05 feb 2012

“Che Programmi Hai?” – Priorità: i vostri commenti.


Sono stati esaurienti? Convincenti e preparati?

Per tutti coloro che non fossero riusciti a seguire lo streaming giorno 3 febbraio, riproponiamo sul nostro canale Youtube, nel quale invito a iscrivervi per restare sempre aggiornati, la quinta puntata della campagna informativa di Mobilita Palermo per queste amministrative 2012 “Che Programmi Hai?”. Vi ricordiamo che il video è disponibile in FULL HD a 1080p. Per comodità, abbiamo inserito un menu interattivo durante la presentazione della puntata per permettervi di ascoltare direttamente la risposta del candidato che vi interessa sul tema proposto, basta un semplice click sul nome! Diffondete il più possibile! La vera rivoluzione parte dalla consapevolezza!


Potete discuterne attraverso i commenti di questo articolo, con una sola raccomandazione: non è uno spazio per fare campagna elettorale o convincere gli altri nel votare “tizio” piuttosto che “caio”. Si commentano i contenuti, in maniera civile ed educata.

Non costringeteci a chiudere anzitempo il dibattito.

Ricordiamo che sono intervenuti:

Marianna Caronia
Riccardo Nuti
Fabrizio Ferrandelli
Rita Borsellino
Davide Faraone
Antonella Monastra
La domanda testuale rivolta agli intervistati è la seguente:

Quali interventi prioritari per la mobilità apporterebbe nei primi 6 mesi del Suo incarico?

Buon dibattito.


amministrative 2012antonella monastracampagna elettoralecandidatiche programmi haicomune di palermodavide faraoneelezionielezioni palermo 2012fabrizio ferrandelliidvinformazioneitalia dei valorileoluca orlandomarianna caroniamobilita palermomovimento 5 stellepartito democraticoPDpidpolo civicopopolari italia domaniprioritàriccardo nutirita borsellinosindacosindaco palermo 2012un'altra storia

9 commenti per ““Che Programmi Hai?” – Priorità: i vostri commenti.
  • V:E:N:D:E:T:T:A 154
    05 feb 2012 alle 19:14

    solo
    Marianna Caronia e Rita Borsellino hanno detto qualcosa di sensato.
    Mi fanno sorridere quelli che vogliono la pedonalizzzione spinta, così tutta insieme, senza neanche aspettare l’entrata a regime del tram e metro. Ma ci riflettono bene nelle cose? in centro non c’è una sola pista ciclabile, non c’è un parcheggio bici, niente bike sharing, niente parheggi auto alla stazione o da atre parti (ricordo che se si chiude il centro i parcheggi dovrebbero essere ai bordi e non dentro la stessa area chiusa).
    Credo che abbiano solo cavalcato lo spirito del blog e nient’ altro.

  • stef 36
    05 feb 2012 alle 22:15

    Nei primi 6 mesi di mandato ecco cosa farebbero i candidati.

    Faraone:
    molte isole pedonali istituite con ordinanze già nella prima settimana, disincentivando l’uso dell’auto privato. Come anche nelle borgate marinare e piazze integrando con il servizio di wifi.
    (ok alle isole pedonali, va benissimo il wifi –chi mette i soldi?- , ma in cambio non hai citato nessun servizio di trasporto alternativo da dare ai cittadini, quindi da quello che hai detto vieti a migliaia di auto, che oggi entrano per motivi di lavoro o residenza, di entrare nelle aree pedonalizzate, punto e basta).

    Nuti:
    disincentivare l’uso del mezzo privato, pedonalizzando il centro storico e contemporaneamente aumentare l’efficienza del mezzo di trasporto pubblico (vedi Faraone, già aggiungere un generico “e contemporaneamente aumentare l’efficienza del servizio pubblico” da una speranza in più al palermitano).
    Possibilità per i cittadini di segnalare i disservizi tramite piattaforme software nei siti del comune e dell’amat (Sindaco di nuova generazione, te la potevi vendere soprattutto tu questa iniziativa visto che nel tuo sito hai la mappa interattiva).
    Car pooling comunale (possibilità di usare lo stesso mezzo privato di trasporto tra più dipendenti che devono recarsi allo stesso ufficio, in cambio l’ente di lavoro predispone degli stalli di parcheggio dedicati esclusivamente alle auto del car pooling, quindi evitando a questi dipendenti che arrivano con la stessa auto di perdere minuti di lavoro per trovare parcheggio nei dintorni dell’ufficio).
    Nel centro storico solo mezzi pubblici, come situazione di normalità (detta così è proprio bella!).

    Monastra:
    Promozione del car sharing e bike sharing.
    Incremento delle linee di trasporto pubblico dell’amat.
    Pedonalizzazione di più aree cittadine.
    (sintetica ma esaustiva).

    Ferrandelli:
    Immaginare pedonalizzazioni spinte con navette di trasporto collettivo e convenzioni con taxi per portare i cittadini all’interno delle aree pedonalizzate.
    (sintetico ma esaustivo).

    Borsellino:
    Pensare ad un metodo a costo zero per le operazioni. (quali operazioni? e comunque per il costo zero ci vuole sempre mago zurlì! consulente esterno?).
    Pulire e mettere in ordine innanzitutto (l’amia non fornisce servizi di trasporto pubblico, a malapena quelli di igiene ambientale).
    Piano della mobilità che mette al centro il cittadino (frasi universali che servono in tutte le occasioni e per tutti i temi, con tutti i vestiti, per tutte le stagioni e per tutti i partiti e per tutt ……).
    Fare funzionare il servizio dei trasporti pubblici (ohhh finalmente, dillo con semplicità ed autorevolezza, anche se ancora oggi il mistero è COME?).
    I grandi progetti per la mobilità devono essere completati (e ci mancherebbe si lasciassero in asso, dai tocchiamo ferro e qualche cornetto rosso per scaramanzia).

    Caronia:
    15 milioni di euro del comune per la mobilità.
    Acquistare mezzi elettrici per l’amministrazione (va bene per azzerare le emissioni in atmosfera, ma fra qualche anno è sicuro che l’amministrazione comunale abbia le risorse finanziarie per fare la manutenzione o molto più facilmente si lasceranno a marcire in qualche deposito comunale come la storia dell’ultimo decennio ci insegna? Ah già saranno passati 5 anni e ci sarà un altro sindaco che si prenderà questa gatta a pettinare, che dirà appena insediato quello che già immaginiamo).
    Bus elettrici anche per l’amat (c’erano una volta i bus elettrici dell’amia –Orlando docet-, qual è la loro storia, quanto son durati, che problemi hanno avuto? E qua entra la F di Stef, Forgetfully).
    “E’ PREVISTO il potenziamento servizi di bike e car sharing” (non sei ancora assessore, non è un comunicato stampa istituzionale!).
    Migliorare l’utilizzo delle busvie (cordoli spartitraffico), potenziamento della ztl (come si potenzia una ztl che non è ancora esistente?) e del telecontrollo della ztl.

    Valutazioni comuni a più dichiarazioni rilasciate:

    - Chi si concentra quasi esclusivamente su ISOLE PEDONALI e BIKE e CAR SHARING, dovrebbe avere chiaro che a Palermo ogni giorno si spostano tantissime decine di migliaia (centinaia!) di individui, considerando anche i flussi provenienti dalla provincia. Se si rendono disponibili 200-300-500 bici e 100-200 auto del car sharing non si sarà dato affatto una risposta all’enorme numero di persone che hanno necessità di entrare nelle aree pedonalizzate [per vivere, lavorare, acquistare,…], vedi il grande centro storico della città di Palermo. Questi sono interventi leggeri [a basso costo] a corredo di altre opere infrastrutturali che dovrebbero essere già collaudate e utilizzate quotidianamente da quel flusso enorme di cittadini.

    - Ci sono città che per le modalità organizzative dell’amministrazione pubblica, soprattutto per forma mentis, per il modo di condurre le attività quotidiane, non si prestano, non sono ideali ad avviare servizi di mobilità con l’ausilio di veicoli elettrici. Oggi si compra il mezzo, ma già oggi non si prevede una risorsa finanziaria nel bilancio per assicurare la manutenzione. Le auto elettriche dell’era Orlando purtroppo sono state svendute all’asta per una manciata di euro quando sono state acquistate con decine di milioni di lire di risorse PUBBLICHE. Oggi a Palermo si contano per le strade tante bici elettriche e in questo caso la tecnologia permette di sostenere dei costi [e avere convenienze] che se rapportati al costo di acquisto, della benzina e della manutenzione di uno scooter fanno senza dubbio preferire la bici elettrica. Per le auto e i bus elettrici i relativi bilanci comparativi con analoghi mezzi a benzina e gasolio sono diversi e se poi non si mettono in bilancio le non indifferenti risorse per mantenere perfettamente in vita negli anni questi mezzi, si rischia lo stesso destino delle fiat seicento elettriche dell’era Orlando.

    - Ma proprio nessuno s’incazza se il Piano Urbano della Mobilità di Palermo non viene approvato nei primi sei mesi dall’incoronazione a sindaco ?????????????????????????????

  • cirasadesigner 1024
    06 feb 2012 alle 9:45

    Ragazzi, se tra queste persone dovrebbe esserci il prossimo sindaco di Palermo siamo messi male, l’approssimazione delle loro risposte e delle loro proposte denota una impreparazione di fondo sugli argomenti sino ad ora trattati, d’accordo non si risolvono le carenze strutturali vecchie di decenni con la bacchetta magica, ma qui mi pare di capire che non si abbia nemmeno idea di dove cominciare, è veramente desolante. Nessuno di loro fa riferimento ai fondi strutturali, forse perché immaginano di utilizzarli così come hanno fatto negli ultimi anno pagando i debiti delle società partecipate o altro. Palermo ha bisogno di grandi opere, Palermo ha bisogno di pensare in grande perché è una grande città, Palermo ha bisogno di abituarsi all’idea che i lavori di un passante siano la normalità, è anormale il fatto che li stiano realizzando solo adesso, Palermo ha bisogno di una classe dirigente diversa e probabilmente non palermitana, se le proposte sono queste, si capisce che vengono da chi non ha mai conosciuto una realtà diversa. Dico alla Borsellino che sta tanto tempo a Bruxelles, prendi spunto da quella città e non dire che bisogna lavorare senza soldi, perché questo è un alibi dietro cui facilmente ci si potrà nascondere per giustificare l’immobilismo, sugli altri candidati, stendo un velo pietoso, spero che si presenti qualcun altro anche se spero che poi alla fine Orlando torni a Palermo, solo con lui si è mosso qualcosa negli ultimi decenni, ma a anche tu Leoluca ragiona all’europea come sai fare quando non stai a Palermo

  • blackmorpheus 54519
    06 feb 2012 alle 10:01

    @cirasadesigner

    visto il trattamento che ci ha riservato lo staff dell’on. Orlando, dubito che ci sia l’interesse a dare risposte ai cittadini.

  • Luca S. 129
    06 feb 2012 alle 13:00

    Fino ad ora, sia visionando i filmati, sia leggendo i puntuali resoconti di Stef, la mia opinione su questi candidati resta ancorata alla prima impressione che ho avuto sin dalla vostra prima domanda a bruciapelo sulle societa’ comunali (AMIA, GESIP).
    Siamo messi molto molto molto male.
    Nessuno di loro ha una vera e propria idea, un progetto a lunga scadenza.
    E’ evidente la continuita’ con il passato. Si fanno la bocca grande, enorme, di progetti di idee vuote, senza supporto pratico ed economico, e intanto aspettano le direttive dei partiti per decidere il da farsi, presumibilmente quando uno di loro vincera’ questa tornata elettorale.
    E’ molto deprimente e deludente. Anche Nuti, vera delusione per quanto mi riguarda, sembra solo un grillino messo li’ pronto ad applicare un programma che eredita dal suo movimento. Come attuarlo, nessun feedback, nessuna idea.

    Credo che ci sia una carenza di fondo di capacita’ manageriali, che si riassumono in capacita’ di pianificazione, di organizzazione e di attuazione.
    Io ho un’idea, ne valuto l’impatto a lungo termine, mi adopero perche’ sia supportata da un’organigramma efficiente di sub-progetti che ne pemetteranno infine la realizzazione.
    Parliamo di mobilita’, e tutti ti parlano di isole pedonali, biciclette, car sharing.
    Ma come cavolo si vuole attuare una politica eco-sostenibile per la mobilita’ se non ci sono ne’ mezzi ne’ strumenti finanziari, ne’ strade adeguate ne’ senso civico a supporto.
    La pedonalizzazione e’ figlia di un adeguato progetto infrastrutturale che insiste su certe aree critica, figlia di un’informazione mediatica e di un’educazione forte dei cittadini. Ci vogliono pure strade secondarie adeguate che permettano di chiudere quelle principali. Servono percorsi alternativi, servono progetti di urbanizzazione volti a rimodernare certi marciapiedi, ad allargare certe carreggiate, oltre che concordare con i negozianti la variazione dei sensi di marcia. Servono mezzi nuovi, servono migliaia di cose e ad oggi, a Palermo non e’ fattibile!!!
    Giusto per fare un esempio. Mi sarebbe piaciuto che un candidato parlasse in modo concreto di quello che si puo’ fare oggi e quello che va pensato/pianficato per la Palermo di domani.
    Nessuno ha la bacchetta magica. Vogliono solo le poltrone!

  • cirasadesigner 1024
    06 feb 2012 alle 15:39

    a@blackmorpheus
    ….onestamente me lo aspettavo e il fatto che i grandi nomi almeno quelli che si vociferano, non si siano ancora presentati al pubblico, la dice lunga sulla loro voglia di confrontarsi con il cittadino e in questo da quello che i dici non si è sottratto nemmeno Leoluca Orlando, sinceramente l’Orlando che conoscevo, quello della primavera, avrebbe fatto della “rete” un mezzo di trasmissione…. a dire il vero il suo primo movimento si chiamava così a quel periodo risale la mia conoscenza. Mi spiace, spero che si possa ricredere, spero che i nomi che si sentono siano solo buttati li per fare confusione, so che è stata presentata un altra candidatura da parte dell’ennesimo partitino di centro, un certo Mauro, si parla sempre di Lagalla, di Micciche… mi vengono i brividi

  • DonVito 5
    07 feb 2012 alle 2:12

    E’ assurdo che nessuno abbia la ben che minima concezione di città metropolitana.
    1) il sindaco della futura Palermo dovrebbe pianificare una mobilità insieme ad i sindaci dell’area metropolitana.
    2) Pienamente d’accordo al centro chiuso al traffico, ma con i dovuti servizi, fatta così sarebbe il caos, anche perché poi spiegalo tu al pover uomo che viene dal paese per andare alla camera di commercio, all’ agenzia delle entrate etc… che non può entrare in centro.
    3) Pensate a collegare i paesi non costieri con servizi ferroviari, tramite project financing prima che le zone siano totalmente sature.

    Borsellino:
    Non mi venire a dire mettere in ordine prima di tutto, perché vuol dire che non hai un briciolo di programma.

    Faraone:
    A sto punto fai candidare Renzi no?

    Ferrandelli :
    Deludente su tutto

    Nuti:
    ……………………. vuole il posto da consigliere al comune e con i tempi che corrono meglio di niente

    Monastra:
    ……………………….. stessa cosa di Nuti UGUALE

    Caronia:
    bhooooooooooooooo

    Spero si candidi Zamparini


Lascia un Commento