22 nov 2013

Tram: ecco la mappa che tutti aspettano


Pubblichiamo qui sotto una mappa fedele, con tanto di livelli attivabili/disattivabili, dei percorsi delle tre linee di tram con le relative fermate geolocalizzate e rinominate sulla base delle planimetrie di progetto. Mancava in effetti una mappa con la localizzazione esatta delle fermate; voi utenti più volte ci avete sollecitato a pubblicarne una, così eccola qua. Ingrandendo la mappa sino ad ottenere il punto di vista “bird eye” (disponibile attivando la visione satellitare) sarà più facile rendersi conto con maggior precisione dell’ubicazione di ciascuna fermata e del percorso esatto di ogni linea. Buona navigazione!

Click in alto a destra per visione a tutto schermo


amatdove sono fermate tram palermolineemappa fermatemappa trammobilita palermonomi fermateSISTramtram palermo

55 commenti per “Tram: ecco la mappa che tutti aspettano

Comment navigation

  • loggico 466
    22 nov 2013 alle 22:18

    Ho scritto nei giorni scorso di questo problema. . La corsia di decelerazione andrebbe inevitabilmente a coincidere con la corsia d’emergenza.. spero che le fermate siano poste prima degli svincoli in modo che le corsie siano praticamente impegnate solo per il passaggio che dura secondi.. ricordo che i tempi di frenata dei tram è diverso fa quello degli Autobus

  • joyce973 136
    22 nov 2013 alle 23:07

    @peppe2294 non ricordavo fossi tu, permettimi, il fan numero 1 del tram a Palermo :) preferire autobus, treno, bici, moto, sidecar o risciò è una questione di gusti. Pensare che il tram sia il massimo dell’efficienza, dei costi e dei tempi di realizzazione,tanto da auspicare di vederlo praticamente ovunque, dal centro alla periferia mi sembra un po’ eccessivo e manchevole di obbiettività.
    In primo luogo, parliamo di 88 miliardi di lire che in 13 anni sono diventati 160 milioni di euro e ancora mancano almeno 2 anni per completarlo. Alla faccia dei tempi brevi e dei costi bassi…
    In secondo luogo, non è opinabile il fatto che a Palermo, tolti alcuni viali periferici, le strade siano estremamente strette. Basta viaggiare un minimo per rendersene conto. A proposito di via Notarbartolo molti anni fa si discuteva se metterla a senso unico, contrario al viale Lazio, proprio per rispondere alla logica di grande arteria. Ora avremo due corsie striminzite e un binario al centro con quegli orribili pali che qualcuno vorrebbe addirittura in via Ruggiero Settimo o via Maqueda, perché fa tanto città europea. Ma per favore.. Il tram è la metropolitana dei poveri, diciamola tutta, esteticamente orribile, crea un casino che la metà basta (chiedete ai milanesi e ai fiorentini) se non installato con criterio. A Roma per esempio è più sensato: ad esempio una linea corre su viale Trastevere (che chi Vi è stato sa quanto sia largo) unendo l’estrema periferia sud con piazza Venezia, e si ferma lì, non è che si immette in via del corso, perché sarebbe troppo stretta!
    Se si fosse pensato per tempo, facendo 40 anni fa un piano regolatore serio, oggi parleremmo d’altro. Ma la realtà è questa, ci sono difficoltà oggettive, strade ridicole, marciapiedi spesso inesistenti, 0 parcheggi condominiali. Si può fare tutto, anche far arrivare il tram alla stazione notarbartolo, ma il prezzo sarà quello di incasinare tutta la zona.
    Io non sottovaluterei il potenziale che hanno gli autobus. Solo da noi fanno schifo. Mi è capitato di prenderne a Roma e Milano, e non ho aspettato ore, perché sono organizzati bene: basti dire che nelle tabelle ci sono scritti gli orari al minuto, con frequenze altissime, e sono telecontrollati.
    Qui d’estate le navette a Mondello si imboscano (viste con i miei occhi!)
    La mobilità ottimale può essere raggiunta in tanti modi, ma ci vuole organizzazione ed efficienza , senza quella non si va da nessuna parte. Anche nei controlli.
    A proposito di semafori: quando c’è un ingorgo e c’è un semaforo rosso, cosa fa il palermitano medio? Passa! Si sente autorizzato. Fa quel metro in più che lo fa sentire furbo ma che blocca chi ha il verde.
    Non aggiungo altro.

  • Francesco81 41
    22 nov 2013 alle 23:48

    @ Joyce973 Mi ritrovo e condivido molti punti che hai enunciato, comunque Palermo è una città molto particolare nel bene e nel male a zita chista è hai ragione.
    Vedendo il tracciato della linea 1 , espongo alcune osservazioni. La prima È che ci sono distanze tra alcune fermate eccesivamente distanti tra loro a comciare da bacile credo che si chiami per intenderci davanti la Chiesa San Sergio Papa che raggiungo il picco tra sperone e Amedeo d Aosta e cosi via . C` è molta strada penso a gli anziani con i sacchi della spesa e cosi via poi per chi non lo sÀ la via Amedeo d`Aosta È in salita. Poi un altro dato sconcertante e che guardando Settecannoli potrebbe essere la “Svizzera” se osservate da google hearth e potrei elencarveli uno per uno quanto verde incolto inutilizzato e abbandonato c`è……..Addirittura ho avuto modo di scoprire certi spazi altresi inacessibili inglobato tra palazzi cinti da mura, inglobati da fabbriconi in disuso, scendendo nel dettaglio poi sembra la cittÀ di Prjpiat però qui non abbiamo nessuna catastrofe nucleare che giustifichi un tale abbandono alcune strade poi si interrompono nel nulla di macerie rifiuti tipo la via Macello quando per intenderci potrebbe essere collegato al resto di strada dalla parte e opposta ed essere rese carrabili. Questi posti scogniti volutamente tenuti chiusi sono rifugi di malaffare e baracche di loschi figuri! Poi ritornando al tram ma perchÈ il tram non ha un doppio binario? Magari si poteva fare pure centrale laddovè lo spazio lo permetteva come in altre cittÀ europee.. Mi spiegate poi come giÀ accennava Joyce perchè nessuno evidenzia che siamo già fuori tempo e i costi sono cresciuti mostruosamente? Nelle cittÀ dove le cose funzionano mi È capitato di vedere addirittura il giorno e l`ora in cui l`opera finirà…non chiedo questo ma sottolineo il vergognoso ritardo di questa opera e mi auguri che i responsabili di questi mostruoso ritardo paghino un giorno una penale e poi complimenti per chi non aggiorna una progetto stilato 13 anni o chissà quanto tempo fa… Un ultima cosa ancora quando verrÀ sistemata quella povera villa del ponte ammiraglio? È peggio di com`era prima con tanto di presenza del sindaco per un progetto incompleto che decantava l aperturÀ dopo i lavori del collettore?!!? un saluto amici

  • Metropolitano 3906
    23 nov 2013 alle 0:08

    Credeteci: i futuri semafori posti agli svincoli e che non tagliano le carreggiate centrali creeranno molti meno disagi dei tre semafori pedonali ancora presenti che invece bloccano e tagliano le importantissime carreggiate centrali per lo scorrimento (da decenni, ma ke vergogna!).
    10 secondi è il solo tempo del semaforo intelligente col rosso mentre transita il tram, inoltre gli svincoli sono percorsi solo da chi deve uscire o accedere in autostrada, mentre ogni minuto le due piste sono percorse da centinaia di automobili e camion.

    Piuttosto ho notato che la fermata Perpignano è l’unica senza sovrappassaggi pedonali:

    - alla fermata sul viadotto Einstein si è già sul ponte tranviario.
    - la fermata Nazario Sauro al nuovo cavalcavia inaugurato i 31/10
    - la fermata RAP Idem
    - PERPIGNANO NO !!!(pur destinato ad essere spento)
    - la fermata di via Pitrè ha il vecchio omonimo viadotto usato dalle auto provenienti da Via Lentini e Perpignano per fare inversione di marcia, che è anche pedonale.
    - la fermata Vignicello avrà il cavalcavia di via Loggia/Nave ancora da costruire
    - e quella di via Pollaci ha il ponte di Corso Calatafimi.

    Dunque Perpignano è “in dei ghetto”, finchè magari non si provvede ad installare un ponte anche artigianale a costi contenuti anche lì.
    Ma come cakkio mai non è mai stato previsto nel progetto SIS un’altra passerella lì piuttosto ??? MAH !!!

  • pepposki 312
    23 nov 2013 alle 7:16

    @metropolitano non si è pensato ad un ponte pedonale in corrisp. di via perpignano perché se i lavori del sottopassaggio, consegnati nel 2007, fossero davvero iniziati a quest’ora avremmo già lo svincolo perpignano…ma la storia si sa com’è andata una ditta fallita ed un’ex amministrazione in balia dei loro affaracci per occuparsi di bandire o almeno predisporre per una nuova gara. Nel progetto c’è ancora quello di fare il sottopasso, quindi credo sia per tale motivo che non si è pensato di spendere centinaia di migliaia di euro per un ponte che un giorno sarà inutile.

  • peppe2994 3447
    23 nov 2013 alle 8:40

    @Joice973:
    Io non sono solo fan del tram, ma di qualunque cosa rientri nella categoria trasporto pubblico e mobilità.
    Il tram è il massimo dell’efficienza, costi e tempi di realizzazione se lo paragoni all’altra alternativa di mobilità di massa che non subisce ritardi cioè la metropolitana.
    È efficiente perché non ritarda come i bus e non inquina, ha costi bassi sia di realizzazione che di manutenzione e si realizza in poco tempo attenzione sempre paragonandolo come ho detto alla metro che è l’unica altra alternativa affidabile.

    Per esempio stanno costruendo il passante a doppio binario, ci vorranno cinque anni di lavori per terminarlo ed altrettanti per la tratta A sono già trascorsi poi il tram ha costi a 7 zeri, la metro costi a 9 zeri cioè un abisso.

    Sulle strade sia che possano sembrare piccole o grandi solo il tempo darà risposte. Quando il tram sarà finito ed operativo vedremo benefici o disagi alla viabilità con mezzo proprio. Fino ad allora sono tutte congetture, ipotesi tutte valide in attesa di effettivo riscontro.

    I pali non piacciono neanche a me ed ovviamente rossi in centro non li vorrei mai, mentre in periferia danno colore non si può dire altrettanto per le zone centrali dove in caso di prolungamento è necessaria una catenaria più elegante o addirittura un tram che non l’abbia affatto.

    @Francesco81: la distanza tra le fermate va più che bene, rispetta gli standard europei che ovviamente non collimano con le abitudini lagnuse della maggior parte dei palermitani.

  • The.Byfolk 43
    23 nov 2013 alle 9:27

    C’è qualcuno che mi può dar ragguagli circa il destino della corsia di parcheggio accanto alla fermata Pitrè?

  • joyce973 136
    23 nov 2013 alle 10:45

    @peppe2294 ognuno ha le sue certezze!! :) che ti devo dire…
    Però, ripeto. Per farsi un’idea bisogna guardare fuori, agli esempi positivi e negativi e poi fare delle valutazioni prima di stravolgere una città in questo modo. In alcune città il tram è un disastro, in altre no, dipende da dove è ubicato, e non ritorno sugli esempi, per me evidenti.
    Sull’inquinamento non sarei così assoluto, anche perché esistono ad esempio gli autobus elettrici, e comunque ripeto esistono città non lontane da noi dove sono puntualissimi. Quindi, perché da noi ritardano? Vedi sopra.
    Tornando al discorso metropolitana, per i tempi siamo là, non vedo grosse differenze, purtroppo siamo a Palermo, dove pure un ponte pedonale richiede un anno.. Ma una città da un milione di abitanti non può non avere una metropolitana. Certo costa, ma perché, altrove no? La fanno gratis?
    Ma per caso sei del Comune ? I soldi glieli metti tu? Scherzi a parte, se il governo trova 20 miliardi per fare una TAV Lione-torino che non serve a nessuno se non a dare appalti, allora perché non pretendere una metro seria che serve ?? Vabbè qui tiriamo in ballo altro…
    Riguardo alle strade, vedremo sì, ahimè…Però per favore non dirmi che i pali rossi in viale Michelangelo danno colore! Hanno disboscato quel po’ di verde che c’era e ora finisce che quei pali sono belli… Scusa ma si vede proprio che non ci abiti.
    Dai un’occhiata qui:
    http://www.linksicilia.it/2013/03/il-tram-di-palermo-traffico-e-inquinamento-assicurati/

  • KINGDOM 20
    23 nov 2013 alle 12:05

    è davvero lodevole tutto quello che si sta facendo per Palermo e ben vengano tram, passante, anello e tutto quello che volete voi.

  • KINGDOM 20
    23 nov 2013 alle 12:11

    Però da uno sguardo complessivo dall’alto fornito dalla mappa risulta evidente come il vero centro nevralgico e storico della città resti totalmente tagliato fuori dal futuro sistema di trasporto pubblico. Ho soltanto io questa impressione? Io personalmente avrei utilizzato come punti di partenza dei capolinea dei tram i grandi parcheggi che già abbiamo in città, come quello Basile, quello di piazzale Giotto, quello di Viale Francia ecc. Ho come l’impressione che comincino troppo in periferia le linee che stanno costruendo. Però se qualcuno di voi mi dice che già esistono dei progetti per un’ulteriore prolungamento delle tre linee verso il centro allora ok. Ho letto qualche giorno fa alcune polemiche da parte di qualcuno sul fatto che il tram nel centro di palermo sia un obrobrio. Vorrei ricordarvi che un tram che passa per una bellissima via Libertà potrebbe essere soltanto un valore aggiunto per la stessa. Il centro di palermo è bellissimo e spostarsi in tram piuttosto che in metro ci consentirebbe di godere sempre della splendida vista del nostro centro storico, anche in chiave turistica parlo.

  • Metropolitano 3906
    23 nov 2013 alle 14:01

    @pepposki

    Quel sottopasso non si farà più ormai, perchè graverebbe parecchi milioni di euro sulle casse comunali, e dato che la maggior parte della gente è contraria al pedaggio non c’è modo di trovare i soldi.
    Tanto vale abbandonare quell’opera faraonica e realizzare solo una passerella pedonale, no ? Orlando dovrebbe prenderne atto che ai tempi di Cammarata quegli appalti si sono arenati, ragion per la quale lui dovrebbe predisporre un piano per spianare la strada della burocrazia ed autorizzare la realizzazione di un’altra copia di quelle passerelle. La quarta.

    E poi ditemi come lo realizzano lo svincolo Perpignano fisicamente ormai ? Anzitempo qualche altro svincolo salterà per motivi economici coi lavori già in corso della linea 3, mentre qualche altro svincolo rimarrà aperto e regolato dai semafori tramviari lungo il Viale Regione. Altro che Svincolo Perpignano !

    Si faccia un SOVRAPPASSAGGIO, invece di aspettare ancora tempi biblici per nulla ! Fossi sindaco io, avrei detto di fare subito una passerella tra le vie Di Blasi e Perpignano, visto che i fondi per lo svincolo non esistono più. E poi stessa cosa per Piazza Giotto: non si fa la passerella di via Bernini perchè è previsto un altro svincolo in quel punto ?? Che dici ?

  • Metropolitano 3906
    23 nov 2013 alle 14:10

    SIAMO NEL 2013 E VIALE REGIONE VERSA ANCORA INGIUSTIFICATI PROBLEMI DI PERCORIBILITA’ PER OLPA DI QUEI 3 SEMAFORI PEDONALI.
    E le passerelle pedonali di cui vi ho parlato dovevano esistere già dagli anni ’90. Ogni scusa è buona per far niente.
    Inutile attendere l’improbabile sblocco di altri progetti, tanto vale ormai realizzare due passerelle, una in via Bernini coi fondi FESR e un’altro appalto e un’altra passerella tra le vie Di Blasi e Lentini da parte della SIS previa aggiunta di 1 milione e mezzo, contro i minimo 30 milioni per lo svincolo perpignano ormai superato, di fondi stanziabili. E’ colpa di Cammarata se non è stata inclusa una passerella dove deve sorgere la femrata Perpignano. Dopo i lavori rescissi, quel pagliaccio non fece più nulla.

  • The.Byfolk 43
    23 nov 2013 alle 15:08

    Mtropolitano fai pauea, meno male che non sei il sindaco!
    IO Voglio ancora il sottopasso a perpignano e ci credo ancora che verrà nuovamente appaltato.
    Perché è importante poter fare ingersione in quel punto e perché è una zona molto abitata a monte come a valle e il ponte pitrè non basta a smaltire neanche il traffico a cui dovrebbe servire, figuriamocci se ci anggiungiamo il resto. Infatti il risultato è sotto gli occhi di tutti.

    È necessario operare con progettualità, e non in base alle wsigenze attuali, indipendentemente dal fatto che questo sottopasso si faccia domani o tra 10 anni!

    Ragionando come fai tu abbiamo abolito i tram storici e oggi ne construiamo di nuovi tornando alle scelte del passato..

    Piuttosto di chiedere lo spegnimento insensato ed irresponsabile di quel semaforo battiamocci insieme per anticipare la costruzione della relativa passerella pedonale, che sia fatta bene però e non low cost come qualcuno propone tanto per togliersi l’impellenza del semaforo.
    E poi battiamocci per avere il sottopasso appaltato.

    Io sogno che un giorno l’intera circonvallazione possa essere interrata con un grande boulevard ciclo-pedonale e spazi commerciali in superficie

  • The.Byfolk 43
    23 nov 2013 alle 15:13

    Il massimo sarebbe da lazio a calatafimi con buona parte gia servito dal tram.

    Ps scusate gli errori , ma scrivo dal cell.

  • Metropolitano 3906
    23 nov 2013 alle 15:22

    Ma certo, e menomale che il sindaco è Orlando, colui che ti ha promesso il tuo bello scivolo autostradale dal costo esorbitante di 30 milioni di euro.
    Sta zitto invece di dire sciocchezze, aspetterò la fine del mandato di Orlando prima di capire chi ha ragione. Orlando non lo ha nemmeno accennato finora, non che la cosa mi interessi. E poi tu cel ‘hai già un sottopasso vicino casa. Ma che parli a fare ? Boh.

    Ma tu, pensi che quelle opere si realizzino con la facilità che pensi ?? Ti illudi. Non si farà. A me comunque interessa che almeno si tolgano quelle porcate di semafori (tutti) con o senza sovrappassi, sulle corsie centrali che servono le autostrade e tu lo sai. Non ho mai visto cos’ tanta gente attraversare una strada di scorrimento. E tu non hai mai fatto il ragionamento che se spegono quel semaforo nessuno avrà più il coraggio di passare da lì tranne qualche scellerato, motivo per il quale prima si mettono le barriere guardrail o tram e poi si spegne quel semaforo o l’altro di via Di Blasi. Non costa nulla spegnere il semafori pedonali, anzi il comune risparmia un po di luce.

  • Metropolitano 3906
    23 nov 2013 alle 15:49

    Io sono nettamente contrario ai semafori pedonali sulle corsie centali del Viale Regione perchè tagliano nettamente le due carreggiate quando sono azionati ! Comportano solo inquinamento e problemi alla circolazione dei pendolari.

    Non ci pensi ai pendolari ? Non è giusto. E’ giusto semmai chiudere Viale Regione ai pedoni, biciclette e ciclomotori, come è giusto chiudere il Centro Storico alle auto !
    Prova a vincerti 30-40 milioni al superenalotto e stornarli al Comune (che non farà per te), così realizzano in dono a nome tuo un bel sottopasso agli abitanti di via Perpignano, un’opera che tu hai già sotto casa.

    Tu pensi che oggi sia facile realizzare opere costose senza finanziamenti !
    Si spenga quel semaforo o lo si renda inaccessibile con le stesse barriere tram. Se poi qualcuno è irresponsabile di sfidare le auto in corsa (perchè questo e nient’altro si fa, in una scorrimento veloce), è solo colpa sua. Ti faccio presente che finora nessuno ha mai pagato per la morte di Ucciardi 3 anni fa, a parte lui stesso soltanto. Ed era residente in quella via.
    A me quei semafori fanno vomitare, non li voglio nemmeno guardare. Quando mancava il sottopasso Einstein io usavo l’auto per andare a Motel Agip o in via Roccazzo. Da 9 anni invece lo faccio a piedi da quei due cavalcavia.


Lascia un Commento