27 mar 2012

Un parcheggio già realizzato per il Parco Cassarà?


Con la bella stagione è iniziato l’assalto al bellissimo parco “Ninni Cassarà”, ma non ci si spiega come si fà a fare l’ingresso principale di un così bel parco su una (autostrada) come è la via Ernesto Basile.

Perchè, prima che ci scappi il morto, non si prende una decisione come quella in foto, di apportare una piccola modifica che consenta il parcheggio in un luogo sicuro a tutti i visitatori ?????

(click per ingrandire)

Se proprio non ci dovessero essere soldi per la modifica strutturale del parco…… basterebbero delle insegne che invitano gli utenti in quel parcheggio e due settimane di multe dei vigili urbani, per evitare il

parcheggio indisciplinato e pericoloso nella zona antistante l’ingresso……non si capisce neanche come in corrispondenza dell’ingresso non ci sia un semaforo che consenta l’attraversamento della via ernesto basile…


parcheggio parco cassaràparcheggio via basileparco cassaràparco orleans

Articolo successivo

19 commenti per “Un parcheggio già realizzato per il Parco Cassarà?
  • cirasadesigner 1024
    27 mar 2012 alle 9:58

    Dalla prima versione del progetto, in realtà il parcheggio Basile, avrebbe dovuto servire anche il parco, poi come al solito i buoni propositi a palermo diventano carta straccia…

  • Cesc 112
    27 mar 2012 alle 10:11

    Un altro semaforo (a pochi passi da quello recentemente installato per l’attraversamento dei pedoni verso il parcheggio Basile) sarebbe totalmente inutile. Ci si lamenta sempre per l’installazione di semafori di qua e di là, ma la verità è che la gente è stupida, bastano 50 m a piedi per attraversare grazie al nuovo semaforo. Per come la vedete voi ci vorrebbe un semaforo ogni 10 m!

  • cirasadesigner 1024
    27 mar 2012 alle 10:16

    sono d’accordo con Cesc non si può mettere un semaforo ogni 50 metri, ma del resto avete visto mai come disegnano le strisce pedonali a palermo? per non parlare delle fermate dell’Amar, bastano 50 firme per istituire una fermata, è davvero incredibile

  • Real 169
    27 mar 2012 alle 10:19

    Ottima idea !!!……ma non si capisce perchè non ci pensi chi di dovere….: S

  • huge 2219
    27 mar 2012 alle 10:43

    La questione parcheggio era stata sollevata già al momento dell’apertura al pubblico del parco. Continuo a stupirmi di quella che secondo me può soltanto essere definita incompetenza e ottusità di chi gestisce questa città.

    Spiegatemi come si fa a non pensare immediatamente al parcheggio Basile come area di sosta “obbligatoria” per chi deve usufruire del parco.

    Come si fa a non pensare di creare un collegamento diretto, come quello riportato in questo articolo, tra parco e parcheggio?

    A che non mi si vengano a raccontare storie del tipo, ma c’è di mezzo l’università, cui appartengono alcuni terreni… o cavolate simili. Perché anche se fosse non è credibile che non sia un problema risolvibile in mezza giornata.

    Questo comune da quattro soldi preferisce invece mantenere vuoto un parcheggio per cui sono spesi milioni di euro e permettere che i palermitani dimostrino tutta la loro inciviltà parcheggiando in doppia e tripla fila pur d’essere davanti l’ingresso, creando traffico, creando pericoli, senza che alcun vigile urbano, entità mitologica, s’azzardi non dico a fare multa, ma anche solo a farsi vedere in zona. Vade retro!

    Amministrazione di quacquaracqua.

  • Otto Mohr 47
    27 mar 2012 alle 12:29

    Creare quella passerella avrebbe un costo non indifferente considerando che è necessario creare un ponte pedonale che scavalchi la strada all’ultimo accesso dell’uni. Secondo me, basterebbe eliminare quegli abusivi, munnizza compresa, che ci sono lungo il marciapiede di via Basile, obbligando la gente ad utilizzare il parcheggio e il marciapiede già esistente fra il parcheggio e l’ingresso del parco. Considerando che il parcheggio è gratuito non sarebbe malvagia come idea quella di imporre un divieto di sosta davanti l’ingresso del parco, facendolo ovviamente rispettare! Tutte cose ovviamente che possono essere proposte ad una futura amministrazione, non certamente a questi quaquaraquà :)

  • chrispalermo 40
    27 mar 2012 alle 12:46

    Non c’è bisogno di alcun lavoro. Si parcheggia al parcheggio basile e cammini per 5 minuti a piedi per raggiungere il parco. Io già lo faccio.

  • sebastièn 1
    27 mar 2012 alle 13:35

    Sono pienamente d’accordo con Otto e Chris, basta cemento! Al Parco si va per passeggiare, basta allungare di trenta metri rispetto alla soluzione proposta e basterebbe un divieto di sosta in via Basile, magari da un solo lato, senza semafori evitabili.

  • tasman sea 20
    27 mar 2012 alle 14:10

    io collegherei immediatamente parcheggio e parco, e uni e parco.
    dall’università non si accede, che cretinata.
    otto, chris, sebastien, anch’io ho fatto così, ma il paelrmitano medio neanche sospetta l’esistenza di quel parcheggio-discarica. per costringerlo a posteggiare lì, bisogna vietare la sosta lungo tutto ernesto basile.
    io sarei per un viale alberato che colleghi il parcheggio al parco, senza passare dalla strada. inoltre prolungando la linea 3 del tram…

  • matteo O. 164
    27 mar 2012 alle 17:07

    Università – Parco – Cus….non ci vuole un genio per farlo.
    Tra l’altro così il Cus farebbe molti più soldi, perchè molti studenti sono scoraggiati ad andare per tutta la strada che c’è da fare a piedi….ma passando dal parco sarebbe molto più carina come passeggiata, e più breve….

  • V:E:N:D:E:T:T:A 154
    27 mar 2012 alle 17:20

    @Real, bel link!!
    divieto come quello che c’è davanti max ricas, dove parcheggiano pure sul ponte!
    Comunque 500 metri a piedi perchè i progettisti sono deficienti, io non li farei.; tra l’altro sul marciapiede ci sono in sacco di bancarelle ed ostacoli vari.
    Invece l’idea è buona, però si dovrebbe chiudere l’ingresso principale, altrimenti non si conclude niente.

  • Otto Mohr 47
    27 mar 2012 alle 19:03

    Questa del collegamento università-parco-cus è un’idea bellissima che può essere però fatta un domani, una volta trovati i soldi. La domanda che ci poniamo ora è: come eliminare fin da domani 28/03/2012 il macello di auto che si crea davanti l’entrata del parco?
    L’unica risposta che riesco per ora a formulare è quella prima data, cosa che per ora, con quelli ce ci governano, non avrebbe neppure senso proporla…..chissà che faccia farebbero se gli chiedessimo che i vigili urbani devono fare il lavoro per il quale sono pagati…cose dell’altro mondo!

  • tasman sea 20
    27 mar 2012 alle 19:18

    sì, la strada è piena di insidie, spazzatura, e bancarelle. non invoglia a incamminarcisi. invece il parcheggio sarebbe un perfetto ingresso al parco. posi la macchina, e ti lasci il rumore della città alle spalle.

  • matteo O. 164
    27 mar 2012 alle 19:44

    Per chi dice che avrebbe un costo non indifferente o che sarebbe un’altra colata di cemento…..basterebbe una piccola passerella in legno!! sarebbe anche carina da vedere.

  • Athon 879
    27 mar 2012 alle 20:16

    Da fare certamente! E’ l’ennesimo, giusto, suggerimento per migliorare Palermo.

    Siccome Mobilita Palermo è, a parer mio, il miglior blog di cittadinanza attiva di tutta Italia (finora non ho trovato nulla di simile in relazione ad altre città), e da parte dei numerosi utenti emergono un grande amore e una vivace passione per la nostra magnifica città, che si manifestano concretamente nel contributo di idee ragionate e proposte interessanti, mi chiedo: gli amministratori della città frequentano questo blog? I suggerimenti che tutti noi, sostenuti dalla passione e dalla voglia di riscatto, diamo su questa meravigliosa pagina internet, restano nella nostra “ristretta” cerchia, o chi ha il potere di metterli in pratica li legge?! Insomma, dove sono gli amministratori?

    Fossi solo un semplice consigliere del Comune di Palermo, frequenterei assiduamente Mobilita Palermo, per autentico interesse, e anche, se volete, per far capire a potenziali elettori come l’impegno politico e l’attenzione alle esigenze e alle idee dei cittadini, siano sinceri.


Lascia un Commento