11 ott 2013

Circonvallazione: 2 nuovi sovrappassi


Il Consiglio Comunale ha approvato recentemente il Piano Triennale delle Opere pubbliche; piano che comprende degli interventi già cantierabili o che sono comunque già dotati di copertura finanziaria.

Fra questi spiccano 2 nuovi sovrappassi sulla circonvallazione, di cui avevamo parlato alcuni mesi fa. Si tratta infatti del primo stralcio di un intero piano d’interventi, che comprende complessivamente ben 7 sovrappassi pedonali. Precedenza quindi ai sovrappassi di via Palmerino e di via S.M. di Gesù.

Sovrappassi (1)-2

 

Saranno ben 1.499.778,71 euro destinati per questo intervento, il cui appalto vedrà luce il prossimo anno.

Nel frattempo, sul fronte degli attuali sovrappassi, segnaliamo che è stato ri-pitturata la struttura preso via Nina Siciliana, mentre oggi gli operai iniziavano la pulizia. Dopo l’individuazione del responsabile d’esercizio, è già scattato l’iter che porterà all’apertura del sovrappasso di via Di Giorgi entro i prossimi 10gg e contestualmente  alla riattivazione di tutti gli ascensori.

Nella foto operai al lavoro durante i lavori di ripristino del sovrappasso Amia.

Si ringrazia Mediomen per gli scatti.

immaggine271_zps5cc30cae

 

 


circonvallazione palermosicurezza circonvallazionesicurezza pedonisovrappassi pedonaliviale regione siciliana palermo

26 commenti per “Circonvallazione: 2 nuovi sovrappassi

Comment navigation

  • maximus77 28
    12 ott 2013 alle 6:50

    qualcuno più informato pubblicherebbe una piantina con su segnata l’esatta ubicazione dei nuovi sovrapassi?

  • KINGDOM 20
    12 ott 2013 alle 11:08

    non capisco perchè tutte queste discussioni sui sovrappassi di viale regione; servono e stop; e serve ancora di più spegnere tutti, e dico TUTTI, i semafori per l’attraversamento pedonale; piaccia o non piaccia; i cittadini si adeguiono se il comune prende un provvedimento del genere. ci sono città come Budapest, Praga, Londra, e in Italia città come Venezia e Verona, che hanno decine di ponti per l’attraversamento veicolare e pedonale. è una realtà normalissima in europa. non vedo perchè si debbano definire “brutti”, “inguardabili” o “eco-mostri” i ponti sul viale regione. GENTE, IL MONDO PROGREDISCE!!

  • peppe2994 2856
    12 ott 2013 alle 11:25

    È comunque li trovo esteticamente molto belli e moderni, ogni aggiunta deve essere un vanto, non un problema :)

  • Fulippo1 1343
    12 ott 2013 alle 13:28

    Tra l’altro c’è chi dice che gli amministratori non vedono dove stanno i veri problemi…. E’ impossibile… Io credo che i problemi siano da ricercare altrove, disponibiltà economiche, terreni da espopriare, proggetti da costituire, ricordiamoci che a quanto pare, si parla di progetti e struture da realizzare nell’imminente.

    Ponte corleone, chiedete a Dieguito quanti soldi ci abbia guadagnato dall’operazione “fallimento”, dell’azienda appaltatrice dei lavori….
    A quest’ora avremmo tutte le corsie funzionanti!

  • antonino consiglio 0
    19 ott 2013 alle 11:58

    L’unica soluzione radicale per quest’arteria è l’interramento delle corsie centrali da corso Calatafimi a via Belgio con uscite ai vari svincoli e aperture di tutti gli incroci in superfice. esempio pratico ” rotonda Leonardo da Vinci oggi regolata da semafori e vigili urbani domani circolazione aggravata anche dalle linee del tram. Interrando le corsie si avrebbe sfogo del traffico dalle vie Uditore, Settembrini, Di Blasi, Perpignano, Portello ecc.” In via Perpignano era previsto un sottovia, già progettato, finanziato, appaltato in pompa magna dal sindaco di turno, fallisce la ditta non se ne ha più notizia ne del progetto ne delle somme stanziate. Oggi leggo di altri due sovrappassi già con copertura finanziaria ma se le amministrazioni che si sono alternate non sono state capaci di far funzionare i 2 già esistenti per altro realizzati dalla ditta dei tram servite su un piatto d’argento come si può concedere ancora credito a questa amministrazione.


Lascia un Commento