994 2856
    13 set 2014 alle 7:43

    Ma quando le hanno messe? Ci passo ogni giorno e non me ne sono accorto.
    Almeno qualcosa di nuovo l’ho notata ma così di sfuggita mi sono sembrate già sporche. Vi faccio sapere in giornata.

  • Irexia 675
    13 set 2014 alle 8:49

    Wow! Eppur si muove! Bene con le sperimentazioni dato che a Palermo la segnaletica orizzontale sembra quasi scritta con inchiostro simpatico: poco dopo averla tracciata scompare.
    L’importante é che non crei un manto scivoloso, con le piogge, per i motocicli e le biciclette, come furono, invece, le strisce stese come un telo bianco attaccato all’asfalto qualche anno fa

  • loggico 372
    13 set 2014 alle 13:02

    circa 30 anni fa sul gds lessi che la di maria aveva fatto un nuovo prodotto.. le strisce non si sarebbero mai piu cancellate..
    non fu cosi ahimè. .
    speriamo nelle nuove tecnologie.. che ben venga anche questa nuova vernice..
    comunque anche in altre citta del nord le strisce spesso sono invisibili..
    in austria e in inghilterra ho visto delle piastrelle o comunque del cemento
    al posto del disegno delle strisce.. sicuramente durano di piu..

  • Irexia 675
    13 set 2014 alle 14:54

    @ loggico: anche in nord Italia li fanno, si tratta di “sanpietrini” bianchi che disegnano le strisce contornati da quelli ordinari neri, con i vantaggi che non scoloriscono e che le auto passandoci di sopra “avvertono” l’automobilista che si sta passando su strisce pedonali, un po’come le bande rumorose. Unica osservazione: in occasione di sfossamenti, l’operaio deve avere cura di riporli in modo da ridisegnare le strisce originarie

  • Irexia 675
    13 set 2014 alle 14:56

    P.s. Sono molto favorevole a questa soluzione con i sanpietrini, praticamente definitiva

  • Irexia 675
    13 set 2014 alle 15:03

    @ Mr.Head: a Casteldaccia hanno dipinto lo sfondo di rosso, che io sappia, si trattava di una sperimentazione, ma ignoro se sia diventato obbligatorio. Per la cronaca, il colore da sfondo migliore, che fa più risaltare il bianco delle strisce, è risultato essere l’azzurro, con buona pace dei leghisti che già sognavano di vedere dipinto su tutto il territorio nazionale, il loro verde (anch’esso oggetto di sperimentazione! :)

  • klone123 96
    13 set 2014 alle 17:44

    Ma riprendere le strisce pedonali bianco-rosse di via Maqueda dopo i Quattro Canti no? Quelle strisce sono state realizzate sperimentalmente su progetto dell’Università degli Studi di Palermo e sono ancora lì, visibili e quasi intonse da almeno 10 anni!

  • mediomen 1137
    13 set 2014 alle 21:04

    sicuramente costano molto di più sia come materiale che tempi di posa ma dovrebbero durare molto di più delle vecchie dipinte a spruzzo

  • peppe2994 2856
    13 set 2014 alle 23:19

    Ho scrutato per benino la nuova segnaletica orizzontale.
    Di giorno effettivamente si vedono meglio rispetto alle strisce classiche, ma vediamo se la cosa permane oppure con il tempo scolorirà tutto.
    Di notte invece è un disastro. Come potete ben vedere dall’ultima foto il tip odi vernice presenta delle parti più scure che di sera si vedono male.
    Come se ciò non bastasse sono state già tutte sporcate dai copertoni dei veicoli, molto più rispetto alla vernice classica.

    Insomma, sembra una mezza delusione. Vedremo la resa a lungo termine.

  • se68 384
    14 set 2014 alle 10:01

    ..a Londra ho visto che utilizzano per tutta la segnaletica orizzontale un particolare materiale “a rilievo” che credo sia una resina speciale con diverse colorazioni. Inutile dire che è molto resistente e di gradevole effetto. Ma copiare, no?

  • @serenatudisco 16
    14 set 2014 alle 13:21

    Buona idea, vedere le strisce “strappate” mi ha sempre fatto SENSO!
    Comunque il top sarebbe se, ad esempio, sotto casa mia, riuscissero a farle davanti allo scivolo che avevano fatto, giustamente, qualche anno fa. Invece, hanno sbagliato una volta e da quella, lo scivolo ha perso quasi la sua funzione e le strisce sono a 2 metri di distanza e vicine ad una svolta, quindi pericoloso per chi attraversa. Mi chiedo …ma non lo vedono?

  • capricorno 60
    15 set 2014 alle 9:53

    Le strisce su fondo colorato sono assolutamente fuori norma. Quella rosso/bianco di via Maqueda è stata fatta in deroga, perchè trattavasi di una sperimentazione. Il materiale che AMAT sta apponendo in questi giorni è dello stesso tipo della parte bianca di quell’attraversamento rosso/bianco e la durata per anni è garantita. Lo sporcamento è inevitabile perchè gli asfalti palermitani trasudano troppo bitume, ma le piogge dovrebbero rilavare tutto….

  • Irexia 675
    16 set 2014 alle 17:26

    @ capricorno: se le strisce di cui parlate hanno dato buoni risultati (io però non ce le ho presenti, ci farò caso la prossima volta) non sarebbe il caso di ripensare la percentuale di bitume nell’asfalto?
    Più sopra peppe2994 affermava che ci fossero delle parti più scure e altre più chiare: è forse dovuto al fatto che, come si vede dalle foto, il bianco è stato steso a mano? Se questo metodo andrà regime, quindi, verrà spruzzato con le pistole ad aria compressa, garantendo un livellamento che farà venir meno l’inconveniente?


Lascia un Commento