20 ott 2011

Il sovrappasso che non passa

Dall’edizione cartacea del GdS di oggi apprendiamo che il ritardo dell’attivazione del primo sovrappasso pedonale su viale Regione Siciliana è dovuto ad un problema burocratico. Infatti per legge, l’attivazione di un ascensore ad uso pubblico deve essere certificato da apposita figura professionale non presente all’interno dell’organico comunale. Trattandosi infatti di ascensori che fanno parte dell’appalto tram, l’Ente certificatore dovrà essere lo stesso che verificherà la linea tram.  Secondo quanto specificato l’opera è completa ma non vogliono partire con un’attivazione parziale (senza l’utilizzo degli stessi ascensori).


Al momento la SIS non ha comunicato tempi certi per il collaudo, speriamo siano celeri come al solito. Sempre dallo stesso articolo scopriamo che il costo unitario per ogni sovrappasso è di circa 500 mila euro.


sovrappassi circonvallazione palermosovrappassi tramsovrappassi viale regione siciliana

34 commenti per “Il sovrappasso che non passa

Comment navigation

  • Paco 7940
    21 ott 2011 alle 11:59

    @trenoazzurro, a parte che questo c’entra poco con il sovrappasso. Cmq non è neanche vero, mentre c’erano le lire uno stipendio da 1.500.000 era uno stipendio normale, adesso non lo è uno stipendio da 750 euro.

  • mastpalermo 115
    21 ott 2011 alle 15:08

    @trenoazzurro …e quindi?…lo sai qual’è il problema? La tua affermazione (correttissima) non la dovresti rivolgere a me, ma a chi ci governa, a chi ti chiede il voto in periodo di elezioni, a chi ti aumenta le tasse e che fino a poco tempo fa diceva che la crisi non esisteva… continuare a pensare alle lire non serve a niente.

    In questi giorni non si fa altro che parlare dell’uccisione di Gheddafi ma qualcuno si ricorda o sa il motivo per cui sono iniziate queste rivoluzioni nel nord Africa? vedi Tunisia, Egitto, Siria, Bahrain ed infine Libia…

    Fine OT

  • aledeniz 175
    21 ott 2011 alle 17:36

    @rujari81: i fondi europei escono dalle tasche dei cittadini. La Repubblica Italiana è contribuente netto (cioé da alla UE più di quanto riceve) da decenni.

  • Viajero Solitario 0
    21 ott 2011 alle 19:51

    Parlando di cose serie, tralasciando i commenti degli “esperti”, tutti allievi di Fuksas e Piano… Noi cittadini cosa possiamo fare per aiutare ad accelerare i tempi?

    Ricordiamo che prima attiveranno questo sovrappasso, prima chiuderanno quel maledetto incrocio/trappola.

  • pepposki 306
    22 ott 2011 alle 7:25

    Cosi gli allievi di Vettel potranno sfrecciare in viale Regione Siciliana a 240 km/h……PS non c’è più nessun incrocio ormai da un anno, solamente un semaforo pedonale che viene attivato a richiesta dai pedoni.

  • Paco 7940
    22 ott 2011 alle 9:10

    Che tutti sperano venga eliminato prima possibile. Uno dei principali motivi di ingorghi della città…

  • Viajero Solitario 0
    22 ott 2011 alle 9:53

    Caro allievo di Gregotti (che peraltro proprio a Palermo la sua impronta è stata così rilevante da costituire un serio problema sociale), i semafori, per tua conoscenza sono 3:

    - via Bernini/piazza John Lennon
    - via Uditore/via Scobar
    - via Perpignano

    Sì, guarda, non vedo l’ora di fare il Massa della situazione, già la mattina fra viale Michelangelo, semaforo Perpignano, svincolo Basile e via Tricomi provo sensazioni di ebbrezza e febbricitazione quando sfioro i 20 km/h.

  • pepposki 306
    22 ott 2011 alle 10:17

    Ah ah ah allievo io di Gregotti??? ah ah ah ah ah ah…Sono tra i primi a parlare male, malissimo di lui e dei suoi errori di progettazione a Palermo. Inoltre il problema sociale dello ZEN, non è determinato dall’opera obbrobriosa, ma dall’incapacità degli amministratori di sgomberare gli abusivi e la cattiva location, troppo lontana dalla città. L’assenza di collegamenti decenti , di opere di urbanizzazione hanno reso lo ZEN un ghetto, oltre a ciò aggiungo l’incapacità da parte dei cittadini di Palermo di far sentire gli abitanti dello ZEN parte integrante della città. Per tutti questi motivi, lo zen sarebbe diventato un ghetto, anche se fosse stato il mitico Renzo Piano (autore di Kansai aeroporto di Osaka) a progettare il quartiere. Continuando…. per tua conoscenza conosco bene la realtà e le problematiche della circonvallazione, abitandoci a due passi, e a differenza della stragrande maggioranza dei Palermitani che usa l’auto come se fosse una seconda casa, cerco di limitarne il suo utilizzo. Al 90% mi muovo a piedi, bicicletta o scooter. Con ciò mi auguro vivamente che spengano il semaforo di Via Perpignano, cosi come tutti gli altri semafori, cosi vi renderete conto che il problema principale sono gli automobilisti indisciplinati.Inoltre se tra il tratto di via perpignano e lo svincolo di via basile rimani intrappolato nel traffico di chi è colpa? se non erro non ci sono semafori in quel tratto di circonvallazione….Visti gli ultimi risultati del povero Massa, ti consiglio di prendere d’esempio Vettel o Hamilton, altrimenti altro che 20km/h si va avanti a 1 km/h

  • Viajero Solitario 0
    22 ott 2011 alle 10:33

    Se si può snellire il traffico è sempre una cosa positiva. Indipendentemente da quello che trovo dopo. Saltarmi almeno 30 minuti di coda non mi pare una brutta cosa, visto che, rammentiamolo, tra i fruitori dei semafori ci sono spesso lavavetri ed economisti della benzina in motore che per risparmiare, fanno inversione da lì… Circa gli indisciplinati che vanno oltre i 70 km/h è anche colpa della municipale che è stata per lo più assente (eccetto nel tratto sudorientale, spesso ci sono autovelox, là ormai non si azzardano a correre, lo sanno che sono pronti a fotografarli).
    Beato te che puoi permetterti il lusso di lasciare l’auto a casa. Sicuramente non riuscirò mai ad avere comprensione da chi non capisce che non posso farmi 14 km in bici a tratta (senza arrivare sudato peraltro). Oltre che essere salutisti ed ecologisti, bisogna essere un minimo realisti. Lascerò l’auto a casa appena riavrò il mio mezzo alternativo riaperto (sperasi a dicembre).

    Ritorno sempre al punto iniziale. Possiamo fare qualcosa per accelerare i tempi di apertura di detto sovrappasso?

  • huge 1879
    22 ott 2011 alle 13:35

    @viajero solitario: e perché non potresti farli questi 14km a tratta? Non mi venire a dire che in bici sono troppi. Sono sì e no 45′ ad andatura tranquilla, per cui fattibilissimi. E non parla tanto per parlare, io ne faccio ogni giorno 13 all’andata e altrettanti al ritorno, guadagnandoci in salute, tempo e denaro. ;)

  • Viajero Solitario 0
    23 ott 2011 alle 10:49

    Tralasciando che molto probabilmente o voi ciclisti avete uno spogliatoio disponibile o una sudorazione pressoché assente, io non riesco a sentirmi sicuro quando vado in bici. Ho già difficoltà con l’auto, per questo preferisco i mezzi. E non mi farei mai quella strada in circonvallazione con la bici.

  • David 0
    23 ott 2011 alle 12:20

    E’ del GDS di oggi la notizia che avrebbero trovato un ascensorista….forse ci siamo per l’apertura.

  • Metropolitano 3154
    25 ott 2011 alle 10:09

    I migliori ascensoristi d’Italia vengono da Brindisi, o da Bari, visto e considerato che alla stazione Notarbartolo vi sono ascensori la cui manutenzione è gestita da ditte pugliesi. Spero che l’attivino presto, così a Dicembre potrò percorrerlo anche io questo sovrappasso. Dovrebbero attivarlo ad Ottobre, ma forse rinviano a Novembre, boh.

  • cbozza 6
    31 ott 2011 alle 12:16

    in questi 500 mila euro ci sono burocrazia stipendi materiali e tant’altro.. credo sia un prezzo giusto, fare grandi opere ha questi costi… secondo il ragionamento di molti allora non si dovrebbe MAI costruire niente visti i costi…secondo me è un passo necessario alla piena funzionalità della “tangenziale”… senza semafori il traffico dovrebbe essere molto più scorrevole… anzi secondo me dovrebbero chiudere l’uscita al baby luna… obbligando ad entrare dallo svingolo del ponte di via e.basile ed uscire di fronte all’agip prima dell’autostrada


Lascia un Commento