10 lug 2013

FOTO| Proseguono i lavori del Passante Ferroviario presso la nuova fermata “EMS-LA MALFA”


Aggiornamento fotografico sui lavori del Passante Ferroviario presso la futura fermata “EMS-LA MALFA”, situata fra via U. l Malfa e via San Lorenzo Si evidenziano i lavori per la realizzazione dell’area parcheggio a fianco la fermata, e i lavori per completamento del sottopasso pedonale lato monte.  Sarà possibile raggiungere la fermata anche da via U.La Malfa, anche attraverso un percorso pedonale che costeggerà l’intero assessorato regionale.

 

DSC_0556

 

DSC_0546

 

Il sottopasso pedonale lato monte.

DSC_0547

DSC_0550

Visuale dalla banchina lato valle.

DSC_0551

La futura area destinata al parcheggio; potrà ospitare circa 30 auto.

DSC_0553

DSC_0554

 

Visuale in direzione Cardillo.

DSC_0555

Particolare dei pannelli fonoassorbenti, installate in prossimità delle abitazioni.

DSC_0557

 

Barriere antirumore già installate.

DSC_0558

 

Visuale sul nuovo sottopasso stradale, che collegherà via U.La Malfa con via Lanza di Scalea.

DSC_0560


cardilloex e.m.s.maxi stradamobilita palermopassante ferroviario palermopfpsan lorenzovia ugo la malfa palermo

Articolo successivo

3 commenti per “FOTO| Proseguono i lavori del Passante Ferroviario presso la nuova fermata “EMS-LA MALFA”
  • Giovanni 319
    10 lug 2013 alle 14:41

    ho le foto della passerella che conduce alla fermata dalla strada prima del sottopasso poi le invio a mobilita

  • huge 2138
    11 lug 2013 alle 10:29

    Onestamente, non capisco questo modo di lavorare. E certamente è una mia mancanza, visto che non sono un addetto ai lavori.
    Ma mi chiedo, perché lavorare a “spizzichi e bocconi”? Perché non completare un tratto al 100% e spostare poi l’intera squadra altrove?
    Perché impiegare anni per un tratto che sarebbe potuto essere pronto anni fa? Perché non completare questa benedetta fermata? Perché non posare il secondo binario?
    Se qualcuno è in grado di spiegarmi la logica di un simile cronoprogramma, gliene sarei grato.


Lascia un Commento