12 set 2014

Riaperto il ponte di via Pitrè


A meno di un mese dalla chiusura avvenuta lo scorso 18 Agosto, è stato riaperto al traffico alle ore 17:10 il ponte di via Pitrè. I lavori hanno permesso di realizzare le corsie tranviarie (lato monte e valle) che incrociavano via Pitrè. Rifatti marciapiedi, passaggi pedonali, e impianto semaforico che sarà di tipo prioritario all’arrivo delle vetture tranviarie.

IMAG0573

Migliorara la corsia che permette l’inversione di marcia lungo viale Regione Siciliana.

10599157_10204387005662495_6269212568078451883_n

 

10665056_632644313523830_1463817861893561670_n

 

 

 

IMAG0574

 

IMAG0576

 

Visuale in direzione Calatafimi.

IMAG0566

 

Visuale in direzione Perpignano.

IMAG0567


chiusura ponte via pitrèchiusura via pitrècirconvallazione palermolavori tram via pitrèmobilita palermomotel agipnotarbartolopiazza einstenponte pitrèrotondaSISTramvia leonardo da vincivia pitrèviale regione siciliana palermo

24 commenti per “Riaperto il ponte di via Pitrè

Comment navigation

  • domtao 27
    15 set 2014 alle 10:06

    ma i semafori come sono stati sincronizzati????
    Lo avete notato.
    Io questa mattina per svoltare in via Pitrè da Viale R. Siciliana, ho dovuto attendere due volte il verde (ed erano le 06, 50).

  • NIGILA 81
    15 set 2014 alle 15:33

    Come potete vedere le cose si fanno, ma sempre male.pur di finire sui giornali per evidenziare la celerita’ dei lavori…forse era meglio aspettareun altro paio di giorni per verificare tutte le anomalie? I consiglieri della circoscrizione dove sono.. ?sono loro che conoscono il territorio.. in effetti i due semafori devono essere sincronizzati altrimenti sai le file..Pet le prime 24 ore il sefamoro era monitoraro dai Vigili Urbani..possibile che non se ne siano accorti? A chi porre questi problemi? Quante domande lo so.. ma mai una risposta.

  • Metropolitano 3236
    16 set 2014 alle 15:45

    @NIGILA
    I Vigili Urbani sono dei pagliacci; stanno lì per dovere di servizio, cioè nel senso che devono stare lì a prescindere da come svolgono il loro ruolo pur di intascarsi lo stipendio, ma non si curano di come svolgono il servizio se non nei limiti minimi della deontocrazia e delle loro ridotte capacità richieste dal comune o dal comando. In sostanza fanno poco e niente. Vanno sostituiti con gente seria appartenente a un organo collettivo più affidabile (eg. Polizia).

  • Garrone71 73
    18 set 2014 alle 9:57

    Oggi “l’onda lunga” era funzionante, quindi devono essersi resi conto dell’errore di sincronizzazione e hanno provveduto.

    Dobbiamo ammettere che sono stati celeri.


Lascia un Commento